Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Anche questo sabato torno a scrivere. Come sapete io nei week end sto sempre a casa perchè non ho amici, nè una ragazza. E non riesco a uscirne fuori da questa situazione negativa.

A volte mi dico che non valgo niente. Non avevo voglia di cucinare sono sceso a mangiarmi un kebab...poi quando stavo per tornare a casa ho incrociato 4 ragazze vestite molto bene, truccate, beni messe che camminavano. Io le ho incrociate con uno sguardo di sottomissione come a dire "sono troppo per voi, impossibile essere alla pari con voi".

Non erano strafighe. Erano 4 ragazze normali, carine e ben sistemate. Ma io mi lascio sempre condizionare dal fatto che una ragazza carina e ben vestita sia meglio di me e con me non voglia avere nulla a che fare.

Quell'incrocio di sguardi è stato l'esempio del mio fallimento: loro sono felici, vanno a divertirsi, sono consapevoli della loro bellezza, della loro femminilità, del potere che hanno. Perchè le donne hanno un potere molto grande che se lo sanno usare non c'è n'è per nessuno.

Io non sono niente. Sto a casa nel week end, non ho amicizie, sono goffo nei movimenti e nel pensare, sono banale prevedibile, scontato, noioso e non riuscirò mai a colpire una di quelle 4 ragazze o qualunque altra ragazza. Il passato può testimoniare per me.

Sì io ho paura di loro. Perchè mi fanno soffrire. Perchè sono meglio di me e sono alla ricerca di qualcuno che sicuramente può darle ciò che io non posso dargli.

Ditemi voi come si fa a vivere con un senso di frustrazione così grande.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Anche questo sabato torno a scrivere. Come sapete io nei week end sto sempre a casa perchè non ho amici, nè una ragazza. E non riesco a uscirne fuori da questa situazione negativa.

A volte mi dico che non valgo niente. Non avevo voglia di cucinare sono sceso a mangiarmi un kebab...poi quando stavo per tornare a casa ho incrociato 4 ragazze vestite molto bene, truccate, beni messe che camminavano. Io le ho incrociate con uno sguardo di sottomissione come a dire "sono troppo per voi, impossibile essere alla pari con voi".

Non erano strafighe. Erano 4 ragazze normali, carine e ben sistemate. Ma io mi lascio sempre condizionare dal fatto che una ragazza carina e ben vestita sia meglio di me e con me non voglia avere nulla a che fare.

Quell'incrocio di sguardi è stato l'esempio del mio fallimento: loro sono felici, vanno a divertirsi, sono consapevoli della loro bellezza, della loro femminilità, del potere che hanno. Perchè le donne hanno un potere molto grande che se lo sanno usare non c'è n'è per nessuno.

Io non sono niente. Sto a casa nel week end, non ho amicizie, sono goffo nei movimenti e nel pensare, sono banale prevedibile, scontato, noioso e non riuscirò mai a colpire una di quelle 4 ragazze o qualunque altra ragazza. Il passato può testimoniare per me.

Sì io ho paura di loro. Perchè mi fanno soffrire. Perchè sono meglio di me e sono alla ricerca di qualcuno che sicuramente può darle ciò che io non posso dargli.

Ditemi voi come si fa a vivere con un senso di frustrazione così grande.

Beh Aldus...da donna ti posso assicurare che ci sono ragazze e donne che si sentono esattamente come te. Te l'assicuro!

Mi sono sentita così per tanto tempo...e dopo un risalita mi ci sento tutt'ora!

Ho un compagno. Ma questo non compensa la mancanza di autostima! E' su questo che devi lavorare...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Beh Aldus...da donna ti posso assicurare che ci sono ragazze e donne che si sentono esattamente come te. Te l'assicuro!

Mi sono sentita così per tanto tempo...e dopo un risalita mi ci sento tutt'ora!

Ho un compagno. Ma questo non compensa la mancanza di autostima! E' su questo che devi lavorare...

Sono d'accordo con Juditta, molte ragazze soffrono come te, bassa autostima, poca fiducia in se stesse e il non piacersi fisicamante.....anche io ne so qualcosa, ho i miei alti e bassi ma ti assicuro Aldus che non sei l'unico che si sente così.....l'unica cosa da fare è un lavoro su se stessi per conoscersi veramente e vedere anche i lati positivi di se stessi e non solo quelli negativi che servono solo a distruggerci......io sto iniziando un lavoro del genere con il mio psicologo e anche se sarà dura voglio farcela -_- , forse dovresti farti aiutare anche tu, è solo un consiglio :D: . Un abbraccio, Stellina.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Oddio Aldus... ma che sono sti pensieri!?!?

