Vai al contenuto

Pubblicità

Michele Strogoff

Anafettività, omosessualità...paranoia

Recommended Posts

Salve sono un ragazzo di 26 anni, laureato e lavoratore o almeno ci provo. I miei sono separati da quando avevo poco più di 3 anni. Mia madre è molto affettuosa nel senso che mi dice in continuazione che mi vuole bene. Risultato. Io sono diventato sempre più duro nei suoi confronti, non sopporto la sua affetuosità che vedo come vuota. Mio padre per quanto sia difficile essendo separati è stato abbastanza presente. Ha un carattere molto riservato e apparentemente molto tranquillo credo in realtà sia come me una persona compressa (ovvero io sono come lui...) parla poco e accumula molto. Ultimamente soffro anche di stati di ansia che comportano un po respiro pesante e mal di schiena in mezzo alle scapole...una sorta di morsa. Il tutto aumenta in stati di stress e quando comincio una nuova storia sentimentale. Da un po' mi vedo con una ragazza, mi piace sento una forte attrazione sessuale nei suoi confronti, ma mi piace anche la sua dolcezza, credo che questo contrasto mi attragga molto. Poi però non riesco mai a dirle nulla di carino, mi rimane tutto bloccato in gola, come se dicendo che mi piace o è che è molto bella, volesse dire qualcosa di definitivo. La sensazione è proprio quella delle parole che ti si bloccano in gola. Ora però come è già successo in altre occasioni mi sento in ansia. abbiamo fatto sesso, lo desideravo molto, mi è piaciuto, anche se a volte lei è molto esuberante e qualche volta mi sento in difficoltà. Per ultimo ogni volta che sto con una donna...mi capita spesso di guardare, casualmente, magari anche i passanti, uomini e sentire come un attrazione, il problema è che la sento come una paranoia, non riesco più a capire se i pensieri mi vengono o sono io a provocarli. Molto spesso mi capita di pensare cose scomode, ad esempio in situazioni in cui ci sono molte persone sento una voce che dice "sono gay". Il pensiero però non lo sento mio sembra provocato dalla situazione...non so come spiegarlo. Provo con una scemenza. Avete presente la storia che quando siete in chiesa vi viene in mente " e se adesso bestemmiassi?" lo so è una cavolata ma forse rende meglio dei miei mille discorsi. Non so se mi sono spiegato. E' che non è facile fermare i flussi di pensieri.

grazie per l'attenzione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pubblicità


ciao Michele , ho letto il tuo testo , sei molto forte per quello che ti è capitato , con la ragazza devi avere di più le idee chiare prima di continuare un rapporto che non ti assicura ..

Le idee che ti fai per essere gay , è un passo che molti ragazzi fanno , io ti posso dire che ho fatto una prova, sono uscito una sera con un ragazzo gay, ti dico subito che non è successo nulla , mi sono reso conto che non lo sono , ma il rapporto con persone dello stesso sesso è diverso .

Alcuni miei amici erano finanzati da molti anni con le loro ragazze , le hanno lasciate per uscire con ragazzi , questo lo hanno capito dopo 11 anni di finanzamento .

Stai tranquillo fai con molta calma i tuoi passi , non correre . la vita ti porta sempre delle novità , raccogliele con dolcezza

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

credo che sia un periodo di confusione il tuo, dovuto al tuo rapporto con i tuoi, interessante ciò che dicidi tua madre..sai a me capita di trattenere i miei sentimenti ma perchè non ho mai ricevuto affetto in maniera esplicita e mi viene difficile, magari epr te potrebbe essere al contrario, troppe parole d'affetto che risultano vuote e la paura che dicendole appari come tua madre appare a te....

Riguardo al'omosessualità è molto importante l'esempio che fai sulla chiesa, rende l'idea e credo che tu ti sia in realtà autoanalizzato benissimo....mi sembra quasi un voler andare contro ciò che è la "regola", ciò che si definisce comunemente "normale".....forse è un tuo modo di ribellarti a qualcosa....

Secondo me una buona psicoterapia potrebbe aiutarti a chiarire queste tue domande interiori....pensaci....

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per le risposte, di fatti credo avrei bisogno di un periodo di analisi sono molto curioso e anche un po' spaventato...l'unico problema è che per ora la mia situazione economica non mi permette di poterlo affrontare...inoltre voglio essere sicuro di poter trovare una persona preparata...qualcuno di cui potermi fidare..e non è facile.

