Vai al contenuto

E se ci si innamora dello psicologo?


ARLEY

Messaggi consigliati

Ciao a ragazze...purtroppo in questo periodo, causa trasloco non sono connessa. :help: ...ho leggiucchiato ora a sprazzi e mi riaggancio un pò (se ho capito bene, vista la fretta) in ciò che han scritto Judi e Zazà......Anche per me. dopo la seduta di rientro tristezza e malinconia per una sorta di consapevolezza di "amore non sufficiente"...e questo mi fa incazzare perchè durante la pausa estiva (ben 2 mesi e mezzo) sono stata bene!!!...........Lui carino come al solito...ma comunque la mia consapevolezza di "rapporto falsato" è cresciuta a dismisura!!

Comunque a presto :ciao: ......ma quanto sono lunghi a ripristinare le linee telefoniche!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Pubblicità


  • Risposte 28,1k
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

  • juditta

    4446

  • froggy73

    4070

  • digi79

    2795

  • elli

    1264

Top Posters In This Topic

Posted Images

 
 

aspettando il resoconto di juditta (mi raccomando non ci tenere sulle spine fino a lunedì!!!! :Shame On You: ) faccio qualche commento generale sugli ultimi post, che poi ho un mare di cose da fare!!!

Innanzitutto grazie a tutte dei complimenti, spero di non dovermi ricredere su ciò che ho detto...come vedete la paura di ritornare nel "nulla" rimane, la psi però mi ha assicurato che prendendo l'abitudine di questo nuovo stato di cose, anche la paura sparirà!!! Speriamo! Voglio crederle!

Riguardo a joker: io la penso come juditta, te lo avrei detto io e poi lo ha scritto lei, il fatto che le tue dinamiche iniziano a cambiare proprio lì dentro è IL fatto positivo!!!

Infatti è proprio durante l'analisi che facciamo le prove generali dei cambiamenti, in modo tale da poter dare un seguito a queste prese di consapevolezza...almeno per me è stato così!

Per le strategie, hai ragione, la vita è tutta uan strategia, solo che per la maggiorparte delle volte resta tutto inconscio...mi viene in mente la competizione con mia sorella, la spietatezza con cui lei cerca di "eliminarmi", se non è una strategia questa!!!! Eppure se io glielo dicessi con il cuore in mano, se io provassi a parlarne, lei si sentirebbe offesa da una cosa del genere.....non è per niente consapevole di tutto ciò!!!

La mia psi per molto tempo ha avuto degli atteggiamenti che mi facevano rattristire, sentivo di molti psi "amichevoli" e mi dicevo, allora sarò antipatica alla mia psi, perchè lei è sempre così professionale con me??? Finchè non abbiamo potuto mettere in tavola questo argomento e capire che in effetti lei "doveva" rimettere in gioco i miei sentimenti, riprendendo le mie stesse dinamiche e quelle della mai famiglia....il bello è che saperlo non cambia il risutlato...solo parlandone ed elaborandolo insieme aiuta a comprendere davvero!!!!

Ultimamente lei sembra più spontanea, certo non sarà mai una mia amica, questo è chiaro, ne abbiamo parlato tanto, due sedute fa ma comunque la sento più "naturale", meno strategica appunto....proprio perchè acquisendo io sicurezza non ha più bisogno di "fingere" per portarmi a capire determinate cose di me...ovviamente questo per le cose già sviluppate...là dove ho ancora dei blocchi, probabilmente molte cose non le vedo proprio (ancora!)....

Quindi forza e coraggio, l'unica via d'uscita e l'unico modo per cambiare queste maledette dinamiche "suicide" è parlarne!!! Facci sapere eh....quando la vedrai???

