Vai al contenuto

E se ci si innamora dello psicologo?


ARLEY

Messaggi consigliati

 

Pubblicità


  • Risposte 28,1k
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

  • digi79

    2795

  • juditta

    4446

  • froggy73

    4070

  • elli

    1264

Top Posters In This Topic

Posted Images

temo di si...... :icon_confused:

vediamo...per cercare di capire se intendiamo la stessa cosa...la parola tarzaniello,può per associazione (ardita) di idee, rimandare all'immagine di tarzan appeso alla liana? 02.gif

Link al commento
Condividi su altri siti

 
vediamo...per cercare di capire se intendiamo la stessa cosa...la parola tarzaniello,può per associazione (ardita) di idee, rimandare all'immagine di tarzan appeso alla liana? 02.gif

può, può..... :icon_surprised:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
 
 
 

digi seduta importante!Mamma mia che bello!

sai parlare di 'fine' è un traguardo non da poco!e' come riconoscere di essere pronte a 'far qualcosa'.....a camminare sole.....

Sai, già l'idea e già il fatto, di aver la con sapevolezza di poterne parlare è come mettere in chiaro che si è arrivati ad un punto.Si perchè la 'fine' magari non è dietro l'angolo,ma l'idea che è in traguardo visibile.....incoraggia!

Anche io ultimamente ne parlo spesso.....anche sta sera gli ho fatto un discorso,particolare.......Gli ho detto che io lo stimavo tantissimo,e che non mi sentivo affatto dipendente da lui per le scelte.....lo ero solo perchè mi ero affezionata.In effetti io agisco da sola.......non mi consulto mai prima con lui.....perchè io non voglio essere giudata....io voglio essere libera!

Allora........poi si gli racconto i fatti successi...ma non mi capita mai di raccontare e chiedergli aiuto......io racconto per capirmi....

Infatti gli ho detto che vivrei benissimo da sola .......perchè lui mi aiuta solo a conscermi per vivere un po' meglio....Ma sinceramente adesso sto molto meno male rispetto a prima.......

Sento un po' quello che senti tu digi........

Si io vorrei finire.......e non andare piu'....andarci magari fino alle ferie!!Mi che traguerdo sarebbe!

La cosa strana è che per me andare li è come andare in palestra.........cioè è come andare a fare una cosa che mi piace......mi piace un sacco parlare con lui..........Ma una persona cosi' (a perte il medico.....ma quello c'è)quando mai l'incontrero'??perderla non è una cosa da poco!Lui è veramente sublime........intelletivamente è proprio un 'GRANDE'!

Lui mi ha detto che finita la terapia,finisce tutto non possiamo sentirci.....se non per problemi inerenti al suo ruolo!Non posso chiamarlo e chiedergli se sta bene.........!!!(era una considerazione!)

Forse l'idea di perdere qs 'situazione' di attenzione su di me.....un po' mi fa pensare.......

Ma......comunque dovrà accadere,prima o poi........

Penso comunque (come scrive digi)di essere piu' forte......e di aver capito un sacco di cose di me!!!E questo lui lo sa......sa anche che sto molto meglio.........

Sta sera abbiamo parlato solo di frivolezze.........io sto bene.......(.se non penso alla fine..........e agli annessi e connessi)

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Allora...............vedo che vi siete divertite un pochino, ci speravo :He He:

direi che Judi e Froggy sanno benissimo cosa sono i tarzanielli, quindi Digi, nel caso tu non abbia ancora chiesto a tuo marito, finalmente te lo dico:

i Tarzanielli sono i pezzettini di cacca che rimangono attaccati ai peli del popò!

Anch'io, come te, da brava ragazza, ne ignoravo l'esistenza e, come Juditta, sono stata erudita in merito tanto tempo fa da un amico (direi che dev'essere un problema decisamente maschile!).

L'associazione mi è venuta perchè, come le mortadelle sono fantasie negative di cui liberarsi, così i tarzanielli possono essere metaforicamente pezzi di M che nonostante gli sforzi ti restano attaccati addosso, tutto qua! :Batting Eyelashes:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
.........................

