Vai al contenuto
  • Pubblicità

Willy_Coyote

Gb, la folla incita giovane al suicidio e la polizia non riesce a salvarlo

Messaggi consigliati

LONDRA - Lo hanno incitato a gettarsi nel vuoto e poi mentre precipitava dall'ultimo piano di un parcheggio hanno ripreso la scena con i cellulari, mettendo poi i filmati su internet. L'incredibile episodio è avvenuto nel tardo pomeriggio di sabato scorso al centro di Derby, città dell'Inghilterra centrale, dove un ragazzo di 17 anni in preda a tendenze suicide non è potuto essere salvato dalla polizia perché ostacolata dalla folla che "tifava" per il salto mortale.

este_03175202_04480.jpg

A denunciare il cinismo e l'irresponsabilità delle persone presenti al momento della tragedia è stato il capo della polizia della contea, Mick Creedon. A suo giudizio i passanti che con successo hanno incitato il teenager a lanciarsi nel vuoto si sono comportati da "idioti irresponsabili".

Shaun Dykes si è buttato giù dal piano superiore del parcheggio, annesso ad un grande centro commerciale, dopo che per tre ore un gruppo di poliziotti aveva cercato di convincerlo a desistere. La gente assiepata in strada, secondo quanto denunciato dalla polizia, non ha facilitato l'opera degli agenti, ostacolandola anzi in modo irreparabile quando qualcuno ha incominciato a gridare a più riprese "Salta!", "Fallo!", "Fai vedere quanto puoi rimbalzare!".

Pur dicendosi "disgustato" dall'accaduto, il capo della polizia del Derbyshire ha difeso a spada tratta i suoi uomini per il mancato arresto della "piccola minoranza" di persone che con cinica brutalità ha istigato Shaun al suicidio. A suo dire la polizia era concentrata a pieno nel tentativo di salvare il ragazzo e non aveva le forze per ammanettare "quegli irresponsabili idioti". "Per ogni arresto - ha spiegato - ci sarebbero voluti due agenti e ci saremmo trovati presto senza le risorse per garantire l'ordine nella zona. Avremmo esposto a un pericolo potenziale ancora più gente".

Anche il vescovo anglicano di Derby, il reverendo Alastair Redfern, ha stigmatizzato il comportamento di quei passanti che hanno spinto Shaun a togliersi la vita: "Dovrebbero vergognarsi", ha detto.

(3 ottobre 2008)

-----------------------------------------------------------------------------------

Oggi ho letto per caso questo articolo, non so forse io che ho tentato il suicidio più volte e ora che forse questo fa parte del passato, mi fa pensare che le persone che ci stanno attorno non tollerano le persone con dei problemi e forse io che ne ho molti non tollero loro. Se quelle persone che incitavano al suicidio sono da coniderare come persone non mi sentirei di farlo, ma mi sento più di cosiderarle come un numero senza significato come la loro vita.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Purtroppo per sostenere chi soffre di un disagio occorre molta forza psicologica... non è facile stare vicino alle persone che hanno delle problematiche accentuate... questo comunque non giustifica chi non mostra rispetto per le sofferenze e i "limiti" altrui... anche perché dovremmo ricordarci più spesso che quella sofferenza poteva capitare a noi stessi...

...questo articolo è molto "crudo", triste e sconvolgente... e mi spiace anche per quello che è accaduto a te... e per l'incomprensione che purtroppo si stabilisce spesso tra gli esseri umani...

...quelle persone che incitavano al suicidio a me fanno tanta compassione... probabilmente sono più "limitate" di tante altre che magari soffrono e che possono anche avere delle lacune cognitive, ma forse alla fine dimostrano di avere più cuore e più sensibilità... mi dispiace per quel giovane...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

non ho nulla da dire a riguardo...penso si commenti da solo...

tutto questo conferma solo ciò che penso, ovvere che chi non vive determinate cose, non le può capire...

joker

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

mio dio Willy è una cosa terribile....l'incitazione al suicidio potrebbe aver spinto il ragazzo a buttarsi anche se non era davvero intenzionato....se già si sentiva così solo da tetnare il suicidio quelle incitazioni gli hanno confermato quanto fosse solo e inutile e probabilemtne non ha avuto altra scelta.....