Per juditta: anche per me il non aver sentito la sua mancanza è segno di maturità, anche perchè non è associata a sentimenti negativi verso di lui, tu stessa dici di aver voglia di rivederlo....quindi non ti manca ma comunque sei ben felice di rivederlo....diverso se provassi rancore, odio o rabbia, allora la non mancanza sembrerebbe più uan sorta di resistenza....non so se si capisce!!! :unsure:

Davvero non hai ricordi dell'infanzia? Nemmeno uno? Sai io risptto ad altre persone ne ho pochissimi, pensavo fossi agli ultimi posti ....considera che posso contarli sulle dita di una mano....però non credo ci sia molta differenza fra il non ricordare nulla e il ricordare qualcosa dissociato dai sentimenti...per esempio c'è un ricordo piuttosto traumatico della mia infanzia, che io la priam volta le raccontai con una indifferenza che la lasciò di stucco...mi chiese: cosa prova a riguardo? E io mi resi conto che per me era come se raccontassi una storia che mi avevano raccontato, qualcosa che non mi riguardava....completamente priva di emozioni...quando poi mi è capitato recuperare le emozioni relative a un episodio vissuto, all'apparenza poco importante, come quello che ho raccontato della maestra di ballo, mi sono resa conto del perchè non ci legavo i sentimenti....faceva troppo male.....e ogni volto torno a pensare: QUANTO è DIFFICILE ESSERE BAMBINI!!!!!

Uno degli aspetti più positivi della terapia infatti è che sono riuscita a recuperare il mio rapporto con l'infanzia in generale, e con mio figlio in particolare...non sarò mai un'amante dei bambini intendiamoci, non è questo...ma è come se adesso riuscissi a comprenderli davvero....e a essere ovviamente più comprensiva nei loro confronti....con mio figlio poi sto vivendo una favola, ho sempre paura che finisca....nonostante tutto, nonostante il passato difficile (e credetemi se avessi continuato su quella strada credo che lui avrebbe avuto grandissimi problemi legati all'affettività, proprio come me!) credo che sia ancora in tempo per riparare i danni fatti...la mia psi mi ha detto (citando qualcuno ma non ricordo chi, ero troppo concentrata sulla frase!!!) che a ogni genitore dovrebbero brillare gli occhi per i propri figli, e quando non accade i figli se ne accorgono e cercano in tutti i modi il modo per riuscire a farli brillare....quanti di voi si riconoscono in questa cosa??? E' così vera che fa male al cuore...

scusate se scrivo tanto, ignoratemi pure, ma è come se avessi aperto un finestra su tutta la mia vita e dovessi ammirare ogni piccolo particolare che fin'ora mi è stato negato....se vi sto sulle palle però ditelo pure che magari lo scrivo su un foglio e poi lo strappo... :Sigh:

Link al commento
Condividi su altri siti

 

mercoledì....

riguardo all'infanzia...io ho dei ricordi addirittura delle primissime volte che papà mi cantava la ninna nanna... avrò avuto forse un anno? è possibile questa cosa? e comuqnue hai ragione, ci sono episodi che raccontiamo senza alcun sentimento, ma ce ne sono alcuni che fanno ancora così male... io ricordo una seduta in particolare.... facevo ancora la familiare e si parlava dei rapporti che io avevo avuto con i miei amici, anzi amiche... e fu una delle poche volte in cui parlai solo io per quasi tutta la seduta... e mentre raccontavo io ero di una tranquillità spaventosa, mentre i miei, mia sorella e la psi avevano gli occhi lucidi... solo alzando lo sguardo e vedendoli ho capito di quanto dolore c'era dietro quell'episodio... e ho potuto finalmente buttare via quella corazza protettiva che mi ero creata per non farmi schiacciare da tutti quei sentimenti... ci sono stata male è vero... ma è stata anche una grande presa di coscienza....

e poi un'altra cosa che mi ricorderò sempre, che la psi mi ha detto proprio durante le primissime sedute, è che i bambini sono come delle spugne...assorbono,assorbono,assorbono....e hanno le antenne e si accorgono di tutto!!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

 
mercoledì....

riguardo all'infanzia...io ho dei ricordi addirittura delle primissime volte che papà mi cantava la ninna nanna... avrò avuto forse un anno? è possibile questa cosa? e comuqnue hai ragione, ci sono episodi che raccontiamo senza alcun sentimento, ma ce ne sono alcuni che fanno ancora così male... io ricordo una seduta in particolare.... facevo ancora la familiare e si parlava dei rapporti che io avevo avuto con i miei amici, anzi amiche... e fu una delle poche volte in cui parlai solo io per quasi tutta la seduta... e mentre raccontavo io ero di una tranquillità spaventosa, mentre i miei, mia sorella e la psi avevano gli occhi lucidi... solo alzando lo sguardo e vedendoli ho capito di quanto dolore c'era dietro quell'episodio... e ho potuto finalmente buttare via quella corazza protettiva che mi ero creata per non farmi schiacciare da tutti quei sentimenti... ci sono stata male è vero... ma è stata anche una grande presa di coscienza....

e poi un'altra cosa che mi ricorderò sempre, che la psi mi ha detto proprio durante le primissime sedute, è che i bambini sono come delle spugne...assorbono,assorbono,assorbono....e hanno le antenne e si accorgono di tutto!!!!

io per esempio non ho ricordi se non dopo i cinque anni circa, a parte un vago ricordo di quando mi operai l'adenoide a tre anni circa!