Si io vorrei finire.......e non andare piu'....andarci magari fino alle ferie!!Mi che traguerdo sarebbe!

La cosa strana è che per me andare li è come andare in palestra.........cioè è come andare a fare una cosa che mi piace......mi piace un sacco parlare con lui..........Ma una persona cosi' (a perte il medico.....ma quello c'è)quando mai l'incontrero'??perderla non è una cosa da poco!Lui è veramente sublime........intelletivamente è proprio un 'GRANDE'!

Lui mi ha detto che finita la terapia,finisce tutto non possiamo sentirci.....se non per problemi inerenti al suo ruolo!Non posso chiamarlo e chiedergli se sta bene.........!!!(era una considerazione!)

.....................

Sarà che sono un serio caso patologico ma non mi è mai venuto in mente di pensare alla fine della terapia, mai!!!

Lo farei se avessi seri problemi economici, che per fortuna non ho mai avuto finora, semmai avrei voluto andare più di una volta a settimana ma non potevo e non posso permettermelo.

Poi, come dici tu, Elli, è una cosa che mi piace oltre ad averne davvero bisogno, cioè l'ho sempre vista come una ginnastica mentale, qualcosa che anche se non ne hai stretto bisogno sai che ti fa bene.

Ho potuto verificare mio malgrado che posseggo una "certa" autonomia, cioè ho subito un'interruzione improvvisa e sono stata un anno senza, ma non per questo sono andata a mare con tutti i panni, nonostante tutte le sofferenze la mia vita quotidiana non è stata pregiudicata in maniera critica.

Ecco, io non riesco a vedere la fine come un traguardo, vedo il benessere come un traguardo ma suppongo che sarei capace di continuare per il piacere di farlo, certo decisamente un piacere di lusso!!!!

Non mi piace nemmeno pensare alla fine del rapporto con l'analista, se Ric mi dicesse quello che il tuo psi ha detto a te, me lo mangerei vivo!!!!

Non vorrei essere equivocata, Elli, sia ben chiaro, non voglio entrare nel merito del vostro rapporto e nel merito di affermazioni che hanno le loro ragioni di esistere a me ignote, sto solo prendendo spunto eh!

Ossia, se io immagino una fine del rapporto, deve essere per motivazioni personali e non a priori per ideologia o motivazioni professionali o chissà che altro.

Voglio il confronto con la persona e la sua individualità. Preferirei cento volte di più che mi dicesse che non ha interesse a proseguire un'eventuale amicizia con me perchè non gli interesso io come persona che non per "statuto professionale". Credo che la penso così perchè non mi piace la rigidità, non mi piacciono i ruoli, non mi piacciono gli ingabbiamenti, mi piace la trasformazione, l'evoluzione o la fine nuda e cruda perchè non ci sono interessi personali.

Link al commento
Condividi su altri siti

 
però a digi non glielo diciamo !!

hei tu!!!!! :aggressive:

muta sono!

Ma che fate vi alleate????? :help:

Allora...............vedo che vi siete divertite un pochino, ci speravo :He He:

direi che Judi e Froggy sanno benissimo cosa sono i tarzanielli, quindi Digi, nel caso tu non abbia ancora chiesto a tuo marito, finalmente te lo dico:

i Tarzanielli sono i pezzettini di cacca che rimangono attaccati ai peli del popò!

Anch'io, come te, da brava ragazza, ne ignoravo l'esistenza e, come Juditta, sono stata erudita in merito tanto tempo fa da un amico (direi che dev'essere un problema decisamente maschile!).

L'associazione mi è venuta perchè, come le mortadelle sono fantasie negative di cui liberarsi, così i tarzanielli possono essere metaforicamente pezzi di M che nonostante gli sforzi ti restano attaccati addosso, tutto qua! :Batting Eyelashes:

:shok: zazààààààààààààààààà menomale che non ho chiesto a mio marito!!!! Se lo sapeva mi prendeva per matta (sai che novità!!! :icon_confused: ), se invece non lo sapeva magari si informava tramite i suoi amici a Napoli!!!! :D:

Anche io avevo pensato a tarzan ma pensavo si trattasse di qualche piatto tipico :bad::o:

Vabuò.....

alle cose SERIE -_- rispondo dopo!!!!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Sarà che sono un serio caso patologico ma non mi è mai venuto in mente di pensare alla fine della terapia, mai!!!

