Vai al contenuto

Pubblicità

vaisolo

cosa vi spaventa di più della Vostra vita?

Recommended Posts

Una delle mie paure è fare l' errore che hanno fatto i miei genitori nei miei confronti: non dimostrare affetto ai miei figli....(se mai ne avrò)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pubblicità


stellina quanto ti capisco, sono figlia di genitori separati, mai conosciuto mio padre se non in qualche fugace foto, l'altra sera sorridevo perchè mia madre parlava a telefono con mia zia e per caso, per la prima volta ho saputo la data di nascita di mio padre.

Anni fa è morto, non è mai esista una possibilità di recupero e non ci sarà mai.

Avevo appena tre anni quando andò via per un'altra donna, l'unico ricordo che ho di lui, una piccola macchina da corsa a pedali, rossa fiammante.....

Forse un giorno ci incontreremo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stellina quanto ti capisco, sono figlia di genitori separati, mai conosciuto mio padre se non in qualche fugace foto, l'altra sera sorridevo perchè mia madre parlava a telefono con mia zia e per caso, per la prima volta ho saputo la data di nascita di mio padre.

Anni fa è morto, non è mai esista una possibilità di recupero e non ci sarà mai.

Avevo appena tre anni quando andò via per un'altra donna, l'unico ricordo che ho di lui, una piccola macchina da corsa a pedali, rossa fiammante.....

Forse un giorno ci incontreremo.

sai nuccia, molto probabilmente e' meglio nn avere conosciuto un padre che

averlo e scoprire che faceva piu' male che bene.

mio padre e' morto una decina di anni fa' ma volevo che fosse vivo

per farli rimangiare tutte le cose che mi ha fatto e detto !!!

dietro la scrivania dove c'e' il pc c'e' la foto di mio padre ,

l'ho fatto ingrandire , quasi un metro x un metro ,nn voglio che si perda come tante altre foto

appese al muro per quardarlo giornalmente e ricordarmi di nn essere come lui!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La mia paura più grande è perdere quello che sono. Per il resto se hai te stesso puoi affrontare tutto e accettare qualsiasi cosa ti porti la vita.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stellina quanto ti capisco, sono figlia di genitori separati, mai conosciuto mio padre se non in qualche fugace foto, l'altra sera sorridevo perchè mia madre parlava a telefono con mia zia e per caso, per la prima volta ho saputo la data di nascita di mio padre.

Anni fa è morto, non è mai esista una possibilità di recupero e non ci sarà mai.

Avevo appena tre anni quando andò via per un'altra donna, l'unico ricordo che ho di lui, una piccola macchina da corsa a pedali, rossa fiammante.....

Forse un giorno ci incontreremo.

Ciao Nucia, lo so che perdere un genitore da piccoli è spiacevole e mi dispiace molto per te davvero. io ho un padre da 28 anni ma la figura del padre l'ho proprio vista col binocolo e di questo mi dispiace, ho tante mancanze che nessuno potrà mai colmare, anzi una persona lo puo' fare, io.

Certo che un giorno vi rincontrerete, anzi sarete una cosa sola. Ti abbraccio. :abbr:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mi guardo dentro e penso spesso al quotidiano...finita la giornata di lavoro,lavato,sportato,ecc...ecc...mi assalgono spesso delle paranoie sul gg che verrà,se ce la farò,se riuscirò a migliorarmi.Forse vi sembrano banalità,ma vorrei sapere da tutti voi quali sono le vostre paure quotidiane,come le superate e cosa vi dà la forza di continuare a lottare.

le mie paure non le supero affatto , ne sono vittima.

quali sono .. ?

gli altri , il lavoro .. l' amore.. , tutto mi fa paura

infatti non lotto piu' da anni...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ho paura di "sprecare" il tempo...

il che presuppone che ci sia un giusto modo di usare bene il tempo.....quale e quale metro usi per giudicare??

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
il che presuppone che ci sia un giusto modo di usare bene il tempo.....quale e quale metro usi per giudicare??

Ovviamente riferito a me, parlando del mio tempo.

Il modo giusto è quello di usarlo in modo produttivo...

Cos'è produttivo?

Quando quello che faccio non è fine a se stesso, ma serve a cambiare (in meglio si spera ovviamente!) il futuro ed anche il presente...

