Vai al contenuto

E se ci si innamora dello psicologo?


Messaggi consigliati

devo dire che ora sto molto meglio.....sto iniziando a sentire mia la vita e a gestirla io senza vivere all'ombra di nessuno.

Io penso che i problemi che abbiamo spesso si manifestano in comportamenti e in stati d'animo e a volte non si sa nemmeno di avere determinati problemi....spero di essere riuscita a spiegarmi, un abbraccio di cuore a tutte voi :Thinking:

Un abbraccio grandissimo anche a te! Ciao!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


  • Risposte 28,1k
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

  • juditta

    4446

  • froggy73

    4070

  • digi79

    2795

  • elli

    1264

Top Posters In This Topic

Posted Images

 
Ospite bissa73
Provo a fare una domanda a tutti, se vi va di rispondere, tanto non c'è bisogno di entrare sul personale:

Secondo voi e quello che vi dicono i vostri psi, dacchè andate in terpai avete compreso che c'è stato un motivo in particolare che vi ha portato a star male e a chiedere aiuto o una serie di eventi/traumi dall'infanzia fino ad oggi?

O sia un evento in particolare abbianto ad altri eventi traumatici (nno parlo di traumi necessariamente gravi)?????

Gli eventi traumatici che mi hanno fatto scatenare l'ansia, con attacchi di panico ... e un po' di depressione ... sono stati due aborti consecutivi, ma questi in realtà sono state le gocce che hanno fatto traboccare il vaso: con la psicoterapia ho scoperto che da piccola ho ricevuto poco affetto e poche attenzioni dai miei genitori che pur volendomi un sacco di bene erano troppo impegnati nel sociale, con riunioni di vario tipo e volontariato. Questo è il motivo per cui forse mi sono trovata il moroso molto presto (17 anni): dovevo compensare dell'affetto e attenzioni che i miei non mi davano a sufficienza per le mie necessità. Quel moroso dopo 9 anni di fidanzamento è diventato mio marito e dopo 4 anni di matrimonio anche il suo affetto e attenzioni hanno incominciato a mancare perchè lui si è aperto una società e da allora non pensa altro che al lavoro e alla sua moto (per straviarsi dal lavoro)!! Ed ecco che in me ha incominciato a crearsi un vuoto, un stato di insicurezza, di sfiducia, anche in me stessa, ed ora sto cercando di ricostruire me e la mia autostima! Questa in sintesi è la mia storia, ma man mano che procedo con la terapia vengono fuori anche altre cose .... però la cosa centrale e sulla quale sto lavoranto sia con lo psi che con mio marito è comunque questo suo distacco da me .... motivo per cui IO mi sono invece attaccata molto allo psi ..... vorrò forse compensare?!!!!!!!

Ciao

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
ciao fra, si la mia psi analizza anche i sogni e io sono contenta perchè io credo che alcuni sono importanti, te ne accorgi dalle sensazioni che lasciano, l nostro inconscio a volte ci parla!!!!

Non le ho mai chiesto il suo orientamento, però lei alìinizio mi disse che faceva psicoterapia di tipo analitivo che fa parte dell'orientamento psicodinamico e che io sappia questo si divide in psicoanalisi (Freud), psicologia analitica (Jung, credo questo sia l'orientamento della mia psi!!!) e psicologia individuale (Adler), comunque tutte queste terapia sono centrate sul

io ho l'impressione dalle cose che racconti e da quello che lei ti dice che sia junghiana pure lei....

vabbè, era solo una curiosità

tanto non può essere la mia perchè non ha il divanetto in vimini !! ^_^

Secondo voi e quello che vi dicono i vostri psi, dacchè andate in terpai avete compreso che c'è stato un motivo in particolare che vi ha portato a star male e a chiedere aiuto o una serie di eventi/traumi dall'infanzia fino ad oggi?

