Vai al contenuto
  • Pubblicità

ARLEY

E se ci si innamora dello psicologo?

Messaggi consigliati

sisi è vero .....

Pensa:loro sapranno di te e tu saprai di loro. Potrai vedere cosa succede a vuotare il sacco senza rischiare di coinvolgere qualcuno a cui tieni.Coraggio! :ola::abbr:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Caro Nello,

ma se non sei interessato all'argomento, perchè intervenire con il rischio di disturbare chi vuole invece partecipare attivamente?

Ti chiediamo, per favore, di evitare trolling...

Grazie.

La Redazione

non capisco cosa volete dirmi....me lo spiegate meglio. grazie.

Distinti saluti.

P.S. : Perchè quando si innamorano i pazienti non intervenite

mentre se si innamora la psicologa si? voi che mi dite?

Grazie ancora se mi date una risposta.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Chiedilo a quello lì che è intervenuto, non interviene mica sempre il solito.

Dipende chi c'è. :D:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Pensa:loro sapranno di te e tu saprai di loro. Potrai vedere cosa succede a vuotare il sacco senza rischiare di coinvolgere qualcuno a cui tieni.Coraggio! :ola::abbr:

:LOL:

sai che bello .....5 o 6 persone esaurite tutte in una stanza :Rolling Eyes:

grazie per l'incoraggiamento :blush:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Sono andato dalla psicologa in Svizzera............

si è già innamorata.........

mi ha chiesto se uscivo in compagnia di suoi amici > ho accettato

sono andato ed ho deciso ...........................................................(alla prossima)

:LOL:

quando lo hai sognato!? :p:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
che bello elli, che invidia... io però mi sarei attaccata ai suoi calzoni in lacrime gridando "ti pregoooo, tienimi con teeeeeeeeeeeee".

in bocca al lupo anche a te, starò a guardare per vedere cosa mi aspetta, visto che a quanto pare anche io sto andando verso la fine della terapia,non subito però!

grazie matta,

sai da giovedi non faccio altro che pensare a lui, al suo abbraccio e cosa ho sentito.......

mi piacerebbe poterne parlare con lui,raccontargli cosa ho provato,cosa ho pensato, e cosa sento ora, come mi sento all'idea di non vederlo piu'........ma questo ovviamente non lo potrà mai sapere........e questo mi mette un po' di tristezza........

ma speriamo che qs sensazione passi.........sai come dicevo prima, magari qs è il momento di elaborazione.....che magari durerà un po'...........qualche mesetto........

Penso che mi dovro' abituare al fatto che lui non ci sia piu'........e l'idea di non vederlo piu' cmq fa in modo che lo pensi quasi sempre.........

Certo che arriverà anche x te la fine, vedrai che andrà tutto benissimo.....poi sai l'impatto iniziale secondo me è abbastanza normale, non si puo' rimanere indifferenti quando finisce una relazione cosi' particolare!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Maremma, sti ragazzi!

O, ma due rompicoglioni a classe ci sono sempre, eh?

E sai, ne bastan due, per fare casino.

Ecco, il terapeuta su queste cose ci fa poco, sei te che ti devi fare un kulo così, giù.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
:LOL:

quando lo hai sognato!? :p:

è la pura verità

ma questo non costituisce un elemento negativo verso la psicologa o la categoria.....anzi rende umano un ruolo e una persona notoriamente asettico con tanto di orologio in mano da parte della Psi

Credo che questo non sia una novità ma una conferma delle persone e non dei ruoli.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
è la pura verità

ma questo non costituisce un elemento negativo verso la psicologa o la categoria.....anzi rende umano un ruolo e una persona notoriamente asettico con tanto di orologio in mano da parte della Psi

Credo che questo non sia una novità ma una conferma delle persone e non dei ruoli.

lo sai che sei noioso, dici sempre l stesse cose :Waiting: se nn ti piacciono gli psi perchè ne parli sempre?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
lo sai che sei noioso, dici sempre l stesse cose :Waiting: se nn ti piacciono gli psi perchè ne parli sempre?

direi che sono altrettanto noiosi coloro che ne parlano bene!

poi io li combatto perchè sono dannosi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
direi che sono altrettanto noiosi coloro che ne parlano bene!

poi io li combatto perchè sono dannosi

e chi sono questi che ne parlano bene? Quelli che hanno avuto una esperienza perosnale positiva e parlano bene di quella???? Beh scusa tanto se qualcuno è stato fortuanto a trovare lo psi giusto e ha fatto una pscioterapia che gli ha dato dei buoni risultati e per questo "insignificante" (per te) motivo non può accreditare la tua teoria che gli psi sono tutti dannosi!!!!! :Raised Eyebrow:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Sentite, quando ne parlo bene, vuol dire che è un momento bello, positivo per me.

