Vai al contenuto

Messaggi consigliati

 

Pubblicità


  • Risposte 233
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

"Tramontata è la luna e le Pleiadi:

a mezzo è la notte:

il tempo trascorre;

e io dormo sola....scuote l'anima mia ma a me non ape non miele e

s o f f r o e desidero...

(saffo)

soffrire e desiderare, un accoppiata inscindibile a quanto pare...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

"soffrire e desiderare, un accoppiata inscindibile a quanto pare..."

appunto se il desiderio è piacere paradossale si spera che ci sia la sofferenza come segnale di pericolo....grande saffo...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
"soffrire e desiderare, un accoppiata inscindibile a quanto pare..."

appunto se il desiderio è piacere paradossale si spera che ci sia la sofferenza come segnale di pericolo....grande saffo...

e se il desiderio fosse desiderio, punto e basta, senza piacere paradossale di mezzo.

se il desiderio fosse originato dalla passione, dall'amore.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

"e se il desiderio fosse desiderio, punto e basta, senza piacere paradossale di mezzo. se il desiderio fosse originato dalla passione, dall'amore."

Il desiderio è la propsettiva di un piacere che può essere affettivo o istintivo, se è affettivo è come costruire una casa avendo a proprio disposizione dei mattoni, se è istintivo è come costruire uan casa senza mattoni...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
"e se il desiderio fosse desiderio' date=' punto e basta, senza piacere paradossale di mezzo. se il desiderio fosse originato dalla passione, dall'amore."

Il desiderio è la propsettiva di un piacere che può essere affettivo o istintivo, se è affettivo è come costruire una casa avendo a proprio disposizione dei mattoni, se è istintivo è come costruire uan casa senza mattoni... [/quote']

quindi lei crede che l'istinto sia distruttivo...

non trova che il sentimento di per se stesso sia istintivo? io si.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

"quindi lei crede che l'istinto sia distruttivo..."

si perchè paradossale

"non trova che il sentimento di per se stesso sia istintivo? io si."

I sentimenti sono due (codice binario) piacere paradossale (istintivo) e piacere affettivo (affettivo= legame, tolleranza della frustrazione)...il punto critico è nel livello della soglia della precarietà...più precario più istintivo...meno precario più affettivo....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
"quindi lei crede che l'istinto sia distruttivo..."

si perchè paradossale

Allora forse è questo il motivo per cui non credo nell'istinto materno.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

"Gavja"]

"quindi lei crede che l'istinto sia distruttivo..."si perchè paradossale

"Allora forse è questo il motivo per cui non credo nell'istinto materno"

Appunto il termine "istinto" ma come pure "sogno" sono luoghi comuni che vanno rivisti......nel loro significato...il materno dovrebbe essere un

sentimento affettivo e dunque appreso.....non è innato...se vuole le racconto una certa esperienza.....che ha visto protagoniste le scimmie...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

"Allora forse è questo il motivo per cui non credo nell'istinto materno"

Ed ora le riporto l'esperienza. Agli albori degli anni '80 i romani andavano in Kenia o giù di l'ì a fare viaggi, poi al ritorno si portavno un cucciolo di scimmia che pagavano non so qualcosa come cento lire convinti che fosse un gattino da allevare in casa. Dopo qualche giorno disperati andavano allo zoo di Romna a consegnare la scimmietta che gli aveva fracassato la casa. E così allo zoo si ritrovarono un centinaio di scimmie in più...queste scimmie una volta diventate madri trattavano il cucicolo come un bambalotto, lo allatavano e poi lo buttavano per aria o per terra...l'osservazione ha portato a delle conclusioni interessanti: essendo le scimmiette state rubate alla loro madre non avevano ricevute le cure materne e per giunta trovandosi quasi tutte con la stessa storia non avevano mai "visto" come allevare i figli e così si comportavano di conseguenza....lo stato di preacrietà dunque aveva favorito un comportamento trucido...vede il binario??? e così spero che lei possa capire meglio perchè "l'istinto" materno è un luogo comune da rivedere....

Le chiedo in ultimo un favore...dia qualcosa al povero Tex che insiste a dirmi che sono mafioso...dice che le sto mordendo le gambe...grazie.....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
"Gavja"]
"quindi lei crede che l'istinto sia distruttivo..."si perchè paradossale

"Allora forse è questo il motivo per cui non credo nell'istinto materno"

Appunto il termine "istinto" ma come pure "sogno" sono luoghi comuni che vanno rivisti......nel loro significato...il materno dovrebbe essere un

sentimento affettivo e dunque appreso.....non è innato...se vuole le racconto una certa esperienza.....che ha visto protagoniste le scimmie...

Oh... dottore... è accaduto un miracolo.

Per la prima volta mi trovo d'accordo con te.

Parla pure delle scimmie., io se vuoi ti parlerò del libro 'L'amore in più'.. ma l'ho letto troppi anni fa e dovrei un pò rispolverarlo..

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

"Oh... dottore... è accaduto un miracolo. Per la prima volta mi trovo d'accordo con te. Parla pure delle scimmie., io se vuoi ti parlerò del libro 'L'amore in più'.. ma l'ho letto troppi anni fa e dovrei un pò rispolverarlo.."

Ma abbiamo anche la cronaca purtroppo dove tante mamme buttano nel cassonetto i loro figli e lo fanno perchè vittime della precarietà e con un senso di liberazione, come nel suicidio...vede che forse vale la pena di proprorre - ostinatamente - un modello che possa aiutare a capire anche situazioni assurde??? Su una cosa sicuramente siamo d'accordo lei ha portato un contributo al forum..di ciò si alimenta un forum...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Io veramente vedo, riguardo le scimmie, che lo stato di precarietà aveva favorito un comportamento che fa comprendere come l'amore materno sia un sentimento affettivo e non un istinto.

