Vai al contenuto

E se ci si innamora dello psicologo?


ARLEY

Messaggi consigliati

 

Pubblicità


  • Risposte 28,1k
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

  • digi79

    2795

  • juditta

    4446

  • froggy73

    4070

  • elli

    1264

Top Posters In This Topic

Posted Images

Sento tra voi una certa impazienza nel concludere le terapie. Mi stupisce molto, sapete? Se dipendesse da me, continuerei a vita. Sarebbe meraviglioso! Sapere che c'è sempre qualcuno per te, raggiungibile con due fermate metro e sempre pronto a farsi massacrare sorridendo!

se non avessi difficoltà economiche, allora si! che mi fregherebbe? ci andrei anch'io a vita! :D:

a parte gli scherzi...forse così la terapia non sarebbe nemmeno utile.

mi appoggerei e basta, senza fare il minimo sforzo...

Link al commento
Condividi su altri siti

 
son contenta che tu non senti poi cosi tanto la mancanza della tua psi..........vedi magari prima pensiamo di provare certe sensazioni...e poi in realtà è un po' diverso da come ce l'aspettavamo,...........

Anche a judi........non manca poi cosi tanto il suo psi........o abaglio?

ciao elli.

no il mio psi non mi è mancato.l'ho pensato spesso e sognato, ma non ho sentito la sua mancanza...

la verità è che fosse per me manco ci andrei in seduta. intendo dire mi fa piacere (tantissimo) rivedere lui come uomo (come persona intendo...) e sarei presa dalla disperazione più nera se mi dicessero "basta, da domani non lo rivedrai mai più!!!"

però non ho voglia di parlare con lui come psicologo. non ho voglia di parlare di me.

al 99% dirò un sacco di xxxxxxx invece di dire ciò che penso realmente...e questo mi fa incazzare con me!

Link al commento
Condividi su altri siti

 
ma la gastrite che c'entra? era un anno, appunto, che non l'avevo...

non so... nervosismo?

calcola che io soffro di colite, sono 2 mesi che sono in cura dall'omeopata, sono stata abbastanza bene durante le 2 settimane di ferie (tranne quando ho clamorosamente sgarrato a tavola!! 77.gif) e adesso sono 2 giorni che mangio praticamente in bianco e, nonostante questo, ho ripreso a lievitare dopo pranzo..... :D:

cmq prova a parlarne con lo psi.... è sicuramente un segno importante dal punto di vista psicologico (che ovviamente io non so interpretare!! :D: )

Link al commento
Condividi su altri siti

 

ah! volevo aggiungere...ho capito a cosa serve il transfert!!!!!

a non fare scappare i pazienti.

perché senza sto bene/maledetto transfert il mio istinto sarebbe la fuga senza dare spiegazioni (...)

e invece così ( e dopo il modo con cui mi ha salutato l'ultima volta...) lo sa benissimo che non interromperei la terapia senza dirglielo di persona.

tanto lo so che poi mi rigira tutta la frittata...

Link al commento
Condividi su altri siti

 
non so... nervosismo?

calcola che io soffro di colite, sono 2 mesi che sono in cura dall'omeopata, sono stata abbastanza bene durante le 2 settimane di ferie (tranne quando ho clamorosamente sgarrato a tavola!! 77.gif) e adesso sono 2 giorni che mangio praticamente in bianco e, nonostante questo, ho ripreso a lievitare dopo pranzo.....

Anche io soffro da sempre di problemi analoghi, che si ingigantiscono nei momenti di maggiore nervosismo e disagio. Ho seguito e seguo diverse cure, ma la patologia sta nel cervello.... Purtroppo, però, non è sempre agevole individuare un rapporto preciso di causa-effetto. A volte mi sembra di essere abbastanza tranquilla e, invece, mi ritonano i problemi gastrenterici (compresa la gastrite nervosa); sarà che funziono a scoppio ritardato o che, magari, c'è qualche disagio che mi si muove dentro ma che non so mettere a fuoco...

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
Ospite sea
ciao elli.

no il mio psi non mi è mancato.l'ho pensato spesso e sognato, ma non ho sentito la sua mancanza...

la verità è che fosse per me manco ci andrei in seduta. intendo dire mi fa piacere (tantissimo) rivedere lui come uomo (come persona intendo...) e sarei presa dalla disperazione più nera se mi dicessero "basta, da domani non lo rivedrai mai più!!!"

però non ho voglia di parlare con lui come psicologo. non ho voglia di parlare di me.

al 99% dirò un sacco di xxxxxxx invece di dire ciò che penso realmente...e questo mi fa incazzare con me!

