Vai al contenuto
  • Pubblicità

ARLEY

E se ci si innamora dello psicologo?

Messaggi consigliati

non so come mai ma sono davvero tanto giù... Solo un paio di settimane fa mi pareva di essere a un punto di svolta, mi sentivo bene, forte e adesso invece mi sembra di star cadendo in un buco nero e non so come uscirne. Vabbè , scusate lo sfogo, adda passa' a nuttata !!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


o frò, capita anche a me.Un giorno mi sento un leone e l'altro sono nella ca@@a...secondo me i cambiamenti che avvengono in una persona durante la terapia fanno notare cosa che prima passavano inosservate e sembra che tutto crolli all'improvviso, altre volte sono normali "scivolate" ma visto che sembrava di aver svoltato si rimaniamo un pò interdetti.

baci baci se hai bisogno di raccoglierti ti presto un cucchiaino.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
non so come mai ma sono davvero tanto giù... Solo un paio di settimane fa mi pareva di essere a un punto di svolta, mi sentivo bene, forte e adesso invece mi sembra di star cadendo in un buco nero e non so come uscirne. Vabbè , scusate lo sfogo, adda passa' a nuttata !!

Dai Fra lo sai ormai, sono periodi, magari stai elaborando qualcosa, pensaci bene ,scrutati ddentro...in fondo se c'è sto buco nero, probabilente devi farci i conti... :abbr:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
non so come mai ma sono davvero tanto giù... Solo un paio di settimane fa mi pareva di essere a un punto di svolta, mi sentivo bene, forte e adesso invece mi sembra di star cadendo in un buco nero e non so come uscirne. Vabbè , scusate lo sfogo, adda passa' a nuttata !!

se posso esserti d'aiuto, non hai che da chiamare.

:abbr:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Dai Fra lo sai ormai, sono periodi, magari stai elaborando qualcosa, pensaci bene ,scrutati ddentro...in fondo se c'è sto buco nero, probabilente devi farci i conti... :abbr:

l'ho fatto un pò anche mio questo post... scusatemi :blush:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
l'ho fatto un pò anche mio questo post... scusatemi :blush:

io sono bravissima nei consigli agl ialtri, proprio come la frogga, ma poi riguardo a me...son durissima!!! :icon_surprised:

Sono due giorni che mi gira in mente sto sogno ch ho fatto, vi pregodatemi un parere che io mi sento condizionata!

Ho sognato che andavo a caccia di serpenti (da piccola facevo queste cose con i miei amici in campagna d'estate) forse c'era mio marito!

Rivoltavo le pietre e sotto c'erano tantissimi serprentelli neri, di quelli non velenosi. Avevamo del silicone con cui a volte tappavamo alcuni buchi delle pietre affinchè non uscissero! Ma era più per gioco che per un motivo particolare! Non li temevo questi seprentelli, benchè mi facesse un pochino senso vederli tutti insieme!

Però mentre cercavo io era come se mi aspettassi di trovarne uno grande, enorme che mi avrebbe dato un pò di adrenalina nella caccia! A un certo punto , quasi delusa vedo sotto una grande peitra e c'era un seprente grandissimo, con delle uova che teneva al centro del suo corpo attorcigliato! Lui si che mi faceva paura, sembrava aggressivo forse per difendere le sue uova!

Abbiamo cominciato a chiudere quanti più buchi della pietra possibile, con il silicone ma lui riusciva a uscire sempre, alla fine mio marito mi ha detto di andare "tanto ormai ha ingoiato tutto quel silicone e morirà ugualmente insieme ai suoi piccoli". A quel punto mi ha fatto quasi pena e ho sentito che forse non era poi così spaventoso come pensavo, Siamo andati via!

La prima cosa che mi è venuta in mente è stato il peccato! Serpente=peccato! Il silicone è una colla "tiene insieme" ma anche "tappava i buchi" , buchi=vuoti?