Si hi ragione quella gente è insignicante, ma spesso capita che chi invece è dotato di sensibilità in questo mondo fatto di soli "numeri" si senta solo e a sua volta insignificante, mentre loro continuano la loro vita come nulla fosse.....

Il mondo è ingiusto.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Si hi ragione quella gente è insignicante, ma spesso capita che chi invece è dotato di sensibilità in questo mondo fatto di soli "numeri" si senta solo e a sua volta insignificante, mentre loro continuano la loro vita come nulla fosse.....

...quoto e condivido pienamente!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
non ho nulla da dire a riguardo...penso si commenti da solo...

tutto questo conferma solo ciò che penso, ovvere che chi non vive determinate cose, non le può capire...

joker

si è vero joker ma non è solo questione di comprensione , secondo me è la sensibilità che manca, la voglia di spettacolarizzare tutto, di vedere solo il bene e fregarcene se il male ci sta divorando.....il mondo va a rotoli ma la gente preferisce girarsi dall'altra parte!!!!! E' uno schifo....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Non ho parole, ho sentito poco fa la notizia e sono rimasta sconvolta.

E' agghiacciante l'insensibilità che ci circonda.

E non credo che le cose migliorino.

Siamo sempre più egoisti, "mors tua vita mea", ecco ciò che pensa la maggior parte della gente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

appunto digi...perchè è un mondo animale, di animali, ovvero un mondo in cui sussiste l'istinto di sopravvivenza...dell'io devo pensare a me stesso, degli altri me ne frego...stai male? oh pazienza è colpa tua!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Quello che mi viene in mente è che io vivendo una situazione di patologia mentale mi sono accorto che le persone che ci sono attorno tendono acreare dellecolpe per quello che non si vede. Una persona in sedia arotelle si vede dall'esterno ma una difficoltà psichica e cognitiva non si vede e a volte le persone che ci sono attorno tendono ad insultarla, portando così la persona affetta da questi disturbi all'isolamento e alla nascita di fobie sociali che portano alla sfiducia completa nel rapporto con gli altri. Una volta una mia amica arrivò dopo un miotentato suicidio, questa persona inconsapevolmente mi diceva di buttarmi dalla finestra quasi piangendo, io ero inconsapevole di tutto. So che ha sbagliato ma l'esperienza me lo ha insegnato, la possibilità di vivere la mia patologia senza che questa arrivasse a quei picchi che mi portava in passato. C sono genitori che non accettano i figli con patologia psichiatrica, non modificando le loro aspettative in base alle possibilità del figlio. Non so oggi mi chiedevo una cosa, ma è nella natura dell'uomo rifiutare persone diverse dalla società in cui si vive?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Non so oggi mi chiedevo una cosa, ma è nella natura dell'uomo rifiutare persone diverse dalla società in cui si vive?

...secondo me non è nella natura dell'uomo... anzi probabile che l'uomo così facendo vada proprio contro natura, perché la società e soltanto una "convenzione"... tanto limitata quanto gli uomini che l'hanno creata!

...il "diverso" è qualcosa che "arricchisce", che ci permette di ampliare i nostri cervelli e di allenare i nostri cuori... ma noi spesso e volentieri preferiamo chiudere gli occhi e far finta che va tutto bene, finché non siamo noi a soffrire in prima persona...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
. Non so oggi mi chiedevo una cosa, ma è nella natura dell'uomo rifiutare persone diverse dalla società in cui si vive?

ciao willy e buon compleanno.

le persone accettano la diversita' con distanza e nn necessariamente con sincerita'!!

forse nn e' colpa di nessuno ma semplicemente perche' nn si e' mai stati in certe situazioni.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Si è vero, ci sono molte situazioni diverse con esperienze diverse, anche la patologia psichiatrica è uan esperienza di vita diversa, molte volte difficile da condividere e da comprendere per chi non la vive. Andando indietro nel tempo i pazienti psichiatrici venivano bruciati al rogo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Andando indietro nel tempo i pazienti psichiatrici venivano bruciati al rogo.

