Pubblicità

Il linguaggio del corpo

0
condivisioni

Un pò di chiarezza sul linguaggio del corpo

linguaggio del corpoIl linguaggio del corpo è una materia affascinante, permette di scoprire i lati più nascosti della personalità dell’interlocutore che abbiamo davanti ed è utile per fornisci feedback in tempo reale per migliorare le nostre relazioni interpersonali,ma sopratutto ci permette di scoprire quando, una persona ci sta dicendo una bugia o una verità.

Di recente, l’interesse verso questo affascinante mondo della comunicazione non verbale è andato via via crescendo, grazie sopratutto ad alcune serie televisive sull’argomento, ma cosi come è cresciuto interesse, è cresciuta anche molta ignoranza.
Alcuni si sono improvvisati esperti, e cavalcando l’onda di questo successo hanno iniziato a fare corsi di formazione su questo tema, creando ancora più confusione sull’argomento.

Altri hanno scritto libri facendo un copia/incolla di tutto quello che c’era sull’argomento, anche in modo abbastanza superficiale, e chi ha acquistato tali libri, si è trovato tra le mani pagine e pagine di gesti, con schede allegate che descrivevano il significato di ogni singolo gesto.

Non c’è da stupirsi se la confusione e la diffidenza, oggi prevaricano, quando dobbiamo parlare di linguaggio del corpo.

Iniziamo con il fare un pò di ordine.

La prima cosa che mi preme scrivere è: Ogni singolo gesto, NON significa assolutamente NULLA.
Certo sarebbe meraviglioso avere una mappa del corpo con le corrispettive funzioni, purtroppo NON è così!
Il nostro corpo ha zone sensibili, zone erogene, punti fragili, giunture, ma a che risulti tutt’ora alla scienza, non esistono punti specifici che abbiano un significato emotivo preciso.

Ricerche in merito hanno ormai stabilito che un prurito crescente sia legato ad un disagio, ma questo non significa che si sta mentendo. Significa solo che siamo in presenza di una tensione emotiva.

Tale tensione può sottendere un imbarazzo, per dirne una, o addirittura paura.

Facciamo un esempio pratico.

Se come me, ti rechi spesso in qualche università, noterai che molti studenti quando sono sotto esame, tendono a grattarsi o pizzicarsi spesso il viso, vuoi per timidezza, paura o tensione generale.
Se tali pruriti venissero interpretati come menzogna, pensa che confusione si creerà nella testa del povero professore.

Oppure, quante volte abbiamo sentito la frase: “se il mio interlocutore ha le braccia incrociate, vuol dire che è diffidente nei miei confronti”.

Anche in questo caso, per molte persone, vale l’osservazione: rilevato un gesto, attribuito un significato.
Potrebbe esser invece più interessante farsi domande del tipo:

  •  forse sente freddo?
  •  forse sta coprendo una macchia sulla camicia?
  •  forse è comodo in quella posizione?

…ma sopratutto, cosa più importante, è farsi la domanda: ha incrociato le braccia dopo che ho detto o fatto qualcosa in particolare, o le aveva già in questo modo, addirittura prima che io iniziassi a parlare?
E questa è una domanda fondamentale da farsi, per poter ben interpretare il linguaggio del corpo dei nostri interlocutori.

Tutto questo per capire che lo stesso gesto può significare qualcosa in una situazione, ma in un’altra circostanza, anche se apparentemente simile, può significare addirittura il contrario.
Sono molte le variabili da tenere in considerazione e nel mio prossimo libro (piccola anticipazione, spero sia disponibile entro il prossimo anno) cercherò di essere il più chiaro possibile, per riuscire a far muovere con disinvoltura chiunque, all’interno dell’affascinante mondo della comunicazione non verbale.
Anche se a prima vista possono sembrare dei concetti banali, vale la pena tenerlo bene a mente!
Perché?
Per le ragioni che ho spiegato sopra.
Se esistono persone che scrivono libri indicando un significato per ogni gesto, o addirittura altri che conducono dei corsi sul tema, dando queste false informazioni ai partecipanti, allora, forse, questo concetto non è così banale come può sembrare.
Capire il linguaggio del corpo è una scienza, e chi vuole parlare dell’argomento deve avere necessariamente una preparazione accademica adeguata. Già, ma quale? Di che tipo?

Sento già le solite domande che mi vengono rivolte:

    Esistono lauree specifiche sul tema?
    Come faccio a sapere se quel particolare docente è preparato?
    Una laurea in psicologia è adeguata?

Facciamo un pò di chiarezza!
Partiamo dall’ultimo punto, la laurea.
Certamente per conoscere il linguaggio del corpo, avere una laurea in psicologia o etologia, è più utile che averne una in matematica, ma non è indispensabile. E’ vivamente consigliato un percorso di studi in psicologia o in etologia,  ma non è la laurea specifica su questi due temi che caratterizza un esperto.

Partiamo dall’analisi di un viso. Per riuscire ad interpretare un’emozione nel viso del nostro interlocutore, con una semplice laurea in psicologia non ci faremo nulla, perchè comunque, non ci dice dove andare a guardare, nè cosa andare a cercare all’interno del viso.

Fortunatamente sono lontanissimi i tempi di Cesare Lombroso, un medico e antropologo del secolo scorso che elaborò la teoria del criminale per nascita, secondo cui l’inclinazione al crimine era una patologia ereditaria e l’unico approccio utile nei confronti del criminale era quello clinico-terapeutico. Solo verso la fine della sua vita Lombroso prese in considerazione anche i fattori ambientali, educativi e sociali come concorrenti a quelli fisici nella determinazione del comportamento criminale.

Oggi le sue teorie sono destituite di ogni fondamento, infatti la scienza è riuscita a dimostare che sia l’ambiente, sia i geni, influiscono sull’aspetto fisico, ma che quest’ultimo non può da solo influire sul comportamento, il quale è determinato sopratutto dalle esperienze cognitive e soggettive dell’individuo.

Quindi non basandoci sulla morfologia, quali strumenti abbiamo a nostra disposizione per interpretare un’emozione o un comportamento? La prima risposta a questa domanda la fornisce il FACS (facial action coding system), è il metodo più completo di misurazione e descrizione dei comportamenti facciali.
Quindi è ovvio che la conoscenza di tale strumento sia fondamentale per chi pratica corsi sulla comunicazione non verbale o vuole solo approfondire la conoscenza di questa materia, ma non basta.

Bisogna anche saper riconoscere quelle che vengono definite micro-espressioni, espressioni emozionali del volto che hanno una brevissima durata, ovvero un quarto di secondo. Per allenarsi a riconoscere questi rapidi movimenti esistono vari sistemi che rilasciano opportune certificazioni (METT, SETT, SUBX, MIX, ecc).

Ora che conosci quali sono le certificazioni e le conoscenze di base che deve avere un esperto di linguaggio del corpo, sai come muoverti se vorrai scegliere un buon corso di comunicazione non verbale per approfondire le tue conoscenze.

 

 

La #buonascuola (2)
La #buonascuola (1)
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Anancastico (disturbo di perso…

Modello di organizzazione della personalità che persiste per tutta la vita, caratterizzato da sentimentidi insicurezza personale, dubbio e incompletezza che con...

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni