Pubblicità

Il linguaggio del corpo

0
condivisioni

Il primo passo per capire qual è il nostro ideale di vita è definirlo

primo passo per capireTi criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei.
Quindi…. che fare?
Vivi come credi. Fai cosa ti dice il cuore… ciò che vuoi… una vita è un’opera di teatro che non ha prove iniziali.

Canta, ridi, balla, ama… e vivi intensamente ogni momento della tua vita… prima che cali il sipario e l’opera finisca senza applausi.”
(Charlie Chaplin)

Pensa a chi vorresti avere come vicini…
Dedica subito qualche minuto per annotare i nomi di qualcuno che vorresti vivesse nel tuo quartiere.
Poi pensa a quali sono le qualità che ammiri in quegli uomini e in quelle donne e a come potresti fare ad acquisirle.

Il primo passo per capire qual è il nostro ideale di vita è definirlo.

E il primo passo per diventare la persona che vogliamo diventare è identificarne i contorni.
Almeno l’85 per cento della felicità nella vita è determinato dai rapporti con le altre persone, quindi la misura in cui riusciamo ad andare reciprocamente d’accordo è largamente responsabile della qualità di tutto quello che ci succede.

Se ci pensiamo bene, nella vita incontriamo persone positive che ci sollevano il morale: sono quelle persone credono in noi, ci incoraggiano e applaudono le nostre vittorie.

Paragoniamole alle persone “tossiche”, i “ladri di sogni”, i tipi negativi, le persone che portano tensione e stress nella nostra giornata e traiamo le nostre conclusioni:
In primis, smettiamo di trascorrere il tempo con le persone negative!

Piuttosto, meglio lavorare duramente per portare più individui positivi e di successo nella nostra vita.

C’è un valido esercizio suggerito da W. Clement Stone:

“Fai una lista di tutti coloro con i quali passi del tempo e metti un segno + affianco alle persone positive e un segno – affianco ai nomi dei tipi negativi: in questo modo capirai meglio a chi ti devi avvicinare e da chi ti devi allontanare”.

C’è un bel detto che recita: se passi più di due minuti con un cretino, allora sei cretino anche tu!

Credo che la stessa cosa si possa adattare alle persone negative.
Se trascorriamo del tempo con persone negative,alla fine, in qualche modo, ci influenzeranno.

Forse anche alcuni dei tuoi amici (e parenti) sono dei continui denigratori che ti sminuiscono e minano la tua autostima.

fai subito i passi giusti per diminuire la quantità di tempo che trascorri con queste persone “tossiche” e/o per stabilire appropriati limiti a queste relazioni.

Stai lontano dalle persone che cercano di sminuire le tue ambizioni.

Le persone piccole lo fanno spesso, ma quelle veramente grandi ti fanno sentire che anche tu puoi diventare grande…

Non separarti dalle illusioni. Quando se ne saranno andate, può darsi che tu ci sia ancora, ma avrai cessato di vivere.”
(Mark Twain)

 

 

Pubblicità

 

 

Vita, Morte, Albero: quel che resterà di noi
Neuropsicologia del voto
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

News Letters

0
condivisioni