Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Effetto SPREAD

effetto spreadIn Wikipedia lo Spread è così definito: «è una parola “inglese” usata tipicamente in Italia, nel linguaggio politico o finanziario, per indicare la differenza di rendimento tra due titoli di stato (the difference in price between related securities), dove generalmente i titoli di stato emessi dalla Germania (Bundesanleihe), considerati i più affidabili, sono utilizzati come termine di paragone».

Lo spread è la parola fantasmatica che compare spesso e volentieri sui media, sui network, sul social network quando si aprono delle questioni sociopolitiche all’interno di una situazione sociale.

Lo spread è un comportamento quotidiano che avviene all’interno del mercato finanziario per comprare acquistare azioni che hanno un valore monetario, ma esce dalla dimensione prettamente economica quando avvengono delle perturbazioni sociali di varia natura.

L’oggetto dello spread è riportato sulla scena, messo in primo piano, e si attribuiscono a quest’oggetto significati simbolici che vanno oltre la specificità economica per sollecitare delle reazioni psicologiche e sociali.

Anzi, per lo spettatore, il consumatore anche se non possiede nessun titolo in merito o azione è catturato da questa parola magica che è caricata di significati che riguardano anche la propria condizione.

Lo spread sollecita delle reazioni emozionali, fa scattare delle reazioni nel sistema neuropsichico della ricompensa ma anche della paura, sollecita l’amigdala, il sistema rettiliano e produce cortisolo.

Il sistema sottocorticale e quello superiore sono sollecitati e scattano delle reazioni di paura e di ansia anche se l’oggetto è lontano e non riguarda direttamente.

Pubblicità

Per esempio, la perdita del portafoglio produce rabbia, tensione, sudorazione ma poi rientra perché scatta il processo di rielaborazione superiore che apre delle euristiche probabilistiche del ritrovamento attraverso eventi stocastici casuali come il ritrovamento diretto dopo essere ritornati sul posto, oppure grazie a un atto di onestà. Sono molteplici le variabili in gioco per ritrovamento, però l'elaborato concettuale permette al soggetto di abbassare l’ansia e di diminuire il cortisolo.

Invece, per lo spread non scatta questa euristica perché l’oggetto non è concreto, palpabile, è indotto sfugge al controllo elaborativo concettuale di sé, sfuma. Non corrisponde al debito diretto personale che è controllabile attraverso una serie di operazioni che possono coinvolgere il controllo delle spese e delle entrate e si possono costruire delle strategie di contenimento del debito per far aumentare il rendimento delle entrate anche attraverso il risparmio.

Tutto questo sfugge all’elaborazione del singolo che non possiede una conoscenza economica della dinamica dello spread, ma ha una conoscenza informativa che avviene attraverso il media.

Lo stato di ansia aumenta attraverso il martellamento, la ripetizione: è un meccanismo skinneriano negativo che rinforzare la risposta depressiva.

La persona si suggestiona, resta intrappolata da questa sollecitazione, si spaventa e cerca di scappare da questa condizione ma non sa come fare.

Lo spread è un oggetto che determina nella psiche delle reazioni depressogene e di depersonalizzazione. La mente costruisce l’esistenza di un qualcuno che possa accedere e prendere dal proprio conto corrente i soldi risparmiati, la pensione.

Lo spread, che è un indicatore di un differenziale economico, è usato anche per manipolare l’opinione delle persone nei riguardi di certe scelte sociali e politiche; diventa pericoloso quando il martellamento gioca una funzione suggestiva e induce una reazione depressogena e di de realizzazione.

 

 

Pubblicità

 

 

 

Il progetto Educreando. Fase 1: il lavoro elaborat...
Modelli comunicativi dei video di Psicologia
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

News Letters

0
condivisioni