Credo di esserci passato un po' anch'io in tempi che ora mi sembrano remoti, ma questo timore era verso tutti, non solo le ragazze... poi si è trasformato verso una sorta di disprezzo, ora sono "più o meno equilibrato" credo... :D:

Non pretendo di darti il consiglio risolutore, vedi tu se ti piace come idea -_- credo che dovresti iniziare a stare "al centro dell'attenzione" fra le persone... non fraintendermi... così sembra che tu sia spaventato dal giudizio degli altri, mentre molto probabilmente nemmeno gli è passato dall'anticamera del cervello...

Accorgersi che in effetti gli altri ti "notano" (lasciamo stare se in "positivo o in negativo" che è moooooooooooooolto relativa come cosa...), ti cambia la percezione degli altri, e capisci come gli altri percepiscono te!

La strada più facile e veloce secondo me? "Mettersi in ridicolo". Ovviamente non come fantozzi, ma se ti senti goffo banale e prevedibile, prova un po' a giocare con questo personaggio, estremizzalo un po' e vedi che succede...

vestiti completamente fuori da ogni moda ed un poco "sfigato" (uhahuhuahuahua scusa, ma quando penso a quelli che sono veramente ridicoli/e per come si conciano credendosi "fighi" non resisto...), un po' trasandato direi...

Poi avrai modo di inserirti anche come conoscente collaterale in qualche compagnia no? Gioca lì il tuo personaggio! Non preoccuparti di fare una buona impressione, anzi! Ti assicuro che vedere le reazioni degli altri (che si credono superiori a volte) di fronte a qualcuno che sembra deliberatamente l'anti-eroe è fantastico...

Inizi a sentire qualche mormorio che dice pressappoco "poveraccio quello", e vedendo da chi arrivano ti abitui, non ti tangono proprio, ti divertono anche!

Quando hai l'abitudine a stare "in mezzo", non ti preoccupi di cosa potrebbero pensare gli altri se fai qualcosa, il prossimo passo verrà da se! Per essere brillanti non ci vuole che questo! :D:

Nel frattempo preparati sulle cose nelle quali ti senti "forte" ed hai attituidine... non so, musica, cultura, qualsiasi cosa... e fai qualcosa per far salire l'autostima in quelle dove ti senti debole... sempre per esempio, iscriviti in palestra, etc etc...

PS: Ma smetti per carità di pensare "devo trovare una ragazza devo trovare una ragazza" se lo fai... lascialo fare a quelli dei quali ti parlavo prima... sono di una comicità impressionante nella loro ostentata ricerca!

Cercare qualcosa o qualcuno non significa pensare di trovarlo ogni minuto, nè guardarsi in giro sperando di vederlo... significa invece mettere impegno nelle cose che ti metteranno in condizione e porteranno a trovarla!

Ti sei mai chiesto perchè chi ripete "ohhhhhh certo che l'inglese è importante oggi, come vorrei saperlo parlare... ehhh già, ma quest'estate me ne vado due settimane a cambridge e torno cone un inglese..." rimane sempre così, mentre chi si compra un libro di grammatica e lo legge, inizia a guardare qualche film, usa internet come mezzo, e non pretende di cambiare da bianco a nero direttamente, riesce nella cosa? Un esempio come un altro...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Beh Aldus...da donna ti posso assicurare che ci sono ragazze e donne che si sentono esattamente come te. Te l'assicuro!

Mi sono sentita così per tanto tempo...e dopo un risalita mi ci sento tutt'ora!

Ho un compagno. Ma questo non compensa la mancanza di autostima! E' su questo che devi lavorare...

non posso che confermare, a volte dietro a quella che noi crediamo sia sicurezza altrui si nascondono tanti punti interrogativi, magari ieri quelle ragazze o una di loro ti hanno notato ma non per la tua presunta goffaggine ma perchè sembravi un ragazzo "normale", non il solito strafigo tutto profumato e tanto insignificante che si crede al centro di tutto mentre nessuno lo caga....sai io apprezzo molto di più persone come te....e non sono la sola...solo devi concentrarti sulla tua autostima...un aiutino psicologico non sarebbe male....

