Vai al contenuto

Pubblicità

mio

normalità

Recommended Posts

cosa significa dire "è normale"....

qule concetto di base utilizzate.....la consuetudine vostra....perchè se possiamo dire che in italia è normale mangiare carne, in india è illegale,,,,,

se in italia non possiamo maltrattare un cane ed è normale rischiare una sanzione per un maltrattamento in Cina li fanno al forno con le patate....

è normale! ma cosa significa....

per me diciamo che una cosa è normale se si appresta ad essere accettata dai nostri condizionamenti....è normale che ci siano cani che mangiano tutti i giorni e bambini che lo fanno una volta alla settimana se va bene? no?? Eppure accade....e nessuno fa nulla, nessuno fa nulla finchè non toccano noi stessi...

siamo un mondo di ipocriti.....ma non mi fa pena quel bimbo perchè lui al mio posto farebbe uguale! Al mio posto intendo con i miei condizionamenti , con quelli della mia gente....

é normale vedere un bambino con adosso abiti che sfamerebbero una tribù per mesi....io lo vedo ogni mattina quando vesto le mie....ed èNORMALE...PERCHE' E' COMUNE, E' ACCETTATO, ......però fa schifo....

è normale avere dieci mogli, o no? Dipende da dove vivi....

vedere video pornografici per un gruppo di olandesi che voleva fondere il partito dei pedofili era normale...

il concetto di normalità non ha nessun significato reale....nessuno.

per me è normale tutto cio che esiste...tutto..il che non implica il giusto o lo sbagliato quello lo lascio ai giudicanti che si credono Dio, è normale tutto cio che accade proprio per un concetto evidentissimo: Esiste!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pubblicità


cosa significa dire "è normale"....

qule concetto di base utilizzate.....la consuetudine vostra....perchè se possiamo dire che in italia è normale mangiare carne, in india è illegale,,,,,

se in italia non possiamo maltrattare un cane ed è normale rischiare una sanzione per un maltrattamento in Cina li fanno al forno con le patate....

è normale! ma cosa significa....

per me diciamo che una cosa è normale se si appresta ad essere accettata dai nostri condizionamenti....è normale che ci siano cani che mangiano tutti i giorni e bambini che lo fanno una volta alla settimana se va bene? no?? Eppure accade....e nessuno fa nulla, nessuno fa nulla finchè non toccano noi stessi...

siamo un mondo di ipocriti.....ma non mi fa pena quel bimbo perchè lui al mio posto farebbe uguale! Al mio posto intendo con i miei condizionamenti , con quelli della mia gente....

é normale vedere un bambino con adosso abiti che sfamerebbero una tribù per mesi....io lo vedo ogni mattina quando vesto le mie....ed èNORMALE...PERCHE' E' COMUNE, E' ACCETTATO, ......però fa schifo....

è normale avere dieci mogli, o no? Dipende da dove vivi....

vedere video pornografici per un gruppo di olandesi che voleva fondere il partito dei pedofili era normale...

il concetto di normalità non ha nessun significato reale....nessuno.

per me è normale tutto cio che esiste...tutto..il che non implica il giusto o lo sbagliato quello lo lascio ai giudicanti che si credono Dio, è normale tutto cio che accade proprio per un concetto evidentissimo: Esiste!

Uhmmm,normale significa "a norma" di conseguenza per certo la normalità si adatta sempre alle regole sociali di un dato gruppo di persone.Quando ero fidanzato con una ragazza del Cile scoprì che il te loro lo rovesciano nel piattino e lo aspirano come il brodo,normale per loro come per i giapponesi tirare su col naso invece di soffiarlo,tutti comportamenti a norma.Di normale in natura non esiste niente anzi direi che essendo la normalità un concetto per sua stessa definizione non può esistere,tutto ciò che esiste viene poi interpretato e normalizzato ma di per sè esistono solo differenze al mondo ,in natura,nei sentimenti,nelle persone ecc .Quando adegui un tuo comportamento ,intenzione,sentimento ed azione alla norma di fatto l'hai distrutta,non esiste più,l'hai normalizzata,cancellata.La normalità è la più grossa delle illusioni che ci diamo nella vita,la vita è caos,il caos genera altra vita,la normalizzazione fa le guerre nel mondo,per fare ordine e rendere normali e schiavi i popoli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Uhmmm,normale significa "a norma" di conseguenza per certo la normalità si adatta sempre alle regole sociali di un dato gruppo di persone.Quando ero fidanzato con una ragazza del Cile scoprì che il te loro lo rovesciano nel piattino e lo aspirano come il brodo,normale per loro come per i giapponesi tirare su col naso invece di soffiarlo,tutti comportamenti a norma.Di normale in natura non esiste niente anzi direi che essendo la normalità un concetto per sua stessa definizione non può esistere,tutto ciò che esiste viene poi interpretato e normalizzato ma di per sè esistono solo differenze al mondo ,in natura,nei sentimenti,nelle persone ecc .Quando adegui un tuo comportamento ,intenzione,sentimento ed azione alla norma di fatto l'hai distrutta,non esiste più,l'hai normalizzata,cancellata.La normalità è la più grossa delle illusioni che ci diamo nella vita,la vita è caos,il caos genera altra vita,la normalizzazione fa le guerre nel mondo,per fare ordine e rendere normali e schiavi i popoli.