Che vuol dì? :icon_rolleyes:

idee?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
io sono bravissima nei consigli agl ialtri, proprio come la frogga, ma poi riguardo a me...son durissima!!! :icon_surprised:

Sono due giorni che mi gira in mente sto sogno ch ho fatto, vi pregodatemi un parere che io mi sento condizionata!

Ho sognato che andavo a caccia di serpenti (da piccola facevo queste cose con i miei amici in campagna d'estate) forse c'era mio marito!

Rivoltavo le pietre e sotto c'erano tantissimi serprentelli neri, di quelli non velenosi. Avevamo del silicone con cui a volte tappavamo alcuni buchi delle pietre affinchè non uscissero! Ma era più per gioco che per un motivo particolare! Non li temevo questi seprentelli, benchè mi facesse un pochino senso vederli tutti insieme!

Però mentre cercavo io era come se mi aspettassi di trovarne uno grande, enorme che mi avrebbe dato un pò di adrenalina nella caccia! A un certo punto , quasi delusa vedo sotto una grande peitra e c'era un seprente grandissimo, con delle uova che teneva al centro del suo corpo attorcigliato! Lui si che mi faceva paura, sembrava aggressivo forse per difendere le sue uova!

Abbiamo cominciato a chiudere quanti più buchi della pietra possibile, con il silicone ma lui riusciva a uscire sempre, alla fine mio marito mi ha detto di andare "tanto ormai ha ingoiato tutto quel silicone e morirà ugualmente insieme ai suoi piccoli". A quel punto mi ha fatto quasi pena e ho sentito che forse non era poi così spaventoso come pensavo, Siamo andati via!

La prima cosa che mi è venuta in mente è stato il peccato! Serpente=peccato! Il silicone è una colla "tiene insieme" ma anche "tappava i buchi" , buchi=vuoti?

Che vuol dì? :icon_rolleyes:

idee?

che significa che ti senti condizionata da questo sogno??

ma stesso nel sogno hai pensato che forse era aggressivo per difendersi?

forse questo sogno ti invita a rivisitare un tuo modo di porti rispetto a qualcosa? me lo fanno pensare tutte le considerazioni che fai durante il sogno riguardo questo animale che ti suscita sentimenti contrastanti, prima lo cerchi perché hai bisogno di emozione, poi ne sei spaventata e una volta che ce l'hai sotto controllo, cioè lo hai "accoppato" ti fa pena...

nel frattempo ti sono venute altre associazioni?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
che significa che ti senti condizionata da questo sogno??

ma stesso nel sogno hai pensato che forse era aggressivo per difendersi?

forse questo sogno ti invita a rivisitare un tuo modo di porti rispetto a qualcosa? me lo fanno pensare tutte le considerazioni che fai durante il sogno riguardo questo animale che ti suscita sentimenti contrastanti, prima lo cerchi perché hai bisogno di emozione, poi ne sei spaventata e una volta che ce l'hai sotto controllo, cioè lo hai "accoppato" ti fa pena...

nel frattempo ti sono venute altre associazioni?

ciao zazà.

Condizionata non dal sogno..è che ho paura di protare acqua al mio mulino interpretandolo come meglio mi garba! ho puara di non voler vedere qualche aspetto importante! Per questo prima di provare a dire la mia volevo qualche parere!

non ho capito al seconda domanda. :icon_rolleyes:

Devo pensare sull'ultiam considerazione, è un pò quello che ho pensato io...ora è diffcile spiegare tutto qui, in quanto rigurda cose un pò vecchie relative all'analisi.