Bella l'ultima parte del post di octopus....molto vera..pensaci Aldus.... :;):

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Anche questo sabato torno a scrivere. Come sapete io nei week end sto sempre a casa perchè non ho amici, nè una ragazza. E non riesco a uscirne fuori da questa situazione negativa.

A volte mi dico che non valgo niente. Non avevo voglia di cucinare sono sceso a mangiarmi un kebab...poi quando stavo per tornare a casa ho incrociato 4 ragazze vestite molto bene, truccate, beni messe che camminavano. Io le ho incrociate con uno sguardo di sottomissione come a dire "sono troppo per voi, impossibile essere alla pari con voi".

Non erano strafighe. Erano 4 ragazze normali, carine e ben sistemate. Ma io mi lascio sempre condizionare dal fatto che una ragazza carina e ben vestita sia meglio di me e con me non voglia avere nulla a che fare.

Quell'incrocio di sguardi è stato l'esempio del mio fallimento: loro sono felici, vanno a divertirsi, sono consapevoli della loro bellezza, della loro femminilità, del potere che hanno. Perchè le donne hanno un potere molto grande che se lo sanno usare non c'è n'è per nessuno.

Io non sono niente. Sto a casa nel week end, non ho amicizie, sono goffo nei movimenti e nel pensare, sono banale prevedibile, scontato, noioso e non riuscirò mai a colpire una di quelle 4 ragazze o qualunque altra ragazza. Il passato può testimoniare per me.

Sì io ho paura di loro. Perchè mi fanno soffrire. Perchè sono meglio di me e sono alla ricerca di qualcuno che sicuramente può darle ciò che io non posso dargli.

Ditemi voi come si fa a vivere con un senso di frustrazione così grande.

Ciao Aldus, basta pensare solo a te stesso! di radiografie te ne sei fatto abbastanza e ora è il momento di proiettarti verso l' esterno considerando che non devi pensare subito ai legami..prima devi instaurare dei rapporti.

Che fai nella vita, studi o lavori? che ne dici di dedicarti a qualche attività che ti consenta di conoscere gente? non ragazze, gente in genere.

Altro consiglio, sembra stupido ma frutta molto più di ciò che costa: postura eretta e testa alta, mette ottimismo a prescindere, provare per credere. Pensa anche a come respiri.. non farlo superficialmente come se dovessi ossigenare solo il naso... pensa che tutto il tuo corpo ne ha bisogno.

Inoltre giocati bene le tue carte...ora sono poche ma se le investi bene si moltiplicheranno dunque ad esempio: sei sceso sotto casa a prendere un kebab, giusto? bene, rivolgiti con un discreto sorriso a chi ti serve, saluta e ringrazia sempre. Comportarsi in modo affabile generalmente viene ripagato con la gentilezza.

Un passo per volta, come ha detto octopus, non devi pretendere dei drastici cambiamenti dall' oggi al domani, acquisisci un pò di sicurezza con le persone e vedrai che pian piano la siuazione migliorerà.

Probabilmente non sarai mai un latin lover o il trascinatore della compagnia ma ti ritaglierai senz' altro il tuo spazio e avrai il tuo ruolo...

Un abbraccio.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Anche questo sabato torno a scrivere. Come sapete io nei week end sto sempre a casa perchè non ho amici, nè una ragazza. E non riesco a uscirne fuori da questa situazione negativa.

A volte mi dico che non valgo niente. Non avevo voglia di cucinare sono sceso a mangiarmi un kebab...poi quando stavo per tornare a casa ho incrociato 4 ragazze vestite molto bene, truccate, beni messe che camminavano. Io le ho incrociate con uno sguardo di sottomissione come a dire "sono troppo per voi, impossibile essere alla pari con voi".

Non erano strafighe. Erano 4 ragazze normali, carine e ben sistemate. Ma io mi lascio sempre condizionare dal fatto che una ragazza carina e ben vestita sia meglio di me e con me non voglia avere nulla a che fare.

Quell'incrocio di sguardi è stato l'esempio del mio fallimento: loro sono felici, vanno a divertirsi, sono consapevoli della loro bellezza, della loro femminilità, del potere che hanno. Perchè le donne hanno un potere molto grande che se lo sanno usare non c'è n'è per nessuno.

