Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Natale è il momento di guardare il mondo

con gli occhi dell'amore.Il momento di

ricordare che il mondo è fatto di

persone come noi e cercare di vederle

per quello che sono veramente.

Hanno tutti dei problemi simili ai

nostri,non importa chi siano e da

dove vengano.

A.V.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


  • Risposte 462
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

Ospite filotea

Il meglio di te

L’uomo è irragionevole,

illogico, egocentrico:

non importa, amalo

Se fai il bene,

diranno che lo fai

per secondi fini egoistici:

non importa, fa’ il bene.

Se realizzi i tuoi obiettivi,

incontrerai chi ti ostacola:

non importa, realizzali.

Il bene che fai

forse domani verrà dimenticato:

non importa, fa’ il bene.

L’onestà e la sincerità

ti rendono vulnerabile:

non importa, sii onesto e sincero

Quello che hai costruito

può essere distrutto:

non importa, costruisci.

La gente che hai aiutato,

forse non te ne sarà grata:

non importa, aiutala.

Dà al mondo il meglio di te,

e forse sarai preso a pedate:

non importa, dà il meglio di te.

Madre Teresa di Calcutta

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Inizia un nuovo anno.Rifletti

su quello che hai realizzato finora

nella vita e sii grato;ma non ti accontentare

di quello che hai fatto.Proponiti di raggiungere

mete più alte e ci arriverai.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 
ali2yp3.jpg

L'uccello prigioniero nella gabbia,
l'uccello libero nella foresta:
quando venne il tempo s'incontrarono,
questo era il decreto del destino.
L'uccello libero grida al compagno:
« Amore mio, voliamo nel bosco! »
L'uccello prigioniero gli sussurra:
« Vieni, viviamo entrambi nella gabbia ».
Dice l'uccello libero.- « Tra sbarre,
dove c'è spazio per stendere l'ali? »
Ahimé », grida l'uccello nella gabbia,
Non so dove appollaiarmi nel cielo ».

L'uccello libero grida:
« Amore mio, canta le canzoni delle foreste ».
L'uccello in gabbia dice:
« Siedi al mio fianco,
t'insegnerò il linguaggio dei sapienti ».
L'uccello libero grida: « No, oh no!
I canti non si possono insegnare ».
L'uccello nella gabbia dice: « Ahimé,
non conosco i canti delle foreste ».

Il loro amore è intenso e struggente,
ma non possono mai volare assieme.
Attraverso le sbarre della gabbia
si guardano e si guardano, ma è vano
il loro desiderio di conoscersi.
Scuotono ansiosamente le ali e cantano:
« Vieni vicino a me, amore mio! ».
L'uccello libero grida:
« E' impossibile, temo le porte chiuse della gabbia ».
L'uccello in gabbia sussurra.- « Ahimé,
le mie ali sono morte e impotenti ».

Rabindranath Tagore
Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Quando si va verso un obiettivo,è molto

importante prestare ATTENZIONE AL CAMMINO...

IL CAMMINO che ci insegna sempre la maniera migliore

di arrivare ,e ci arrichisce mentre lo

percorriamo...

Coelho

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Quando si va verso un obiettivo,è molto

importante prestare ATTENZIONE AL CAMMINO...

IL CAMMINO che ci insegna sempre la maniera migliore

di arrivare ,e ci arrichisce mentre lo

percorriamo...

Coelho

si ma questo presuppone che si è sempre consapevoli di ciò che si fa :icon_rolleyes:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
si ma questo presuppone che si è sempre consapevoli di ciò che si fa :icon_rolleyes:

SEMPRE CONSAPEVOLE...TESORO!!!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
INNO ALL’AMORE di San Paolo
(1 Cor 13,1‐13)

Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli,
ma non avessi amore,
sono come un bronzo che risuona
o un cembalo che tintinna.
E se avessi il dono della profezia
e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza,
e possedessi la pienezza della fede
da poter smuovere le montagne,
ma non avessi amore,
non sarei nulla.
E se anche distribuissi tutte le mie sostanze ai poveri
e dessi il mio corpo per esser bruciato,
ma non avessi amore,
niente mi gioverebbe.
L'amore è paziente, è benigno l'amore;
l'amore non è invidioso,
non si vanta, non si gonfia,
non manca di rispetto,
non cerca il suo interesse,
non si adira, non tiene conto del male ricevuto,
non gode dell`ingiustizia, ma si compiace della verità.
Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta.
L'amore non avrà mai fine.
Le profezie scompariranno;
il dono delle lingue cesserà e la scienza svanirà.
La nostra conoscenza è imperfetta
e imperfetta la nostra profezia.
Ma quando verrà ciò che è perfetto,
quello che è imperfetto scomparirà.
Quand`ero bambino, parlavo da bambino,
pensavo da bambino, ragionavo da bambino.
Ma, divenuto uomo,
ciò che era da bambino l`ho abbandonato.
Ora vediamo come in uno specchio, in maniera confusa;
ma allora vedremo faccia a faccia.
Ora conosco in modo imperfetto,
ma allora conoscerò perfettamente,
come anch`io sono conosciuto.

