Vai al contenuto

Pubblicità

Alely

La paura della morte e delle malattie

Recommended Posts

Ciao a tutti, vorrei provare a discutere con voi su un tema non certamente nuovo ma che per me sta diventando un vero e proprio assillo. La paura della morte in primis e delle malattie.

Preciso subito che non sono religiosa...anzi sono una persona abbastanza razionale. Però anch'io sono tra quelle che la sera prima di addormentarsi pregano. Non so bene il motivo ma sto meglio dopo averlo fatto. Forse è un modo per ingraziarmi Qualcuno o Qualcosa oppure è un modo scaramantico per prepararmi a trascorrere il giorno dopo fatto sta che lo faccio sempre in nome della salute per me e tutta la mia famiglia.

Questo sentimento di orrore di fronte alla morte credo di averlo sempre avuto e devo dire che non credo di aver mai vissuto episodi traumatizzanti tali da giustificarlo, o per lo meno direi che ho vissuto le stesse situazioni che vivono più o meno tutti.

Il fatto che adesso ne sia particolarmente spaventata è legato senz'altro all'anzianità delle tre donne più importanti della mia vita. Mia madre, e le mie due zie. Contrasti e conlfitti a parte, loro sono le persone che mi hanno cresciuta, che mi hanno coccolata, che mi hanno protetta, che mi hanno amata, che mi hanno insegnato la vita, insomma sono la mia vita e so che senza di loro non so stare.

NO....non sono la cucciola di casa (ho 39 anni)....nemmeno la bimba, nè la piccolina....non ho la sindrome di Peter Pan, ho la mia famiglia con tutti i suoi casini e mi ritengo una persona responsabile e matura.

E' solo che non voglio che queste donne mi possano abbandonare da un giorno all'altro, perchè le amo, come amo i miei figli e non vorrei mai abbandonarli.

Adesso il punto è questo. Non avendo una fede, un credo, una filosofia niente di niente.....non so come affrontare questa grande paura che ho della morte, anche mia s'intende.

Mi dispiace non poter spiegare a voce quello che sento, ma sono veramente ossessionata e davanti a me vedo solo il buio nero e freddo.

Alely

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pubblicità


Ciao a tutti, vorrei provare a discutere con voi su un tema non certamente nuovo ma che per me sta diventando un vero e proprio assillo. La paura della morte in primis e delle malattie.

Preciso subito che non sono religiosa...anzi sono una persona abbastanza razionale. Però anch'io sono tra quelle che la sera prima di addormentarsi pregano. Non so bene il motivo ma sto meglio dopo averlo fatto. Forse è un modo per ingraziarmi Qualcuno o Qualcosa oppure è un modo scaramantico per prepararmi a trascorrere il giorno dopo fatto sta che lo faccio sempre in nome della salute per me e tutta la mia famiglia.

Questo sentimento di orrore di fronte alla morte credo di averlo sempre avuto e devo dire che non credo di aver mai vissuto episodi traumatizzanti tali da giustificarlo, o per lo meno direi che ho vissuto le stesse situazioni che vivono più o meno tutti.

Il fatto che adesso ne sia particolarmente spaventata è legato senz'altro all'anzianità delle tre donne più importanti della mia vita. Mia madre, e le mie due zie. Contrasti e conlfitti a parte, loro sono le persone che mi hanno cresciuta, che mi hanno coccolata, che mi hanno protetta, che mi hanno amata, che mi hanno insegnato la vita, insomma sono la mia vita e so che senza di loro non so stare.

NO....non sono la cucciola di casa (ho 39 anni)....nemmeno la bimba, nè la piccolina....non ho la sindrome di Peter Pan, ho la mia famiglia con tutti i suoi casini e mi ritengo una persona responsabile e matura.

E' solo che non voglio che queste donne mi possano abbandonare da un giorno all'altro, perchè le amo, come amo i miei figli e non vorrei mai abbandonarli.

Adesso il punto è questo. Non avendo una fede, un credo, una filosofia niente di niente.....non so come affrontare questa grande paura che ho della morte, anche mia s'intende.

Mi dispiace non poter spiegare a voce quello che sento, ma sono veramente ossessionata e davanti a me vedo solo il buio nero e freddo.

Alely

vorresti dunque che voi quattro foste immortali??