Lo farei se avessi seri problemi economici, che per fortuna non ho mai avuto finora, semmai avrei voluto andare più di una volta a settimana ma non potevo e non posso permettermelo.

Poi, come dici tu, Elli, è una cosa che mi piace oltre ad averne davvero bisogno, cioè l'ho sempre vista come una ginnastica mentale, qualcosa che anche se non ne hai stretto bisogno sai che ti fa bene.

Ho potuto verificare mio malgrado che posseggo una "certa" autonomia, cioè ho subito un'interruzione improvvisa e sono stata un anno senza, ma non per questo sono andata a mare con tutti i panni, nonostante tutte le sofferenze la mia vita quotidiana non è stata pregiudicata in maniera critica.

Ecco, io non riesco a vedere la fine come un traguardo, vedo il benessere come un traguardo ma suppongo che sarei capace di continuare per il piacere di farlo, certo decisamente un piacere di lusso!!!!

Non mi piace nemmeno pensare alla fine del rapporto con l'analista, se Ric mi dicesse quello che il tuo psi ha detto a te, me lo mangerei vivo!!!!

Non vorrei essere equivocata, Elli, sia ben chiaro, non voglio entrare nel merito del vostro rapporto e nel merito di affermazioni che hanno le loro ragioni di esistere a me ignote, sto solo prendendo spunto eh!

Ossia, se io immagino una fine del rapporto, deve essere per motivazioni personali e non a priori per ideologia o motivazioni professionali o chissà che altro.

Voglio il confronto con la persona e la sua individualità. Preferirei cento volte di più che mi dicesse che non ha interesse a proseguire un'eventuale amicizia con me perchè non gli interesso io come persona che non per "statuto professionale". Credo che la penso così perchè non mi piace la rigidità, non mi piacciono i ruoli, non mi piacciono gli ingabbiamenti, mi piace la trasformazione, l'evoluzione o la fine nuda e cruda perchè non ci sono interessi personali.

Ciao zazà.....

infatti lo so che poi ogni rapporto psi-paz.è diverso.......

Io già lo sapevo che poi alla fine lui sarebbe sparito........lo sento dai suoi comportamenti,lui è li e la relazione che c'è è vera,ma instaurata su un piano terapeutico...

Io me lo aspettavo già....il contario mi avrebbe stupito!quindi non mi ha turbato piu' di tanto sapere di doverlo perdere.......

Tu con ric forse hai un rapporto un po' diverso.....piu' 'umano''.........ma è quello che leggo io dai tuoi scritti!E' bello cio' che scrivi di lui.........e poi mi ritrovo in sacco nei tuoi commenti relativi al trasfer.

Ieri ho scritto un po' quello che sentivo..........

Si per me la conclusione è un traguardo,perchè significa in fondo aver raggiunto un equilibrio.....

ma vedremo il tutto come si svilupperà.......

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 

digi , ma veramente tu dopo 1 anno di terapia già hai inizato a parlare di una possibile fine ?! :shok:

io, ora più che mai, sento di essere impantanata, ieri seduta devastante in cui ho espresso i miei dubbi e qualche timida critica a lei, ma temo che il discorso non sia per niente esaurito !!

alla fine, credo che lei si aspettasse che io le dicessi che volevo interrompere la terapia !

mah.... 1205853795-Pazze13.gif

Link al commento
Condividi su altri siti

 
digi , ma veramente tu dopo 1 anno di terapia già hai inizato a parlare di una possibile fine ?! :shok:

io, ora più che mai, sento di essere impantanata, ieri seduta devastante in cui ho espresso i miei dubbi e qualche timida critica a lei, ma temo che il discorso non sia per niente esaurito !!

alla fine, credo che lei si aspettasse che io le dicessi che volevo interrompere la terapia !

mah.... 1205853795-Pazze13.gif

se ti può consolare Fra, anch'io mi sento ben lontana anche solo dall'iniziare a pensare di parlare con giovanni di un possibile desiderio alla lontana di arrivare alla fine... :icon_confused:

sono colpita anch'io dai progressi di Giusy. insomma mi sembra un ottimo segno già il fatto che lei ne abbia iniziato a parlare, anche se ovviamente è un processo graduale...