...è il tipico esempio dell'ignoranza che uccide... e anche la paura di ciò che è ignoto uccide! Oggi dovremmo essere meno superficiali rispetto a queste situazioni, ma chissà se le cose sono davvero cambiate rispetto al passato... chissà...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

E' veramente un fatto tremendo, al quale si stenta a credere, + k altro, al quale non si vorrebbe credere!Come può certa gente essere così insensibilie verso una persona che aveva bisogna di appoggio, di sentirsi parte di qualcosa...di sentirsi importante per qualcuno. La gente a volte sa essere davvero crudele!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Si è vero, ci sono molte situazioni diverse con esperienze diverse, anche la patologia psichiatrica è uan esperienza di vita diversa, molte volte difficile da condividere e da comprendere per chi non la vive. Andando indietro nel tempo i pazienti psichiatrici venivano bruciati al rogo.

la gente ha paura di ciò che non comprende...come hai detto tu Willy le malattie psichiatriche non sono visibili, se si vede una persona sulla sedia a rotelle si dice poverino, lo si comprende qual'è il suo disagio perchè ci si può immedesimare...ma come ci si immedesima in chi ha problemi non visibili dall'esterno? Così è più comodo non vederli o addirittura toglierli di mezzo, che poi non sono cose molto diverse.....la società ha bisogno di aggrapparsi a cose concrete e positive altrimenti rischia di rendersi conto che niente è scontato e tutto è possibile!!!!

Pensiamo alla tossicodipndenza, ai disturbi alimentari, non solo a malattie mentali , anche solo al disagio psicologico di certe persone, la gente preferisce giudicare, additare, eliminare, piuttosto che capire e aiutare.....

La diversità fa paura.....solo io mi chiedo ma chi dicecosa o chi è "normale"???????

Dedico a chi si sente "diverso" questa canzone: http://it.youtube.com/watch?v=jXhYn7NmG1s :Waiting:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
si è vero joker ma non è solo questione di comprensione , secondo me è la sensibilità che manca, la voglia di spettacolarizzare tutto, di vedere solo il bene e fregarcene se il male ci sta divorando.....il mondo va a rotoli ma la gente preferisce girarsi dall'altra parte!!!!! E' uno schifo....

Purtroppo a volte la gente non si accontenta neanche più di girarsi dal'altra parte, a volte la gente perfino si diverte a guardare la sofferenza altrui... il suicidio di un ragazzo diventa spettacolo, come in tv o in un video games...

...sono allibita...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Purtroppo a volte la gente non si accontenta neanche più di girarsi dal'altra parte, a volte la gente perfino si diverte a guardare la sofferenza altrui... il suicidio di un ragazzo diventa spettacolo, come in tv o in un video games...

...sono allibita...

e certo se la si vede come una cosa finta, da televisione, si evita di provare delle emozioni praticamente è sempre come girarsi dall'altraparte solo in un modo molto più crudele!!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
non ho nulla da dire a riguardo...penso si commenti da solo...

tutto questo conferma solo ciò che penso, ovvere che chi non vive determinate cose, non le può capire...

joker

Ma questo è assai più, assai peggio di non poter capire...quei bastardi erano peggio che assassini, nel senso che un assassino magari ha un motivo per quanto assurdo per uccidere, quelli hanno favorito la morte del ragazzo suicida per puro divertimento... Vado ad approfondire questa notizia, se è proprio del tutto vera vuol dire che abbiamo veramente toccato il fondo...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
e certo se la si vede come una cosa finta, da televisione, si evita di provare delle emozioni praticamente è sempre come girarsi dall'altraparte solo in un modo molto più crudele!!!!