Sai jok, mi fa un certo effetto leggere di te che racconti e condividi esperienze e sentimenti con la tua famiglia. Almeno i tuoi si sono messi in discussione, almeno sono stati in grado di provare a comprenderti...poi magari non ci sono riusciti o non ne sono in gradi, non so, però devi dargli atto di questo....

Io immagino la stuazione a casa mia...i miei che mi accompagnano dalla psicologa, e fin qui forse lo farebbero....però se penso a mio padre e mia madre (ma anche mai sorella) che sono lì ad ascoltare il mio dolore e a comprenderlo, bhè non riesco proprio a figurarmi la scena....in casa mia il dolore psicologico è un tabù, figuriamoci se se ne può parlare davanti a un'estranea. Mi immagino solo mio padre che si sente accusato di tutto e se ne esce con i suoi discorsi del tipo "abbiamo fatto il massimo, le abbiamo dato questo e quest'altro(ovviamente parlando di cose materiali), dovrebbe rignraziarci, questi piagnistei (i sentimenti) non servono a niente nella vita, mica siamo in televisione" ecc.ecc.e mia madre e mia sorella daccordissimo con lui.....

La cosa che più mi fa soffrire è proprio questa, di non poter condividere il mio cambiamento con loro....di dover prendere coscienza che fra me e loro c'è un abisso incolmabile, e oggi ancora di più che in passato...il dover sapere che tutta la soddisfazione per questo perrcorso, questo grande lavoro interiore resterà sempre e solo affar mio....almeno mio marito in parte lo rendo partecipe, lui è sempre disposto ad ascotlarmi, a capire e cambiare anche lui se necessario, lui è molto più aperto di me mentalmente, questo lo devo ammettere....

Ma anche con lui ci sono alcune cose che non posso condividere, ci sono dei punti su cui lui stesso, pone delle sue resistenze, insomma la beffa dell'analisi, come dice la mia psi è proprio la solitudine nel quale si affrontano gioie e dolori, cadute e riprese, soddisfazioni grandi e maturità acquisite...ma forse è proprio il dover vivere tutto questo in solitudine che contribuisce a elaborarlo come si deve....

Certo è che mi sarebbe tanto piaciuto avere la possibilità di far conoscere alla mia famiglia d'origine, la vera me!!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

 
scusate se scrivo tanto, ignoratemi pure, ma è come se avessi aperto un finestra su tutta la mia vita e dovessi ammirare ogni piccolo particolare che fin'ora mi è stato negato....se vi sto sulle palle però ditelo pure che magari lo scrivo su un foglio e poi lo strappo... :Sigh:

Tu scrivi degli interventi sempre molto interessanti e stimolanti.....secondo me sarai guarita del tutto quando smetterai di scrivere fesserie come queste due righe qui sopra!

Comunque in generale io apprezzo molto chi scrive col cuore in mano e si prodiga in dettagli per far capire bene cosa vuol dire.

Ciao Priscilla, spero che tornerai presto pienamente operativa!

Avrei anch'io da fare un bel resoconto sulla seduta di ieri, ma ora non posso. Ieri mi ritornavano in mente certe cose dette da Elli riguardo il modo di sentire l'atmosfera della seduta....

Jok, sono curiosissima di sapere che sta combinando la tua psi....e mi piacerebbe molto vederti incazzata :icon_mrgreen:

....anch'io avrei una voglia matta d'incazzarmi con Ric, però vorrei essere certa di farlo a ragion veduta :icon_rolleyes: ....vabbè, poi vi racconto meglio.

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Tu scrivi degli interventi sempre molto interessanti e stimolanti.....secondo me sarai guarita del tutto quando smetterai di scrivere fesserie come queste due righe qui sopra!