Grazie comunque zazà, mi è servito, se mi spieghi meglio il senso della seconda domanda ti rispondo volentieri!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

no, vabbè, era un dettaglio, ti chiedevo se la domanda sulla motivazione della sua aggressività te l'eri fatta stesso nel sogno oppure dopo, da sveglia.

perché suppongo (gioco a fare l'allegra psicologa) che se l'hai pensato nel sogno può voler dire che già ad un livello più profondo cerchi di elaborare lo spavento, quindi non solo con la razionalità che interviene da svegli.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
no, vabbè, era un dettaglio, ti chiedevo se la domanda sulla motivazione della sua aggressività te l'eri fatta stesso nel sogno oppure dopo, da sveglia.

perché suppongo (gioco a fare l'allegra psicologa) che se l'hai pensato nel sogno può voler dire che già ad un livello più profondo cerchi di elaborare lo spavento, quindi non solo con la razionalità che interviene da svegli.

tutto ciò che ho scritto a livello emozionale riguarda il sogno! quindi si l'ho pensato durante il sogno!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

digi, butto lì... ma tieni conto che probabilmente proietto alla grande... :Thinking:

questa caccia al serpente non potrebbe essere una metafora della tua terapia?? cerchi i serpenti sotto le pietre (guardi nell'inconscio), all'inizio trovi solo serpentelli, sono tanti, si trovano facilmente e non sono pericolosi (inizi ad affrontare alcune situazioni, inizi a tappare i buchi) ma sai che non sono il bandolo della matassa, quello che invece, trovandolo, ti darebbe adrenalina... hai quasi perso le speranze quando invece lo trovi, ti fa molta paura affrontarlo ma insieme a tuo marito (una persona ate molto vicina, di cui ti fidi... la psi???) iniziate a lavorare tappando più buchi possibile... il serpente non è reso del tutto inoffensivo, però tuo marito (..psi??) ti rassicura dicendo che ormai non potrà più farti del male... tu te ne vai (dalla terapia?), ora ti accorgi che era possibile affrontarlo e avere la meglio, e provi un pò di dispiacere (per aver concluso la caccia..?)

la psi mi ha finalmente inviato la tesina... però dopo che io l'ho sollecitata, una settimana e mezza dopo che mi aveva detto che me l'avrebbe inviata in quanto pronta... :Frustrated: questa cosa mi ha fatto inc@zzare da morire... :aggressive: si è scusata dicendo che non aveva avuto tempo...

Mi ha chiesto di fornirle indicazioni in merito... boh, sinceramente non ho capito molto bene cosa si aspetta, se un commento, delle correzioni, boh??

Riguardo al contenuto.. devo ancora metabolizzare il tutto... però ho trovato solo in parte le risposte che cercavo (ad esempio cosa provasse nei miei confronti, eccetto una certa insofferenza per la lentezza del progredire della terapia all'inizio, cosa che peraltro a me era arrivato benissimo)... cmq è stato molto utile rivedere il tutto sotto una luce diversa (anche se secondo me ha omesso alcune parti importanti), ora sento che la terapia è davvero conclusa.

Ci rivedremo ancora una volta a dicembre, sicuramente ne parleremo...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

ape mi ha idato delle idee, ci penso su! Grazie!

Quindi finalmente hai la tesina!!! :p: Credo che ci vorrà un pò appunto per metabolizzare questo suo punto di vista! Mi pare particoalre i lfatto chesecondo te ci sono dei punti importanti che lei ha omesso! Ma mi pare pure giusto che ugnono poi veda più o meno importanti alcune cose, c' èda dire che per te il valore dell'analisi è molto diverso da quello che ha per lei! Proprio in virtù dei ruoli che ricoprite, diametralmente opposti!

Mi fa sorridere questa cosa dell'insofferenza da parte sua nel primo periodo, sai che anche la mia psi ha ammesso più di uan volta che a volte era insofferente (ha usato proprio questo termine) per il progredire lento che ho avuto in certi periodi , un pò "stagnanti" direi! Io una volta le risposi "pensi quanto ero insofferente io"!!!!! Però appunto questa è la dimostrazione che loro hanno interesse a farci "guarire" e non a trattenerci il più possibile come molti pensano! Altrimenti cosa interesserebbe a loro se noi ci mettessimo un mese o un anno a superare alcune tappe del percorso?