Io non sono niente. Sto a casa nel week end, non ho amicizie, sono goffo nei movimenti e nel pensare, sono banale prevedibile, scontato, noioso e non riuscirò mai a colpire una di quelle 4 ragazze o qualunque altra ragazza. Il passato può testimoniare per me.

Sì io ho paura di loro. Perchè mi fanno soffrire. Perchè sono meglio di me e sono alla ricerca di qualcuno che sicuramente può darle ciò che io non posso dargli.

Ditemi voi come si fa a vivere con un senso di frustrazione così grande.

beh, caro Aldus sei uno sfigato! :LOL:

o meglio... ti comporti da sfigato perchè ti ci senti

ma non lo sei, perchè se lo fossi non parleresti in questo modo.

a me dai l'impressione di una persona che si sente vittima, indi per cui esci da questo personaggio e tira fuori le palle (è metafora eh :wub:)

reagisci caxxo

ciao

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ospite filotea

Ciao aldus,

tutti ti hanno dato una risposta SINCERA E VERA.

Io ribadisco

tutti durante il percorso della vita ci sentiamo COMPLESSATI,

sai che il sentirsi complessati fa parte di noi e questi pensieri che se sai prenderli aiutano alla maturazione del proprio carattere.

Non pensare che quelle ragazze siano felici,molte volte dietro quei bei vestiti,quel bel modo di parlare di porsi si nasconde un velo di sofferenza,di solitudine,d'incomprensione,di malattia...

Bisogna uscire fuori dal prorio guscio,se provi a leggere qualche libro di AUTOBIOGRAFIA riuscirai a capire che tu aldus non sei il solo...

ciao

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciao Aldus, siamo una generazione di uomini cresciuti dalle donne... Integrare il ruolo di maschio, ovvero quello che nel rapporto uomo-donna deve saper proporsi, è stato minato dalla educazione che hai ricevuto, questo conduce la tua mente a proiettare un potere sulle donne (la donna strega).

Questo potere, di cui ti privi, ha delle conseguenze biunivoche: da un lato, ti privi delle capacità che contraddistinguono la tua parte femminile, dall'altro lato, nel momento in cui una femmina ti accoglierà a prescindere della tua attuale debolezza (perchè rispecchierai la sua) subirà la tua proiezione con esiti a dir poco catastrofici per un sano rapporto di coppia.

Concordando con quanto detto da Juditta, quello di cui hai bisogno e riacquisire la percezione dei tuoi confini, quindi stimare le tue capacità... che sono tante e perloppiù inaspettate, che corrispondono a quelle di qualsiasi altro maschio.

Riappropriatene io so che ce la puoi fare, ti basterà concedertelo. :spiteful:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

non e' buffo chi e' buffo,ma chi crede di esserlo.

non so se sia il tuo caso, ma tutti abbiamo dei difetti ma quando siamo un po' giu' di morale li ingigantiamo o crediamo che siano piu' numerosidi quanto in realta' siano...

la vera bellezza sta dentro di noi, non nel nostro corpo fisico.... non esiste una persona che vale piu' dell'altra, siamo tutti esseri umani e percio' siamo tutti VALIDI !

la bellezza di una persona,l'importanza ecc.. non si giudica da l'estetica,dal potere, dai soldi, ma da quello che ha dentro.

dobbiamo imparare a conoscere noi stessi dentro e a conoscere l'anima delle altre persone e a non farci ingannare dall'estetica o dalle cose che hanno.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ciao Aldus, siamo una generazione di uomini cresciuti dalle donne. Integrare il ruolo di maschio, ovvero quello che nel rapporto uomo-donna deve saper proporsi, è stato minato dalla educazione che hai ricevuto, questo conduce la tua mente a proiettare un potere sulle donne (la donna strega).

questa frase mi fa venire in mente Fight Club...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
questa frase mi fa venire in mente Fight Club...

:;):

Yesss, in esso ci sono buoni spunti per riflettere sulla condizione del maschio, privato di una parte dell'educazione interrompe quel processo evolutivo che gli consente l'affermazione della sua natura, in una società della tecnica che rende insensibili agli stimoli di selvaggi e naturali a favore degli stimoli indotti dal marketing che ha tanto cuore la nostra necessità di sentirci coccolati -_- .

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Anche questo sabato torno a scrivere. Come sapete io nei week end sto sempre a casa perchè non ho amici, nè una ragazza. E non riesco a uscirne fuori da questa situazione negativa.

A volte mi dico che non valgo niente. Non avevo voglia di cucinare sono sceso a mangiarmi un kebab...poi quando stavo per tornare a casa ho incrociato 4 ragazze vestite molto bene, truccate, beni messe che camminavano. Io le ho incrociate con uno sguardo di sottomissione come a dire "sono troppo per voi, impossibile essere alla pari con voi".

Non erano strafighe. Erano 4 ragazze normali, carine e ben sistemate. Ma io mi lascio sempre condizionare dal fatto che una ragazza carina e ben vestita sia meglio di me e con me non voglia avere nulla a che fare.

Quell'incrocio di sguardi è stato l'esempio del mio fallimento: loro sono felici, vanno a divertirsi, sono consapevoli della loro bellezza, della loro femminilità, del potere che hanno. Perchè le donne hanno un potere molto grande che se lo sanno usare non c'è n'è per nessuno.

Io non sono niente. Sto a casa nel week end, non ho amicizie, sono goffo nei movimenti e nel pensare, sono banale prevedibile, scontato, noioso e non riuscirò mai a colpire una di quelle 4 ragazze o qualunque altra ragazza. Il passato può testimoniare per me.

Sì io ho paura di loro. Perchè mi fanno soffrire. Perchè sono meglio di me e sono alla ricerca di qualcuno che sicuramente può darle ciò che io non posso dargli.

Ditemi voi come si fa a vivere con un senso di frustrazione così grande.

Tesoro.Io sono stato,GOFFO,PREVEDIBILE,SCONTATO,NOIOSO(anche adesso)BANALE.Ad un tratto ho voltato pagina,ho meglio è uscito fuori il meglio che tutti noi abbiamo.Ergo anche tu c'è l'hai,mi permetto di dirti che forse mi e sfuggito un particolare,ma tu quanti anni hai? Io 41 compiuti,se ti fa piacere ti posso raccontare il mio percorso.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ho capito ciò che dite ma spiegatemi una cosa...perchè tutto il mondo, tutto nessuno escluso, dovrebbe pensare a trovarsi "l'anima gemella" e io non lo dovrei fare. Spiegatemi il perchè. L'ossessione delle donne è la dieta. Perchè? Si per stare bene con se stesse. Ok, questa è la ragione razionale, "ufficiale". E poi c'è la ragione nascosta....che è quella di piacere quanto più è possibile agli altri (anche se non lo diranno mai apertamente).

Perchè tanti uomini vanno in palestra e si fanno il fisico? Spendono ore del loro tempo, sudore...fatica...ok va bene per un'esigenza personale. Scusa ufficiale. Per avere più possibilità di conquista. Ragione emotiva che non ammetteranno, anche in questo caso.

Perchè le donne spendono centinania di euro l'anno in cosmetici, trucco, parrucchiere, vestiti, orpelli, accessori e quant'altro?

Perchè tanti ragazzi frequentano discoteche, bar e disco bar? Per parlare della critica della ragion pura di Kant?

Tutto ciò che facciamo in questo mondo, al dì la dei motivi di facciata che possiamo accampare...lo facciamo (più o meno di nascosto) per un motivo chiaro e preciso: com'è nella nostra natura di essere umani, uomini e donne...vogliamo essere amati, coccolati e desiderati

Ci sono tantissime persone che pensano a trovarsi una ragazza o un ragazzo, perchè vogliono amare ed essere amati. Perchè vogliono formarsi una famiglia ecc e le azioni che fanno vanno in quella direzione non c'è dubbio. E alla fine riescono nel loro desiderio.

E allora perchè, mi chiedo, quando si tratta di me, non devo pensarci e devo fare tutt'altro?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ho capito ciò che dite ma spiegatemi una cosa...perchè tutto il mondo, tutto nessuno escluso, dovrebbe pensare a trovarsi "l'anima gemella" e io non lo dovrei fare. Spiegatemi il perchè. L'ossessione delle donne è la dieta. Perchè? Si per stare bene con se stesse. Ok, questa è la ragione razionale, "ufficiale". E poi c'è la ragione nascosta....che è quella di piacere quanto più è possibile agli altri (anche se non lo diranno mai apertamente).