O sia un evento in particolare abbianto ad altri eventi traumatici (nno parlo di traumi necessariamente gravi)?????

io sono andata in terapia perchè sentivo che c'era qualcosa che non funzionava, qualche meccanismo che si era inceppato.

in tutti questi anni (il mio primo tentativo di analsi risale al 2002!!) ho iniziato a far chiarezza e ho capito, almeno in linea di massima, quali sono stati i motivi che mi hanno portato a diventare in un certo modo, ad adottare certi comportamenti.

non appena avrò fatto chiarezza per bene, credo che dovrò andare ad agire sul mio comportamento, capendo che non sempre un determinato evento ha una certa conseguenza e quindi potrò staccarmi dai soliti meccanismi

non so se si capsice quello che ho scritto....... :Thinking:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
anche il tuo?

la mia di ora non è sposata con uno psi, ma con un uno che fa un lavoro completamente diverso.

quella di prima credo fosse sposata con uno psi, ma non ho mai approfondito perchè, in verità, non me ne fregava granchè di lei..... :Thinking:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
:chair::bash::Thinking:

Sarà meglio che sia vero che il tuo è maturo....senno' esce a sckifìo il fatto..... ^_^

E' senza dubbio il mio -_- . Informati sulla voce...il mio ha una voce particolarissima...se è lo stesso tua zia non potrà non averla notata....e se è lo stesso dammi l'indirizzo di tua zia ( :bash: )....

mamma mia Arley, ma oggi meni tutti !! :blink:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
ora sto molto meglio.....sto iniziando a sentire mia la vita e a gestirla io senza vivere all'ombra di nessuno.

ciao Stellina, ti sento bella carica !! :Thinking:

un abbraccio forte ! ^_^

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Provo a fare una domanda a tutti, se vi va di rispondere, tanto non c'è bisogno di entrare sul personale:

Secondo voi e quello che vi dicono i vostri psi, dacchè andate in terpai avete compreso che c'è stato un motivo in particolare che vi ha portato a star male e a chiedere aiuto o una serie di eventi/traumi dall'infanzia fino ad oggi?

O sia un evento in particolare abbianto ad altri eventi traumatici (nno parlo di traumi necessariamente gravi)?????

vi dirò una cosa...io per assurdo mi sono resa conto dei miei veri problemi quando certi problemi contingenti si sono attenuati...

E' difficile spiegare. Diciamo che ci sono stati anni di Casini Allucinanti. Poi un anno con un Problema Grave. E quando sono passata a una situazione di quasi (quasi) normalità, chiamiamola Problemi Medi... sono saltata!

Come ho detto una volta al mio psi "io sono abituata a vivere in situazioni di emergenza. non so vivere la normalità..."

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ciao Giusy! :huh:

Allora, io ho dovuto chiedere l'aiuto di uno psicologo a causa di un "motivo specifico" che, portandomi dietro da anni, ha fatto sì che io cambiassi come persona, perdessi il mio equilibrio e non tollerassi più il mondo. Intero. Ho avuto una profonda crisi lo scorso autunno quando ho mandato a fanculo tutta la mia vita. E le persone a me più care.

Ho compreso, percio' che cosi' non potevo andare avanti e ho deciso di farmi aiutare.

Quindi mi sento di dirti che sono andata dal mio psicologo per un motivo particolare ma poi, nel corso della terapia, sono venute fuori delle robe inerenti la mia famiglia e la mia infanzia molto problemtiche che, comunque, ho dovuto affrontare.

Grazie alla terapia sono riuscita a "sistemare" molte delle relazioni con le persone a cui voglio bene facendole diventare più mature e meno dipendenti da me. Tanto lavoro probabilmente devo ancora fare ma sono molto fiduciosa.

Ah, ultima cosa: ho risolto il mio "problema inziale". Adesso sono felice :B): .

Bacio grande!

Ciao arleiy la tua testimonianza è la prova che la terapia aiuta a cambiare e a migliorare tante situazioni. Se ti va ti apetto sull'altro topic .

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Approposito Oscar ho una domandina per te (ne approfitto :B):^_^ ), ...cut...

adesso mi chiedo ma è normale che viva così il mio rapporto terapeutico...fin'ora abbiamo detto che il transfert è normale e io che non mi sento così trasportata verso di lei non avrò anche delle resistenze? In realtà mi sono quasi convinta che non sia così, cioè che la mia psicoterapia stia andando molto bene e che anche senza transert si possono trarre grandi benefici però a volte ho i miei dubbi....che ne dici? :huh:

Innanzitutto il transfert non avviene sempre nei termini che molti credono, infatti il "trasferimento" si manifesta in tante forme, anche relativamente a sentimenti ed emozioni che non siano necessariamente di ammirazione, anzi. A volte non avviene neppure, ma è normale che un qualche transfert avvenga. Nessuno si meraviglia se non accade niente, l'importante è saper usare bene ciò che accade, altrimenti si creano ostacoli alla terapia.