Queste dunque le tre cose che rimangono:
la fede, la speranza e l'amore;
ma di tutte più grande è l'amore.


mani_di_luce_piccolo.jpg
Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

Per Fare a meno di te

non so dove me ne andrò

che cosa inveterò

Per fare a meno di te

Io no, non mi sveglierò

non ti ricorderò

Quando guardo il cielo

cerco te

distrattamente guardo il cielo e

cerco te

e mi sollevo

Per Fare a meno di te

Non so quanto cuore avrò

io mi difendero

Quando Guardo il cielo

cerco te

Distrattamente guardo il cielo

e cerco te

E mi sollevo

Sulle circostanze il tempo scivola ( sopra di noi)

l'infinito sceglie la sua lacrima

Dove cercare ( qualcosa di più) (ancora)

E fare a meno di te

Quando guardo il cielo

cerco te

Distrattamente guardo il cielo

e cerco te

E scioccamente mi sollevo

su con te

su con te

su con te

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

La vita è un processo di apprendimento,ed è prendendo

decisioni che si impara.Se non dovessimo mai fare scelte

difficili,non potremmo mai imparare grandi

lezioni.

A.V.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Venir disprezzati è vergogna

dettar legge è cosa superba

quel che amo è andarmene per la mia strada

perfino il saggio dà corso alle liti

se qualcuno ardisce offenderlo ma sempre

la vittoria tocca

a chi non vuole stravincere.

PETRONIO.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Nasciamo una sola volta ,due non è concesso;tu che non sei padrone

del tuo domani,rinvii l'occasione di oggi.Così la vita

se ne va nell'attesa,e ciascuno di noi

giunge alla morte senza pace.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
  • 2 weeks later...

Quella che traditore

a me ti mostrava,

la luce del giorno

io volli fuggire,

laggiu' nella notte

con me trascinarti,

ove la fine dell'inganno

mi prometteva il cuore,

ove l'illusione presentita

della frode svanisse:

per bere la' con te

eterno amore,

con me - te unito

volli votare alla morte.

(R.Wagner da Tristano e Isotta)

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Nasciamo una sola volta,due non è concesso;tu,che

non sei padrone del tuo domani,rinvii l'occasione di

oggi.Così la vita se ne va nell'attesa ,e ciascuno

di noi giunge alla morte senza pace...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

il testo di una canzone dei Joy division

1. Love Will Tear Us Apart

When the routine bites hard

and ambitions are low

And the resentment rides high

but emotions won't grow

And we're changing our ways,

taking different roads

Then love, love will tear us apart

again (4)

Why is the bedroom so cold

Turned away on your side?

Is my timing that flawed,

our respect run so dry?

Yet there's still this appeal

That we've kept through

our lives

Love, love will tear us apart again (4)

Do you cry out in your sleep

All my failings expose?

Get a taste in my mouth

As desperation takes hold

Is it something so good

Just can't function no more?

When love, love will tear us apart

again (4)

Quando l'abitudine corrode a fondo

E le ambizioni sono mediocri

E il risentimento si impenna

Mentre le emozioni non crescono

E noi cambiamo rotta,

Imboccando direzioni differenti

Allora l'amore, l'amore ci dividerà di nuovo

L'amore, l'amore ci dividerà di nuovo

Perché la stanza da letto è così fredda?

Ti sei girata dalla tua parte

E' il mio ruolo che si è incrinato?

Scorre aridissimo il nostro rispetto

Eppure c'è ancora questa attrazione

Che abbiamo mantenuto nelle nostre vite

Ma l'amore, l'amore ci dividerà di nuovo

L'amore, l'amore ci dividerà di nuovo

Ti lamenti nel sonno

Tutti i miei difetti in vista

E ho un sapore in bocca

Mentre mi attanaglia la disperazione

Per qualcosa di tanto bello che proprio

Non può più funzionare

Ma l'amore, l'amore ci dividerà di nuovo

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 
  • 3 weeks later...

