Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Il Coronavirus tra spazio/tempo psicologico

Il Coronavirus tra spazio tempo psicologicoL’umanità incauta, senza essere preparata, si è trovata dentro un processo di trasformazioni climatiche, biologiche e sociali drammatiche. Gli autori di questo trauma sono gli umani, infatti, la zoonosi è stata causata dal comportamento umano. Gli umani sono convinti di possedere strumenti scientifici, economici, tecnici e non solo in grado di sottomettere la natura, la biosfera, le leggi dell'universo.

E' bastato un microelemento della specie animale, composto semplicemente da un frammento di acido  desossiribonucleico e di acido ribonucleico per far saltare, capovolgere, scardinare tutte le certezze di onnipotenza e rigettare l’umano nel caos più profondo, invertendo la mitica linea del tempo del progresso e del divenire costante di Eraclito: “Non si può entrare due volte nella stessa acqua”.

Il tempo fisico, quello cronologico, scandito dall'orologio, è un tempo costruito dell’individuo per organizzarsi e ordinare il mondo; invece, oggi, l’individuo sta vivendo un tempo psicologico regressivo che lo riporta nella caverna casa. L’individuo dentro la casa-caverna-uterina cerca di costruire un tempo diverso da quello del consumo, della produzione, del divenire e della globalizzazione.

L’individuo percepisce il tempo che sta vivendo come sospeso, fermo, immobile: la psiche non è immobile, stabile. L’individuo anche se è chiuso in una stanza, può costruire, scoprire, sentire sensazioni e mondi che vanno oltre la linea del tempo cronologico.

Il tempo del coronavirus è scandito dal biologico ma non dal tempo vissuto: il tempo biologico è altro dallo psichico. La memoria psichica contiene in sé il tempo passato, presente e futuro. L’attuale condizione sociale obbliga l’individuo a riprendere contatto con questa dimensione, lo costringe a scavalcare la dimensione routinaria per scoprire nuove costellazioni del comportamento.

Pubblicità

La condizione della casa-caverna-uterina potrebbe trasformarsi in un’opportunità per esplorare nuovi comportamenti come l’adattabilità, la resilienza e altri.

Il bambino, a differenza dell’adulto, non avendo ancora introiettato il tempo cronologico, è più duttile a condividere la segregazione del tempo vissuto.

Allo stesso modo, lo spazio vissuto con il coronavirus non è quello metrico della vicinanza che diventa sinonimo di pericolo di morte: “Più ci si avvicina e più c'è il rischio di essere catturati dalle gocce mortifere”. La percezione dello spazio è d’insicurezza. E’ un vissuto di spazio pericoloso che condiziona profondamente le relazioni con i famigliari, con i figli, gli amanti e gli amati.

Il desiderio della vicinanza, dell'affetto è messo al bando, è cacciato, perde la funzione del richiamo, dell'incontro, del piacere. In questo momento, il sostantivo femminile di vicinanza, e sinonimo di vita, diventa un sostantivo di morte.

Il virus è attratto dalla vicinanza, è famelico e insaziabile, è come un vampiro alla ricerca di sangue da succhiare. Bisogna stare lontani. E' indispensabile mantenere le distanze. Solo la distanza è funzionale alla vita biologica, psichica e sociale.

Il contenimento e il distanziamento sociale (meccanismi protettivi) sono gli unici parametri certi per affrontare il coronavirus. La dinamica asimmetrica è l'unica modalità funzionale per affrontare il virus. L’idea di adottare una dinamica simmetrica, com’è quella dell’immunità di gregge, è perdente perché sfida l’aggressore sullo stesso piano, è speculare. Il virus si paralizza solo agendo in modo asimmetrico, per sottrazione: questo evidenzia il conflitto tra spazio-vissuto (psicologico) con lo spazio-metrico (fisico/biologico).

 

 

Pubblicità

 

 

 

Suggerimenti per l’accompagnamento e il contenimen...
Distanziamento sociale dei corpi
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione?[ 1596294882797 ]

Nick, 21 anni In pratica soffro da 1 anno di solitudine però sono riuscito sempre a reprimerela e con essa reprimo anche le mie emozioni, però adesso con i...

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

Intelligenze Multiple

“Scrivendo questo libro, mi proposi di minare la nozione comune di intelligenza come capacità o potenziale generale che ogni essere umano possiederebbe in misur...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

News Letters

0
condivisioni