Comunque per ora mi sono trferito qualche giorno da mio padre tanto per starmene un po per conto mio...e creo che questo sia stata un ottima mossa...e forse è quello che devo fare trovare il modo di andarmene per conto mio...staccare un po dalla vita famigliare che comincia a starmi terribilmente stretta...vedremo. Spero di continuare questa conversazione, grazie per le risposte

a presto

Michele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao Michele sai esiste anche lo psicologo asl.

Se ti fa stare bene staccare un pò, fai bene a farlo, in fondo fa bene a tutti...continua a scrivere quando vuoi...buon anno

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Girando e rigirando per internet ho continuato la mia psicanalisi e mi sono imbattuto in questo scritto di Freud di cui riporto il testo, mi sono molto ritrovato nella mia situazione, soprattutto quel "lei ama me, quindi io amo lei..." solo che anche se fossi riuscito a trovare una situazione simile alla mia non saprei come affrontarla se non con uno psicoterapeuta...ditemi la vostra...

"IL CASO CLINICO DEL PRESIDENTE SCHREBER -

UN CASO DI DEMENTIA PARANOIDES

INTRODUZIONE E PREMESSA METODOLOGICA

GENESI DELLA PATOLOGIA

IL SISTEMA DELIRANTE

INTERPRETAZIONE DEL DELIRIO DI SCHREBER

MECCANISMI GENERALI DELLA PARANOIA

DATI BIOGRAFICI SUL DOTT. SCHREBER

INTRODUZIONE E PREMESSA METODOLOGICA

Quando Daniel Paul Schreber, Presidente della Corte di Appello di Dresda, pubblica – nell'anno 1903 – le Denkwürdigkeiten eines Nervenkranken [Memorie di un malato di nervi], Freud vi trova immediatamente ottimo materiale di lavoro per la sua indagine sulla paranoia, scientificamente indicata come dementia paranoides. L'indagine sulla patologia psichica del Dott. Schreber, dunque, è condotta sulla base delle sue dichiarazioni pubbliche; Freud descrive e interpreta il caso clinico, ma non ha mai analizzato Schreber in un setting psicanalitico. Prevedendo eventuali obiezioni ad un tale comportamento, Freud precisa che i paranoici sono gli unici ad esprimere, seppur sotto forme camuffate e fortemente deformate, ciò che altre persone affette da patologie psichiche invece tacciono. È pertanto sufficiente leggere ciò che costoro vogliono esprimere per avere elementi consistenti per condurre un'analisi accurata.

GENESI DELLA PATOLOGIA

Il primo sintomo di malattia si manifesta all'età di 42 anni: in lui i medici identificano un grave attacco di ipocondria, superabile, ed effettivamente superato, con sei mesi di ricovero, presso la clinica del Dott. Flechsig. Seguono otto anni di aurea mediocritas, tanto in campo professionale quanto sentimentale, grazie alle buone gratificazioni ricevute nella professione forense e alla vita coniugale e sociale globalmente soddisfacente, se si escludono i continui fallimenti dei tentativi di avere figli dalla moglie.

Allorché gli viene annunciata la possibilità di un incarico di rilievo quale la Presidenza della Corte di Appello di Lipsia, alcuni sintomi riemergono: in sogno gli si presentano sensazioni dolorose, che richiamano quelle provate in occasione della sua prima malattia, cui si aggiunge la fantasia dell'essere una donna che soggiace alla copula. Dopo il secondo ricovero, ricompaiono i sintomi dell'ipocondria, arricchiti da un elemento misticheggiante: le sofferenze fisiche e le mutilazioni gli sarebbero imposte da Dio. Con il procedere della malattia, le suggestioni si articolano in un sistema estremamente coerente, dotato di una propria particolare ontologia e regolato da un preciso meccanicismo. Da evidenziare come, però, le creazioni mentali di Schreber non intacchino minimamente la sua lucidità mentale e la propria capacità di mantenere relazioni sociali sincere e di ragguardevole spessore culturale.