Link al commento
Condividi su altri siti

 
se ti può consolare Fra, anch'io mi sento ben lontana anche solo dall'iniziare a pensare di parlare con giovanni di un possibile desiderio alla lontana di arrivare alla fine... :icon_confused:

sono colpita anch'io dai progressi di Giusy. insomma mi sembra un ottimo segno già il fatto che lei ne abbia iniziato a parlare, anche se ovviamente è un processo graduale...

si infatti, ci vorrà sicuramente del tempo, ma il solo pensare alla possibilità della conclusione mi sembra una roba fantastica !! :fireworks:

giusy coi soldi che risparmi con la terapia, poi ci vieni a trovare tutte !! :D:

Link al commento
Condividi su altri siti

 

ragazzeeeeeeeeeeee calma!!!! Non ho parlato di fine, anzi è il caso di dire che ne ho solo parlato...ma questo non vuol dire essere alla fine....certo il fatto di parlarne rapresenta uno dei tanti traguardi per me...ma dove sta scritto che chi non ne parla poi non arriva prima di me alla fine???? :Rolling Eyes:

Per me il punto era proprio aver aperto questa nuova porta....ma è solo aperta, quando la varcherò non lo so, magari qualcuna di voi all'ulitmo momento la apre e la varca insieme!!!! Quindi non vuol dire niente!!!

Però è vero inizio a sentire qualcosa dentro, è come se alcuni meccanismi davvero radicati cominciassero a sembrare meno difficili da superare....e questo mi dà una grande carica..e comunque è un periodo, magari fra una settimana sto qui a lamentarmi.....ma non posso non essere consapevole di questo cambiamento!!!!

Vi faccio un esempio pratico: oggi sono andata al centro estetico per la ceretta (così poi l'altra la posso fare il 18 giugno per l'epilazione definitiva!!!! :Just Kidding: ), parlando con l'estetista mi ha detto che sta andando una mia amica a fare i massaggi, dopo un periodo di dieta e che è diventata un'altra...idem mia sorella....tutte a farsi belle, per non parlare delle lampade solari (che poi a cosa serve se abbiamo il mare a 10 Km da casa???? boh!), e altre robe varie....

Vi dico la mia reazione in passato quale sarebbe stata: Avrei finto che tutto va bene, sarei uscita di lì con il sorriso sulle labra e poi sarei andata a casa a sfogarmi piangendo e mangiando, mi sarei sentita una cozza, avrei pensato che sono una sfigata, che sto qui a fare analisi che non mi dà alcun risultato, mentre le altre si prendono cura del loro corpo, che al mare come al solito, io sarà quella sovrappeso, con la cellulite e che tutti eviteranno e altre fantasie su quanto le altre (tutte, anche quelle più cozze di me, se ce ne sono, io riesco sempre a trovare dei pregi che io non ho) siano donne di "successo" e io la sfigata di turno!!!! L'idea dei discorsi quando si esce, sulla piccola smagliatura, "oh mio dio che problema" e quel rotolino che si vede quando si piegano a 90 gradi :Raised Eyebrow: ....e mi sentirei anormale!!!! Non mi voglio sentire migliore, assolutamente no!!!! Ma nemmeno riuscivo a fregarmene!!!! anzi peggioravo la situazione mangiando!!!! Masochismo allo stato puro!!!

Lo so che sono cose frivore ma chi soffre di disturbi alimentari ha l'aspetto fisico come riferimento e specchio dei suoi problemi....