:huh:-_-:ph34r::blush::Angel:

....anch'io avrei una voglia matta d'incazzarmi con Ric, però vorrei essere certa di farlo a ragion veduta :icon_rolleyes: ....vabbè, poi vi racconto meglio.

si, facci sapere, anche io in passato ho avuto i miei momenti di "incazzatura" con la psi, però a dire il vero non è successo mai niente di così eclatante da poterle urlare quello che avrei voluto in faccia (anche se nelel mie fantasie succedeva continuamente), poi con il tempo è passata la rabbia ma ho notato che lì dove avevo almeno provato a esprimerla, anche se timidamente e a modo mio (che più che rabbia sembrava le stessi dando una brutta notizia, questo è il massimo che riuscivo a fare!!!) , comunque era scomparsa quella sensazione di frustrazione e di incapacità di esprimere me stessa, anche a rischio di "farle male" o "deluderla"....

Credo che sia importante, più che arrabbiarsi davvero, parlare con loro di questa rabbia che proviamo...aspettiamo il tuo resoconto...anche a me piace leggere i dettagli!!!! ^_^

Link al commento
Condividi su altri siti

 
si, facci sapere, anche io in passato ho avuto i miei momenti di "incazzatura" con la psi, però a dire il vero non è successo mai niente di così eclatante da poterle urlare quello che avrei voluto in faccia (anche se nelel mie fantasie succedeva continuamente), poi con il tempo è passata la rabbia ma ho notato che lì dove avevo almeno provato a esprimerla, anche se timidamente e a modo mio (che più che rabbia sembrava le stessi dando una brutta notizia, questo è il massimo che riuscivo a fare!!!) , comunque era scomparsa quella sensazione di frustrazione e di incapacità di esprimere me stessa, anche a rischio di "farle male" o "deluderla"....

beh si anch'io nella seduta prima delle vacanze non gli ho urlato dietro... mi sa che anche il mio tono era più da "cattiva notizia" che da incaxxatura... ma come dici tu, parlare ha sciolto la frustrazione.

(i miei caxxiatoni si riferiscono ad altre sedute, una in particolare in cui ero nervosissima e l'ho strapazzato assai... :He He:)

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
La cosa che più mi fa soffrire è proprio questa, di non poter condividere il mio cambiamento con loro....di dover prendere coscienza che fra me e loro c'è un abisso incolmabile, e oggi ancora di più che in passato...il dover sapere che tutta la soddisfazione per questo perrcorso, questo grande lavoro interiore resterà sempre e solo affar mio....almeno mio marito in parte lo rendo partecipe, lui è sempre disposto ad ascotlarmi, a capire e cambiare anche lui se necessario, lui è molto più aperto di me mentalmente, questo lo devo ammettere....

Ma anche con lui ci sono alcune cose che non posso condividere, ci sono dei punti su cui lui stesso, pone delle sue resistenze, insomma la beffa dell'analisi, come dice la mia psi è proprio la solitudine nel quale si affrontano gioie e dolori, cadute e riprese, soddisfazioni grandi e maturità acquisite...ma forse è proprio il dover vivere tutto questo in solitudine che contribuisce a elaborarlo come si deve....

Certo è che mi sarebbe tanto piaciuto avere la possibilità di far conoscere alla mia famiglia d'origine, la vera me!!!!

questa cosa mi fa riflettere... sai, io do abbastanza per scontato il non poter condividere tanti lati di me con i miei genitori. compreso il cambiamento che sta avvenendo con la terapia, anche se in realtà secondo me anche se non ne parliamo esplicitamente, chi ci sta intorno coglie la nostra maggiore serenità e consapevolezza. è qualcosa che emerge. in realtà credo che i tuoi, anche se non ammetteranno mai l'importanza dei sentimenti ecc, allo stesso modo notino che sei diversa e stai meglio...

comunque credo che sia una condizione abbastanza normale, non poter condividere molte parti di se con i genitori.

perchè per te è così importante? sembra quasi che tu senta ancora il bisogno della loro legittimazione, del loro riconoscimento, per poter essere veramente te stessa.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

allora brevemente...tanto il mal di testa non mi lascia...