IL SISTEMA DELIRANTE (SINTESI)

Il sistema delirante è ben riassunto nella perizia del Dott. Weber redatta nel 1899, da cui traiamo alcuni elementi essenziali: Schreber si considera investito di una missione di redenzione dell'umanità, cui è chiamato a restituire la beatitudine; essa non sarebbe altro che una sensazione perenne di voluttà. Condizione necessaria per l'espletamento di questo incarico, però, è la sua trasformazione in donna: egli, tuttavia, non desidera questa mutazione, ma la accetta come premessa irrinunciabile di un piano provvidenziale, il cosiddetto Ordine del Mondo. Ogni essere umano è attraversato da sottilissimi nervi, instillati nel corpo dalla divinità al momento della nascita e destinati a ricongiungersi a Dio dopo la morte: tali nervi sono il principio costitutivo dell'intelletto umano e delle sue facoltà spirituali, nonché la sede dell'anima. Le anime sono in comunicazione tra loro, e non solo metafisicamente: si parlano in una lingua simile ad un tedesco arcaico, zeppo di espressioni eufemistiche. Dio è un'entità non perfetta: pur essendo costituito di soli nervi, qualitativamente identici a quelli che attraversano il corpo dei mortali, tuttavia gli capita di imbattersi in uomini i cui nervi esercitino su di Lui una forza attrattiva tanto intensa da minacciarne addirittura la sopravvivenza. Dio tenta di riallacciare se stesso con i nervi instillati negli uomini allo scopo di conseguirne voluttà: interessante è notare che, in tedesco, la parola selig indica tanto lo stato di voluttà quanto quello di pace post mortem.

INTERPRETAZIONE FREUDIANA DEL DELIRIO DI SCHREBER

Secondo Freud, il punto di partenza dell’interpretazione del delirio paranoide è il desiderio di omosessualità passiva respinto dall’Io di Schreber: in concomitanza con l’impossibilità di avere figli e l’incontro con il Dott. Flechsig, che richiama nel paziente le immagini del padre e del fratello scomparsi, la sessualità di Schreber vira verso una matrice più chiaramente omosessuale. Nell’impossibilità, per l’Ego di Schreber, di sostenere questo desiderio, esso si camuffa: Flechsig assurge alla dignità di essere divino, il rapporto carnale diviene rapporto spirituale; entrambi questi elementi, tra l’altro, soddisfano una personalità affetta da deliri di grandezza.

All’interno del Dio di Schreber vengono fuse le figure del padre e del fratello: esso, infatti, ha una duplice natura (inferiore e superiore) e presenta alcuni caratteri riconducibili alla figura paterna. Il padre di Schreber, infatti, era medico di fama, elogiato come luminare ed innovatore: una figura che ben si presta ad una trasfigurazione divina. Come noto, inoltre, sulla figura paterna si rovesciano sentimenti di venerazione mista ad astio: il fatto che il Dio di Schreber sappia – generalmente – trattare solo con i morti costituisce una chiara lettura ironica, e dunque capace di liberare l’odio accumulato, della professione del padre. Inoltre, la continua richiesta di voluttà da parte di Dio sarebbe la soluzione positiva della paura di castrazione esperita da Schreber nella prima infanzia. Anche l’insistenza di Schreber sui raggi costituisce, per Freud, un simbolo della figura paterna, come testimoniato da una vasta casistica, comprendente – fra gli altri – anche il filosofo Nietzsche che, nella lirica Vor Sonnenaufgang [Prima dell’aurora], esprimerebbe null’altro che la nostalgia per un padre conosciuto solo in tenera età. Interessante notare inoltre che, a parere di Carl Gustav Jung, la ricorrenza del Sole in molte costruzioni di paranoici costituirebbe la prova della genesi psichica delle religioni. Lampante, infine, la teleologia del cosmo di Schreber: obiettivo finale della sua castrazione e della sua unione con Dio sarebbe la genesi di una nuova umanità, palese trasfigurazione del desiderio frustrato di avere figli dalla moglie.

MECCANISMI GENERALI DELLA DEMENTIA PARANOIDES

Nel passaggio fra infanzia ed adolescenza si passa anche dalla predilezione per l’autoerotismo a quella che in psicanalisi è detta scelta d’oggetto: la fase di transizione, fisiologica, è detta narcisismo ed in essa il soggetto osserva, ed ama, se stesso come oggetto. Per un breve tratto di tempo, dunque, la scelta investirà altri oggetti dotati dei medesimi organi genitali, ma poi si trasferirà su oggetti del sesso opposto. In alcuni casi, però, questa inversione di tendenza non si determina e il soggetto rimane ancorato ad una scelta omosessuale, evoluzione “adulta” dell’amore verso se stessi (da cui l’uso consueto, ma non precisamente corretto dell’aggettivo narcisistico).

