Pubblicità

Il linguaggio del corpo

0
condivisioni

L'importanza di saper usare le parole giuste

paroleNoi abbiamo la possibilità di dirigere il nostro focus e se abbiamo questo potere, allora sarà meglio concentralo su ciò che vogliamo ottenere, sui risultati che vogliamo raggiungere.

La più grande scoperta della mia generazione è che un essere umano può cambiare la propria vita cambiando atteggiamento
(William James)

Le parole sono importanti, è quindi opportuno esser accorti quando comunichiamo con noi stessi.

Soprattutto quando abbiamo un obiettivo da raggiungere, ma da dove possiamo iniziare a lavorare per modificare il nostro atteggiamento mentale?
Cerchiamo di eliminare il più possibile oltre che le parole negative, anche le frasi che usano i termini: “ma”, “però”, “perché”.  Come mai?

Pensa a quante volte hai detto “Perché?”  nell’ascoltare qualcuno!
Il “perché” genera una richiesta, che costituisce a volte (ma non sempre), una barriera ad una comunicazione efficace.

Faccio un esempio, domande come: «Perché non mi ascolti?», «Perché sei furioso oggi?», «Perché l’hai fatto?» generano comportamenti di difesa e aprono la strada ad una moltitudine di risposte.

Se come abbiamo detto le domande dirigono il nostro focus, basta fare una domanda e la nostra mente inizia a cercare subito delle risposte.

Non importa se la domanda sia stupida o intelligente, qualsiasi domanda ci poniamo il nostro cervello si metterà in cerca di risposte.

Questo vale sia per le cose positive che per le cose negative.
Chiedersi «Perché non riesco mai ad imparare nulla?» determina un presupposto di fondo, cioè che non riusciamo mai ad imparare nulla!

Un presupposto sottende qualcosa che è vero e la frase «Perché non riesco mai ad imparare nulla?» contiene per il cervello una verità, quella di non riuscire mai ad imparare.

Una tale domanda non focalizza la mente verso la soluzione, ma sul problema.
Ho lasciato un piccolo approfondimento per chi vuole saperne di più sul mio ebook gratuito che puoi scaricare.

Nel nostro forum ci sono dei topic sull'argomento, dagli un'occhiata e se non trovi una risposta che ti soddisfa apri tu un argomento.

Se usiamo al posto delle parole “ma”, “però”, perché”, “comunque”, altre parole del tipo: «Come posso…?», «Come potrei…?», «Cosa posso fare per…», l’effetto sul nostro cervello e di conseguenza sul nostro comportamento sarà profondamente diverso, perché il “come posso..” lascia il cervello libero di accedere a risorse positive.

Stai attento ai tuoi pensieri, perchè diventano parole.  
Stai attento alle tue parole, perchè diventano abitudini.   
Stai attento alle tue abitudini, perchè diventano carattere.   
Stai attento al tuo carattere, perchè diventa il tuo destino.   (Frank Outlaw)


Per approfondimenti consiglio il libro:  Comunicare bene. La comunicazione come formamentis ediz psiconline

I D.S.A.: Divertirsi Sapendo Apprendere© (4)
L’impressione di aver fallito
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori che contribui...

EMDR

L'EMDR è una tecnica UTILIZZATA per il trattamento di diversi tipi di trauma che si basa sulla stimolazione bilaterale. L'EMDR (Eye Movement Desensitization ...

News Letters

0
condivisioni