Ho paura di fare troppo poco... ed a tratti "troppo" (nel caso mi stia muovendo in una direzione sbagliata)... anche se fino ad oggi la famosa (sarà anche un luogo comune ma vabbè) "nessun rimpianto, meglio un errore che il rimorso di non aver provato!" si è rivelata una grande verità nella ma vita.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ovviamente riferito a me, parlando del mio tempo.

Il modo giusto è quello di usarlo in modo produttivo...

Cos'è produttivo?

Quando quello che faccio non è fine a se stesso, ma serve a cambiare (in meglio si spera ovviamente!) il futuro ed anche il presente...

Ho paura di fare troppo poco... ed a tratti "troppo" (nel caso mi stia muovendo in una direzione sbagliata)... anche se fino ad oggi la famosa (sarà anche un luogo comune ma vabbè) "nessun rimpianto, meglio un errore che il rimorso di non aver provato!" si è rivelata una grande verità nella ma vita.

bene....

dunque vuoi essere produttivo per cambiare "in meglio" presuppongo,,,,,o sbaglio?

cos'è per te il meglio....

se dovessi trovare inutile o noiosa la discussione dimmelo....

x left....

ciao! :D:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
non ha detto che lo usa male .. ma che lo spreca .. è diverso ..

:D:

che differenza c'è? Sono un tonno non la riesco a cogliere....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bene....

dunque vuoi essere produttivo per cambiare "in meglio" presuppongo,,,,,o sbaglio?

cos'è per te il meglio....

se dovessi trovare inutile o noiosa la discussione dimmelo....

x left....

ciao! :ola (1):

Tranquillo, se lo trovassi noioso non scriverei proprio! Avendo la presunzione di considerare esaurenti le risposte sulla mia persona, solo quando provengono da me stesso, qui sono in cerca di DOMANDE! :D:

E poi, fra "frutti di mare" è sempre un piacere chiaccherare :D:

Cambiare in meglio significa tante cose, come spiegarlo? Riguardo il futuro, è tutto quello che migliora (o forse semplicemente stravolge) la mia situazione attuale, che mi avvicina un po' a quello che vorrei, ai miei obiettivi, che mi dà nuove sensazioni...

Riguardo il presente, è anche il semplice "divertimento", quando è spontaneo e non forzatamente ricercato...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

che dire???

sono pienamente d'accordo con coccy e nuccia....mi avete letto nel pensiero??

aggiungo ho paura anche di non aver piu la possibilità di scegliere...di vivere la mia vita come voglio....a 360gradi e vivere di emozioni...

un saluto a tutti_! :Applause:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io ho paura di restare solo,di deludere le persone che mi sono vicine ed anche io come "octopus" ho paura di arrivare ad un certo punto della vita,guardarmi indietro e accorgermi che ho sprecato solo del tempo prezioso...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao andreatttt, alcune delle mie paure sono quelle che hai appena scritto tu, poi io ne ho altre ma sono troppe da elencare.... :D: , poi pensando che io stia vivendo inutilmente mi rendo conto del tempo che sto sprecando e la mia ansia sale ancora di piu'....bla bla bla ma che ci sto a fare qui? :abbr:

Oggi sono giu',si vede eh? Vaff...a me stessa!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Vaisolo, la mia più grande paura è la morte....e fin qui non è una novità....poi aggiungo la paura del protrarsi nel tempo di situazioni di infelicità, quando non riesci mai ad intravedere la fine e non sai a che Santo rivolgerti.....inoltre ci metto anche la paura dell'indifferenza, perchè anche chi ti sta accanto prima o poi si abitua alla tua situazione di infelicità e non ti aiuta ad uscirne.....e infine ma non per ultima, la paura di non riuscire più ad amare che è la causa di quel vuoto dentro che non ha fondo.

Penso che queste siano le mie principali paure.....tralascio le secondarie per evitare di dilungarmi troppo.

