Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

COVID e ambiguità

COVID e ambiguitaSono sette mesi che il coronavirus è presente nella mente di ogni singolo individuo e detta comportamenti, paure, ansie, incertezze.

La prima reazione comportamentale individuale e collettiva di fronte a questo evento è stata quella di minimalizzare, sdrammatizzare, semplificare, sottovalutare rifacendosi a un ragionamento sillogico debole: l’infezione è cinese, il covid-19 è di Hubei, solo i cinesi si ammalano; quindi se è vero che l’infezione è cinese allora è vero che riguarda solo la Cina. E’ il paradosso del pensiero del terzo escluso: se una cosa è vera, l’altra è falsa. E’ la banalizzazione cognitiva del principio di non contraddizione.   

E’ un modo di pensare associativo che conferma un pensiero semplificato della realtà. Infatti, l’erronea convinzione, che l’infezione riguardasse soltanto la Cina, al posto di sollecitare azioni sanitarie e sociali di prevenzione della diffusione del virus, ha negato paranoicamente il problema: “è colpa dei cinesi”.

Lo stesso meccanismo cognitivo riduzionistico e negazionistico sì è riproposto in Italia dividendo la questione tra nord e sud. La dinamica si è riprodotta su larga scala in Europa poi negli altri Continenti.

La seconda reazione è stata quella della convergenza o divergenza delle regole da adottare proposte in modo frammentario e conflittuale da parte degli organismi tecnici scientifici. A causa della paura delle morti e dell’impotenza medico-biologica del covid-19 è prevalso il pensiero convergente: chiusura, isolamento, mascherine, distanza, disinfestazione e lavaggio delle mani.

Pubblicità

Il risultato faticoso dell’applicazione della condivisione e della convergenza è riuscito a contenere l’espandersi del virus, contenere i decessi, decongestionare le strutture sanitarie, trovare dei nuovi prodotti biologici per testare e misurare la diffusione.

Nel frattempo però il pensiero divergente si è contrapposto al pensiero convergente determinando una dialettica conflittuale producendo una sintesi zoppa.

La terza reazione è stata dominata dal pensiero complementare: in alcune situazioni si porta la mascherina, in altre non si porta. E’ una reazione che ha generato ambivalenza tra i vari apparati tecnici, politici e nella popolazione: è possibile avvicinarsi oltre a un metro solo se c’è la mascherina; se si è all’aperto, si può portare la mascherina come non portarla…dipende. Si può e/o non si può, si deve e/o non si deve. E’ tutta una costellazione di affermazioni complementari che si articolano su un doppio binario. Tutto questo genera una comunicazione ambigua che produce confusione, insicurezza e instabilità.

Lo scontro dialettico tra pensiero convergente e divergente tra condivisione e divergenza delle regole e delle norme al posto di produrre una sintesi confermativa e deduttiva di come agire e comportarsi, è ancora in uno stadio non deduttivo quindi confusivo, frammentato e poco positivo: questa è la fase attuale.

E’ una fase ambigua e di scontro tra le parti sociali. L’ambiguità è uno stadio regressivo che coinvolge il pensiero primario, è fatto di emozioni contrastanti; è un pensiero che esclude la parola e quindi non dà forma a un ragionamento. E’ uno stadio perturbante.

Per l’individuo stare in una condizione mentale di stallo, di confusione non  favorisce la costruzione di mappe cognitive operative o astratte e autoregolative.

C’è la necessità di una comunicazione empatica, emozionale, rassicurante fatta di regole, norme che diano sicurezza e fiducia.

 

 

 

Pubblicità

 

 

 

 

Che cosa vuol dire meditare sulla morte (e fare i ...
L’archetipo del Pirata come spirito vitale in Robe...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

News Letters

0
condivisioni