Rispetto ai tuoi benefici lo stai verificando da sola, ma è opportuno rivedere anche il "contratto" che avete stipulato fra voi all'inizio, per verificare con precisione "quando" l'esito poteva definirsi concluso. Capita che dopo anni, mesi o settimane ti dicano: - la terapia è finita, ora può camminare con le sue gambe. Auguri. - Noto che tu stai già correndo... :o:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

:huh: ... seduta deludente. Sono arrivata super carica, mi aspettavo la svolta (questa è stata la prima seduta dopo l'ammisione transfert)... ed invece niente, come se fosse una delle tante sedute. Mi ha solo chiesto se era rimasto qualcosa in sospeso dalla volta scorsa, se volevo parlare di qualcosa in particolare, e basta. Lo so, avrei dovuto dire Sì, voglio approfondire l'argomento dell'altra volta... ma (e questo è un mio tipico problema) non sapevo bene cosa approfondire in particolare, come (stavolta nn ero munita di foglietto!) e poi avevo l'impressione che a lei nn interessasse più di tanto, e così... niente, abbiamo cambiato totalmente argomento e stop.

Avrei voluto tanto un riscontro da parte sua sul progresso fatto, l'interesse ad approfondire alcuni aspetti...

A volte ho l'impressione che manchi un filo conduttore, si inizia un argomento, si finisce, se ne comincia un altro... boh, vorrei essere al corrente della strada da percorrere, e come percorrerla.

Ormai la mia psi mi conosce bene, vorrei che fosse lei a condurmi ad affrontare determinate cose...

Ho bisogno di un minimo di riscontro, ma la psi dice che le richieste del paziente sono le prime ad essere negate, x rompere gli schemi abituali... xò abituali o no, io di un riscontro ne ho bisogno, alle volte ho l'impressione di procedere alla cieca...

Scusate lo sfogo...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
A volte ho l'impressione che manchi un filo conduttore, si inizia un argomento, si finisce, se ne comincia un altro... boh, vorrei essere al corrente della strada da percorrere, e come percorrerla.

Ormai la mia psi mi conosce bene, vorrei che fosse lei a condurmi ad affrontare determinate cose...

Ho bisogno di un minimo di riscontro, ma la psi dice che le richieste del paziente sono le prime ad essere negate, x rompere gli schemi abituali... xò abituali o no, io di un riscontro ne ho bisogno, alle volte ho l'impressione di procedere alla cieca...

Scusate lo sfogo...

provo anch'io le stesse cose...infatti domani (se riesco :Thinking: ) gliene parlo.

La tua psi di che orientamento è?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
anche il tuo?

No...almeno che io sappia! :Thinking: ...pero' in fondo di sua moglie non so niente...per quanto mi riguarda potrebbe essere anche un'affermata psicologa eh...grrrr...boh....ma preferisco non sapere..... <_< E il tuo Judi? Che fa sua moglie?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Innanzitutto il transfert non avviene sempre nei termini che molti credono, infatti il "trasferimento" si manifesta in tante forme, anche relativamente a sentimenti ed emozioni che non siano necessariamente di ammirazione, anzi. A volte non avviene neppure, ma è normale che un qualche transfert avvenga. ti dicano: - la terapia è finita, ora può camminare con le sue gambe. Auguri. - Noto che tu stai già correndo... :unknw:

MARONN!!! OSCAR!!!! SEI TORNATO!!! NON CI POSSO CREDERE!!! <_<

Ma dove sei stato? Sono mesi che non scrivevi!!! Spero che tu stia bene e sono contentissima di rileggerti!!!

Ciao!!! :Thinking:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
provo anch'io le stesse cose...infatti domani (se riesco <_< ) gliene parlo.

La tua psi di che orientamento è?

La mia psi fa psicoterapia cognitivo-costruttivista.

Che io riesca a parlargliene lo escludo, magari provo con un foglietto...

Se tu riesci fammi sapere! In bocca al lupo! :Thinking:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
La mia psi fa psicoterapia cognitivo-costruttivista.

Che io riesca a parlargliene lo escludo, magari provo con un foglietto...