Troppo Tardi

Venni con ansia timida,

sommesso scongiurandoti,

ma del mio ingenuo fuoco

ridesti, e del mio amore

facesti solo un gioco

Sazia di giochi, esausta,

mentre cupi mi guardano

con ansia gli occhi tuoi,

quell'amore che un giorno

ti offrivo, ora lo vuoi.

Ahimè, da tempo è cenere,

mai più potrà rivivere -

era tuo, ben lo sai!

Non conosce più nomi,

vuol essere solo, ormai.

- Hermann Hesse -

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

IL TUO SORRISO

Toglimi il pane, se vuoi,

toglimi l' aria, ma

non togliermi il tuo sorriso.

Non togliermi la rosa,

la lancia che sgrani,

l'acqua che d' improvviso

scoppia nella tua gioia,

la repentina onda

d'argento che ti nasce.

Dura è la mia lotta e torno

con gli occhi stanchi,

a volte, d' aver visto

la terra che non cambia,

ma entrando il tuo sorriso

sale al cielo cercandomi

ed apre per me tutte

le porte della vita.

Amore mio, nell' ora

più oscura sgrana

il tuo sorriso, e se d' improvviso

vedi che il mio sangue macchia

le pietre della strada,

ridi, perché il tuo riso

sarà per le mie mani

come una spada fresca.

Vicino al mare, d'autunno,

il tuo riso deve innalzare

la sua cascata di spuma,

e in primavera, amore,

voglio il tuo riso come

il fiore che attendevo,

il fiore azzurro, la rosa

della mia patria sonora.

Riditela della notte,

del giorno, delle strade

contorte dell'isola,

riditela di questo rozzo

ragazzo che ti ama,

ma quando apro gli occhi

e quando li richiudo,

quando i miei passi vanno,

quando tornano i miei passi,

negami il pane, l'aria,

la luce, la primavera,

ma il tuo sorriso mai,

perché io ne morrei.

donnafelice1kb8.jpg

- Pablo Neruda -

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Il vino triste

--------------------------------------------------------------------------------

La fatica è sedersi senza farsi notare.

Tutto il resto poi viene da sé. Tre sorsate

e ritorna la voglia di pensarci da solo.

Si spalanca uno sfondo di lontani ronzii,

ogni cosa si sperde, e diventa un miracolo

esser nato e guardare il bicchiere. Il lavoro

(l'uomo solo non può non pensare al lavoro)

ridiventa l'antico destino che è bello soffrire

per poterci pensare. Poi gli occhi si fissano

a mezz'aria, dolenti, come fossero ciechi.

Se quest'uomo si rialza e va a casa a dormire,

pare un cieco che ha perso la strada. Chiunque

può sbucare da un angolo e pestarlo di colpi.

Può sbucare una donna e distendersi in strada,

bella e giovane, sotto un altr'uomo, gemendo

come un tempo una donna gemeva con lui.

Ma quest'uomo non vede. Va a casa a dormire

e la vita non è che un ronzio di silenzio.

A spogliarlo, quest'uomo, si trovano membra sfinite

e del pelo brutale, qua e là. Chi direbbe

che in quest'uomo trascorrono tiepide vene

dove un tempo la vita bruciava? Nessuno

crederebbe che un tempo una donna abbia fatto carezze

su quel corpo e baciato quel corpo, che trema,

e bagnato di lacrime, adesso che l'uomo

giunto a casa a dormire, non riesce, ma geme.

Cesare Pavese

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Nulla

Gli angeli vennero a cercarla

La trovarono al mio fianco,

lì dove le sue ali l'avevano guidata.

Gli angeli vennero per portarla via.

Aveva lasciato la loro casa,

il loro giorno più chiaro

ed era venuta ad abitare presso di me.

Mi amava perché l'amore

ama solo le cose imperfette.

Gli angeli vennero dall'alto

e la portarono via da me.

Se la portarono via per sempre

tra le ali luminose.

É vero che era la loro sorella

e così vicina a Dio come loro.

Ma mi amava perché

il mio cuore non aveva una sorella.

Se la portarono via,

ed è tutto quel che accadde.

Fernando Pessoa (Quattro lamenti)

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciò che si ammirava spesso si rivela inutile,ecco una breve

storia.Dopo aver bevuto dalla sorgente dell'amore,vi

scorse la sua immagine allo specchio:ammirò le sue mani,

la sua testa,ma di improvviso un rumore.Cominciò la fuga,

lieve corsa verso una meta inesistente ,che ne imprigionò

le mani,il pensiero fino a dilaniarla.Morendo pronuncio

queste parole:" O si infelice sarò per sempre,troppo tardi

nell'intendo come mi giovava ciò che disprezzavo,come

doleva quello che avevo perso.

ANTONIO V.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.




×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.