bene ...concordo con il concetto che hai trasmesso , ma... come fai a dire...anzi direi che essendo la normalità un concetto per sua stessa definizione non può esistere, e poi adeguarti ad essa...?

possiamo dire che la "normalità" è un concetto soggettivo, astratto, assolutamente non descrittivo?

io lo uso per dire cosa del tipo "non è preoccupante" "è consueto" "lo fanno tutti".....pultroppo l'errore non è nel termine, ma nel significato positivo che gli viene attribuito perchè dire "è normale" non significa "è giusto"....ma semplicemente sognifica "accade" dunque perchè stupirsi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bene ...concordo con il concetto che hai trasmesso , ma... come fai a dire...anzi direi che essendo la normalità un concetto per sua stessa definizione non può esistere, e poi adeguarti ad essa...?

In linea di massima in tutta ma dico tutta la mia vita ho sempre combattuto la normalizzazione,pure quella che io tento di fare con me stesso con i miei figli,nel lavoro,nello sport...non c'è niente di più distruttivo della normalità.Certo per me anche questo è diventato una norma cosicchè cado nella trappola che ho scavato...però l'istinto primario e selvatico di conservazione mi fa permette quasi sempre di darmi una scossa e ricordare che la norma è morte il caos è vita così prendo il mazzo delle carte lo lancio forte per aria e si ricomincia.Non mi adeguerò mai Mio,mai.Mi spezzerò ma non mi piegherò.

possiamo dire che la "normalità" è un concetto soggettivo, astratto, assolutamente non descrittivo?

chiedilo ai milioni di americani che votano per due mandati di fila Bush,o agli italiani che danno due volte i potere in mano a Berluska,ai tifosi di calcio che vanno allo stadio per fare la guerra,a chi guarda tutta L'isola,le sitcom,MerdTv,ascolta Britney Spears,vede Zelig e ride ,vede Amici e piange,va a messa ogni domenica,scende dal letto sempre con lo stesso piede,non sa chi sono i Tangerine Dream e Frank Zappa,cos'è normale...per me la normalità è una delle fondamenta del potere.Dove c'è dogma c'è bisogno di normalità,riti ossessivi,condizionamenti secolari,millenari,promesse,illusioni.Più concreta,devastante,distruttiva,globalizzante e descrittivo di tutto questo che altro ci può mai essere?

io lo uso per dire cosa del tipo "non è preoccupante" "è consueto" "lo fanno tutti".....pultroppo l'errore non è nel termine, ma nel significato positivo che gli viene attribuito perchè dire "è normale" non significa "è giusto"....ma semplicemente sognifica "accade" dunque perchè stupirsi?

infatti,vedi un tg dove 4 idioti danno fuoco ad un clochard,ma lo hai già visto ti preoccupi?No t'indigni a pranzo ma a cena avrai dimenticato.Vai a fare la spesa in un centro commerciale stracolmo,ti metti in fila da bravo,come fanno tutti,che vorresti mai fare andare via?Guai,esci dallo schema.Ma se tutto ciò che è consueto,fanno tutti e non è preoccupante non ti terrorizza vuol dire che sei appunto già normalizzato,integrato in Matrix come (quasi)tutti.Viva le anomalie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
infatti,vedi un tg dove 4 idioti danno fuoco ad un clochard,ma lo hai già visto ti preoccupi?No t'indigni a pranzo ma a cena avrai dimenticato.Vai a fare la spesa in un centro commerciale stracolmo,ti metti in fila da bravo,come fanno tutti,che vorresti mai fare andare via?Guai,esci dallo schema.Ma se tutto ciò che è consueto,fanno tutti e non è preoccupante non ti terrorizza vuol dire che sei appunto già normalizzato,integrato in Matrix come (quasi)tutti.Viva le anomalie.

bhè però non trovi che concepire l'anomalia, sia uguale a concepire la normalità....diciamo che le cose esistono...