Riguardo al transfert c'è qualcosa di interessante? :Nerd:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
e se hanno avuto momenti di insofferenza le vostre psi... chissà il mio! :(:

Eh, ieri sera ci pensavo anch'io, al mio 836468.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

beh però dai, bisogna capire il perchè....cioè non è che se vostra terapia dura di più vuol dire che voi siete più bloccate di noi, può dipendere da tante cose, quindi non vi fate menate!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
ape mi ha idato delle idee, ci penso su! Grazie!

Quindi finalmente hai la tesina!!! :p: Credo che ci vorrà un pò appunto per metabolizzare questo suo punto di vista! Mi pare particoalre i lfatto chesecondo te ci sono dei punti importanti che lei ha omesso! Ma mi pare pure giusto che ugnono poi veda più o meno importanti alcune cose, c' èda dire che per te il valore dell'analisi è molto diverso da quello che ha per lei! Proprio in virtù dei ruoli che ricoprite, diametralmente opposti!

Mi fa sorridere questa cosa dell'insofferenza da parte sua nel primo periodo, sai che anche la mia psi ha ammesso più di uan volta che a volte era insofferente (ha usato proprio questo termine) per il progredire lento che ho avuto in certi periodi , un pò "stagnanti" direi! Io una volta le risposi "pensi quanto ero insofferente io"!!!!! Però appunto questa è la dimostrazione che loro hanno interesse a farci "guarire" e non a trattenerci il più possibile come molti pensano! Altrimenti cosa interesserebbe a loro se noi ci mettessimo un mese o un anno a superare alcune tappe del percorso?

Riguardo al transfert c'è qualcosa di interessante? :Nerd:

già, finalmente la tanto agognata tesina...!!! Riguardo alle omissioni, credo fosse inevitabile, d'altra parte condensare 3 anni di terapia in 20 pagine non era cosa da poco... il taglio della tesina è poi quello di un candidato all'esame di specializzazione, quindi è stata data evidenza a come sono state affrontate le varie fasi della terapia, le sue difficoltà e cosa ha imparato da esse... e poi quasi metà della tesina riguarda la mia storia di vita, il mio vissuto emotivo, le mie relazioni famigliari (su cui era inevitabile dilungarsi non poco) ed extrafamigliari...

Quello che manca totalmente (e che per me sarebbe stata la cosa più interessante) sono le sue reazioni emotive... l'insofferenza che ha provato era legata prevalentemente alla sua ansia da prestazione, il bisogno di concludere la terapia bene e in breve tempo per dimostrare a se stessa di essere una brava terapeuta...

E poi per me è stata cruciale la fase della mia richiesta di amicizia, perchè mettevo in gioco la mia paura del rifiuto, della non accettazione... e che nonostante sapessi fin dal principio essere un fallimento, ho voluto agire comunque... la sua reazione era stata quella che mi aspettavo, molto professionale e con un certo distacco, però io ci avevo letto anche del disagio che non ero riuscita a spiegarmi... ma nella tesina di tutto ciò non si fa cenno... :unknw:

Riguardo al transfert c'è poco o nulla... c'è da dire che nella terapia costruttivista è molto importante la relazione terapeutica ma più che di transfert si parla di attaccamento...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
e se hanno avuto momenti di insofferenza le vostre psi... chissà il mio! :(:

beh però dai, bisogna capire il perchè....cioè non è che se vostra terapia dura di più vuol dire che voi siete più bloccate di noi, può dipendere da tante cose, quindi non vi fate menate!!!

e invece secondo me l'insofferenza ce l'ha eccome!

