Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Aggressività Adattiva e Possessiva

Aggressività Adattiva e PossessivaTu proverai si come sa di sale
lo pane altrui, e come è duro calle
lo scender e'l salir per altrui scale
Dante

L'aggressività, oltre a essere un prodotto biopsicologico della specie, utile a svolgere una funzione di tipo difensivo e di attacco, è funzionale a mettere il soggetto in uno stato di allerta, vigilanza per affrontare le condizioni per la sopravvivenza.

L'aggressività è in prima istanza funzionale all'adattamento sociale, alle sfide professionali, alle relazioni affettive, costituisce un sistema indispensabile per l'adattamento umano.

L’aggressività adattiva riguarda  la riproduzione, l’adattamento alle appartenenze ed alle ritualità.  E' necessaria  per adattarsi alle condizioni sociali, personali e interagire con persone sconosciute.

L'adattamento attivo serve per facilitare il contatto, la vicinanza, la conoscenza, è uno dei primi meccanismi messo in atto quando si incontra una persona sconosciuta e si è interessati a lei.

Gli individui, quando si  costituiscono come coppia, sono costretti a modulare l’aggressività adattativa per raggiungere obiettivi come piacere sessuale, affettivo e relazionale: se si modula l'aggressività adattiva, la relazione tra le parti funziona e risponde al bisogno di stare insieme.

L'aggressività adattiva è sottoposta ad  alterazioni situazionali legate al benessere,  malessere dell'individuo o della coppia, se questa dinamica subisce turbolenze in negativo, l'aggressività adattiva scema, scompare, si ritira e compaiono comportamenti disadattivi. E' quello che succede all'interno di una coppia prima di cadere in uno stato di conflitto.

L'aggressività adattiva è un sistema di segnalazione preventiva per quanto riguarda la dimensione della sopravvivenza fisica, affettiva e sociale.

L'aggressività adattiva si coniuga con l’aggressività esplorativa che coinvolge il territorio, l’espansività, l’appartenenza, la cultura, è funzionale, risponde al bisogno di muoversi all'interno di un territorio familiare, scolastico, amicale, nazionale, è un meccanismo per poter esplorare altri territori, altre culture.

E’ una pulsione  che permette di uscire dal proprio ambito restrittivo e protettivo, è quella tensione che permette di superare le barriere, i confini biologici, sociali e culturali. L'aggressività esplorativa è uno stimolo che favorisce la ricerca di soluzioni riguardanti la sopravvivenza ma sollecita anche il bisogno di sperimentare relazioni affettive e sociali.

L'aggressività espansiva spesso rischia di scontrarsi con l'aggressività del possesso del territorio, della tribù, del clan.

Pubblicità

E' un'aggressività che deve fare i conti con le questioni sociali dei territori immaginari, reali e con l'aggressività possessiva che tende a difendere, a trattenere a Sé gli oggetti vicini. L'aggressività espansiva è dinamica, si contamina con altre condizioni, somiglia ai cerchi nell'acqua che si muovono e si espandono, sollecita a incontrare nuove condizioni, a misurarsi con ciò che è sconosciuto favorendo la scoperta di nuove terre da coltivare o, in etologia, la scoperta di nuove prede da cacciare, pascoli da brucare. L'aggressività espansiva favorisce la riproduzione mediante mescolanza di nuovi geni.

L’ aggressività espansiva però si scontra con aggressività difensive di controllo del territorio, delle tradizioni, dei costumi sociali, culturali che si oppongono. Lo scontro tra l'aggressività esplorativa con quella possessiva  genera un conflitto che rischia di portare all'atto violento.

E' quello che succede in alcuni femminicidi. Gli omicidi non accettano la contaminazione tra persone che provengono da appartenenze diverse per motivi sociali, religiosi o per tradizioni secolari. 

L’aggressività espansiva è  carica di vitalità però si scontra con l’aggressività possessiva, e dell’appartenenza.

 

Pubblicità

 

 

 

Uno psicologo di strada
Il Club di aiuto, davanti alla stazione
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

News Letters

0
condivisioni