sai è anomale che un uomo di 50 anni voglia far sesso con uno di 8 mesi, ed io non posso esaltarlo...non me la sento...

io credo che tutto ciò che esiste , esiste, non mi interesso del perchè è venuto in essere, mi interesso sul com'è basandomi sull'osservazione dei fatti, godo degli stessi, sia nel dolore che nella gioia che mi regalano....

il mio intento è quello di far capire che dire "è normale" significa semplicemente nulla, cos'ì come anormale.

ciò di cui tu parli è il condizionamento sociale, ma vedi esso si manifesta anche con il condizionamento che il pensiero ci propina continuamente...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bhè però non trovi che concepire l'anomalia, sia uguale a concepire la normalità....diciamo che le cose esistono...

sai è anomale che un uomo di 50 anni voglia far sesso con uno di 8 mesi, ed io non posso esaltarlo...non me la sento...

io credo che tutto ciò che esiste , esiste, non mi interesso del perchè è venuto in essere, mi interesso sul com'è basandomi sull'osservazione dei fatti, godo degli stessi, sia nel dolore che nella gioia che mi regalano....

il mio intento è quello di far capire che dire "è normale" significa semplicemente nulla, cos'ì come anormale.

ciò di cui tu parli è il condizionamento sociale, ma vedi esso si manifesta anche con il condizionamento che il pensiero ci propina continuamente...

eh no Mio,quello è criminale non anomalo,perchè va contro il senso comune,ma anche contro la mia umanità.Poi anche quella bestialità viene normalizzata attraverso codici legali di comportamento che non a caso si chiamano "normative".

L'anomalia non è il contrario della norma,è semplicemente l'unica cosa che esiste davvero.Per mantenere viva la normalità devi necessariamente schiacciare tutte le eccezioni,casualità,volonta contrarie,idee diverse,sogni,accadiemnti improvvisi e spontanei.La normalità NON esiste,è costruita ed assorbita da chi sta al gioco.L'esistenza delle cose è anomalia conitnua per definizione,mai visto un tramonto uguale od un'alba.Due fiori?Due mele?Due idee?Due figli,persino tra gemelli?L'anomalia è la realtà,la normalità è quella trasposizione della realtà che serve al potere per farti stare bravo a nutrire il sistema.Quando osservi i fatti che dici di apprezzare dimentichi che li osservi in base a quello che ti è stato insegnato quando eri condizionabile e godi nell'unico modo normalizzato che ti è consentito,provando a seconda dei dati in te inseriti,gioia e dolore,fame e sete,paura e coraggio,sdegno ed ammirazione.Non c'è niente di quello che fai/facciamo di veramente spontaneo nella vita se non amare,odiare,nascere e morire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eh no Mio,quello è criminale non anomalo,perchè va contro il senso comune,ma anche contro la mia umanità.Poi anche quella bestialità viene normalizzata attraverso codici legali di comportamento che non a caso si chiamano "normative".

L'anomalia non è il contrario della norma,è semplicemente l'unica cosa che esiste davvero.Per mantenere viva la normalità devi necessariamente schiacciare tutte le eccezioni,casualità,volonta contrarie,idee diverse,sogni,accadiemnti improvvisi e spontanei.La normalità NON esiste,è costruita ed assorbita da chi sta al gioco.L'esistenza delle cose è anomalia conitnua per definizione,mai visto un tramonto uguale od un'alba.Due fiori?Due mele?Due idee?Due figli,persino tra gemelli?L'anomalia è la realtà,la normalità è quella trasposizione della realtà che serve al potere per farti stare bravo a nutrire il sistema.Quando osservi i fatti che dici di apprezzare dimentichi che li osservi in base a quello che ti è stato insegnato quando eri condizionabile e godi nell'unico modo normalizzato che ti è consentito,provando a seconda dei dati in te inseriti,gioia e dolore,fame e sete,paura e coraggio,sdegno ed ammirazione.Non c'è niente di quello che fai/facciamo di veramente spontaneo nella vita se non amare,odiare,nascere e morire.

concordo e aggiungo un mio pensiero rispetto all'ultima frase:

Non c'è niente di quello che fai/facciamo di veramente spontaneo nella vita se non amare,odiare,nascere e morire.

