Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Identità Giovani Covid

identita giovani covidL’identità dei giovani nel postmoderno è un bricolage costituito da un processo di composizione/scomposizione di molecole; è un costrutto che si modifica in rapporto alle circostanze. Sono le circostanze a caratterizzare i comportamenti, gli accadimenti. L’identità è il prodotto mutevole degli apprendimenti di base, della memoria autobiografica, delle relazioni affettive, del sociale, dei media.

Ci sono ragazz*, giovan* che immigrano da paesi complessi dove si rischia di morire per scariche di proiettili, oppure per fame/sete e camminano per lunghi periodi incontrando difficoltà enormi alla ricerca di un Eden immaginifico. Portano sulle spalle storie, tradizioni, esperienze lontane dai grattacieli di New York, Milano, Parigi e sono attratti da un miraggio di salvezza. Non sempre l’immagine scorsa sullo smartphone corrisponde alla realtà: molti muoiono, molti sono torturati, violentati, venduti, trapiantati, uccisi, traumatizzati.

Molti altri emigrano per trovare maggiori occasioni, occupazioni stando all’interno di un continente consolidato dal benessere commerciale, scientifico e tecnologico. Sono alla ricerca di un quid che permetta a loro di sviluppare, cogliere determinate occasioni.

La dimensione giovanile nel mondo è complessa, è espressione di luoghi, economie, culture, antropologie, politiche, psicologie, condizioni di vita di un tempo asimmetrico che globalizza l’immagine, la connessione che è altro dalla realtà reale: ciò che compare non è reale.

Pubblicità

E’ un pezzo di civiltà che si muove, che cerca di camminare, che cerca identità, che cerca di confrontarsi con gli altri pezzi delle varie civiltà: la cosa è complessa. C’è sostanzialmente un processo centripeto insito nella realtà che tende a inibire, contenere, sottrarre l’energia vitale bioesistenziale per sottoporla a controllo. Basta percorre con la memoria quello che è accaduto in questi vent’anni nelle varie parti del globo per costatare come questa energia bioesistenziale è stata manipolata, bloccata, inibita per questioni politiche locali, economiche e guerre.

Non esiste un* giovan* classificabile dentro una categoria nosografica definibile come si tende a fare per comodità in psicologia, sociologia, psichiatria. Non è nemmeno pensabile che il prodotto economico giovane sia globalizzabile e collocabile in un’ottica esclusivamente occidentale: non esiste solo l’occidente.

Tutto questo serve per giungere a considerare, evidenziare dei fenomeni ricorrenti che si stanno verificando. Di queste problematiche se ne parla soltanto quando compaiono dei disagi; tutto è delegato nel privato delle quattro mura, nei pochi ambulatori, studi specializzati per queste problematiche; tutto è triturato dalla rimozione sociale: eppure la questione è complicata.

La violenza spontanea, micro e macro (non è bullismo), che si sta manifestando, non va banalizzata con atteggiamenti giustificatori da parte degli adulti o solo messa in sicurezza; è un segno forte di disagio del singolo e dei gruppi; è un disturbo generalizzato che usa la lotta fisica per asserire lo stato di sopravvivenza; è un modo primordiale biopsichico per affermarsi. La lotta, la forza sostituiscono la parola. L’altro è sempre un potenziale nemico, può essere l’amico, il vicino di banco, l’insegnate, il medico, l’adulto. Sono saltati i ruoli sociali, parentali. C’è sempre un nemico da combattere ed è quello che non comprende le mie ragioni, qualunque esse siano.

I giovani non sono mai fragili. La fragilità è una nozione giustificante del pensiero dominante: è comoda. Il giovane va incluso immediatamente nel processo sociale e decisionale, non va assecondato infantilizzato, marginalizzato: “ Non vogliamo fare i due scritti per l’esame finale perché siamo stati costretti a non studiare a causa della Dad, del covid”.

E’ una banalizzazione, una giustificazione, una razionalizzazione. In un’altra parte ci sono giovan*, della stessa età, che danno esami sotto le bombe, mentre combattono o fuggono dalla fame. Sono altre le ragioni più sostanziose per chiedere una prova finale più all’altezza della situazione che escluda i due scritti.

Il covid, dentro tutta questa questione, c’entra in parte, le problematiche psicosociali sono secondarie e vanno oltre. Certo, determinate condizioni possono sollecitare delle reazioni già latenti. Gli effetti  del  covid incidono prevalentemente  sullo sviluppo infantile.

 

Pubblicità

 

 

 

Cappuccetto Rosso Mestruo: un messaggio di trasfor...
Consapevolezza emotiva e strategie di apprendiment...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Disturbi di Personalità

Con il termine Personalità si intende l'insieme dei comportamenti di un individuo, il suo modo di percepire se stesso, gli altri e la realtà, il modo di reagire...

Adaptive Information Processin…

Secondo questo modello, per conferire senso agli stimoli in entrata, le nuove esperienze vengono assimilate all’interno di preesistenti network mnestici. &nb...

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

News Letters

0
condivisioni