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ciao a tutti, vorrei provare a discutere con voi su un tema non certamente nuovo ma che per me sta diventando un vero e proprio assillo. La paura della morte in primis e delle malattie.

Preciso subito che non sono religiosa...anzi sono una persona abbastanza razionale. Però anch'io sono tra quelle che la sera prima di addormentarsi pregano. Non so bene il motivo ma sto meglio dopo averlo fatto. Forse è un modo per ingraziarmi Qualcuno o Qualcosa oppure è un modo scaramantico per prepararmi a trascorrere il giorno dopo fatto sta che lo faccio sempre in nome della salute per me e tutta la mia famiglia.

Questo sentimento di orrore di fronte alla morte credo di averlo sempre avuto e devo dire che non credo di aver mai vissuto episodi traumatizzanti tali da giustificarlo, o per lo meno direi che ho vissuto le stesse situazioni che vivono più o meno tutti.

Il fatto che adesso ne sia particolarmente spaventata è legato senz'altro all'anzianità delle tre donne più importanti della mia vita. Mia madre, e le mie due zie. Contrasti e conlfitti a parte, loro sono le persone che mi hanno cresciuta, che mi hanno coccolata, che mi hanno protetta, che mi hanno amata, che mi hanno insegnato la vita, insomma sono la mia vita e so che senza di loro non so stare.

NO....non sono la cucciola di casa (ho 39 anni)....nemmeno la bimba, nè la piccolina....non ho la sindrome di Peter Pan, ho la mia famiglia con tutti i suoi casini e mi ritengo una persona responsabile e matura.

E' solo che non voglio che queste donne mi possano abbandonare da un giorno all'altro, perchè le amo, come amo i miei figli e non vorrei mai abbandonarli.

Adesso il punto è questo. Non avendo una fede, un credo, una filosofia niente di niente.....non so come affrontare questa grande paura che ho della morte, anche mia s'intende.

Mi dispiace non poter spiegare a voce quello che sento, ma sono veramente ossessionata e davanti a me vedo solo il buio nero e freddo.

Alely

Ciao un umile consiglio,tu dici che non sei religiosa,prova ad avvicinarti ad alcune religioni che credono che dopo la morte ci sia un altra vita,insomma la reincarnazione.Potrebbe farti stare più tranquilla sapendo che un eventuale perdita-(facciamo le corna)-ti faccia stare meglio sapendo che lasciando la vita terrena trovano un altra strada.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ognuno di noi ha paura della morte e soprattutto a quello che c'è dopo! Però bisogna essere realisti ed accettare il fatto che non ci saremo più o che i nostri cari non vi saranno fisicamente ma noi abbiamo i ricordi e l'affetto che ci legherà sempre a questi persone.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ognuno di noi ha paura della morte e soprattutto a quello che c'è dopo!

beati coloro che sanno cosa c'è dopo....

d

io direi "ognuno di noi ha paura di perdere cio che ha....." perchè di cosa c'è dopo....non sappiamo nulla...diciamo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest filotea

Ciao alely!

quando si ha paura della morte è perche non diamo un senso alla vita.

Io non ho paura della morte,sono una pellegrina errante

in cammino verso la Gerusalemme Celeste.

Però ho paura di perdere le mie facoltà mentali :D:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a tutti per le risposte. Vorrei dire a Mio che non desidero l'immortalità e a Antius che non credo nella religione in generale. Ora quello che mi piacerebbe sapere è quale tipo di percorso avete intrapreso, soprattutto a chi come me ha avuto questo genere di difficoltà e cosa poter fare per trovare un sostegno e un aiuto ad accettare questa nostra natura?

Mi spiego meglio, secondo voi ci sono per esempio letture, non necessariamente religiose che possono aiutarmi in questo senso?

Cosa potrei cominciare a fare per cominciare a stare meglio? Cosa avete fatto voi per trovare la giusta risposta?

Devo veramente dare un senso alla mia vita, come suggerisce filotea? Oppure pensate che l'unico rimedio si veramente la religione?

Anche se non posso pretendere di diventare credente in due giorni, penso che per la mia pace interiore ci potrei provare.....bò!!

Grazie di nuovo.

Alely

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Per poter inserire un commento devi far parte della Comunità.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.