Anche amare e odiare secondo me a volte sono condizionate dal nostro vissuto!!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
concordo e aggiungo un mio pensiero rispetto all'ultima frase:

Anche amare e odiare secondo me a volte sono condizionate dal nostro vissuto!!!!

forse ti concedo odiare in quanto negazione dell'amore ma l'amore no,cioè nella mia esperienza guardandomi davvero dentro con il massimo del distacco ho sempre amato come già detto a prima vista senza il minimo condizionamento.Difatti mi sono anche poi sbagliato spesso sul riporre poi oltre che il cuore anche la fiducia nelle persone.Ma il sentimento nasce spontaneo in me.Che poi la natura mi abbia programmato per amare e non per fuggire questo è certo siamo tutti figli dell'evoluzione e del caos della mescolanza e dei cambiamenti climatici ok ma per chi e quando amiamo riamne figlio del destino e del caos,la realtà insomma.Quando ti scegli un compagno per la vita allora si che fai una scelta normalizzante e ragionata in base agli schemi,al tuo vissuto eccetera,ma l'amore no.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
forse ti concedo odiare in quanto negazione dell'amore ma l'amore no,cioè nella mia esperienza guardandomi davvero dentro con il massimo del distacco ho sempre amato come già detto a prima vista senza il minimo condizionamento.Difatti mi sono anche poi sbagliato spesso sul riporre poi oltre che il cuore anche la fiducia nelle persone.Ma il sentimento nasce spontaneo in me.Che poi la natura mi abbia programmato per amare e non per fuggire questo è certo siamo tutti figli dell'evoluzione e del caos della mescolanza e dei cambiamenti climatici ok ma per chi e quando amiamo riamne figlio del destino e del caos,la realtà insomma.Quando ti scegli un compagno per la vita allora si che fai una scelta normalizzante e ragionata in base agli schemi,al tuo vissuto eccetera,ma l'amore no.

non ho detto che non è possibile lastella (magari tu sei incondizionato in questo).. ma non sempre....a prescindere dalle scelte per il futuro (amore eterno ecc.). Parlo d'amore!

Quante donne credono d'amare un uomo che le picchia? (per fare un esempio limite) Loro sono convinte e il sentimento c'è...però è condizionato....quando si riesce a uscire dalle spirale dell'amore indotto (per molteplici motivi) allora magari si riesce ad essere innamorati in un modo puro, al dilà del nostro vissuto o dei nostri progetti.....e ci si accorge che quell oche noi credevamo fosse amore era qualcosa di diverso che si confondeva all'amore e lo sporcava....

Volendoci allargare anche l'amore per i propri figli non è sempre puro o "normale" che ci sia, come molti pensano. Prima di partorire mi dicevano, vedrai ti aiuterà l'istinto materno!!!! Un'altra grande xxxxxxx universale!!!!!

L'istinto materno non esiste, bisogna diventare mamma o papà giorno per giorno, mettendosi alla prova e in discussione, sempre!!!!

Che ne dici?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eh no Mio,quello è criminale non anomalo,perchè va contro il senso comune,ma anche contro la mia umanità.Poi anche quella bestialità viene normalizzata attraverso codici legali di comportamento che non a caso si chiamano "normative".

L'anomalia non è il contrario della norma,è semplicemente l'unica cosa che esiste davvero.Per mantenere viva la normalità devi necessariamente schiacciare tutte le eccezioni,casualità,volonta contrarie,idee diverse,sogni,accadiemnti improvvisi e spontanei.La normalità NON esiste,è costruita ed assorbita da chi sta al gioco.L'esistenza delle cose è anomalia conitnua per definizione,mai visto un tramonto uguale od un'alba.Due fiori?Due mele?Due idee?Due figli,persino tra gemelli?L'anomalia è la realtà,la normalità è quella trasposizione della realtà che serve al potere per farti stare bravo a nutrire il sistema.Quando osservi i fatti che dici di apprezzare dimentichi che li osservi in base a quello che ti è stato insegnato quando eri condizionabile e godi nell'unico modo normalizzato che ti è consentito,provando a seconda dei dati in te inseriti,gioia e dolore,fame e sete,paura e coraggio,sdegno ed ammirazione.Non c'è niente di quello che fai/facciamo di veramente spontaneo nella vita se non amare,odiare,nascere e morire.

ok...approfondiamo,,,,

dici è criminale....va contro il senso comune ma in alcuni paesi è criminale far le corna, ti lapidano , ti uccidono se lo fai, per loro è aberrante...

in italia è criminale maltrattare un cane, in cina li mangiano!

esistono solo le cose che esistono, catalogarle in normale o anormale è una semplice presa di posizione....è più corretto dire che cio che esiste , esiste.

