Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Conflitto tra Covid-19 e Totem Biotecnologico

Conflitto tra Covid 19 e Totem BiotecnologicoIl Covid-19 sta mettendo in difficoltà le certezze concernenti le scienze hard come la biologia, la genetica, la medicina, che per l'individuo e la collettività sono sostitutive dell'oggetto sacro.

Per l'individuo, la collettività, l’oggetto sacro è rappresentato da un simbolo trascendente portatore di bene/male ed è presente in tutte le forme sociali dagli aborigeni, ai pigmei, agli occidentali; l'oggetto del sacro porta dentro di sé senso di sicurezza, continuità esistenziale, distanziamento della morte.

Solo con lo svilupparsi della società post-moderna, post-industriale, con il dominio della dimensione iper-tecnologica, ipe-rmoderna l'oggetto del sacro è sostituito dall'oggetto iper-specialiazzante delle discipline biomediche.  L'oggetto simbolico del sacro è rimpiazzato da questo nuovo oggetto più complicato, articolato; i celebranti non sono più gli stregoni, i religiosi ma sono i camici bianchi, i tecnici e chi gestisce la macchina complessa dell'apparato tecnico-scientifico.

Per decenni si è riconosciuta a questa macchina una sorta animistica, magica con funzione sacrale in grado di spostare il confine che separa la vita dalla morte. Si è delegato alla macchina il compito di affrontare le insidie della natura, essendo in grado di controllarla. E' proprio nel porsi come altro natura che prende forma la funzione trascendentale della macchina che diventa il totem che domina le turbolenze della natura.

L'onnipotenza della macchina, il culto della sua potenza si sviluppa, si rinforza con l'incremento di nuove scoperte dell'apparato tecnologico, economico e sociale.

Pubblicità

L'individuo e il collettivo di fronte al totem si affidano, gli riconoscono la potenza e l'onnipotenza, sono devoti, riconoscenti e delegano a questa macchina una parte di Sé. La delega si ripercuote su tutto il processo evolutivo dell'esistenza individuale e collettiva.

L'oggetto porta in sé, per definizione, anche il male e non solo il bene.

Non solo la natura umana, come direbbe S, Freud, racchiude in sé quest’ambivalenza, anche la macchina, il totem sono portatori di male/bene. L'ambivalenza è un dato costitutivo della complessità, dell'interazione di tutte le forme di vita biologica, fisica, sociale, psichica, economica, tecnologica e scientifica.

Il covid-19 fa parte di quest’ambivalenza.

La zoonosi virale è un evento della natura, è il prodotto di un’interazione biologica di cui l'essere umano fa parte. Per l'homo sapiens questa interazione produce male/distruzione. E' proprio l'evento biologico di questo elemento distruttivo che scardina la macchina e capovolge il totem.

L'incertezza, l'angoscia dell'homo sapiens ipertecnologico diventa panico, da panikos che richiama il dio Pan. Nella mitologia greca Pan è metà uomo/metà caprone, vive nelle selve e porta terrore. 

Con l’evento del Covid-19 il totem si spoglia della sacralità dell'onnipotenza, della forza, dell'appartenenza, assume le forme dell'incertezza, della fragilità e perde quella funzione di idealizzazione idealizzata; così facendo l'individuo, il collettivo, la società, la tecnologia e tutto ciò che coinvolge l'apparato rischia di frantumarsi di fronte a questo evento malefico.

Con la caduta del totem, con il generarsi della paura del pericolo del male, si sviluppano a livello psicosociale nella comunità dei comportamenti simmetrici, ambivalenti che si oppongono e si scontrano.

E' lo scontro dell'orda (S. Freud, Totem e tabù) tra chi sostiene e desidera rigenerare il totem e chi lo vorrebbe sostituire con un altro culto.

 

 

Pubblicità

 

 

 

Un inizio… differente!!!
Che cosa vuol dire meditare sulla morte (e fare i ...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività è stata co...

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

News Letters

0
condivisioni