è stata un seduta tranquilla. ho parlato di un fatto che mi ha molto colpito, successo durante le ferie... mi è servito parlarne, ma questo mi ha evitato di toccare argomenti più pesanti. non ne avevo voglia, in fondo.

giovanni in realtà voleva ripartire da dove ci eravamo lasciati. dalle cose che gli avevo detto l'ultima seduta, della "mancanza di empatia" che avevo sentito da parte sua verso la mia sofferenza...

e qui inizio la descrizione di una mente in vacanza: mi accorgo di non ricordare esattamente cosa gli avessi detto nell'ultima seduta... mhhh

gli ho detto chiaramente che durante le vacanze ero stata bene perchè "non ho pensato". ho spento il cervello e ho messo da parte i pensieri angosciosi. giovanni ha detto "finalmente". trova positivo che sia riuscita ad "autosedarmi" senza bisogno di medicine... (mi sa che la mia angoscia era davvero ai livelli di guardia). e mi ha detto che mi trovava bene e di non fare nulla questa settimana, di cercare di arrivare da lui settimana prossima con la stessa tranquillità, con il cervello ancora "in vacanza" per vedere di affrontare con un po' di serenità un po' di argomenti che sono rimasti "sul piatto" sia dal mese di luglio, che da molto più tempo... ad esempio mi ha detto che vorrebbe parlare un po' di mia madre. e questo mi ha fatto venire in mente che una sera mentre ero in vacanza, passeggiando col mio compagno, gli avevo proprio accennato a qualcosa su mia madre e su come mi rendessi conto di non aver mai approfondito la questione in terapia... cosa ho accennato al mio compagno? non me lo ricordo!

altri sintomi di una mente in vacanza?

a inizio seduta giovanni mi chiede se l'ho sognato.

mi viene in mente che: "si, si ti ho sognato...però cavoli, non riesco a ricordare..."

il bello è che di questo sogno avevo parlato al mio compagno. (tornata a casa dopo la seduta gliel'ho chiesto "ti ricordi che t'avevo raccontato un sogno su giovanni?" lui" si, si" te lo ricordi il sogno? "no" :(: )

questo per dire come ho rimosso un sogno che mi aveva colpito tanto da raccontarlo al mio compagno...

altra dimenticanza? il pagamento. dovevo pagarlo ma me ne son scordata...

più in vacanza di così! però io eseguo gli ordini e cerco di rimanere in questo stato per un'altra settimana...per cui: via pensieri angosciosi! sciò!!!

quindi non ci fate caso se vi sembrerò un po' (più) svampita del solito, eh!

Link al commento
Condividi su altri siti

 

oh judi a me piace invece sentirti così.... beh non è stata male come seduta di rientro... il fatto che tu non l'abbia pagato mi fa riflettere.... a me è successo una volta sola e la seduta era stata devastante... quando sono arrivata a casa mi sono stupita di come sia riuscita a guidare la macchina in quelle condizioni...ero stravolta... per dirti... non preoccuparti assolutamente per la tua "svampitaggine".... noi non ci faremo caso :D:

mi fate sorridere quando chiamate i vostri psi per nome...

comunque leggo alcune di voi molto bene, in ripresa...e sono davvero contenta e sollevata per voi, per noi... a dispetto di chi dice che la psicoterapia, la psicologia in generale non contano nulla... mah!

in realtà sono un pò vuota di contenuti in quest'ultimo periodo.... ma avevo voglia di scrivere...

per rispondere a digi... sono d'accordo con judi quando afferma che i tuoi si accorgono dei cambiamenti eccome... già il cambiamento fisico conta moltissimo...è quello è impossibile non notarlo... probabilmente è la paura che blocca le vostre relazioni... e comunque giusy ti posso solo dire che sì, moltissime cose sono state chiarite in terapia, altre messe in luce, altre affrontate, altre hanno subito un cambiamento, come alcuni comportamenti da parte di alcuni dei componenti della mia famiglia... ma sono stati cambiamenti di breve durata... e forse le abitudini e i modi di pensare di ognuno alla fine prevalgono sempre su qualsiasi modifica si voglia fare... per citarti un esempio: questa mattina ho avuto l'ultima lite con mia madre per la stessa medesima storia che va avanti da 22 anni... la sua apprensione e preoccupazione per qualsiasi cosa... non ti fa respirare, e appena glielo fai notare se ne rende conto (alcune volte!) e ne soffre o perchè ritiene che noi siamo troppo esagerate (io e mia sorella), o perchè si colpevolizza... insomma... a volte sti genitori fanno proprio tribolare....!!!!