Nel caso in cui la proposizione Io (uomo) amo lui (uomo), a fondamento della scelta omosessuale, non risulti accettabile al soggetto, esso ha quattro modi per contraddirla, modi che danno luogo ad altrettante forme di paranoia. 1) Il soggetto nega il verbo della proposizione, formulandola così: io lo odio. Dal momento che si tratta però di una percezione interna, attraverso un meccanismo di proiezione, la percezione è trasferita all’esterno: la frase suonerà dunque così, egli mi odia. Da qui, i deliri di persecuzione. 2) Il soggetto nega l’oggetto della proposizione, che diviene: io amo lei. Ancora per proiezione esterna, però, la “responsabilità” del sentimento è scaricata sull’oggetto del sentimento stesso: lei mi ama, e dunque io la amo, perché – come vuole Dante – amor ch’a nullo amato amar perdona. Donde l’erotomania, cioè la percezione costante di essere desiderati e la certezza di poter sempre soddisfare le proprie pulsioni erotiche. 3) Il soggetto nega il soggetto della proposizione, sostituendolo con un altro femminile: è lei che ama lui. La proiezione non è più necessaria, il complesso si ferma a questo punto, determinandosi come delirio di gelosia. 4) Il soggetto nega tutta la frase, trasformandola in io non amo affatto e nessuno, che equivale a dire io amo solo me stesso. Da qui il delirio di grandezza, riscontrabile in quasi tutti i casi di dementia. "

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 27/12/2007 at 23:03, Michele Strogoff dice:

Salve sono un ragazzo di 26 anni, laureato e lavoratore o almeno ci provo. I miei sono separati da quando avevo poco più di 3 anni. Mia madre è molto affettuosa nel senso che mi dice in continuazione che mi vuole bene. Risultato. Io sono diventato sempre più duro nei suoi confronti, non sopporto la sua affetuosità che vedo come vuota. Mio padre per quanto sia difficile essendo separati è stato abbastanza presente. Ha un carattere molto riservato e apparentemente molto tranquillo credo in realtà sia come me una persona compressa (ovvero io sono come lui...) parla poco e accumula molto. Ultimamente soffro anche di stati di ansia che comportano un po respiro pesante e mal di schiena in mezzo alle scapole...una sorta di morsa. Il tutto aumenta in stati di stress e quando comincio una nuova storia sentimentale. Da un po' mi vedo con una ragazza, mi piace sento una forte attrazione sessuale nei suoi confronti, ma mi piace anche la sua dolcezza, credo che questo contrasto mi attragga molto. Poi però non riesco mai a dirle nulla di carino, mi rimane tutto bloccato in gola, come se dicendo che mi piace o è che è molto bella, volesse dire qualcosa di definitivo. La sensazione è proprio quella delle parole che ti si bloccano in gola. Ora però come è già successo in altre occasioni mi sento in ansia. abbiamo fatto sesso, lo desideravo molto, mi è piaciuto, anche se a volte lei è molto esuberante e qualche volta mi sento in difficoltà. Per ultimo ogni volta che sto con una donna...mi capita spesso di guardare, casualmente, magari anche i passanti, uomini e sentire come un attrazione, il problema è che la sento come una paranoia, non riesco più a capire se i pensieri mi vengono o sono io a provocarli. Molto spesso mi capita di pensare cose scomode, ad esempio in situazioni in cui ci sono molte persone sento una voce che dice "sono gay". Il pensiero però non lo sento mio sembra provocato dalla situazione...non so come spiegarlo. Provo con una scemenza. Avete presente la storia che quando siete in chiesa vi viene in mente " e se adesso bestemmiassi?" lo so è una cavolata ma forse rende meglio dei miei mille discorsi. Non so se mi sono spiegato. E' che non è facile fermare i flussi di pensieri.

grazie per l'attenzione.

mi vedo esattamente nella stessa situazione con qualche differenza.. sono fidanzato da 2 anni e so di essere innamorato di lei, quando mi vengono sti pensieri mi si attacca uno stato d'ansia che mi fa passare l'appetito.. il pensiero mi capita quasi solo con il mio migliore amico, cioè se faccio qualcosa con la mia fidanzata penso come potrebbe essere se l avessi fatta con lui, e mi nasce l ansia.. non ho mai avuto pensieri di sesso o di baci con un altro uomo (quelli che fai fantasticando con delle belle donne). so di non essere gay, mi piacciono le donne e mi piace fare sesso con loro.. ma quando mi vengono sti pensieri mi domando: mi vengono perchè c'è un fondo di verità, perchè sono paranoico ed ossessionato dalla cosa, o perchè?7

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Per poter inserire un commento devi far parte della Comunità.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.