Reazione di oggi: appena me lo ha detto, indifferenza, uscita di là, pensieri distruttivi, che però ho saputo redimere in favore di altre cose,o frose è meglio dire traformare, per esempio che anche io sono a dieta che finalmente sto cominciando a vedermi meglio, che è da tanto che non mi abbuffo e che prima o poi tutto questo finirà!!!! Finalmente io non mi vedevo tramite gli altri!!! Ho tolto lo sguardo dall'altro e l'ho posato su me stessa e quando lo faccio riesco a non vedermi poi così orrenda, non solo fisicamente!!! Insomma a farla breve questa cosa mi ha fatto capire che sto spostando la mia attenzione su me stessa, e questo mi dà la forza di proseguire nel mio cammino!!!! Sia dal punto di vista fisico, che soprattutto della terapia!!! Anzi oggi ho visto dietro a quell'affannarsi all'essere belle, una povertà interiore o delle mancanze interiori che devono supperire con il fisico...non vale per tutti ma per le persone di cui sopra....Se potessi li farei volentieri anche io i massaggi....

Insomma qualcosa sta cambiando e non posso non accorgermene...

Fino a qualche tempo razionalmetne sapevo che era tutto sbagliato ma non riuscovo a non pensare così....era qualcosa che veniva da dentro e hai voglia a scacciare via i pensieri.....poi me la prendevo con tutti, ero irrascibile e nervosa....stavolta invece la trasformazioni dei pensieri da distruttivi a costruttivi e incentivanti è avvenuta di pancia!!! Non l'ho pensato di proposito (cosa che non serve a un bel niente, se non a restare nervosa per qualcosa di indecifrato)....è arrivata e basta!!!!

Scusate la lungaggine ma se non lo dico a voi a chi lo dico??????

Elli anche per me il fatto di dovermi separare dalla mia psi è stata una cosa che ho semrpe avuto chiara, non mi sognerei mai di andarla a trovre o cose del genere....se lei non me lo chiedesse espressamente..e so che non l f arà!!!!

Ho bisogno di sapere che la terapia avrà una fine e che questa sorrisponderà al momento in cui io avrò la giusta forza per affrontare la mia vita qualunque essa sia, comunque si presenterà...non è detto che sarà una passeggiata dopo...

Mi tengo, d'altro canto, stetta l'idea che quando avrò dubbi, difficoltà, vecchi scheletri che mi tornano a trovare, la psi sarà sempre disponibile a darmi una mano....e sarò ben felice di lasciarmi aiutare e chiedere "aiuto"!!!

Un bacio a tutte

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Ossia, se io immagino una fine del rapporto, deve essere per motivazioni personali e non a priori per ideologia o motivazioni professionali o chissà che altro.

Voglio il confronto con la persona e la sua individualità. Preferirei cento volte di più che mi dicesse che non ha interesse a proseguire un'eventuale amicizia con me perchè non gli interesso io come persona che non per "statuto professionale". Credo che la penso così perchè non mi piace la rigidità, non mi piacciono i ruoli, non mi piacciono gli ingabbiamenti, mi piace la trasformazione, l'evoluzione o la fine nuda e cruda perchè non ci sono interessi personali.

zazà quello che hai scritto avrei potuto scriverlo anche io

anche io detesto i ruoli e la rigidità

però mi sa che stavolta ho fatto un gran casino e che tutti i miei comportamenti nascondono solo grandi resistenze

scusate se sono criptica, ma sono in piena confusione :wacko: e non me la sento di dire altro 37.gif

Link al commento
Condividi su altri siti

 
zazà quello che hai scritto avrei potuto scriverlo anche io

anche io detesto i ruoli e la rigidità

però mi sa che stavolta ho fatto un gran casino e che tutti i miei comportamenti nascondono solo grandi resistenze

scusate se sono criptica, ma sono in piena confusione :wacko: e non me la sento di dire altro 37.gif

infatti io ho l'impressione che voi cercate di rompere queste rigidità perchè resistete a quello che esse rappresentano...non voglio fare psicologia spicciola eh....ma secondo me cercare di cambiare lo psi (perchè è fondamentalmente quello che cercate di fare in qualche modo, rimarcando ciò che di lui non vi piace) è davvero un'impresa alla Don Chisciotte..