Perchè tanti uomini vanno in palestra e si fanno il fisico? Spendono ore del loro tempo, sudore...fatica...ok va bene per un'esigenza personale. Scusa ufficiale. Per avere più possibilità di conquista. Ragione emotiva che non ammetteranno, anche in questo caso.

Perchè le donne spendono centinania di euro l'anno in cosmetici, trucco, parrucchiere, vestiti, orpelli, accessori e quant'altro?

Perchè tanti ragazzi frequentano discoteche, bar e disco bar? Per parlare della critica della ragion pura di Kant?

Tutto ciò che facciamo in questo mondo, al dì la dei motivi di facciata che possiamo accampare...lo facciamo (più o meno di nascosto) per un motivo chiaro e preciso: com'è nella nostra natura di essere umani, uomini e donne...vogliamo essere amati, coccolati e desiderati

Ci sono tantissime persone che pensano a trovarsi una ragazza o un ragazzo, perchè vogliono amare ed essere amati. Perchè vogliono formarsi una famiglia ecc e le azioni che fanno vanno in quella direzione non c'è dubbio. E alla fine riescono nel loro desiderio.

E allora perchè, mi chiedo, quando si tratta di me, non devo pensarci e devo fare tutt'altro?

Scusa, permettimi, come un fratello...

ma che stai blaterando?

Ecco, questo è quello che io considero un approccio sbagliato! Qualsiasi cosa fatta "per gli altri", o comunque per le apparenze, è una cosa sbagliata in partenza!

Hai giustamente nominato alcuni casi, che sono deliberatamente sbagliati e da evitare!

Se qualcuno ha bisogno di una "scusa ufficiale" per fare qualcosa, allora questa persona ha dei seri problemi non solo con gli altri ma soprattutto con se stesso!!!!!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
b]vogliamo essere amati, coccolati e desiderati[/b]
Ci sono tantissime persone che pensano a trovarsi una ragazza o un ragazzo, perchè vogliono amare ed essere amati. Perchè vogliono formarsi una famiglia ecc e le azioni che fanno vanno in quella direzione non c'è dubbio. E alla fine riescono nel loro desiderio.

Ciascuno sa di se Aldus, dal di fuori sembra molto semplice ciò che fanno gli altri perchè non costa fatica a noi.

Non generalizzare, tutti hanno dei problemi.

è vero ciò che dici, sul fatto che vogliamo essere amati, coccolati e desiderati, ma solo chi ha problemi nel farlo lo sente... un pò come quando sentiamo di avere la testa solo quando ci fa male...

capisco il modo in cui vedi le cose in questo momento, stai dando troppa attenzione a quel mal di testa e più lo fai, più lo senti...

E allora perchè, mi chiedo, quando si tratta di me, non devo pensarci e devo fare tutt'altro?

non è qualcosa di assoluto... è provvisorio.

coloro che tu vedi riuscire nel loro "desiderio" hanno la mente libera, tu no...

è necessario raggiungere questo stato per non vederla più come un desiderio ma come un sentimento.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
coloro che tu vedi riuscire nel loro "desiderio" hanno la mente libera, tu no...

è necessario raggiungere questo stato per non vederla più come un desiderio ma come un sentimento.

Sentimenti e desideri sono due facce della stessa medaglia. Cmq non sempre ci penso ma continuo a fare la mia vita normale. Spesso vado al cinema. Ci vado non per qualche motivo nascosto ma solo per amore del cinema. Beninteso, da solo ovviamente. Ma ci vado lo stesso perchè mi piace il cinema.

In quest'ultimo periodo vado fuori a lavorare in trasferta. Viaggio, conosco varie persone, parlo (ho come compito la formazione di altri) Ok. Bella esperienza.

Poi torno a casa. Solo. E non so a chi raccontare tutto quello che faccio.

Pina lo sai un bacio? Lo conosci? Prova a ripensare a quella senzazione. Com'è bello un bacio. Io lo vedo solo nei film. Non c'è cosa più frustrante della vita che ti nega un'esperienza così bella. Non c'è cosa più frustrante.

E allora cosa posso dire? Che vivo la mia vita normalmente. Ma non è una vita normale. Perchè la solitudine perenne di amicizie e di sentimenti non può essere una cosa normale.