"Però non ho voglia di parlare con lui come psicologo, non ho voglia di parlare di me"

Brava. Hai detto una grande cosa.

Sei al punto, secondo me.

Link al commento
Condividi su altri siti

 
"Però non ho voglia di parlare con lui come psicologo, non ho voglia di parlare di me"

Brava. Hai detto una grande cosa.

Sei al punto, secondo me.

dici?

ma che punto?

qui urgono delucidazioni perché brancolo nel buio...

Link al commento
Condividi su altri siti

 
ciao andrea ma come è andata ieri.......l'hai già scritto e non l'ho letto?

niente di particolare da segnalare, come già detto l'ho vista molto abbronzata.... abbiamo parlato di quello che ho fatto in ferie e basta.... seduta molto soft.

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Ospite sea
dici?

ma che punto?

qui urgono delucidazioni perché brancolo nel buio...

Mi pare l'abbia accennato diverse volte anche datango..

credo, eh..la sostanza del discorso era questa: ognuno ha dei ruoli; l'insegnante, lo psicologo, il genitore..

e non vi è parità. Sono relazioni sbilanciate.

Se consideri lo psicologo come uomo, lo metti sul tuo livello.. è un modo per dire, non ti riconosco nel tuo ruolo, io non imparo da te.

Parlo per me, eh? :D:

Perciò, in breve, non ti dico un accidente di niente, non mi apro, nel bello, tantomeno nel brutto..

è una contestazione.

ripeto. Non lo so. Non ne sono certa.E' una mia opinione.

Le cose si capiscono nel setting.

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Anche io soffro da sempre di problemi analoghi, che si ingigantiscono nei momenti di maggiore nervosismo e disagio. Ho seguito e seguo diverse cure, ma la patologia sta nel cervello.... Purtroppo, però, non è sempre agevole individuare un rapporto preciso di causa-effetto. A volte mi sembra di essere abbastanza tranquilla e, invece, mi ritonano i problemi gastrenterici (compresa la gastrite nervosa); sarà che funziono a scoppio ritardato o che, magari, c'è qualche disagio che mi si muove dentro ma che non so mettere a fuoco...

io so qual è il mio disagio, ma mica posso mollare il lavoro !! :D:

a meno che qualcuno di voi non voglia adottarmi e pagarmi analista e annessi&connessi..... :D:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Mi pare l'abbia accennato diverse volte anche datango..

credo, eh..la sostanza del discorso era questa: ognuno ha dei ruoli; l'insegnante, lo psicologo, il genitore..

e non vi è parità. Sono relazioni sbilanciate.

Se consideri lo psicologo come uomo, lo metti sul tuo livello.. è un modo per dire, non ti riconosco nel tuo ruolo, io non imparo da te.

Parlo per me, eh? :D:

Perciò, in breve, non ti dico un accidente di niente, non mi apro, nel bello, tantomeno nel brutto..

è una contestazione.

ripeto. Non lo so. Non ne sono certa.E' una mia opinione.

Le cose si capiscono nel setting.

ciao sea!

se ho ben capito vuoi dire che il fatto che Juditta non abbia voglia di parlarci come psi, ma come persona altro non è che una resistenza ?

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Mi pare l'abbia accennato diverse volte anche datango..

credo, eh..la sostanza del discorso era questa: ognuno ha dei ruoli; l'insegnante, lo psicologo, il genitore..

e non vi è parità. Sono relazioni sbilanciate.

Se consideri lo psicologo come uomo, lo metti sul tuo livello.. è un modo per dire, non ti riconosco nel tuo ruolo, io non imparo da te.

Parlo per me, eh? :;):

Perciò, in breve, non ti dico un accidente di niente, non mi apro, nel bello, tantomeno nel brutto..

è una contestazione.

ripeto. Non lo so. Non ne sono certa.E' una mia opinione.