Poi ci sono azioni egoistiche, io ci metterei dentro quasi tutte le azioni , e quelle consapevoli che si muovono insieme al tutto....ma è un'altro discorso...

concordo sul fatto che tutto è unico e irripetibile, dire che cio che è , è sempre nuovo, ed è in maniera sempre nuova che va affrontato, dando ad esso la massima attenzione, passiva perchè non c'è preconcetto ad analizzarlo, ma solo persenza attenta.

dici che l'odio è spontaneo, non concordo. Scusa ma se c' èqualcosa di condizionato è l'odio, non odi forse solo quello che va contro i tuoi interessi e ti ferisce?

concordo sull'amare.....ma non l'amore che dice "deve essere mia o mio"....amore quello dove non c'è mai e dico mai il desiderio, ma il semplice amare il fatto che una cosa sia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cio che trovo grave è questo..

siccome alcune cose sono ritenute normali, non si ci pensa e domandando a qualcuno "non ti vergogni?" la risposta è "lo fanno tutti!"...

viviamo in una società doce è normale che ci sia chi muore di fame e chi non abbia un vaccino per vivere....ma è normale , è la vita...

viviamo in una società dove l'unico vero scopo collettivo è l'egoismo del singolo e il fatto grave e che ognuno guarda solo quello degli altri....

io vedo solo ipocrisia, tanto ipocrisia...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

siamo in una civiltà e bisogna darsi delle regole e delle definizioni necessariamente.....per vivere in comunità!!!

Quindi è chiaro che il termine "normale" venga usato, l'importante è essere consapevoli del fatto che sia una cosa relativa!!!!

riguardo alle regole civili e legali, diciamo così che si dovrebbe considerare fattibile o anche nomale (nella dizione comune del termine) tutto ciò che non va a nuocere se stessi o altri!!!!

Se per un pedofilo è normale violentare un bambino (quindi giusto, fattibile, che rientra nei SUOI canoni di normalità) ciò non lo è per il bambino, quindi non fattibile, anormale!!!!!

Idem per ogni forma di violenza e sopruso....

Mio arriviamo tutti a capire che il conctto di normale è astratto ma quando si comunica esistono dei termini che vengono usati epr capirsi altrimenti diventa tutto campato epr aria....

Così se io dico che la pedofilia non è normalità, non mi pare che mi devo aspettare un commento idiota su cosa è normale o cosa non lo è!!!!!

Al contrario dire che vedere filmati gay non è normale può essere un concetto abbastanza imputabile, visto che non danneggia nessuno....per cui sarebbe più opportuno chiedersi cosa invece a noi turba così tanto di una cosa che se non vogliamo non ci riguarda e non ci tocca!!!!!

Il discorso è questo!!!! Lo ripeto qui, perchè tutto è nato da ciò che io ho scritto in risposta a un'utente nel topic su totem e tabù!!!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ok...approfondiamo,,,,

dici è criminale....va contro il senso comune ma in alcuni paesi è criminale far le corna, ti lapidano , ti uccidono se lo fai, per loro è aberrante...

in italia è criminale maltrattare un cane, in cina li mangiano!

esistono solo le cose che esistono, catalogarle in normale o anormale è una semplice presa di posizione....è più corretto dire che cio che esiste , esiste.

Poi ci sono azioni egoistiche, io ci metterei dentro quasi tutte le azioni , e quelle consapevoli che si muovono insieme al tutto....ma è un'altro discorso...

concordo sul fatto che tutto è unico e irripetibile, dire che cio che è , è sempre nuovo, ed è in maniera sempre nuova che va affrontato, dando ad esso la massima attenzione, passiva perchè non c'è preconcetto ad analizzarlo, ma solo persenza attenta.

dici che l'odio è spontaneo, non concordo. Scusa ma se c' èqualcosa di condizionato è l'odio, non odi forse solo quello che va contro i tuoi interessi e ti ferisce?

concordo sull'amare.....ma non l'amore che dice "deve essere mia o mio"....amore quello dove non c'è mai e dico mai il desiderio, ma il semplice amare il fatto che una cosa sia.

Concordo, i concetti di normale e normali sono dettati dai nostri condizionamenti, come quasi tutto del resto.....quindi non esistono fatti normali o anormali, ma solo fatti....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
siamo in una civiltà e bisogna darsi delle regole e delle definizioni necessariamente.....per vivere in comunità!!!

siamo in una civiltà? Si in una civiltà dove alcuni ingrassano e altri muoiono....carino sarebbe parlare di cosa intendi per civile.

Quindi è chiaro che il termine "normale" venga usato, l'importante è essere consapevoli del fatto che sia una cosa relativa!!!!

chiaro? non mi sembra chiaro....diciamo che è normale quello che è fattibile per noi...quello che non è per noi grave...sempre che non ci tocchi...

riguardo alle regole civili e legali, diciamo così che si dovrebbe considerare fattibile o anche nomale (nella dizione comune del termine) tutto ciò che non va a nuocere se stessi o altri!!!!