zazà non preoccuparti ti tengo informata...e...guarda pochissime persone mi hanno vista davvero arrabbiata, ma proprio poche, forse 2, 3... e credimi si sono spaventate a morte... io sono la calma, la tranquillità, la moderazione fatta persona... (non è un vanto, anche perchè tenersi tutto dentro e rimuovere porta a stare male!!!)...ma se mi infervoro... scoppio davvero...e lì son biiiiip!!!!

notte dolci donzelle...

jok...

Link al commento
Condividi su altri siti

 

ciao ragazze, judy, passato il mal di testa ????

Come seduta di rientro mi pare molto positiva, più che altro avete rifatto il punto della situazione, sai la mia psi molte volte mi ha chiesto di andare in seduta con la "testa vuota", in passato mi capitava di entrare lì con l'argomento pronto, non perchè lo cercassi di proposito ma perchè continuava a girarmi in testa, DOVEVO parlarne!!!

Però è anche vero che ogni volta che sono approdata lì senza pensieri in testa, dopo una settimana senza pensieri angosciosi (cosa che mi capita molto ultimamente), e ho trovato difficoltoso iniziare la seduta reimmergendomi nel mio inconscio, sono venute fuori cose molto importanti....temi che davvero non avrei immaginato....quindi probabilmente è una cosa generale.... credo che il fatto di non averci pensato, ci porta a dire cose, anche apparentemente di poca improtanza, che però rivelano punti interessanti che altrimenti (forse) terremmo più a bada....(inconsciamente intendo).

Riguardo a me e ai miei genitori, credo che non è una questione di approvazione, forse è l'esatto contrario, è il mio modo per dire loro "guardate come sono diversa da voi", "guardate chi sono veramente", è più forse una rivincita che vorrei prendermi....ma anche questo sa di un tentativo di attirare l'attenzione, un pò come i bambini che disobbediscono per farsi "vedere"...anche a rischio di prenderle.....ne devo parlare con la psi, grazie per lo spunto...

Intanto dopo una giornata passata a contatto con mia sorella (venerdì a un amtrimonio in cui siamo andate da sole, senza le nostre famiglie) e insieme ai miei, mi sono accorta di non stare affatto bene....mi sono alzata da poco stavo facendo un sogno, rivivevo la partenza di una mia amica del Piemonte che è stata qui questi giorni, e dopo un pò lei era dinuovo in macchina con me e io le chiedevo come mai era ancora qui, e poi la salutavo dinuovo e poi era dinuovo con me e le chiedevo ansiosamente quando sarebbe andata via...è come se avessi difficoltà a lasciar andare una parte di me, o meglio a farla "partire", che forse è la parola chiave....partenza vuol dire anche "inizio", era come se la trattenessi dal partire.....lei mi spiegava quando sarebbe partita ma io non capivo e confondevo le idee anche a lei....

Così in questa attesa affannosa della "partenza", sono due giorni che mangio in modo incontrollato, non mi abbuffo più ormai da mesi ma me ne accorgo dall'importanza che dò al cibo....qualcosa non va!!!!

Comunque considero un passo avanti già il solo rendermi conto e poter controllare anche se in modo forzato, la situazione....da domani mi rimetto in riga con il mangiare e cerco di capire cosa mi ha turbato....o forse già lo so....porca miseria!!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Come seduta di rientro mi pare molto positiva, più che altro avete rifatto il punto della situazione, sai la mia psi molte volte mi ha chiesto di andare in seduta con la "testa vuota", in passato mi capitava di entrare lì con l'argomento pronto, non perchè lo cercassi di proposito ma perchè continuava a girarmi in testa, DOVEVO parlarne!!!