Le cose si capiscono nel setting.

ci devo riflettere...

oggi il cervello non vuole collaborare! 60.gif

che stia facendo resistenza pure al forum? :air_kiss::o:

Link al commento
Condividi su altri siti

 

discorso interessante!molto intressante.......

perchè anche io 'sento' le stesse cose......

nel senso che non voglio approfondire con lui determinati argomenti..........non riesco proprio,li è come se si cancellassero.....pensavo fosse dovuto al fatto che io voglio dimostrare a me stessa di farcela da sola e allora di certi argomenti non parlo perchè se no lui magari mi aiuterebbe,ma io mi sentirei che non sono in grado di farcela da sola......

pero' non è solo quello......non penso siano resistenze........perchè poi in qualche modo le vedo......

io non ho proprio voglia di raccontare.........perche se c'è un problema devi raccontere la situazione......ecco io non ne ho voglia......come dice judi,parlerei solo di cose cosi......anche profonde.......ma generali......

non capisco bene qs meccanismo.......col medico per es.racconto tutto tutto,anzi mi fa piacere parlare con lui,il bello è poi quando mi chiede ma lo psi cosa dice a riguardo?E io gli dico lo psi?Ah ma non la sa sta storia.........e lui mi dice ma come?non ti capisco!!

e io dico neanch'io!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

 

io sono sempre bollita...per cui lasciamo perdere i discorsi seri e passiamo al cazzeggio...

mi stavo riguardando il film "28 settimane dopo" un signor horror, consigliatissimo agli amanti del genere. uno degli incipit di film più devastanti che abbia mai visto...

mi mette un'ansia incredibile...mi chiedevo, sono solo io a "giocare" con la mia ansia? perché guardare questo film è come andare sull'ottovolante, provoca emozioni violente. e a me piace (a volte) esasperare un po' le mie emozioni...

sono matta io o è una cosa che anche altri fanno?

comunque se volete un

ps. colonna sonora stupenda e riconoscete l'attore? (Begbi!!!!)

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
...mi chiedevo, sono solo io a "giocare" con la mia ansia? perché guardare questo film è come andare sull'ottovolante, provoca emozioni violente. e a me piace (a volte) esasperare un po' le mie emozioni...

sono matta io o è una cosa che anche altri fanno?

..ciao Juditta...

Diciamo che se sei matta, non sei da sola! :;):

Spingere il proprio sentire verso l'estremo delle emozioni è un gioco nel quale piace esercitarmi... :o:

....anche in terapia... :air_kiss: ..però poi lì son mazzate sui denti (altrimenti, forse, non mi troverei a scrivere in questo forum :;): )

Buonanotte, concordo con Froggy, bella la nuova foto :):

-_-

Link al commento
Condividi su altri siti

 
anche io avevo dovuto interrompere la mia prima terapia (durata però solo 8 mesi) causa trasferimento in un'altra città.... non è stato bello anche perchè con quella psi mi trovavo bene (e non avevo questo transfert così invalidante..... :rolleyes: )

Ciao Froggy. Mi verrebbe da dire, un pò forse frettolosamente, che un transfert anche invalidante forse serve, proprio perchè si tocca con mano ciò che preme dentro, ci si rende conto di ciò che si vorrebbe REALMENTE comunicare, condividere con il/la psicologo/a, una volta investitogli il significato, i nostri desideri ecc...ma cercherò di leggere meglio gli interventi precedenti per capirci qualcosa di più.

O forse dipende dal metodo del terapeuta...certo che se la persona da cui tu vai non è in grado di fornire una risposta utile alla comprensione di ciò che si muove dentro di te, o rigira sempre le frittate, o anzichè facilitarti nell'esplicitazione del vissuto non fa che andare in altre direzioni, allora può essere che qualcosa non funziona.

Quando ho interrotto dieci anni fa quando dovevo trasferirmi, non ho particolarmente sentito la mancanza degli incontri, perchè la situazione era diventata abbastanza statica: ora, se dovessi cambiare città, andando a due ore di treno di distanza, potrei eventualmente continuare lo stesso ad andare: non lo so...

Ho avuto pure io la colite alcuni mesi fa, ho dovuto un pò variare la mia dieta. Ho comunque di norma pesantezza di stomaco, mi si blocca spesso tutto lì, e tra il correre quotidiano e l'ansia, faccio fatica a limitare la cosa. Mangio di solito nervosamente, ed evito di comprare formaggi, pane, insaccati, dolci...che comunque spliluzzico a volte fuori casa, oppure uso il freezer. Dovrei prendere meno caffè, ma è dura...

Purtroppo, però, non è sempre agevole individuare un rapporto preciso di causa-effetto. A volte mi sembra di essere abbastanza tranquilla e, invece, mi ritonano i problemi gastrenterici (compresa la gastrite nervosa); sarà che funziono a scoppio ritardato o che, magari, c'è qualche disagio che mi si muove dentro ma che non so mettere a fuoco...

Non so se è così Marghe.... alla fine può essere che pur mettendo a fuoco la cosa, ciò non sia sufficiente, anzi... Forse cambiando stile di vita, o appagando i propri desideri....facile a dirsi.