Se tu riesci fammi sapere! In bocca al lupo! :Thinking:

il mio sicuramente non è cognitivo-costruttivista...

glielo devo chiedere. Perché più di una volta ha fatto riferimento a Rogers, però non sono sicura...questo glielo chiedo di sicuro, anzi magari può essere una scusa per introdurre il discorso...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
^_^ ... seduta deludente. Sono arrivata super carica, mi aspettavo la svolta (questa è stata la prima seduta dopo l'ammisione transfert)... ed invece niente, come se fosse una delle tante sedute. Mi ha solo chiesto se era rimasto qualcosa in sospeso dalla volta scorsa, se volevo parlare di qualcosa in particolare, e basta. Lo so, avrei dovuto dire Sì, voglio approfondire l'argomento dell'altra volta... ma (e questo è un mio tipico problema) non sapevo bene cosa approfondire in particolare, come (stavolta nn ero munita di foglietto!) e poi avevo l'impressione che a lei nn interessasse più di tanto, e così... niente, abbiamo cambiato totalmente argomento e stop.

Avrei voluto tanto un riscontro da parte sua sul progresso fatto, l'interesse ad approfondire alcuni aspetti...

apemaya ti capisco, anche a me alle volte capita che arrivo lì dopo una seduta in cui avevo sganciato una qualche bomba e mi aspetto che lei riprenda il discorso e, invece, il più delle volte non lo fa. :Thinking:

ormai ho capito che lei aspetta che sia io a rimettere in mezzo determinati argomenti, rispetta i miei tempi, magari aspetta che che il casino interno decanti un po' .

per esempio proprio l'altro giorno le ho raccontato un sogno e mi aspettavo che commentasse una determinata parte e invece ha glissato proprio su quella e io sono rimasta così :unknw: , come una quaglia , ma non ho avuto il coraggio di dirle "ma di 'sto pezzo non ne parliamo?!".

però, siccome sento che la cosa è rimasta in qualche modo in sospeso, stasera mi farò tanto coraggio e glielo chiederò direttamente.

ormai ho imparato che l'unico modo per affrontare argomenti hot è che sia io a introdurre il discorso.

tutto ciò per dirti che se vuoi dei riscontri, delle risposte a specifiche domande, devi parlare, devi farti forza e coraggio e chiederle quello che vuoi sapere !

poi magari lei non ti risponderà, ma almeno ci avrai provato !! <_<

vorrei essere al corrente della strada da percorrere, e come percorrerla.

la mia in più di un'occasione mi ha detto che non dovevo sapere tutto, nel senso che non voleva svelarmi i "retroscena" della terapia.

probabilmente loro ci dicono quel tanto che dobbiamo sapere, ma, almeno nel mio caso, credo che lei preferisca tacere su alcuni argomenti perchè io ho la tendenza a tenere sotto controllo le situazioni per cui, meno so e meno possibilità di controllo ho !! -_-

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
ormai ho imparato che l'unico modo per affrontare argomenti hot è che sia io a introdurre il discorso.

tutto ciò per dirti che se vuoi dei riscontri, delle risposte a specifiche domande, devi parlare, devi farti forza e coraggio e chiederle quello che vuoi sapere !

poi magari lei non ti risponderà, ma almeno ci avrai provato !! <_<

la mia in più di un'occasione mi ha detto che non dovevo sapere tutto, nel senso che non voleva svelarmi i "retroscena" della terapia.

probabilmente loro ci dicono quel tanto che dobbiamo sapere, ma, almeno nel mio caso, credo che lei preferisca tacere su alcuni argomenti perchè io ho la tendenza a controllare le situazione per cui, meno so e meno possibilità di controllo ho !! :unknw:

Già, hai ragione, però metterla in pratica sta cosa nn è mica facile! Per ora, su alcuni argomenti, sono riuscita ad ovviare coi famosi foglietti, ma devo avere il tempo di riflettere, di ragionare sulle cose, su come metterle giù.. e stavolta mi aspettavo proprio che riprendesse l'argomento lei, che focalizzasse il discorso su quelli che sa essere i miei punti deboli, o mi fornisse qualche riscontro...

Anche io ho la tendenza a controllare la situazione, è proprio per questo che il nn sapere dove andare a parare, cosa aspettarmi e cosa la psi si aspetta da me mi manda in crisi... :Thinking:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciao,

Io oggi sono un po' in ansia per una serie di problemi,che ho........ma sono qui che rimugino,perchè non voglio parlargliene,perchè sti problemi sono miei...e non voglio farlo entrare,ho paura........

Lui vagamente li conosce perchè glielo avevo accennato qualche cosa molti mesi fa.......

Adesso per qs cosa io non dormo,sono agitata e sto male.........e non riesco a dirglielo....

Ma saro' fuori?vado li apposta!Ogni volta mi dico sta volta gliene parlo e poi non riesco ...........