Si però a me certe cose danno fastidio anche se le vedo in tv e so che sono tutta finzione! Boh, sarò io che mi impressiono troppo!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

E quelle persone non sono un numero senza significato. Sono veri e propri demoni, che fanno il male per il gusto di fare del male, il loro numero comincia ad essere enorme, SIGNIFICANO (eccome!) che stiamo arrivando a un punto di non ritorno, e che catastrofi immani come quella del nazismo e del comunismo sono pronte a ripresentarsi con un nuovo volto assai peggiore.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Si però a me certe cose danno fastidio anche se le vedo in tv e so che sono tutta finzione! Boh, sarò io che mi impressiono troppo!
E quelle persone non sono un numero senza significato. Sono veri e propri demoni, che fanno il male per il gusto di fare del male, il loro numero comincia ad essere enorme, SIGNIFICANO (eccome!) che stiamo arrivando a un punto di non ritorno, e che catastrofi immani come quella del nazismo e del comunismo sono pronte a ripresentarsi con un nuovo volto assai peggiore.

Ragazzi io sono dalla vostra parte, nel senso che la penso come voi, ovviamente, quello che volevo dire è quello che secondo me porta a questi episodi orrendi.....se invece di far vedere reality show ai nostri figli gli spiegassimo cos'è la morte e la sofferenza (naturalmente è solo un esempio di educazione sbagliata ma non è il motivo che porta a fare delle cose così orrende), forse da adulti o anche ancora ragazzi, non farebbero quello che ha fatto quella gente inutile.....non una giustificazione ma una delle tante spiegazioni, poi ovvio le considerazione negative ci stanno tutte, io in questi casi divento pure estremista quindi meglio che non dica molto.... :Tounge:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Dovremmo rivederci lo stupefacente ed attualissimo "Arancia meccanica" di Kubrik. Dove una società violenta, edonista ed annoiata viene tenuta a bada da un potere egualmente violento, che punisce il crimine con terribili torture psicologiche. Una prefigurazione del prossimo futuro? Speriamo di no. La violenza, l'egoismo e l'arrivismo li respiriamo ogni momento, le nuove generazioni sono troppo spesso abbandonate a se stesse, prive di prospettive, desiderose di non essere escluse dal gregge, a qualsiasi costo. Il gregge che gode di tutti i beni di consumo desiderabili. Una volta, tanti anni fa, si chiamava CONSUMISMO. Ora non si chiama più in alcun modo, perché non c'è più bisogno di definire un qualcosa che è di tutti.

Ma non voglio fare squallida sociologia. Il vero rinnovamento può essere solo un rinnovamento interiore, perché ognuno di noi contribuisce, può contribuire al cambiamento col suo modo di essere e rapportarsi. Speriamo che questo cambiamento non debba essere risultato necessario di un periodo terribile per l'umanità.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Dovremmo rivederci lo stupefacente ed attualissimo "Arancia meccanica" di Kubrik. Dove una società violenta, edonista ed annoiata viene tenuta a bada da un potere egualmente violento, che punisce il crimine con terribili torture psicologiche. Una prefigurazione del prossimo futuro? Speriamo di no. La violenza, l'egoismo e l'arrivismo li respiriamo ogni momento, le nuove generazioni sono troppo spesso abbandonate a se stesse, prive di prospettive, desiderose di non essere escluse dal gregge, a qualsiasi costo. Il gregge che gode di tutti i beni di consumo desiderabili. Una volta, tanti anni fa, si chiamava CONSUMISMO. Ora non si chiama più in alcun modo, perché non c'è più bisogno di definire un qualcosa che è di tutti.

Ma non voglio fare squallida sociologia. Il vero rinnovamento può essere solo un rinnovamento interiore, perché ognuno di noi contribuisce, può contribuire al cambiamento col suo modo di essere e rapportarsi. Speriamo che questo cambiamento non debba essere risultato necessario di un periodo terribile per l'umanità.

condivido in pieno ciò che dici turbo, e aggiungo che in questa ottica nesssuno si rende conto di quanto ci stiamo spingendo oltre.....io da madre faccio fatica ad educare mio figlio ai veri valori della vita, spesso sono costretta a soccombere perchè rischio di essere una madre rigida, in quanto sono davvero sola in questa battaglia.......e non sempre immune....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

è terribile credere che di sotto c'era tanta gente che ha pensato che fosse "eccitante" filmare in diretta un suicidio e non si è fatta scappare l'occasione...terribile!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.