Vai al contenuto

Ipersessualità


Messaggi consigliati

no caro... lui mi ama e sono certa che 'sa tutto', non ne ha la certezza, ma lo sente...

lo conosco bene e ti garantisco che messo di fronte alla realtà non mi lascerebbe...ma mi ucciderebbe..

e poi, ammesso che non mi ucciderebbe, che diritto ho io di scaricarmi la coscienza delegando a lui una scelta così difficile... gli rovinerei l'esistenza e io ne uscirei 'pulita'..

..non sarebbe giusto!

sono io quella che deve soffrirne, non lui.

vorrei che mi dicesse che sa tutto, che mi perdona...ma so che non lo farà mai.. è orgoglioso (è siciliano...)

e poi è un modo per 'farmela pagare' -credo-

io sono sempre stata così vitale in amore.. non sono i sensi di colpa che mi spingono alle manifestazioni di affetto.. anzi, nei momenti di crisi in cui mi sento tanto in colpa, mi freno, freno i miei slanci... per non tradirlo ulteriormente..

non credo di avergli mai mentito...

dolcezza....buongiono....hai avuto un'ottima reazione...sono felice....

vediamo ....

sono io quella che deve soffrire....dici , poi dici lui sa tutto.....sicuro di essere chiara con te stessa....

omettere un tradimento non è mentire?

il mio scopo è aiutarti, se tu vuoi, altrimenti dimmelo.....ti prego

un bacio

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Pubblicità


  • Risposte 117
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

Come non quotarti qui?

E' molto difficile come situazione, non so cosa farei io... è facile essere coerenti a parole, trovandocisi di persona tutto il contrario... mi piace pensare che sarei coerente comunque... se non altro per "egoismo", essere trasparenti dà una sensazione di "leggerezza" personale, che neanche tutto l'odio altrui riesce a coprire!

la coerenza non farebbe tradire.....ecco il punto....coerenti non si diventà si è. La coerenza come tutte le virtù fa parte dell'essere non può essere indotta, indurla creerebbe conflitto.....

Io non dico siate coerenti...dico che colui che è coerente vive magnificamente in pace con se stesso e ovviamente con il mondo...

Link al commento
Condividi su altri siti

 
dolcezza....buongiono....hai avuto un'ottima reazione...sono felice....

vediamo ....

sono io quella che deve soffrire....dici , poi dici lui sa tutto.....sicuro di essere chiara con te stessa....

omettere un tradimento non è mentire?

il mio scopo è aiutarti, se tu vuoi, altrimenti dimmelo.....ti prego

un bacio

beh, non dico di essere certa che sa tutto... ma secondo me lo ha capito.. un tradimento tra due persone che sono state MOLTO unite, non può passare inosservato..

io non gli ho mai mentito.. i giorni in cui lo tradivo ero diversa.. credo che solo chiudendo gli occhi avrebbe potuto non leggermelo in faccia.. ma negli occhi me lo leggeva.. eccome..

ricordo bene quando i suoi occhi indugiavano nei miei, quasi fosse un discorso tra occhi..

non credo di avergli mentito..

Link al commento
Condividi su altri siti

 
la coerenza non farebbe tradire.....ecco il punto....coerenti non si diventà si è. La coerenza come tutte le virtù fa parte dell'essere non può essere indotta, indurla creerebbe conflitto.....

Io non dico siate coerenti...dico che colui che è coerente vive magnificamente in pace con se stesso e ovviamente con il mondo...

E' vero.

Ma è difficile essere una persona "tutta d'un pezzo", ed riuscire a non sbagliare mai... allora nel caso l'errore sia avvenuto, bisogna accettarlo, inutile il passato non si cambia, ma comunque cercare di agire nel modo giusto nel presente, essere coerenti quindi.

La mia idea di coerenza non è ua cosa tipo "agisci perfettamente, SEMPRE", ma piuttosto prende in considerazione la natura umana, e impara con coerenza dagli errori che commetterò sicuramente, esiste un modo coerente di agire anche di fronte a cose fatte che non sono il massimo della coerenza no? :Sick:

Link al commento
Condividi su altri siti

 

ahh mirtilla quanco vorrai io sarò qui a parlare con te....

ma devi volere.....cosa che ora non provi...

buonafortuna per ora sull'argomento....