Spero non la prendiate come critica....perchè io ho le mie resistenze in altri punti....e non cambia niente....è solo uno spunto di riflessione, magari anche sbagliato che però può contenere un pò di verità....ne hai parlato alla psi di questa cosa Fra???? Perchè ti senti così stretta in queste regole che alla fine sono giustificate dal fatto che "servono a te stessa"????? Seconod me questo punto è fondamentale....

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Ho bisogno di sapere che la terapia avrà una fine e che questa sorrisponderà al momento in cui io avrò la giusta forza per affrontare la mia vita qualunque essa sia, comunque si presenterà...non è detto che sarà una passeggiata dopo...

Mi tengo, d'altro canto, stetta l'idea che quando avrò dubbi, difficoltà, vecchi scheletri che mi tornano a trovare, la psi sarà sempre disponibile a darmi una mano....e sarò ben felice di lasciarmi aiutare e chiedere "aiuto"!!!

anch'io non vedo l'ora di vedere la parola FINE soprattutto per ciò che questo rappresenta: capacità di camminare con le mie gambe.

per non parlare del discorso economico che rende impossibile pensare a una terapia protratta per anni e anni... anche se io questo limite lo vedo come uno sprone a cercare di sfruttare al massimo questa opportunità. non so come dire, è come se le difficoltà economiche fossero motivanti, mi impediscono di adagiarmi...come temo farei se non avessi limiti di tempo. mentre io non so neanche se potrò permettermi la terapia ancora per molto e questo mi spinge ad accellerare...

Link al commento
Condividi su altri siti

 
infatti io ho l'impressione che voi cercate di rompere queste rigidità perchè resistete a quello che esse rappresentano...non voglio fare psicologia spicciola eh....ma secondo me cercare di cambiare lo psi (perchè è fondamentalmente quello che cercate di fare in qualche modo, rimarcando ciò che di lui non vi piace) è davvero un'impresa alla Don Chisciotte..

Spero non la prendiate come critica....perchè io ho le mie resistenze in altri punti....e non cambia niente....è solo uno spunto di riflessione, magari anche sbagliato che però può contenere un pò di verità....ne hai parlato alla psi di questa cosa Fra???? Perchè ti senti così stretta in queste regole che alla fine sono giustificate dal fatto che "servono a te stessa"????? Seconod me questo punto è fondamentale....

nessun problema digi, questo è uno spazio che a me è servito molto anche grazie al confronto ! :Four Leaf Clover:

io non voglio cambiare lo psi, voglio cambiare il rapporto con lo psi

provo a spiegarmi: una psi eccessivamente rigida mi avrebbe fatta fuggire a gambe levate perchè non avrei sentito nessun tipo di empatia da parte sua, avevo necessità che in qualche modo mi piacesse , che ci fossero dei punti di contatto perchè senza questi non avrei lavorato bene (e lo dico per esperienza personale perchè con la precedente psi è successo proprio questo)

credo che analizzare il rapporto con lo psi sia importante, credo pure che possa essere una resistenza di altro tipo quella di dire "non voglio sapere niente dello psi" perchè forse è un modo per tenerlo lontano da sè, per non affezionarsi troppo a questa figura

immagino che la cosa giusta sia nel mezzo

nel mio caso focalizzarmi sul rapporto con lo psi mi è sevito per capire tante cose e modificarne alcune

adesso, dopo quasi 2 anni di sedute bisettimanali, la situazione inizia a starmi stretta e immagino ci siano resistenze grosse perchè l'analisi del rapporto si è di fatto esaurita e mi ha già dato tutti gli spunti che poteva darmi

cmq, per risponderti, ne abbiamo parlato già ieri e ne parleremo ancora temo....... <_<

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Per me il punto era proprio aver aperto questa nuova porta....ma è solo aperta, quando la varcherò non lo so, magari qualcuna di voi all'ulitmo momento la apre e la varca insieme!!!! Quindi non vuol dire niente!!!

non vuol dire niente e vuol dire tante cose !!

certo, non significa che la fine è dietro l'angolo, però significa avere una maggiore consapevolezza di sè e questa non è cosa da poco ! :good:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
anch'io non vedo l'ora di vedere la parola FINE soprattutto per ciò che questo rappresenta: capacità di camminare con le mie gambe.