Cioè, ciò che è positivo della psicoterapia, è direttamente proporzionale, nel mio caso, ai momenti positivi della mia vita, non esteriore, ma interiore, l'ho riscontrato.

Autostima, combattività, buonumore, posività, costruttività e quant'altro.

Quando ne parlo male,vuol dire che sono in lotta con qualcuno, con me stessa, con le mie proiezioni, come diavolo volete chiamarle.

Non significa che sia un momento negativo, anzi, è un attimo di mutamento, di apprendimento, di catarsi, può essere difficile, non è insormontabile.

Avete visto il film Inception?

Mi è piaciuto molto, l'ho trovato coerente con ciò che pensavo dei sogni, poi magari è una caxxata immane.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 
 

no niente avevo psotato di qua una cosa che dovevo scrivere nel topic sulle obiezioni....poi ho copincollato e qui ho scritto che avevo sbagliato!!! Mi sto rimbecillendo... :Monkey:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ho conlcuso la terapia da mesi è vero, onestamente non so nemmeno da quanto. Ma se penso alle decisioni da prendere mi viene sempre in mente la psi. Forse per un sostegno, forse perchè avrei bisogno di sviscerare la cosa, o forse semplicemente perchè mi fido cecamente di lei (e io non mi fido quasi di nessuno). Ieri sera poi mi gironzolava in mente una cosa, che poi so da tempo ormai: ci sarà una parte di me che resterà "malata". E non parlo della parte depressa, di quella che vede il buio di tanto in tanto... ma della parte che soffre di dipendenza... dal cibo. A volte il sapere questa cosa mi blocca del tutto... e mi è venuta questa frase in mente (sempre ieri sera, maledetta insonnia): la dipendenza non è altro che un raccoglitore di sentimenti, emozioni e sensazioni...

che palle ragazze...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ho conlcuso la terapia da mesi è vero, onestamente non so nemmeno da quanto. Ma se penso alle decisioni da prendere mi viene sempre in mente la psi. Forse per un sostegno, forse perchè avrei bisogno di sviscerare la cosa, o forse semplicemente perchè mi fido cecamente di lei (e io non mi fido quasi di nessuno). Ieri sera poi mi gironzolava in mente una cosa, che poi so da tempo ormai: ci sarà una parte di me che resterà "malata". E non parlo della parte depressa, di quella che vede il buio di tanto in tanto... ma della parte che soffre di dipendenza... dal cibo. A volte il sapere questa cosa mi blocca del tutto... e mi è venuta questa frase in mente (sempre ieri sera, maledetta insonnia): la dipendenza non è altro che un raccoglitore di sentimenti, emozioni e sensazioni...

che palle ragazze...

e perché resterà malata?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
e perché resterà malata?

perchè dai disturbi alimentari non si guarisce zazà... ogni volta tornano capisci? Ad ogni cambiamento, ad ogni novità... non solo negativa, ma anche positiva... è come un dover sfogarsi, o festeggiare, o punirsi, o placare, o riempire... tornano ciclicamente... è come per un fumatore accendersi una sigaretta.. per noia, per distendersi, per gioire... esempio: quando esco da lavoro son due le cose che fare (e le faccio): fumare ed abbuffarsi. (lavoro solo la domenica, quindi l'abbuffata anche se non è periodo negativo ci sta). Capisci cosa intendo dire?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
perchè dai disturbi alimentari non si guarisce zazà... ogni volta tornano capisci? Ad ogni cambiamento, ad ogni novità... non solo negativa, ma anche positiva... è come un dover sfogarsi, o festeggiare, o punirsi, o placare, o riempire... tornano ciclicamente... è come per un fumatore accendersi una sigaretta.. per noia, per distendersi, per gioire... esempio: quando esco da lavoro son due le cose che fare (e le faccio): fumare ed abbuffarsi. (lavoro solo la domenica, quindi l'abbuffata anche se non è periodo negativo ci sta). Capisci cosa intendo dire?

