Vai al contenuto

Come ti creo problemi e tu ci caschi


oscar

Messaggi consigliati

scusate, ma se la mamma comprendesse ed ammettesse il bisogno del figlio e lo soddisfasse in alto modo, confacente ad entrambi?

nel senso:

bisogno figlio = coccole e gioco

bisogno mamma = riposo

si fa un gioco riposante, stimolante x entrambi; e ci mettiamo anche una buona dose di coccole che nn guastano mai!!!

quindi, qual'è il problema?

:P

Rimarremmo nell'ipotesi d. Si accetta l'idea che il bimbo ha bisogno di qualcosa e gli si riconosce la sua identità assecondando la richiesta, sia pur con un surrogato. - Riconosco che esisti e che hai un bisogno - è il messaggio implicito di una mamma che reagisse così.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Pubblicità


Rispetto ad un doppio legame, non basta la semplice ingiunzione incoerente. E' facile confonderlo con il "cul de sac", occorrono alcuni presupposti fondamentali. Vado a memoria. Occorre:

1 - una relazione importante per la persona che subisce l'ingiunzione (o comunicazione incoerente), dalla quale dipende affettivamente ed in modo significativo la vittima (in tal caso il bimbo). Il carnefice ha in altre parole il potere della relazione dalla quale dipende la vittima.

2 - una certa ripetitività dell'ingiunzione

3 - una persona che è posta di fronte a messaggi contraddittori, che si escludono a vicenda

4 - la natura di messaggi che non è immediatamente evidente perché celata o negata, o perché i messaggi sono di livelli diversi (per es. non verbalmente e verbalmente)

5 - non si può neppure scappare, né osservare e commentare efficacemente le contraddizioni. In altre parole, si è messi nell'impossibilità di reagire.

Molti confondono ciò con un paradosso, ma la semplice presenza di ambiguità o contraddizione non basta, poiché affinchè ci sia un vero e proprio legame occorre esclusività e assolutezza fra le parti e una impossibilità a risolvere la situazione (creando una situazione di indecidibilità).

Nel doppio legame patogeno comunque si risponda si "perde":

Nella comunicazione schizofrenica (ti voglio bene ma non ti voglio bene) qualsiasi cosa si faccia è sbagliata, e si fonda sulla richiesta di cambiare la definizione di un tipo di relazione che non è mai stata definita.

Cosa paradossale e impossibile.

Forse più in là posto qualche altro esempio. Altrimenti adesso la cosa si allunga un pò troppo.

Un altro esempio tipico di doppio legame è il cambiamento che una parte cerca di indurre sull'altra con frasi del tipo "Devi cambiare" a cui segue una serie di imposizioni a livelli differenti (come per esempio una serie di regole condivise a livello di collusione inconscia) secondo le quali sarebbe terribile se si cambiasse ("non cambiare"). Se poi il cambiamento ha effettivamente luogo, la parte in causa viene punita oppure squalificata ("non sei cambiato per niente, eri molto meglio prima"). Meritandosi un bel vaffa... oppure "mai vai a cag...." che però, per la debolezza nella relazione della parte soccombente, non si riesce a dare.

La teoria del "doppio legame" è stata usata da Bateson e dal gruppo di Palo Alto (california) per spiegare in parte l'eziologia di patologie e in particolare della schizofrenia, studiando i paradossi dell'astrazione nella comunicazione. In altre parole, piuttosto che dare grande rilevanza al presunto trauma, venne ipotizzato e poi studiato il contesto comunicativo e i modelli di interazione ripetitivi all'interno del nucleo familiare. La schizofrenia potrebbe derivare dall'effetto della continua esposizione a doppi legami sin dalla tenera età e dalla conseguente incapacità di discriminazione fra tipologie logiche.

In altre parole, il bimbo "non si allena" a riconoscere le contraddizioni della comunicazione nelle persone, (anche negli altri non significativi) e subisce stupidamente penalizzazioni, quando basterebbe solo evidenziarle per non subire danni emotivi.

Per uscire dai doppi legami occorrerebbe saper riconoscere ogni volta (AL MOMENTO STESSO!) "come" la comunicazione sia mal posta, metacomunicando e svelando la trappola relazionale (che spesso viene posta senza saperlo neppure) e l'incoerenza dell'atteggiamento. Per un bimbo ciò è rarissimo che accada, se non impossibile.

tnx per il ripasso -_-

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Facciamo un altro esempio: (è il classico esempio di scuola)

una madre comunica a parole il proprio amore per il figlio mentre a livello analogico (non-verbale) trasmette alcuni segnali di rifiuto, ansia, paura. A quel punto il bambino potrebbe riconoscere il messaggio di rifiuto, ma tale interpretazione lo porterebbe a pensare qualcosa di profondamente doloroso: "mia madre è cattiva", "mia madre non mi vuole bene". Poiché il bambino dipende per la propria sopravvivenza dal sostegno fisico e psichico dei propri genitori, non può far altro che accettare ciò che la madre dice a parole, e ritenere di essere lui il "cattivo", per aver avvertito questa incongruenza e per aver dubitato dell'amore della propria madre

Mia madre non sbaglia, sono io il cattivo ad aver capito male - Ma anche se avesse preso per buone le manifestazioni d'affetto della madre, e non avesse tenuto conto dei suoi messaggi di rifiuto non verbali, il figlio avrebbe comunque "perso", poiché lei si sarebbe tirata indietro.

E se in seguito il figlio si fosse ritratto a sua volta - per rispettare la risposta della madre - avrebbe ricevuto una punizione del tipo "Ma come, non mi vuoi più bene?".

Se invece avesse cercato di commentare la situazione sarebbe stato squalificato con risposte del tipo "non è assolutamente vero..." oppure "come puoi pensare cose così brutte sulla tua mamma?".

Qualsiasi cosa facesse il figlio, era comunque sconfitto e legato, era in trappola!

Pertanto, non è sufficiente, per porre l'interlocutore in una situazione di doppio legame, la sola incongruenza tra i messaggi.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.