In parte ho già risposto nel post precedente, l'insofferenza era più che altro legata a problemi suoi di ansia da prestazione, che mal si combinano con una paziente che risponde a monosillabi e il cui mondo emotivo era quasi totalmente sconosciuto.... per farti capire, siamo andate avanti un bel pò che lei mi chiedeva cosa ha provato, come sta, ecc. e lei mie uniche risposte erano bene/male... niente altro... credo che un pò di insofferenza sarebbe venuta anche al padreterno!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

guarda a me scoccia pure ripeterlo ogni volta ma siamo proprio così simili che continua a meravigliarmi ogni volta!

Anche io ero completamente allo scuro di ciò che accadeva nella mia interiorità, tant'è che pure io quando mi chiedeva "cosa ha provato"? Io rispondevo direttamente "non so". E in effetti non riuscivo a trovare nulla che ptoesse essere associato all'emozione, alla sensazione! C'è voluto un bel pò per aprirmi, non a lei am proprio a me stessa! Per permettermi di "provare" davvero qualcosa! Visti i presupposti da cui siamo partite, insomma non mi lamento se poi oggi non riesco molto spesso a gestire queste caxxo di emozioni!

Se prima non sapevo perchè piangevo, oggi lo so, ma insomma piango lo stesso, soffro lo stesso! E allora come si va avanti? Boh! Mi restano in mente le parole delal psi nell'ultima seduta: "non è detto che la consapevolezza corrisponda a un cambiamento, a volte avviene molto dopo altre non avviene proprio"!!! Ecco bene...mi stava aavvisando forse? No perchè io in questi giorni mi sento in altissimo mare!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

sapete qual'è il bello? Che mi sento pure in colpa con voi, dopo avervi raccontato una bella fine, oggi pare che sto messa peggio di chi una psicoterapia ancora deve comiciarla!!! Bell'esempio da riportare ogni votla che qualcuno mette in dubbio la psicoterapia, no Judy? :(:

Non è durata nememno due settimane! Complimenti vivissimi a me stessa!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
g

Anche io ero completamente allo scuro di ciò che accadeva nella mia interiorità, tant'è che pure io quando mi chiedeva "cosa ha provato"? Io rispondevo direttamente "non so". E in effetti non riuscivo a trovare nulla che ptoesse essere associato all'emozione, alla sensazione! C'è voluto un bel pò per aprirmi, non a lei am proprio a me stessa! Per permettermi di "provare" davvero qualcosa! Visti i presupposti da cui siamo partite, insomma non mi lamento se poi oggi non riesco molto spesso a gestire queste caxxo di emozioni!

Se prima non sapevo perchè piangevo, oggi lo so, ma insomma piango lo stesso, soffro lo stesso! E allora come si va avanti? Boh! Mi restano in mente le parole delal psi nell'ultima seduta: "non è detto che la consapevolezza corrisponda a un cambiamento, a volte avviene molto dopo altre non avviene proprio"!!! Ecco bene...mi stava aavvisando forse? No perchè io in questi giorni mi sento in altissimo mare!

Il problema della gestione delle emozioni ci accomuna in parecchie...anch'io rispondevo sempre non so,a.... come si sente? questa cosa le piace? quest'altra la fa arrabbiare? (rabbia questa sconosciuta!), qual'è stata la sua sensazione nel sogno o al risveglio? E non preoccuparti che anche ora che ho finito non mi sembra di sapere con esattezza tutto questo..... sono convinta che guarire proprio non si guarisce, piuttosto si conosce, spesso si gestisce, si "sente"..