Il binario, con tutto il rispetto, lo vedi solo tu, per forza.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

"Gavja"]Io veramente vedo, riguardo le scimmie, che lo stato di precarietà aveva favorito un comportamento che fa comprendere come l'amore materno sia un sentimento affettivo e non un istintivo".

Loro allattavano il piccolo ma poi lo sbattevano per terra lo facevano volare e lo ammazzavano perchè non avevano il senso del pericolo e una competenza sul fare, il trucido stava qui....fare un figlio comporta molte cose....come fare il padre...non basta dare il seme...

"Il binario, con tutto il rispetto, lo vedi solo tu, per forza."

certo sto qui per discuterlo....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

leggendo una poesia mi ero illusa....ma poi sono tornata alla realtà...lo sapevo che non ce l'avrebbe mai fatta ad abbandonare il grembiulino da scolaretto....ho l'impressione che non porti niente,sotto :roll:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

"S."]leggendo una poesia mi ero illusa....ma poi sono tornata alla realtà...lo sapevo che non ce l'avrebbe mai fatta ad abbandonare il grembiulino da scolaretto...."

allora vede che non ci siamo sbagliati lei è una maga....ci dica fa pure i tarocchi????

"ho l'impressione che non porti niente,sotto"

se ne accorta di nuovo....non le porto....infatti...vado in giro senza mutande....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Bhe,se non altro sà fare le battute il nostro mattioli :LOL::LOL::LOL::LOL: Quella delle mutande non era male........ :LOL::LOL::LOL::LOL:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

"yingyang"]Bhe,se non altro sà fare le battute il nostro mattioli :LOL::LOL::LOL::LOL: Quella delle mutande non era male........"

Bisogna ammettere però che S. è brava c'azzecca sempre...ha tatto...intuito....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Dedico questa poesia a tutto il forum.

Mi sembra giusta per queste giornate...

Ma dove

"Non è più qui" insinua una voce di sorpresa

"il cuore della tua città" e si perde

nel dedalo già buio

se non fosse una luce

piovosa di primavera in erba

visibile al di sopra dei tetti alti.

Io non so che rispondere e osservo

le api di questo viridario antico,

i doratori d'angeli, di stipi,

i lavoranti di metalli e d'ebani

chiudere ad uno ad uno i vecchi antri

e spandersi un po' lieti e un po' spauriti nei vicoli attorno.

"Non è più qui, ma dove?" mi domando

mentre l'accidentale e il necessario

imbrogliano l'occhio della mente

e penso a me e ai miei compagni, al rotto

conversare con quelle anime in pena

di una vita che quaglia poco, al perdersi

del loro brulicame di pensieri in cerca di un polo.

Qualcuno cede, qualcuno resiste nella sua fede tenuta stretta.

Mario Luzi

un poeta da me molto amato.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

no maga,smutandato.

no tarocchi.

sensibile,intuitiva.

e basta.ha presente? 8)

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
no maga' date='smutandato.

no tarocchi.

sensibile,intuitiva.

e basta.ha presente? 8) [/color']

Ma con chi parli?

Devo essermi persa qualche passaggio, Mattioli non c'è più! 8)

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

no,cara Gavja, come al solito sono io ad essermi persa dei pezzi.

ho saputo che Mattioli non è più tra noi dopo aver scritto questo messaggio.

hai presente i treni merci?...eccomi! 8)

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
no' date='cara Gavja, come al solito sono io ad essermi persa dei pezzi.

ho saputo che Mattioli non è più tra noi dopo aver scritto questo messaggio.

hai presente i treni merci?...eccomi! 8) [/color']

Non preoccuparti, ho perfettamente presente i treni merci... :wink:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

In qualche luogo i sogni diventeranno realtà.

C'è un lago solitario

illuminato dalla luna per me e per te

come nessuno per noi soli.

Lì la scura bianca vela spiegata

in un vago vento non sentito

guiderà la nostra vita-sonno

laddove le acque si fondono

in un lido di neri alberi,

dove i boschi sconosciuti vanno incontro

al desiderio del lago di essere di più

e rendono il sogno completo.

Là ci nasconderemo e svaniremo,

tutti vanamente al confine della luna,

sentendo che ciò di cui siamo fatti

è stato qualche volta musicale.

(Licantropia - Fernando Pessoa)

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

WILLIAM SHAKESPEARE

Sonetto 29

Talora, venuto in odio alla Fortuna e agli uomini,

Io piango solitario sul mio triste abbandono,

E turbo il cielo sordo con le mie grida inani,

E contemplo me stesso, e maledico la sorte,

Agognandomi simile a tale più ricco di speranze,

Di più belle fattezze, di numerosi amici,

Invidiando l'ingegno di questi, il potere di un altro,

Di quel che meglio è mio maggiormente scontento;

Ma ecco che in tali pensieri quasi spregiando me stesso,

La tua immagine appare, e allora muto stato,

E quale lodola, al romper del giorno, si innalza

Dalla terra cupa, lancio inni alle soglie del cielo:

Poiché il ricordo del dolce tuo amore porta seco

Tali ricchezze, che non vorrei scambiarle con un regno.

Trad. Alberto Rossi

Autore: W.Shakespeare (1564-1616, Stratford-on-Avon).

Note: Il maggiore fra i poeti inglesi. Il sonetto è dedicato

all'Amore che soccorre il poeta smarrito dinanzi all'essere

del Creato e all'apparire dell'Uomo. Nel ricordo del

sentimento lo Spirito si eleva.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.


Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.