Capisco relativamente, cioè capisco il meccanismo, ma è un dato di fatto che nessuno guarisce dai disturbi alimentari? te lo ha detto la psicologa?

Non fare l'esempio dei fumatori perché c'è gente che è riuscita a smettere definitvamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Non fare l'esempio dei fumatori perché c'è gente che è riuscita a smettere definitvamente.

io! senza mai più aver sentito la voglia di ricominciare!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Capisco relativamente, cioè capisco il meccanismo, ma è un dato di fatto che nessuno guarisce dai disturbi alimentari? te lo ha detto la psicologa?

Non fare l'esempio dei fumatori perché c'è gente che è riuscita a smettere definitvamente.

si già, hai ragione, era per dirti dello scarico di tensioni ecc ecc.

Beh una volta la psi mi disse che ci avrei fatto i conti tutta la vita, ma io questa cosa già la sapevo... insomma non è che c'è una scadenza precisa per abbuffarsi (o digiunare), ma prima o poi torni a scontrarti con questa realtà. Ho sentito anche altre persone che dicono esattamente la stessa cosa; ne ho avuto riprova anche con una ragazza che frequento. Io so dei suoi disturbi alimentari , ma lei non sa dei miei. Lei ne è uscita "definitivamente" anni fa, ma le dinamiche mie e sue sono le stesse, almeno per quello che ho constatato (ci sono state molte occasioni di pranzi, cene, spuntini insieme a lei, e ironia della sorte venivamo entrambe etichettate come quelle "che campano d'aria"). Insomma per dire che se anche per mesi i disturbi alimentari si placano, prima o poi riesco fuori.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

io credo che dipende da tante cose....io parlo per me e dico che fino a che non supero dei muri che mi sono messa davanti sarà difficile non affogare la frustrazione nelle abbuffate, dopodiche no l oso forse potrebbeor anche attenuarsi o smettere completamente!

Il punto non è se ci abbufferemo a vita ma se riusciremo mai a oltrepassare questi muri mentali..... io comincio a pensare che ci sono cose che si riescono a superare e altre no. Nel mio percorso di analisi molte cose le credevo insuperabili eppure i muri sono venuti giù e io mi sono sentita liberata da un grande peso, come più volte ho detto, la psicoterapia mi ha aiutato moltissimo e rifarei tutto dall'inizio ma ci son dei muri troppo alti e invalicabili per adesso! Mi rendo conto di non riuscire proprio a immaginare la mia vita senza questi muri! Mi sforzo e mi dimeno ma i nrealtà non faccio un bel nulla per buttarli giù!

Tant'è che ho lasciato la psicoterapia apposta, avevo compreso bene che adesso dipendeva tutto da me!

Se per alcune cose la consapevolzza mi ha aiutato a oltrepassare il muro, per altre la consapevolezza mi serve solo ad avere le idee ben chiare, e cioè conoscere gl istrumenti in mio possesso e quello che devo affrontare ma la forza, quella io non ce l'ho! Proprio mi manca! E non sapete che darei per averla!

insomma soo qui ad abbuffarmi per non muovermi di un centimentro da dove sono....il muro è lì davanti a me ma io mi sento paralizzata! La mia paura più grande non è abbuffrmi a vita, al momento io ho paura di non riuscire mai a sconfiggere le mie pure e di non abbattere mai questo grande muro verso me stessa!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
La mia paura più grande non è abbuffrmi a vita, al momento io ho paura di non riuscire mai a sconfiggere le mie pure e di non abbattere mai questo grande muro verso me stessa!

che ironia della sorte a me sembra la stessa cosa, parlo nel mio caso ovviamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
che ironia della sorte a me sembra la stessa cosa, parlo nel mio caso ovviamente.

non a caso il nostro "sintomo" è lo stesso!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.