Pubblicità

Il linguaggio del corpo

0
condivisioni

La comunicazione maschile

linguaggio maschileSono varie le ricerche effettuate sul linguaggio verbale, ma quando si parla di uomini i risultati che escono fuori da tali ricerche possono aiutare non poco il popolo femminile.

Come è possibile aiutare le donne a comunicare meglio con l’universo maschile? Facile, basta osservare qualche semplice regola e avere le seguenti nozioni: Mai accusare un uomo di qualcosa!

Questo metterà fine alla discussione in malo modo. Se anche è colpevole, è bene non riprenderlo con oscure minacce o, peggio, rivangando il passato per qualcos’altro che ha fatto. Il pensiero maschile monotematico si focalizzerà sul passato, scordando l’argomento iniziale, e si difenderà per l’attacco ricevuto, il più delle volte contrattaccando.

Per un uomo parole come “mai”, “per sempre”, “in assoluto” e simili hanno un significato LETTERALE. Se gli dite “non mi porti mai fuori a cena” lui analizzerà la frase, cercherà fra i ricordi e risponderà “non è vero, ci siamo stati il mese scorso”. A questo punto, la discussione verterà sull’ultima volta che siete usciti, e quindi addio alla nuova cena.

Quando un uomo vuole aiuto, LO CHIEDE PER PRIMO. Per un uomo, ricevere aiuto non richiesto significa considerarlo incapace di risolvere il problema da solo. Quando un uomo ha un problema è meglio lasciarlo perdere e farlo concentrare su come risolverlo. In questa fase potrà essere molto scontroso, perché la sua mente è focalizzata sulla soluzione e non si cura di apparire sgarbato e poco comunicativo. PER NESSUN MOTIVO disturbarlo offrendogli aiuto in questo caso, A MENO CHE NON LO CHIEDA LUI. Portati per natura a chiedere aiuto solo se chiamati, non si offrono MAI di fare qualcosa che non è loro domandato. Le frasi vaghe come “sono stanca, mi farebbe comodo un aiuto” non portano l’uomo a capire che si parli di lui.

Un uomo direbbe “mi aiuti con questo?”. Imparare a parlare come un uomo è semplice, basta che usiate il linguaggio che adottavate da bambine: diretto e semplice. Se volete aiuto da un uomo, DITEGLIELO con frasi come “mi serve il tuo aiuto” o “per favore, aiutami a risolvere questa cosa”.

Gli uomini hanno un’idea molto vaga dell’ambiente domestico: la loro vita si svolge FUORI dalla “tana”. Quando anticamente un uomo rientrava nella caverna, la prima cosa che faceva era stravaccarsi davanti al fuoco senza fare nulla. Dopo un tempo variabile da pochi minuti a un paio d’ore – dipende dall’età – si riscuotevano dal torpore e cercavano la compagna, i figli, il cibo. Questo è inciso profondamente nel DNA maschile.

Per approfondimento: comunicare bene - ediz psiconline

 

 

Complessità o Complesso di Inferiorità?
Susanna vuole ritornare a casa
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Adaptive Information Processin…

Secondo questo modello, per conferire senso agli stimoli in entrata, le nuove esperienze vengono assimilate all’interno di preesistenti network mnestici. &nb...

Efefilia

Fa parte delle parafilie, nota anche come "feticismo della stoffa". Si tratta di una perversione che consiste nel provare piacere sessuale nel toccare vari tipi...

News Letters

0
condivisioni