Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Il Coronavirus tra spazio/tempo psicologico

Il Coronavirus tra spazio tempo psicologicoL’umanità incauta, senza essere preparata, si è trovata dentro un processo di trasformazioni climatiche, biologiche e sociali drammatiche. Gli autori di questo trauma sono gli umani, infatti, la zoonosi è stata causata dal comportamento umano. Gli umani sono convinti di possedere strumenti scientifici, economici, tecnici e non solo in grado di sottomettere la natura, la biosfera, le leggi dell'universo.

E' bastato un microelemento della specie animale, composto semplicemente da un frammento di acido  desossiribonucleico e di acido ribonucleico per far saltare, capovolgere, scardinare tutte le certezze di onnipotenza e rigettare l’umano nel caos più profondo, invertendo la mitica linea del tempo del progresso e del divenire costante di Eraclito: “Non si può entrare due volte nella stessa acqua”.

Il tempo fisico, quello cronologico, scandito dall'orologio, è un tempo costruito dell’individuo per organizzarsi e ordinare il mondo; invece, oggi, l’individuo sta vivendo un tempo psicologico regressivo che lo riporta nella caverna casa. L’individuo dentro la casa-caverna-uterina cerca di costruire un tempo diverso da quello del consumo, della produzione, del divenire e della globalizzazione.

L’individuo percepisce il tempo che sta vivendo come sospeso, fermo, immobile: la psiche non è immobile, stabile. L’individuo anche se è chiuso in una stanza, può costruire, scoprire, sentire sensazioni e mondi che vanno oltre la linea del tempo cronologico.

Il tempo del coronavirus è scandito dal biologico ma non dal tempo vissuto: il tempo biologico è altro dallo psichico. La memoria psichica contiene in sé il tempo passato, presente e futuro. L’attuale condizione sociale obbliga l’individuo a riprendere contatto con questa dimensione, lo costringe a scavalcare la dimensione routinaria per scoprire nuove costellazioni del comportamento.

Pubblicità

La condizione della casa-caverna-uterina potrebbe trasformarsi in un’opportunità per esplorare nuovi comportamenti come l’adattabilità, la resilienza e altri.

Il bambino, a differenza dell’adulto, non avendo ancora introiettato il tempo cronologico, è più duttile a condividere la segregazione del tempo vissuto.

Allo stesso modo, lo spazio vissuto con il coronavirus non è quello metrico della vicinanza che diventa sinonimo di pericolo di morte: “Più ci si avvicina e più c'è il rischio di essere catturati dalle gocce mortifere”. La percezione dello spazio è d’insicurezza. E’ un vissuto di spazio pericoloso che condiziona profondamente le relazioni con i famigliari, con i figli, gli amanti e gli amati.

Il desiderio della vicinanza, dell'affetto è messo al bando, è cacciato, perde la funzione del richiamo, dell'incontro, del piacere. In questo momento, il sostantivo femminile di vicinanza, e sinonimo di vita, diventa un sostantivo di morte.

Il virus è attratto dalla vicinanza, è famelico e insaziabile, è come un vampiro alla ricerca di sangue da succhiare. Bisogna stare lontani. E' indispensabile mantenere le distanze. Solo la distanza è funzionale alla vita biologica, psichica e sociale.

Il contenimento e il distanziamento sociale (meccanismi protettivi) sono gli unici parametri certi per affrontare il coronavirus. La dinamica asimmetrica è l'unica modalità funzionale per affrontare il virus. L’idea di adottare una dinamica simmetrica, com’è quella dell’immunità di gregge, è perdente perché sfida l’aggressore sullo stesso piano, è speculare. Il virus si paralizza solo agendo in modo asimmetrico, per sottrazione: questo evidenzia il conflitto tra spazio-vissuto (psicologico) con lo spazio-metrico (fisico/biologico).

 

 

Pubblicità

 

 

 

Suggerimenti per l’accompagnamento e il contenimen...
Distanziamento sociale dei corpi
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Due nemici sotto lo stesso tet…

maria, 69 anni     Salve ! Sto vivendo un momento abbastanza difficile e complicato della mia vita e da sola non riesco ad uscirne, ecco perch...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

Poligamia

In antropologia è quella particolare forma di matrimonio dove un uomo o una donna possono avere più consorti contemporaneamente. Ci sono due tipi: Poliginia...

Dipsomania

Per dipSomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e ...

News Letters

0
condivisioni