Però è anche vero che ogni volta che sono approdata lì senza pensieri in testa, dopo una settimana senza pensieri angosciosi (cosa che mi capita molto ultimamente), e ho trovato difficoltoso iniziare la seduta reimmergendomi nel mio inconscio, sono venute fuori cose molto importanti....temi che davvero non avrei immaginato....quindi probabilmente è una cosa generale.... credo che il fatto di non averci pensato, ci porta a dire cose, anche apparentemente di poca improtanza, che però rivelano punti interessanti che altrimenti (forse) terremmo più a bada....(inconsciamente intendo).

eccomi qua. il mal di testa è passato...

in realtà non abbiamo fatto il punto. forse lui avrebbe voluto ma io ho voluto parlare d'altro (:He He:)

lui era contento che avessi spento il cervello in vacanza, non tanto ai fini della seduta, ma proprio per me. ha parlato di come quando la mente sia imprigionata in pensieri ripetitivi e angosciosi non si riesca più nemmeno ad essere lucidi. quindi era solo contento di constatare che fossi riuscita a staccare la mente, soprattutto dopo l'ultimo periodo.

sto cercando di rimanere in questo stato mentale... anche se è molto più semplice staccare la testa quando si è in vacanza, purtroppo... però almeno fino a venerdì ci provo. pensavo che negli ultimi mesi ho avuto la sensazione di "condurre" io la terapia, anche se mi rendo conto che non è proprio così, diciamo che lui si muoveva nelle retrovie, senza che me ne rendessi conto... comunque venerdì vorrei mollare a lui il "pannello di controllo". non ho nessun tema di cui DEVO per forza parlare, anche perchè alcune cose, anche alcune conclusioni un po' amare, per me son li, inamovibili, che gliene parli venerdì o fra un mese, cambia poco. invece vorrei proprio capire il suo punto di vista sulle cose che ho detto nell'ultima seduta (quella delle mie critiche, quella di cui ricordo poco...), vorrei sapere che punti secondo lui meritano un approfondimento. anche il discorso di mia madre... non riesco a cogliere il collegamento con gli argomenti di quella seduta, e allora vorrei capire perchè lui vuole parlarne. qual'è il collegamento che ci ha visto...

insomma, voglio davvero lasciar condurre a lui stavolta. vediamo come va.

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
eccomi qua. il mal di testa è passato...

in realtà non abbiamo fatto il punto. forse lui avrebbe voluto ma io ho voluto parlare d'altro (:He He:)

lui era contento che avessi spento il cervello in vacanza, non tanto ai fini della seduta, ma proprio per me. ha parlato di come quando la mente sia imprigionata in pensieri ripetitivi e angosciosi non si riesca più nemmeno ad essere lucidi. quindi era solo contento di constatare che fossi riuscita a staccare la mente, soprattutto dopo l'ultimo periodo.

sto cercando di rimanere in questo stato mentale... anche se è molto più semplice staccare la testa quando si è in vacanza, purtroppo... però almeno fino a venerdì ci provo. pensavo che negli ultimi mesi ho avuto la sensazione di "condurre" io la terapia, anche se mi rendo conto che non è proprio così, diciamo che lui si muoveva nelle retrovie, senza che me ne rendessi conto... comunque venerdì vorrei mollare a lui il "pannello di controllo". non ho nessun tema di cui DEVO per forza parlare, anche perchè alcune cose, anche alcune conclusioni un po' amare, per me son li, inamovibili, che gliene parli venerdì o fra un mese, cambia poco. invece vorrei proprio capire il suo punto di vista sulle cose che ho detto nell'ultima seduta (quella delle mie critiche, quella di cui ricordo poco...), vorrei sapere che punti secondo lui meritano un approfondimento. anche il discorso di mia madre... non riesco a cogliere il collegamento con gli argomenti di quella seduta, e allora vorrei capire perchè lui vuole parlarne. qual'è il collegamento che ci ha visto...

insomma, voglio davvero lasciar condurre a lui stavolta. vediamo come va.

interessante questa cosa di tua madre, a sto punto anche io vorrei capire fossi in te, visto che ha tirato fuori l'argomento credo sia il caso di parlarne e magari riuscirai anche a vedere le cose da un'angolazione diversa, non migliore o peggiore ma diversa, una delle tante sfaccetature che ci servono però a comporre il quadro....a vederlo per intero...

Vuol dire che ti aiuteremo a non pensare ai fatti tuoi questa settimana, anzi ti ho madnato un mp bello pieno, per tenerti la mente occupata.....visto che amica che sono!!!! :Just Kidding::Whistle:

ciao ragazze !

anche se non scrivo vi leggo !!

come mai non scrivi Fra? Mancanza di tempo o poca voglia o qualcosa non va???