Link al commento
Condividi su altri siti

 
E' vero.

Ma è difficile essere una persona "tutta d'un pezzo", ed riuscire a non sbagliare mai... allora nel caso l'errore sia avvenuto, bisogna accettarlo, inutile il passato non si cambia, ma comunque cercare di agire nel modo giusto nel presente, essere coerenti quindi.

La mia idea di coerenza non è ua cosa tipo "agisci perfettamente, SEMPRE", ma piuttosto prende in considerazione la natura umana, e impara con coerenza dagli errori che commetterò sicuramente, esiste un modo coerente di agire anche di fronte a cose fatte che non sono il massimo della coerenza no? :Sick:

io sbaglio e come.....ma non me ne vergogno "sono il mio di prima con un errore..." non mi vergogno ,....

vedi Octopus,,,non vorrei cadere nell'ottica sbagliata, ma conoscendo me stesso nella mia totalità non mi giudico e comprendo i giudizi degli altri,,,,a me non interessano, sono scontati , dettati dalle loro catene, sono già scritti.....

colui che ha difficoltà nella coerenza temi il giudizio, teme la vita, cerca di imbrogliarla, solo quando vedi la gioia che la coerenza da non l'abbandoni più...

ma è come essere su un precipizio dove ti dicono "saltà! c'è un ponte di vetro a un metro.....se non hai fede non salti" e dici che non è possibile ci sia...

io non accetto commenti su cosa dia la coerenza e sulla difficoltà di attuarla da chi non salta....li comprendo , li comrpendo perchè io stesso prima di saltare provavo la stessa cosa.....

sbagliare implica l'esattezza e la correttezza cosa per me inesistenti, esistono i fatti e non il loro contrario....se vedo una torta che mi piace mi viene fame....è ovvio scontato e banale perchè dovrei negarlo....se tu mio corrispettivo vuoi che io menta , fottiti...a me non interessa negare la verità essa è....

il tuo errore secondo me, per comprendere, è che hai il concetto di giusto e sbagliato , di bene e male, di cio che è e di cio che dovrebbe essere,.....

la famosa visione duale......Dio è nell'unicità della realtà, il resto è fuga...

non so se rendo l'idea.....

ps. adoro parlare con te....ti trovo pronto a metterti in gioco.....:SINCERO! :yahoo:

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Bel discorso... sono completamente d'accordo fino ad un certo punto:

- E' estremamente difficile cercare di "spiegare", di "comunicare" alcune cose... proprio quelle che sono diventate per un fondamento, una sorta di fantastica rivelazione per me... io lo ritengo impossibile completamente, uno deve capirle e provarle da solo certe cose!

- Non vergognarsi dell'errore... beh, dipende da cosa intendi per "vergogna"... ovviamente non sono felice nè indifferente di fronte ad un mio errore (che persona di merda è uno che sbaglia e se ne fotte? Se fa del male a se stesso è stupido, se fa del male agli altri è xxxxx)... ma il dispiacere ed il rammarico, non mi portano a pensare compulsivamente "xxxx, come vorrei non averlo fatto, come vorrei che non fosse mai successo!", tutto il contrario invece! Lo affronto, ne imparo, analizzo il perchè, e alla fine sono quasi contento che sia successo perchè ho potuto AGGIUNGERE QUALCOSA alla mia persona, sono cresciuto in qualche modo... e alla fine, quando ne ho preso coscienza, se ci sono altre persone coinvolte (e ci tengo) cerco di spiegarMI... questo intendevo dire col post di prima.

- Questo significa che il giudizio per me è importante, ma l'unico giudizio che conta qualcosa riguardo me stesso è il MIO! Gli altri se vogliono "interferire" non devono dare il loro giudizio, ma aiutarmi a cambiare il mio, questo è costruttivo.

