Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Il Coronavirus tra spazio/tempo psicologico

Il Coronavirus tra spazio tempo psicologicoL’umanità incauta, senza essere preparata, si è trovata dentro un processo di trasformazioni climatiche, biologiche e sociali drammatiche. Gli autori di questo trauma sono gli umani, infatti, la zoonosi è stata causata dal comportamento umano. Gli umani sono convinti di possedere strumenti scientifici, economici, tecnici e non solo in grado di sottomettere la natura, la biosfera, le leggi dell'universo.

E' bastato un microelemento della specie animale, composto semplicemente da un frammento di acido  desossiribonucleico e di acido ribonucleico per far saltare, capovolgere, scardinare tutte le certezze di onnipotenza e rigettare l’umano nel caos più profondo, invertendo la mitica linea del tempo del progresso e del divenire costante di Eraclito: “Non si può entrare due volte nella stessa acqua”.

Il tempo fisico, quello cronologico, scandito dall'orologio, è un tempo costruito dell’individuo per organizzarsi e ordinare il mondo; invece, oggi, l’individuo sta vivendo un tempo psicologico regressivo che lo riporta nella caverna casa. L’individuo dentro la casa-caverna-uterina cerca di costruire un tempo diverso da quello del consumo, della produzione, del divenire e della globalizzazione.

L’individuo percepisce il tempo che sta vivendo come sospeso, fermo, immobile: la psiche non è immobile, stabile. L’individuo anche se è chiuso in una stanza, può costruire, scoprire, sentire sensazioni e mondi che vanno oltre la linea del tempo cronologico.

Il tempo del coronavirus è scandito dal biologico ma non dal tempo vissuto: il tempo biologico è altro dallo psichico. La memoria psichica contiene in sé il tempo passato, presente e futuro. L’attuale condizione sociale obbliga l’individuo a riprendere contatto con questa dimensione, lo costringe a scavalcare la dimensione routinaria per scoprire nuove costellazioni del comportamento.

Pubblicità

La condizione della casa-caverna-uterina potrebbe trasformarsi in un’opportunità per esplorare nuovi comportamenti come l’adattabilità, la resilienza e altri.

Il bambino, a differenza dell’adulto, non avendo ancora introiettato il tempo cronologico, è più duttile a condividere la segregazione del tempo vissuto.

Allo stesso modo, lo spazio vissuto con il coronavirus non è quello metrico della vicinanza che diventa sinonimo di pericolo di morte: “Più ci si avvicina e più c'è il rischio di essere catturati dalle gocce mortifere”. La percezione dello spazio è d’insicurezza. E’ un vissuto di spazio pericoloso che condiziona profondamente le relazioni con i famigliari, con i figli, gli amanti e gli amati.

Il desiderio della vicinanza, dell'affetto è messo al bando, è cacciato, perde la funzione del richiamo, dell'incontro, del piacere. In questo momento, il sostantivo femminile di vicinanza, e sinonimo di vita, diventa un sostantivo di morte.

Il virus è attratto dalla vicinanza, è famelico e insaziabile, è come un vampiro alla ricerca di sangue da succhiare. Bisogna stare lontani. E' indispensabile mantenere le distanze. Solo la distanza è funzionale alla vita biologica, psichica e sociale.

Il contenimento e il distanziamento sociale (meccanismi protettivi) sono gli unici parametri certi per affrontare il coronavirus. La dinamica asimmetrica è l'unica modalità funzionale per affrontare il virus. L’idea di adottare una dinamica simmetrica, com’è quella dell’immunità di gregge, è perdente perché sfida l’aggressore sullo stesso piano, è speculare. Il virus si paralizza solo agendo in modo asimmetrico, per sottrazione: questo evidenzia il conflitto tra spazio-vissuto (psicologico) con lo spazio-metrico (fisico/biologico).

 

 

Pubblicità

 

 

 

Suggerimenti per l’accompagnamento e il contenimen...
Distanziamento sociale dei corpi
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

News Letters

0
condivisioni