In realtà qs problema è proprio quello che mi ha spinto ad andare in terapia........E' assurdo!

Scusate lo sfogo avevo bisogno di 'parlare'......sono molto agitata.......ma non triste!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Già, hai ragione, però metterla in pratica sta cosa nn è mica facile! Per ora, su alcuni argomenti, sono riuscita ad ovviare coi famosi foglietti, ma devo avere il tempo di riflettere, di ragionare sulle cose, su come metterle giù..

io ho avuto varie fasi.

all'inizio segnavo gli argomenti di cui parlare su un post it tipo lista della spesa <_< e lei, dopo qualche mese, mi disse di provare a non scrivere più niente, di portare la mia anima e vedere cosa usciva di volta in volta in seduta.

spesso (e ancora adesso) le scrivo delle "lettere" . all'inizio erano miei pensieri su argomenti spinosi, poi, visto che quello che scrivevo era indirizzato a lei, sono deventate vere e proprie lettere in cui mi confidavo.

ultimamente sto ricominiciando con i post it, ma in maniera diversa rispetto a prima, nel senso che magari durante la seduta provo un certo stato d'animo, ma non riesco a comunicarglielo subito, allora me lo appunto su un post it e la volta successiva glielo dico.

cmq ora la situazione è un po' più fluida perchè ho meno bisogno dei fogliettini, riesco, più o meno, a parlarle di cose difficili anche senza dovergliele scrivere.

se tu senti di avere bisogno di una preparazione, scrivi tutto, poi magari gli dai i fogli e lei può leggerli subito o quando tu sei andata via. l'importante è che trovi un modo per comunicare con lei, poi mano mano vedrai che la situazione migliorerà !!

Anche io ho la tendenza a controllare la situazione, è proprio per questo che il nn sapere dove andare a parare, cosa aspettarmi e cosa la psi si aspetta da me mi manda in crisi... :Thinking:

eh lo so, ma questo è anche il bello della terapia..... non sai dove stai andando, ma senti di poterti affidare completamente alla persona seduta di fronte a te perchè lei sa quello che sta facendo

ogni tanto, perdere il controllo non è male !! :unknw:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ciao,

Io oggi sono un po' in ansia per una serie di problemi,che ho........ma sono qui che rimugino,perchè non voglio parlargliene,perchè sti problemi sono miei...e non voglio farlo entrare,ho paura........

Lui vagamente li conosce perchè glielo avevo accennato qualche cosa molti mesi fa.......

Adesso per qs cosa io non dormo,sono agitata e sto male.........e non riesco a dirglielo....

Ma saro' fuori?vado li apposta!Ogni volta mi dico sta volta gliene parlo e poi non riesco ...........

In realtà qs problema è proprio quello che mi ha spinto ad andare in terapia........E' assurdo!

Scusate lo sfogo avevo bisogno di 'parlare'......sono molto agitata.......ma non triste!

lo so che dico sempre le stesse cose e sono pure un po' noiosa ( :Thinking: ), ma prova a scrivergli qualcosa e poi gli consegni il foglietto !!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
lo so che dico sempre le stesse cose e sono pure un po' noiosa ( :muttley: ), ma prova a scrivergli qualcosa e poi gli consegni il foglietto !!

non vuole assolutamente i foglietti......quando una volta ho provato........mi ha detto di metterli via.......lui vuole sentire le cose come vengon dette,perchè il modo di espimersi (dice)x lui è la cosa fondamentale!Da li trapelano le emozioni.........(lui dice cio'.......che ne so......)

Sai già il fatto che hai letto cio' che ho scritto mi fa sentire compresa.........

grazie froggi......sei un tesorino..........

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Sai già il fatto che hai letto cio' che ho scritto mi fa sentire compresa.........

grazie froggi......sei un tesorino..........

e figurati, de nada ! :blink:

per me è un piacere dare agli altri consigli saggi e assennati che io non metto in pratica..... :muttley:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

io invece non ho mai usato fogliettini. vedo che qui è un sistema molto utilizzato... :muttley:

Fra, una curiosità... ma anche con le precedenti psi li usavi?

comunque non credo che il mio psi sarebbe favorevole, credo che me li farebbe mettere via...

Il mio consiglio per elli è :buttati!

Improvvisa! quello che esce esce...hai visto come ero contenta io ogni volta che sono riuscita a tirare giù un muro?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.


Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.