Ciao Alely

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Una delle mie paure è fare l' errore che hanno fatto i miei genitori nei miei confronti: non dimostrare affetto ai miei figli....(se mai ne avrò)

come ti capisco Stellina....

mia madre è sempre stata un muro...freddissima,incapace di dimostrare e di esternare le proprie emozioni le proprie senzazioni...

mentre mio padre sebbene sia un po freddo anche lui,ha sempre trovato il modo di volermi bene magari un po goffo e divertente però ci prova tutti i giorni.... :abbr:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
come ti capisco Stellina....

mia madre è sempre stata un muro...freddissima,incapace di dimostrare e di esternare le proprie emozioni le proprie senzazioni...

mentre mio padre sebbene sia un po freddo anche lui,ha sempre trovato il modo di volermi bene magari un po goffo e divertente però ci prova tutti i giorni.... :B):

Per me è il contrario, mia madre è un po' piu' mamma mentre mio padre del papa' non ha quasi niente, è brutto dirlo ma io lo considero un conoscente, so che gli devo la vita, ha fatto in modo che io venissi al mondo, ma i figli vanno amati e non solo cresciuti con cibo vestiti ecc.

Quando vedo dei genitori affettuosi con i propri figli mi viene un tonfo al cuore e mi chiedo cosa ho fatto io per non avere tutto questo nella mia vita. Forse non sono riuscita io a farmi volere bene......come in effetti neanche io mi voglio bene. :D:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eh si è proprio il contrario...

io che pensavo che la mamma dovrebbe essere l'esempio piu importante di affettuosità lei non lo è mai stato,lei non mi ha mai dato una carezza,un bacio,detto o dimostrato "ti voglio bene",non mi ha mai incitato a parlare con lei,non mi ha mai chiesto come stavo,cosa faccio,insoma interesse zero....

vedi Stellina io non mi sono posta il problema quando ero adolescente ma inconsciamente ci soffrivo,con la maturità ho capito i veri problemi tra me e lei,ho provato a farglielo capire in modo diretto,in modo indiretto, "cedendo" spesso e voelntieri al mio orgoglio,ma niente sempre porte chiuse in faccia e ora che abito da sola,le cose non sono cambiate,diciamo che il non vivere sotto lo stesso tetto ovviamente aiuta ad avere meno possibilità di scontro,però le volte che vado a cena si ripete,e sai cosa ho capito?che lei non è mai cambiata anche se so che sicuramente ne soffre ma non fa niente per cambiare o smussare,io invece sono cambiata tanto,il problema è uno non l'ho ancora perdonata e molto probabilmente finchè io non riuscirò a perdonarla andremo avanti a discutere anche per le stronzate....

ma non basta un click di un bottone per perdonare....ci vuole tempo...ci sto lavorando,credo d'essere a buon punto,ma il fatto di doverci lavorare da sola e non assieme a lei mi dispiace molto...e mi fa inkazzare :B):

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lei mi ha sempre ripetuto che mi ha sempre lavato,stirato e dato da mangiare (e non pasta al burro).........ed io l'ho semp ringraziata per questo ma le ho anche detto ultimamente che nella vita il cibo e le altre cose non sono tutte....le ho detto che avrei mangiato anche pasta in bianco per un mese pur di avere una carezza e di vederla esprimere una qualsiasi emozione....ma niente....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lei mi ha sempre ripetuto che mi ha sempre lavato,stirato e dato da mangiare (e non pasta al burro).........ed io l'ho semp ringraziata per questo ma le ho anche detto ultimamente che nella vita il cibo e le altre cose non sono tutte....le ho detto che avrei mangiato anche pasta in bianco per un mese pur di avere una carezza e di vederla esprimere una qualsiasi emozione....ma niente....

Scorp@, abbiamo vissuto e stiamo vivendo un'esperienza simile....il fatto è che io ormai da mio padre non voglio niente nel campo affettivo, ormai per me lui è quello che è e non potrà mai cambiare.....è assurdo ma davvero per me è come fosse un conoscente....a volte penso a quando morirà: soffriro' o no? avro' rimpianti o no? ma alla fine mi rispondo che non provero' niente di tutto questo e mi sento cosi' cattiva....spero mi sia spiegata, sono molto confusa scorpi@! :B):

ps anche mio padre ha sempre detto che non ci (a me e ai miei fratelli) ha mai fatto mancare nulla....è cosi' che si giustificano penso....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mi spaventa la perdita del controllo che tutt'ora continua a capeggiare nella mia vita, nonostante stia lavorando per cercare di tornare ad un equilibrio stabile...

joker...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

la mia paura è di non essere accettata.....di non riuscire ad aiutare...di non vivere la vita nel modo migliore....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Per poter inserire un commento devi far parte della Comunità.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.