- Sul fatto che esista il giusto e sbagliato... beh, si, secondo me esiste. Come sai bene ormai non riesco a pensare a concetti come "cio che è", non riesco ad inquadrare quindi la cosa giusta e la cosa sbagliata come entità che ESISTONO... sono molto terra terra... quello che intendo ha a che fare con le azioni... una cosa che non porta beneficio a nessuno, nè me nè gli altri, ed anzi porta effetti negativi, come definirla se non sbagliata? :D:

PS: Dici davvero? Graaaaaaazie :wacko::D:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Ospite filotea
hai ragione, comunque io sono un'esplosione di slanci affettivi.. lo abbraccio, lo coccolo... lo costringo a ballare in mezzo alla stanza...gli faccio i solletici finchè s'incazza :wacko: forse esagero in abbracci... perchè gli voglio tanto bene..

ma non lo amo più :|

Ciao mirti,

bè questo forse non è il topic adatto,

ma ti parlerò lo stesso.

Ieri sera ti pensavo,mi hai fatto ricordare una mia ex cara amica,prima di sposarci ci frequentavamo,uscivamo spesso insieme con i rispettivi compagni...

ci siamo sposate lo stesso anno continuandoci a frequentare e a dire il vero era sempre lei a telefonarmi...poi dopo la nascita del suo primo bambino abbiamo cominciato a vederci sempre meno fin quando un giorno al telefono mi risponde una donna dicendomi che in quella casa non esisteva più nessuno,di lì mi sono preoccupata...dopo un po di tempo ho saputo per bocca del marito mio carissimo amico che lui un giorno tornando a casa ha trovato la moglie nel letto con....il suo datore di lavoro...(un grande cornutone che noi già conoscevamo).ti lascio immaginare la scena...il dolore che il marito oggi ancora porta con se e non solo dopo questo evento si sono lasciati e a distanza di poco tempo lui perde la sorella in un incidente stradale.

Ti ho raccontato brevemente questa storia per farti capire che quando l'uomo scopre il tradimento è un dolore,un umiliazione pazzesca,non si riesce a perdonare ,ad acettare...

Nemmeno io non ho acettato la chiusura di questa amicizia,perchè infondo lei sa di aver sbagliato ed ha paura del mio giudizio,ma se lei sapesse che io non la giudico...forse giudico a quel grande cornutone padre di famiglia adulto per non dire vecchio stronzone.

Nirtilla se non ti senti di parlare con tuo marito,non lo fare,ma cerca di entrare nella sua umiliazione e magari ricominciare a piccoli passi,ricordandovi di quando eravate innamorati.L'amore si costruisce giorno dopo giorno,e se tu hai tradito,bè considera una esperienza bella,passionale ma adesso bisogna guardare avanti.

Guarda i tuoi figli,che ricchezza!

Un bacio

Link al commento
Condividi su altri siti

 

certo che dico davvero...

trovo ovvio tutto cio che dici....ed è apputno dettato dalla dualità...

ci sono azioni costruttivi e altre no. Il mio punto di vista è in realtà molto più terra terra....sai? Comprendere che agire per cio che non esiste, ossia per il come dovrebbe essere non modifica cio che è, ma lo muove , lo cambia, mantenendone la stessa natura...

Io non mi vergogno nel senso che comprendo il perchè di una cosa, cio non implica assolutamente compierla nuovamente, ecco perchè la comprensione rende reale "l'imparare"....dirigersi sul come doveva andare e fuggire dal fatto reale....

tu analizza te stesso, quante volte poi "Impari" dunque "cambi"?