Se per un pedofilo è normale violentare un bambino (quindi giusto, fattibile, che rientra nei SUOI canoni di normalità) ciò non lo è per il bambino, quindi non fattibile, anormale!!!!!

Idem per ogni forma di violenza e sopruso....

bhè non concordo....le leggi si basano su una morale della normalità collettiva il che è veramente ipocrita...

spiegami perchè non si possono maltrattare gli animali per legge, ma sono legali i lagher in cui vivono...

sulla violenza dinuovo si parla di tutto è nulla, perchè per me è violenza anche l'atteggiamento della società verso gli uomini, è violenza anche accettare che al mondo ci siano ragazze o ragazzi che per "fame" si prestano a fare dei film pornografici, omo e non omo, perchè se qualcuno crede che ci siano molti attori (esclusi i più famosi ormai milionari) che da ragazzini aspirassero a fare la puttana in televisione , vedere questi filmati è permettere la violenza psicologica e fisica che porta costoro a prestarsi alla cosa...

perchè se io pagassi ,e ci fosse chi disponibile, qualcuno per mangiare la mia merda e guardarlo sarebbe normale inquando noi siamo due adulti,,,e a nessuno viene in mente che forse il fatto che io sia ricco e che lui mangi vermi per vivere sia un condizionamento costrittivo a portarlo a fare cio cche il mercato chiede....

e violenza anche permettere che ci sia chi muore di fame girandosi dal lato opposto, ma poi se lo toccano , il che va contro i canoni di moralità occidentale siamo del gatto....allora interessa tutti....

ipocrisia, leggo solo inconsapevole ipocrisia

Mio arriviamo tutti a capire che il conctto di normale è astratto ma quando si comunica esistono dei termini che vengono usati epr capirsi altrimenti diventa tutto campato epr aria....

bene , allora ovviamente per Bellandy che un etero guardi un film gay non è normale, ma anche per me non è che sia proprio di chiara sessualità, ma per migliaia di persone credo sia così, ma siccome qui in questo forum si è sancito che è normale .......

Nell'aspetto comune dell'uso della parola "normalità" posso dire che un ragazzo ai cui piacciono le ragazze no guarda due gay che fanno sesso se lo fa...qualcosa per me non cimbra....il che non significa che è male, cosa che voi vedete e leggete per portare la vostra idea sopra quella degli altri, solo che probabilmente non è etero , e non lo manifesta proprio per quei condizionamenti sociali di cui spesso parlo...proprio per quello stupido concetto della normalità di cui stiamo parlando

Così se io dico che la pedofilia non è normalità, non mi pare che mi devo aspettare un commento idiota su cosa è normale o cosa non lo è!!!!!

Al contrario dire che vedere filmati gay non è normale può essere un concetto abbastanza imputabile, visto che non danneggia nessuno....per cui sarebbe più opportuno chiedersi cosa invece a noi turba così tanto di una cosa che se non vogliamo non ci riguarda e non ci tocca!!!!!

Il discorso è questo!!!! Lo ripeto qui, perchè tutto è nato da ciò che io ho scritto in risposta a Bellandy nel topic su totem e tabù!!!!!

vedi a bellandy tocca....sapere se il suo ragazzo o suo padre (che vive con sua madre) sia in un certo modo magari gli interessa, e non è giusto stabilire dove inizia il rispetto e dove l'insofferenza....

Per me essere onesti significa denudarsi davanti a coloro i quali amiamo, chi nasconde parte di se per me non è onesto...il ladro si nasconde.

poi sinceramente a me dei pedofili non mi interessava, mi interessava molto di più il concetto di normalità sul vedere o non vedere che era moooolto a tema...

ma a qualcuno da fastidio parlare di queste cose e morde.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Concordo, i concetti di normale e normali sono dettati dai nostri condizionamenti, come quasi tutto del resto.....quindi non esistono fatti normali o anormali, ma solo fatti....

:rolleyes::starwars::blink:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bene , allora ovviamente per Bellandy che un etero guardi un film gay non è normale, ma anche per me non è che sia proprio di chiara sessualità, ma per migliaia di persone credo sia così, ma siccome qui in questo forum si è sancito che è normale .......