Mi sono sentito dire da persone un pò....così....che il mio blocco di stomaco ecc...ha a che vedere con il fatto che non riesco a mettere a fuoco problemi irrisolti: questo mi infastidisce.

Forse in realtà "funzioniamo" troppo bene se il corpo ci dà così tanti segnali....

Ciao

Link al commento
Condividi su altri siti

 
mi stavo riguardando il film "28 settimane dopo" un signor horror, consigliatissimo agli amanti del genere. uno degli incipit di film più devastanti che abbia mai visto...

mi mette un'ansia incredibile...mi chiedevo, sono solo io a "giocare" con la mia ansia? perché guardare questo film è come andare sull'ottovolante, provoca emozioni violente. e a me piace (a volte) esasperare un po' le mie emozioni...

sono matta io o è una cosa che anche altri fanno?

Juditta, ma "28 settimane dopo" inizia dove finisce "28 giorni dopo"? Volevo andare a vederlo al cinema, ma poi non sono riuscita... quasi quasi ti chiedo di doppiamerlo!! :wacko: ) Io non sono una grande amante degli horror, ma ce ne sono certi che sono a cavallo tra horror e thriller che mi fanno impazzire (mi viene in mente Alien che adoro!!). Cmq anche io vedo questi film e mi domando perché lo faccio... forse proprio perché provo "emozioni violente" che altrimenti non riesco a far uscire... Ci sono anche altri film che mi provocano reazioni emotive, ma non dirò MAI quali sono !! :rolleyes:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
Juditta, ma "28 settimane dopo" inizia dove finisce "28 giorni dopo"? Volevo andare a vederlo al cinema, ma poi non sono riuscita... quasi quasi ti chiedo di doppiamerlo!! :arrow: ) Io non sono una grande amante degli horror, ma ce ne sono certi che sono a cavallo tra horror e thriller che mi fanno impazzire (mi viene in mente Alien che adoro!!). Cmq anche io vedo questi film e mi domando perché lo faccio... forse proprio perché provo "emozioni violente" che altrimenti non riesco a far uscire...

si è il seguito di "28 giorni dopo". a me è piaciuto di più anche se era bello pure quello!

la prima volta che l'ho visto, prima di andare a dormire mi sono presa un ansiolitico che ero troppo agitata... :D:

è girato in un modo...che ti senti inseguito pure tu che lo guardi! non so, mi galvanizza...

mi capita di sognare di essere inseguita, non so se c'entri nella mia attrazione per certi film...boh!

Ci sono anche altri film che mi provocano reazioni emotive, ma non dirò MAI quali sono !! :wacko:

quali?:rolleyes:

Link al commento
Condividi su altri siti

 

qui ci vorrebbe una bella citazione di Palahniuk sui racconti dell'orrore. anche se non sono sicura che c'entri...

a proposito, chissà se il mio caro psi ha letto il libro che gli ho regalato! sono curiosa di sapere cosa ne pensa.

ci pensavo in questi giorni...io gli ho regalato il libro perchè è il primo che ho letto di Palahniuk e mi ha fatto innamorare di lui, come scrittore. la motivazione dietro la mia scelta è questa.

però...pensando alla trama del libro...spero che il mio psi non cerchi delle motivazioni inconsce, perché a quel punto ci sarebbe da ridere...

per dire, c'è questa filastrocca che se la leggi a una persona questa muore stecchita. ma proprio stecchita. e un sacco di altre cose assurde...hai voglia a interpretare!

chi glielo spiega che il mio inconscio non gli vuole comunicare nulla di strano?

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
...pensando alla trama del libro...spero che il mio psi non cerchi delle motivazioni inconsce, perché a quel punto ci sarebbe da ridere...

per dire, c'è questa filastrocca che se la leggi a una persona questa muore stecchita. ma proprio stecchita. e un sacco di altre cose assurde...hai voglia a interpretare!

chi glielo spiega che il mio inconscio non gli vuole comunicare nulla di strano?

Non conosco l'autore e nemmeno la trama del "libro donato"...tuttavia, sei così sicura che il tuo inconscio non volesse prorpio provocare il tuo psi in ordine a interpretazioni di quello che gli hai regalato (sicuramente non casuale...)??! :wacko:

Tutto questo rientrerebbe nella tendenza a voler scuotere le emozioni, sia che ciò avvenga con la proiezione di un film, sia con agiti che possano scuotere le situazioni che si vivono... :rolleyes:

Scusami, se sono andata oltre gli intenti della comunicazione! :arrow:

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    • Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.