Credo che abbia ragione la tua psi, questo periodo, il dopo terapia non è ancora il momento conclusivo e l'elaborazione solitaria di questo bisogno ancora forte che, almeno io, ho di lei, di sentirla, di raccontarle....è forse la vera ultima fase, si poteva rimanere in terapia per anni, ma come stiamo senza non avremmo potuto discuterlo mai. Mi manca da morire ...avete letto la lettera alla madre morta di Pirandello? se la trovo la posto...in sostanza le dice che è lui ad essere morto: lei sarà sempre la madre, è lui che muore, che non è più figlio perchè non può essere più pensato da lei ....ovviamente Pirandello ha un'altra prosa :Big Grin:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

ciao , anch'io ho smesso la psicoterapia , forse ho sbagliato forse nn ero ancora pronta , forse dovevo essere meno avventata....forse mi sembrava di stare meglio e invece era solo un fuoco di paglia..... :cray:

saremo mai pronte a camminare sole ..... :cry:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
sapete qual'è il bello? Che mi sento pure in colpa con voi, dopo avervi raccontato una bella fine, oggi pare che sto messa peggio di chi una psicoterapia ancora deve comiciarla!!! Bell'esempio da riportare ogni votla che qualcuno mette in dubbio la psicoterapia, no Judy? :(:

Non è durata nememno due settimane! Complimenti vivissimi a me stessa!

Non lasciarti condizionare dagli alti e bassi..... :friends:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Il problema della gestione delle emozioni ci accomuna in parecchie...anch'io rispondevo sempre non so,a.... come si sente? questa cosa le piace? quest'altra la fa arrabbiare? (rabbia questa sconosciuta!), qual'è stata la sua sensazione nel sogno o al risveglio? E non preoccuparti che anche ora che ho finito non mi sembra di sapere con esattezza tutto questo..... sono convinta che guarire proprio non si guarisce, piuttosto si conosce, spesso si gestisce, si "sente"..

Credo che abbia ragione la tua psi, questo periodo, il dopo terapia non è ancora il momento conclusivo e l'elaborazione solitaria di questo bisogno ancora forte che, almeno io, ho di lei, di sentirla, di raccontarle....è forse la vera ultima fase, si poteva rimanere in terapia per anni, ma come stiamo senza non avremmo potuto discuterlo mai. Mi manca da morire ...avete letto la lettera alla madre morta di Pirandello? se la trovo la posto...in sostanza le dice che è lui ad essere morto: lei sarà sempre la madre, è lui che muore, che non è più figlio perchè non può essere più pensato da lei ....ovviamente Pirandello ha un'altra prosa :Big Grin:

ciao , anch'io ho smesso la psicoterapia , forse ho sbagliato forse nn ero ancora pronta , forse dovevo essere meno avventata....forse mi sembrava di stare meglio e invece era solo un fuoco di paglia..... :cray:

saremo mai pronte a camminare sole ..... :cry:

ho fatto una strage!!! :icon_confused:

Marilena ha ragione! Oggi va un pò meglio, coem dice zazà si trattadi alti e bassi, insomma mica ptoeva essere tutto rose e fiori dopo la terapia! Lo sapevamo no? solo che dentro di noi, c'è sempre quella parte bambina che vorrebbe vedere le cose tutte al loro posto sempre ma così non può essere!

La vita è movimento non calma piatta! E in questo movimento che dobbiame cercare noi stesse!

In fondo alla fine mi rendo conto che quello che piango non è la psicoterapia ma semplicemente quel "momento magico"!!! In cui pur nel dolore e nella disperazione ci si sente come nella pancia della madre! Mi manca quella sensazione, mi manca quel contatto diretto con un amore che va la di là delle parole ma èfatto di piene sensazioni che proprio noi avevamo difficoltà a speigare!

Eppure mi paiceva servirmi delle metafore per spiegarle come stavo e cosa sentivo, mi piaceva sapere che lei poteva sentirle e comprenderle le mie emozioni troppo spesso rifiutate e infangate nella mia vita! Insomma il cucciolo che viene lasciato solo dalla mamma, prima di andare a cercarsi le prede da solo piange disperatamente quell'assenza! Io adesso sono in questa fase!!!!

Mi fa piacere sapere che in fondo ècosì anche per voi, anche se mi dispaice sapere che soffrite come me!!!

La lettera di Pirandello, mi fa piangere...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.