La mia vita si è fermata. I pochi amici che avevo (e che non vedo più per altri motivi) sono fidanzati o sono andati a convivere. Solo io sono rimasto al palo come un ragazzino, solo senza amici e senza una persona di cui potessi essere innammorato.

Che devo fare non ci devo pensare? Ok non lo farò. Continuerò ad andare avanti con il mio lavoro, con il mio cinema, con le mie letture.

Solo come un cane.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
Sentimenti e desideri sono due facce della stessa medaglia. Cmq non sempre ci penso ma continuo a fare la mia vita normale. Spesso vado al cinema. Ci vado non per qualche motivo nascosto ma solo per amore del cinema. Beninteso, da solo ovviamente. Ma ci vado lo stesso perchè mi piace il cinema.

In quest'ultimo periodo vado fuori a lavorare in trasferta. Viaggio, conosco varie persone, parlo (ho come compito la formazione di altri) Ok. Bella esperienza.

Poi torno a casa. Solo. E non so a chi raccontare tutto quello che faccio.

Pina lo sai un bacio? Lo conosci? Prova a ripensare a quella senzazione. Com'è bello un bacio. Io lo vedo solo nei film. Non c'è cosa più frustrante della vita che ti nega un'esperienza così bella. Non c'è cosa più frustrante.

E allora cosa posso dire? Che vivo la mia vita normalmente. Ma non è una vita normale. Perchè la solitudine perenne di amicizie e di sentimenti non può essere una cosa normale.

La mia vita si è fermata. I pochi amici che avevo (e che non vedo più per altri motivi) sono fidanzati o sono andati a convivere. Solo io sono rimasto al palo come un ragazzino, solo senza amici e senza una persona di cui potessi essere innammorato.

Che devo fare non ci devo pensare? Ok non lo farò. Continuerò ad andare avanti con il mio lavoro, con il mio cinema, con le mie letture.

Solo come un cane.

aldus che te devo di... anche io sono nelle tue solite condizioni e spesso mi sento solo.... e sono solo veramente... continuo a sperare e sperare che le cose potrebbero cambiare in qualsiasi momento

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

anch'io mi sento così a volte..spesso ultimamente e non so come si possa vivere cos', so solo che mi butto sulle cose da fare, eccello nelle cose che faccio e occupo tutto il tempo vuoto così. poi arriva la sera il momento più difficle ma poi mi addormento e tutto passa. in bocca al lupo e ricorda tutto passa basta aspettare ciao!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Meglio la tua situazione rispetto a quella di chi si illude di poter rinunciare al proprio bisogno di amore, di coccole, ai propri desideri….

Perchè la solitudine perenne di amicizie e di sentimenti non può essere una cosa normale.

In che senso? nel senso che è sbagliato? Se invece non accetti la situazione, e la vuoi cambiare, questo sì.

Io ancora non riesco a cambiare la mia, ma ogni giorno forse posso, se non cambiare, almeno capire qualcosa, fare un po’ di pulizia se necessario, ci provo… e le cose non cambiano automaticamente… vogliamo tutto e subito, e questo non ci aiuta.

Forse, sul modo per arrivare a quello che cerchi, potresti lavorare in modo diverso…mi sembrano interessanti alcuni spunti che ti fornisce Lapina.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Sentimenti e desideri sono due facce della stessa medaglia.

No Aldus, desiderare significa inseguire una certa cosa a cui noi abbiamo attribuito una certa forma e un certo significato, noi desideriamo qualcosa che vediamo fuori da noi; sentire invece significa stare in un certo stato d' animo.

Ciò che voglio dirti è che finchè tu stesso non sentirai sbaglierai l'approccio..

vado più sul pratico perchè odio far incastrare le persone nei ragionamenti fatti con le mie chiavi di lettura.. non avrebbe senso parlare..

Ciò che hai detto viene proprio a proposito..

Pina lo sai un bacio? Lo conosci? Prova a ripensare a quella senzazione. Com'è bello un bacio. Io lo vedo solo nei film. Non c'è cosa più frustrante della vita che ti nega un'esperienza così bella. Non c'è cosa più frustrante.

Anzitutto lapina :D: non pina..

Mi chiedi se so cosa è un bacio.... a volte ti rispondo io.. e pure da poco tempo.

Seppur fidanzata da molto tempo solo da molto poco mi sento tale... quindi che dire.. apparentemente potevo sembrare più fortunata di te...

Mettici sentimento non solo azione... in tutto.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.