Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Assenza del Padre

assenza del padreIn Europa l'età media dei cittadini è salita, sono calate le nascite, è aumenta l'età della popolazione anziana, è diminuita la popolazione adulta e quella giovanile. 

Negli ultimi cinque anni i flussi migratori in entrata e in uscita sono attivi ma stabili, anche se la percezione deformante induce a vedere un tasso maggiore d’immigrati: ma questa è un'altra storia.

Il risultato è che aumentano i nonni, i nipoti, diminuiscono i padri e nascono pochi figli. Tutto questo determina e produce conseguenze geopolitiche nelle rappresentanze politiche e nelle governance dei singoli paesi.

In Europa la componente storica del socialismo o della socialdemocrazia è quella che sta soffrendo pesantemente il passaggio generazionale: è la terza dopo la seconda guerra mondale e sta subendo un arresto o un fallimento come per le aziende economiche familiari di terza generazione.

Mettendo da parte le numerose variabili in gioco, forse non è un caso che il terzo passaggio generazionale determini dei crolli o fallimenti. La psicologia del lavoro attribuisce a questo crollo un deficit nella trasmissione del sapere, un ritardo nel cambio della gestione e un distacco agevolato dell'ultima generazione.

La terza generazione si appoggia sul patrimonio ereditato, cerca nuove strade, si stacca dai riferimenti storici senza aggiungere quel plus necessario per incrementare il patrimonio viceversa lo consuma, lo divora velocemente, a differenza di quelli della seconda generazione.

Quelli della seconda generazione sono cresciuti a gomito con il padre fondatore, però nel momento in cui prendono il timone del comando, lo mettono da parte, lo sostituiscono e lo collocano nell'angolo. Timorosi di fare la stessa fine fingono di essere padri-amici-fratelli e giocano una falsa partita con i figli; questa finzione, al posto di favorire un processo di trasformazione del pensiero e di emancipazione sollecita una regressione e un senso di smarrimento profondo sia nei padri che nei figli.

Il padre non è più padre, il figlio non riconoscendosi più come figlio si sostituisce consensualmente al padre che nel frattempo si è perso; il padre fondatore essendo stato tradito e messo nell'angolo dal figlio si affida al nipote. Il nipote - fotocopia sbiadita di figlio-padre - senza un’identità storico generazionale, chiede riconoscimento ai nonni. 

Pubblicità

I nonni, per vendicarsi del figlio espropriante e traditore, preferiscono dare in consegna il proprio patrimonio al nipote, anche se, non sanno chi è, che cosa desidera: l'importante è punire il figlio traditore.

Il nipote è il fantasma del proprio futuro generativo e di sicurezza; i nonni sono convinti che i nipoti sapranno trattarli bene perché sono anziani e sono stati accudenti.

Forse non è un caso che in Europa, ai vertici dei nuovi partiti, ci siano dei giovani trentenni. La generazione dei padri è messa in soffitta, archiviata per sempre, i nipoti trentenni sono più rassicuranti: coloro che uccisero simbolicamente il padre-padrone, sono stati allontanati dal potere da un'alleanza tra nonni e nipoti.

Il nipote cerca nel vecchio - non nel padre - la sicurezza, la tradizione, la memoria di un passato rassicurante e il nonno sogna di ritrovare un mondo più solido e stabile.

C'è una delega in bianco. Ci sono degli oggetti inconsci ambigui e angoscianti dei nonni proiettati sui nipoti che sollecitano perplessità: in tutto questo c'è il senso dello smarrimento del futuro. L'assenza dei padri, il fallimento del passaggio del testimone, risveglia l'angoscia del mito.

 

 

Pubblicità

 

 

Migrazioni ed emozioni: Il vissuto dell’immigrato ...
L'Io e l'Altro - Prima Rassegna di Psicodramma e S...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorr...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Ansia

L’ansia è una sensazione soggettiva caratterizzata da un senso spiacevole di apprensione e preoccupazione spesso accompagnata da sintomi fisici di tipo autonomi...

News Letters

0
condivisioni