Nell'aspetto comune dell'uso della parola "normalità" posso dire che un ragazzo ai cui piacciono le ragazze no guarda due gay che fanno sesso se lo fa...qualcosa per me non cimbra....il che non significa che è male, cosa che voi vedete e leggete per portare la vostra idea sopra quella degli altri, solo che probabilmente non è etero , e non lo manifesta proprio per quei condizionamenti sociali di cui spesso parlo...proprio per quello stupido concetto della normalità di cui stiamo parlando

il problema, quello che ti turba tanto...è che siccome PER TE che un etero guardi un film gay NON E' NORMALE, allora non deve essere normale per nessuno. sei tu che sancisci il concetto di normalità in questo caso, bello mio.

noi abbiamo affremato tutt'altro...se tu avessi avuto la briga di leggere cioè che:

la sfera delle fantasie sessuali di una persona è molto intima e personale e nessuno ha diritto di intromettersi. nell'ambito delle fantasie (e ribadisco all'infinito fantasie) parlare di normalità non ha alcun senso.

inoltre non è assolutamente detto che chi guarda quei film sia gay, mentre tu hai stabilito che lo deve essere per forza, in base a un tuo concetto di normalità.

io vedo tanta tanta ipocrisia.

ed è inutile che tiri in ballo la fame nel mondo per giustificare la tua omofobia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mio puoi rigirare la frittata come ti pare, il punto rimane sempre lo stesso.

Se per te ogni parola definita dalla lingua italiana non ha valore allora inutile stare a parlare...

Quando io parlo con te o chicchessia e uso il termine "normale" o "civile", mi riferisco a ciò che la maggiorparte delle persone che conosce questo termine intende, e se non lo conosce se lo va a cercare sul vocabolario e capsice di cosa parlo!!!!

Se ognuno dà un significato suo al termine è ovvio che non ci si capirà mai!!!!

Inoltre se ogni volta che si tocca un argomento particolare dobbiamo tirare fuori la carta della fame nel mondo mi pare che non abbiamo altri argomenti!!!! E forse faremmo meglio a chiuderla invece di dire xxxxxxx!!!!!

Inoltre non ti permettere di dare TU dell'ipocrita a me, io, come vedi mi fermo al concetto di cui abbiamo parlato, tu invece hai bisogno di parlare di parafilie, prostituzione e fame nel mondo per accreditare le tue tesi.....

Bizzarro no? E poi sarei io l'ipocrita!!!!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
il problema, quello che ti turba tanto...è che siccome PER TE che un etero guardi un film gay NON E' NORMALE, allora non deve essere normale per nessuno. sei tu che sancisci il concetto di normalità in questo caso, bello mio.

noi abbiamo affremato tutt'altro...se tu avessi avuto la briga di leggere cioè che:

la sfera delle fantasie sessuali di una persona è molto intima e personale e nessuno ha diritto di intromattersi. nell'ambito delle fantasie (e ribadisco all'infinoto fantasie) parlare di normalità non ha alcun senso.

inoltre non è assolutamente detto che chi guarda quei film sia gay, mentre tu hai stabilito che lo deve essere per forza, in base a un tuo concetto di normalità.

io vedo tanta tanta ipocrisia.

ed è inutile che tiri in ballo la fame nel mondo pre giustificare la tua omofobia.

allora ..a parte i tuoi insulti , che sono davvero fuori luogo...

io credo che se uno ami un suo famigliare debba provare ad aiutarlo...

fingersi diversi per paura della "normalità" per me necessita aiuto...poi sai alla risposta di un fratello "io sono etero ma mi piace vedere i gay" si può sempre desistere dal continuare, magari invece ti ritrovi uno che scoppia in lacrime per una situazione difficile da gestire e che tu potresti aiutare moralmente ...

cosa non possibile girandosi dall'altra parte facendo finta di niente,....

MA PARLATENE DI LA...

questo è un topic sul "falso" della normalità....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Concordo, i concetti di normale e normali sono dettati dai nostri condizionamenti, come quasi tutto del resto.....quindi non esistono fatti normali o anormali, ma solo fatti....

quello che dice stellina è una cosa ovvia mio, che abbiamo specificato anche noi dilà.....adesso capisco perchè hai aperto il topic, per tergiversare l'argomento su ciò che ti pareva a te e prenderti la ragione estorcendola in un modo che chi te la dà non se ne accorge nemmeno!!!!!!

E poi chiami gli altri ipocriti!!!!! :blink:

P.S.: Stellina scusa se ti ho quotato, ma mio sa di cosa parlo!!!! :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mio puoi rigirare la frittata come ti pare, il punto rimane sempre lo stesso.

Se per te ogni parola definita dalla lingua italiana non ha valore allora inutile stare a parlare...

Quando io parlo con te o chicchessia e uso il termine "normale" o "civile", mi riferisco a ciò che la maggiorparte delle persone che conosce questo termine intende, e se non lo conosce se lo va a cercare sul vocabolario e capsice di cosa parlo!!!!

Se ognuno dà un significato suo al termine è ovvio che non ci si capirà mai!!!!