per non parlare del discorso economico che rende impossibile pensare a una terapia protratta per anni e anni... anche se io questo limite lo vedo come uno sprone a cercare di sfruttare al massimo questa opportunità. non so come dire, è come se le difficoltà economiche fossero motivanti, mi impediscono di adagiarmi...come temo farei se non avessi limiti di tempo. mentre io non so neanche se potrò permettermi la terapia ancora per molto e questo mi spinge ad accellerare...

infatti i problemi economici anche per me sono uno sprone per non rallentare...voglio finirla questa terapia, non voglio troncarla!!!! Ed è per questo che non perdo tempo....che cedo a tutti i "ricatti" che l'analisi mi presenta....come per esempio fare i conti con i miei di difetti e le mie di paure....

non vuol dire niente e vuol dire tante cose !!

certo, non significa che la fine è dietro l'angolo, però significa avere una maggiore consapevolezza di sè e questa non è cosa da poco ! :good:

certo....era proprio questo che volevo dire...e ci ho messo tremila parole!!!! :Raised Eyebrow:

riguardo all'altro discorso, certamente non volevo dire che vuoi cambiare la psi in quanto persona....anche perchè le conosciamo relativamente in questo senso..ma proprio in quanto psi e quindi modo di rapportarsi con te da analsita....uan resistenza come la mia che invece negavo il mio attaccamento a lei per evitare di esserne ferita....anche in questo sono cambiata e paradossalmente o forse ovviamente, lei adesso la sento più vicina di prima...certo non è espenasiva ma almeno cominciamo a parlare di queste cose, e lei mi spiega il perchè lei DEVE con me e per me essere distaccata...in questo modo riesco a sentirmi non "accettata" che è ciò che la psi appunto evita per non farmi affossare....ma "soggetto dell'analisi".....concentrandomi su me stessa....e non su come essere accettata da lei....non so se mi spiego, io credo che in qualche modo siano due risvolti della stessa medaglia......

Link al commento
Condividi su altri siti

 
certo....era proprio questo che volevo dire...e ci ho messo tremila parole!!!! :Raised Eyebrow:

ma quanto ci piace parla' !! :D:

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Una domanda per tutte voi, che mi nasce spontanea dopo il solito choc settimanale:

Può mai essere che il proprio analista si lasci andare a discorsi sui propri puttan tour?

Questo mercoledì, il mio caro Massimo si è impelagato in un discorso riguardante le vichingone di ogni nazionalità che ha conosciuto e 'provato' in Ungheria, Romania, Bulgaria, Ucraina, Russia, Germania, Svezia, Norvegia e Finlandia. Con dettagli come: 'Le bulgare avevo paura che me lo staccassero, tanto erano aggressive..'; oppure descrivendomi la tenuta 'da acchiappo' che adottava (consistente in: Mercedes bianca cabrio, pantalonicni, maglietta, Lacoste bicolori e Duran Duran :icon_confused: ).

E ma quanto erano belle le ragazze di Berlino Est, e ma quanto erano belle le Ungheresi, e ma quanto.... Ma quanto mi fai schifo!!!

'E' stata una piccola digressione, ma ci siamo fatti due risate'

Non è stata per niente piccola e IO non mi sono fatta nessuna risata!

Secondo lui mi fa piacere pensare che se ne sia andato in giro (o se ne vada..) a fare il piacione con le ucraine diciannovenni?? Mi interessa forse qualcosa, tra l'altro?

Non gli è saltato in mente che possa essermi sentita offesa, nel sentir parlare di donne in questi termini? Quando poco prima avevamo parlato di mio padre, e dei suoi 'giretti' simili: ma allora è tale e quale a lui! E meno male che diceva di essere diversissimo! :Broken Heart:

Con questo episodio mi sono accorta di quello che tutte avete detto nel rispondermi: che è uno schifoso. E che se pensa di fare lo psicoterapeuta in questi termini, non ci ha capito niente.

Lilyth, sempre più desperada.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.


Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.