Link al commento
Condividi su altri siti

 
lui per me cosa provava... non lo so, so quello che mi diceva di provare.. ma io son diffidente e l'ho sempre messo in dubbio.. e lui si incazzava.. :rflmao: era dolce..

non ho mai pensato di lasciare mio marito per lui

mio marito è l'uomo giusto per me, il padre giusto per i miei figli, la persona con cui voglio vivere.. è anche un amante molto passionale..

vorrei solo ricominciare ad amarlo, ma ogni volta che mi sembra di essere sulla buona strada.. ecco che arrivano le paranoie, i sensi di colpa, la paura di essere ipocrita e anche di essere scoperta.

l'altro è nel mio cuore e ci rimarrà sempre... è la libertà fatta persona.. l'amore utopistico.. l'amore folle... per lui ho davvero fatto pazzie. :wacko:

è un amore che è tale proprio perchè impossibile.

non è un amore da famiglia e figli.. è un amore privo di responsabilità.. con lui era emozione pura.

forse, se non avessi avuto figli, avremmo iniziato una storia 'normale'.. ma sarebbe comunque finita...

ci ho pensato, ho riflettuto sul fatto che con mio marito sto da 18 anni.. e ancora mi ama.. ancora mi desidera.. e anche io, se non fosse stato per i casini che ho combinato (ma mi ci ha portata lui a combinarli..).. credo che sarei innamorata come lui..

con l'altro penso che sarebbe durata qualche mese.. poi per gelosia o per il suo amore di libertà o anche per la routine, per la normalità, sarebbe finita. e anche presto, credo :D:

non ho intenzione di dirlo a mio marito e non lo dirò MAI.

sia perchè i miei figli rimarrebbero orfani di madre e nel caso ciò non dovesse succedere, perchè non sarebbe giusto caricaremiomarito di un peso così grave per il resto della sua vita.. -_-

sì è stato stupendo da vivere.. :shok: e lo è da ricordare, io non voglio dimenticare, è questo il punto..

nuccia.. ti ringrazio per le buone parole che mi riservi :sex:

perchè sei così buona? :D:

... perchè ho sofferto molto.... (nuccia)

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
cosa è triste, il fatto che gli voglio bene?

io non vedo tristezza in questa cosa..

però a me manca il brivido del desiderio.. con lui..

per questo nella mia mente c'è sempre 'l'altro'..

e triste la tua condizione..

perchè non cerchi di recuperare il tuo diritto alla serenità e alla felicità ?..

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
in che modo?

se non lo ami piu' lascialo . e ricomincia a vivere. .

secondo me non si puo vivere senza provare emozioni come l' amore.

cioè non ci si puo mai mettere una pietra sopra.. mai..

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 

Lasciare il marito no, starebbe ancora peggio.

Ma perchè vivere è così tanto maledettamente complicato?

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
Ti sei mai trovato nella situazione di essere colpito da un eccesso di desiderio sessuale, per un breve o lungo periodo?

ma qual è il confine... ammesso che esista... tra eccesso e normalità?

su che base si stabilisce che qualcosa è normale o no?

Link al commento
Condividi su altri siti

 
ma chi te lo ha detto ?..

che idea strampalata..

non è un'idea strampalata, è la realtà, o almeno la MIA realtà

Link al commento
Condividi su altri siti

 

x summer

ehi....spendida giornata estiva ...

come stai????

hai detto una cosa bella e molto saggia...

forse martinelli intendeva il desiderio che si controlla e quello che sfugge....al controllo...

in effetti è il medesimo movimento dell'io...

p.s.. mi manchi tanto :o::Big Grin:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
ma qual è il confine... ammesso che esista... tra eccesso e normalità?

su che base si stabilisce che qualcosa è normale o no?

credo che ci si debba confrontare con la 'propria' normalità..

per dire, se in media ne faccio 5 o 6 alla settimana e di colpo arrivo a 10 al giorno, allora sto avendo un eccesso di desiderio...

o almeno io l'ho interpretata così.. :shok:

forse martinelli intendeva il desiderio che si controlla e quello che sfugge....al controllo...

in effetti è il medesimo movimento dell'io...

figuriamoci se mio non andava a complicare tutto mettendoci di mezzo 'l'io' :Big Grin::o::Praying:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
figuriamoci se mio non andava a complicare tutto mettendoci di mezzo 'l'io' :o::Praying::shok:

guarda che Summer non è mica una zucca vuota come te... :Big Grin:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
 
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.


Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.