Link al commento
Condividi su altri siti

 
come mai non scrivi Fra? Mancanza di tempo o poca voglia o qualcosa non va???

grazie Giusy, sei un tesoro !!

non scrivo perchè non riesco proprio a interagire, a tirar fuori niente

però sto bene e mi fa piacere leggervi !!

appena mi sblocco ritorno !! :;):

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 

ciao digi......che bello rileggerti

Fra......ciao...non preoccuparti!

Io sono agitata!La seduta di giovedi ha toccato punti nevralgici.....posso raccontarvi?non riesco a non pensarci!!Son confusa!Cavoli stavo bene!!Penso sempre a cosa ci siam detti e ho elaborato un sacco di cose!!

Ciao judi,pensavo leggendo l'esito della seduta....come le libere associazioni....sono importanti anche se non fai psicoanalisi!Lui ha associato qualcosa al rapporto con tua mamma!Interessante!ti 'sento'serena!

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Io sono agitata!La seduta di giovedi ha toccato punti nevralgici.....posso raccontarvi?non riesco a non pensarci!!Son confusa!Cavoli stavo bene!!Penso sempre a cosa ci siam detti e ho elaborato un sacco di cose!!

racconta racconta.....almeno non sembra che ho preso il monopolio del topic :Worried: ....e poi secondo me se scrivi quello che ti passa per la mente riesci anche a elaborare meglio ciò che vi siete detti, poi vabè le nostre risposte saranno sicuramente illuminanti!!!! :Batting Eyelashes::Chicken:

Adesso devo andare ma ritorno fra un pò, così ti leggo..... :Four Leaf Clover:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
grazie Giusy, sei un tesoro !!

non scrivo perchè non riesco proprio a interagire, a tirar fuori niente

però sto bene e mi fa piacere leggervi !!

appena mi sblocco ritorno !! :;):

e noi ti aspettiamo...intanto io detengo il monopolio delle minchiate, :Talking Ear Off:, mi devo rifare dopo l'assenza estiva no???? :spiteful:

Link al commento
Condividi su altri siti

 

approposito vi volevo presentare il mio gattino....sapete la storia dei sogni ricorrenti sui gattini, durante tutto il periodo dell'analisi? Che erano parti di me che non osavo riprendermi...ecco adesso pian paino sto recuperando quelle parti (anche in sogno), così ho deciso di prendere anche un gattino vero, sia per fare una sorpresa a mio figlio sia per sentire ancora più vero il cambiamento....

Ecco Ivan.........il "terribb-le", mentre dorme con il suo topolino...mi dà un sacco da fare però è davvero un regalone che mi sono fatta....

cimg2500.jpg

Link al commento
Condividi su altri siti

 
racconta racconta.....almeno non sembra che ho preso il monopolio del topic :Worried: ....e poi secondo me se scrivi quello che ti passa per la mente riesci anche a elaborare meglio ciò che vi siete detti, poi vabè le nostre risposte saranno sicuramente illuminanti!!!! :Batting Eyelashes::Chicken:

si, si anch'io son curiosa...

Link al commento
Condividi su altri siti

 
approposito vi volevo presentare il mio gattino....sapete la storia dei sogni ricorrenti sui gattini, durante tutto il periodo dell'analisi? Che erano parti di me che non osavo riprendermi...ecco adesso pian paino sto recuperando quelle parti (anche in sogno), così ho deciso di prendere anche un gattino vero, sia per fare una sorpresa a mio figlio sia per sentire ancora più vero il cambiamento....

Ecco Ivan.........il "terribb-le", mentre dorme con il suo topolino...mi dà un sacco da fare però è davvero un regalone che mi sono fatta....

cimg2500.jpg

che bello il micio... il topo è quello dell'ikea?

beata te che recuperi "parti". io invece me le perdo per strada...

si perchè pur non pensando un po' questa cosa l'ho focalizzata... alcuni sogni...

io son quella del forum che si analizza i sogni da sola. però credo credo di aver colto quello che certi sogni mi volevano comunicare.

vabbuò mi fermo qua perchè: A non voglio pensare B tanto non ci riuscirei

oggi sono un po' malinconica, mi sono svegliata con questo sentimento "appiccicato" da un sogno.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    • Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.