Inoltre se ogni volta che si tocca un argomento particolare dobbiamo tirare fuori la carta della fame nel mondo mi pare che non abbiamo altri argomenti!!!! E forse faremmo meglio a chiuderla invece di dire xxxxxxx!!!!!

Inoltre non ti permettere di dare TU dell'ipocrita a me, io, come vedi mi fermo al concetto di cui abbiamo parlato, tu invece hai bisogno di parlare di parafilie, prostituzione e fame nel mondo per accreditare le tue tesi.....

Bizzarro no? E poi sarei io l'ipocrita!!!!!!

giusy...

io ho aperto un topic proprio per CONTESTARE l'ipocrisia dell'utilizzo di termini come civile e normale.

per il resto non rispondo alla tua violenza manifestata dagli insulti....

comuque il vocabolario cita per normale

che è conforme a una regola, a una norma

che segue l'abitudine, ordinario, consueto

e io etero che guardano porno non ne conosco, dunque sono anormali....no! io trovo assurdo tutto cio...e lo contesto..

su civile dice

che mira a rafforzare e a celebrare le virtù civiche

in opposizione a "selvaggio", "barbaro" e sim., che è proprio di una civiltà progredita e ne è testimonianza

detto di persona, equivale a "cortese", ma con in più l'idea della giustizia e dell'onestà

riferito a cosa, tenuto con cura, decoroso, di bell'aspetto

qui di giustizia e onestà ne vedo poca...parlo del mondo in genere.

poi si, io qui volevo svariare dalla fame nel mondo al maltrattamento (di cui tutti se ne fregano) egli animali a noi meno piacevoli....posso? ho devo chiedere il permesso a te?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
e io etero che guardano porno non ne conosco, dunque sono anormali....no! io trovo assurdo tutto cio...e lo contesto..

non ne conosci...o magari li guardano e non lo vengono a dire a te, visto che la sfera delle fantasie sessuali è molto privata?

:rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
quello che dice stellina è una cosa ovvia mio, che abbiamo specificato anche noi dilà.....adesso capisco perchè hai aperto il topic, per tergiversare l'argomento su ciò che ti pareva a te e prenderti la ragione estorcendola in un modo che chi te la dà non se ne accorge nemmeno!!!!!!

E poi chiami gli altri ipocriti!!!!! :blink:

P.S.: Stellina scusa se ti ho quotato, ma mio sa di cosa parlo!!!! :rolleyes:

e poi non vuoi niente.....ma va...va...

mi dai dell'ipocrita, grazie!

ma qual'è l'argomento di cui volevo la ragione...poi me lo spiegherete...

troppi malintesi, soffro della vostra violenza, ma non perchè la subisco o mi ferisce nell'orgoglio ma perchè cerco di esprimere alcuni concetti e voi in maniera davvero violenta e aggressiva mi additate come fossi un eretico nel 1400, e non è violenza che volevo produrre, ma aimè lo generata in voi...

spero che possiate trovare in po di serenità e meno rabbia verso coloro che la pensano diversamente....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
non ne conosci...o magari li guardano e non lo vengono a dire a te, visto che la sfera delle fantasie sessuali è molto privata?

:rolleyes:

tutto può essere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
:Raised Eyebrow::air_kiss::flowers2:

Aspetta ad applaudire e mandarmi fiori xchè nonostante sia così io sono talmente condizionata dall'ambiente in cui vivo, dalla famiglia ecc che è praticamente impossibile non sbalordirsi di fronte a certe cose, quindi ti spiego: ok i fatti sono i fatti e in assoluto non sono ne' giusti ne' sbagliati (parlando al di sopra di tutto, incondizionatamente!), ma alla fine per come sono io ora, non posso non provare disappunto davanti ad un pedofilo o ad un violentatore ecc...non so se sono stata chiara... :unknw:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
e poi non vuoi niente.....ma va...va...

mi dai dell'ipocrita, grazie!

ma qual'è l'argomento di cui volevo la ragione...poi me lo spiegherete...

troppi malintesi, soffro della vostra violenza, ma non perchè la subisco o mi ferisce nell'orgoglio ma perchè cerco di esprimere alcuni concetti e voi in maniera davvero violenta e aggressiva mi additate come fossi un eretico nel 1400, e non è violenza che volevo produrre, ma aimè lo generata in voi...

spero che possiate trovare in po di serenità e meno rabbia verso coloro che la pensano diversamente....

:flowers2: o forse soffri perchè ti girano i xxxxxxx (tue testuali parole)....io sono serena mio...ma tu pare di no!!!!

Buona discussione..... :Raised Eyebrow:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.