Pubblicità

I blog di Psiconline

Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

Transito umano tra i muri del XXI° secolo

muri e barriere del XXI secoloNell'epoca dell'iper&post dove prevale la divina tecno-scienza, dove la rivoluzione informatica è la chimera di riferimento, la globalizzazione è il nocciolo dell'economia e il capoverso del primo verso del mantra della realizzazione del libero mercato, della finanza senza barriere, il linguaggio è glocal, una fiumana di persone inermi cammina lungo la verticale sud-nord dell'Europa millenaria per raggiungere una meta di pace e di vita.

Lungo questo cammino inimmaginabile, mai visto, che esprime il disastro politico e sociale, gli Stati per difendersi costruiscono barriere per bloccare questo esodo. Nemmeno il romanzo apocalittico La Strada di McCarthy Cormac o Cecità di José Saramago evidenzia il grande sintomo di disumanizzazione, la profonda angoscia e paura che prevale nei governanti europei.

Continua a leggere
  948 Visite
948 Visite

Manipolazione e Media

La macchia oscura nella testa del papa

manipolazione e mediaLa questione della macchia oscura nella testa del papa è la dimostrazione acutizzante di come sia possibile influenzare l'opinione pubblica.

Una macchia oscura, piccola, anzi piccolissima si è aggirata come uno spettro tra le segreterie delle diplomazie, tra le redazioni dei giornali, delle televisioni, sui network sollecitando fantasie e molteplici scenari. L'evocazione dell'esistenza di una macchia è stata in grado di mettere in allarme apparati e opinione pubblica.

E' bastato che qualcuno gettasse in giro, comunicasse, vociferasse che nei corridoi, nelle sale di quel palazzo si aggirasse una macchia oscura, per sollevare delle reazioni infuocate tra organi dell'informazione.

Continua a leggere
  921 Visite
921 Visite

Generazione caleidoscopica

generazione caleidoscopicaDue ragazzi uno di diciotto anni, l’altro di diciassette nell’arco di cinque mesi si defenestrano o vengono defenestrati in un hotel, tutte e due stavano andando in gita a visitare il più grande parco dei divertimenti: Expo.

Una ragazza è fermata in Turchia mentre sta andando in Siria per combattere contro l’impero dominante dell’occidente.

Sono ragazzi che appartengono allo stesso ceppo generazionale, eppure sembrano l’espressione di una scissione, di una duplicazione deformata.

E’ una generazione attaccata all’oggetto transizionale dello smartphone e appartiene ad un sistema sociale multiplo, caleidoscopico fatto di mille colori e arcobaleni che argomenta nel silenzio delle proprie stanze  un desiderio di  distacco, di separazione dalla condizione che impedisce il processo di separazione e individuazione di Sé.

Continua a leggere
  778 Visite
778 Visite

Il Mondo dei Giovani e l'Isis

isisDall'altra parte della sponda del Mediterraneo c’è una guerra che è  passata da regionale a globale  e coinvolge le grandi potenze. Il rischio è grande, è ad un passo e non c’è una conoscenza  complessa della situazione. La comunicazione di massa e quella virtuale è oscurata.

A parte qualche articolo di approfondimento sulla carta stampata, sul web, in TV , l'informazione è molto stringata, il tutto si conclude con qualche comunicato inviato dai quartieri alti dei comandi o dagli apparati degli stati. Le informazioni sono limitate o censurate.

Continua a leggere
  1325 Visite
1325 Visite

Spree Killer

Roseburg, Oregon: uccise  10 persone, ferite altre 13 all'Umpqua Community

roseburgPer il Federal Bureau of Investigation (FBI) l'assassino che uccide più persone in un'unica azione esecutiva e in un unico luogo rientra nella tipologia dell'omicidio/suicidio di massa. Lo spree killer o omicida compulsivo è colui che compie un'azione omicidaria in  uno spazio breve e nello stesso luogo. Dopo la strage solitamente lo spree killer si suicida oppure si fa uccidere non deponendo l'arma nel conflitto. L'omicida desidera essere ucciso.

Il mass killer,  che compie questa azione violenta e distruttiva per gli Altri e per Sé, resta nell'ombra fino all'ultimo momento, si mimetizza nella quotidianità, evita di esprimersi pubblicamente, mantiene un  tono basso, si comporta come un solitario, evita di farsi notare fino all'ultimo e nell'ambito familiare si colloca in una posizione marginale. E' tendenzialmente un solitario.

Continua a leggere
  754 Visite
754 Visite

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 18 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.18 (libertà di scelta), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo sett...

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Le parole della Psicologia

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

News Letters