Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

IPER&POST

Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

Il rossore della bugia

bugiaSulle sponde del Mediterraneo stanno accadendo fatti agghiaccianti per l'umanità. Le democrazie europee  e le altre potenze economiche stanno giocando la loro partita posizionando le varie pedine sulla scacchiera in funzione dei singoli interessi, mentre una moltitudine di persone è costretta a lasciare le proprie terre per scappare dalla morte e dalla distruzione.

I media di queste potenze 'democratiche' -TV, radio, giornali e network – descrivono questa  storia  in difesa dei propri scopi rimuovendo o manipolando attentamente la realtà. Le bugie, la bugia in questo caso è accettata anche dalla popolazione.

La bugia è funzionale a velare  l'altra parte della faccia. Già è successo per i Campi di Concentramento in Germania, infatti la popolazione, fino alla metà degli anni sessanta, non era a conoscenza di quello che era accaduto, le autorità evitavano di parlarne. La stessa cosa in tempi recenti è successa per   lo sterminio etnico in Jugoslavia: la storia è fatta di silenzi e di pesanti bugie pubbliche. Oggi, in Italia, con appropriate sigle, che richiamano la sicurezza e il controllo, sono presenti campi di 'contenimento'; i politici raccontano che sono luoghi che  svolgono una funzione di 'prevenzione e cura ' per quelli che provengono da terre che stanno fuori dall'Europa.

La bugia serve per proteggersi, per difendersi, ecco perché i potenti e i politici raccontano pubbliche bugie.

I politici sin dalla Grecia antica, come in qualsiasi parte del mondo, si sono cementati nell'arte di dire bugie. Alcibiade è stato un  "ribaltonista" anzitempo, più volte cambiò partito politico e patria, fino a prendere durante la guerra del Peloponneso di volta in volta le parti di Atene e Sparta.

L'etimo di bugia proviene dal provenzale bauzia, di origini germanica (böse) che significa cattivo e dal nome della città algerina di Bugìa (in arabo Bejaïa, in francese Bougie) ed è un sostantivo che non corrisponde al vero, detto con l'intenzione di ingannare.

La bugia sociale, pubblica, personale è  l'espressione di un meccanismo di difesa di Sé nei confronti degli altri. E' un'arma psicologica per sottrarsi, attaccare e scardinare le percezioni di chi sta di fronte.  La  bugia è uno spazio mentale sottratto allo sguardo dell’Altro.  

La bugia e il segreto costituiscono un fattore essenziale di costruzione e tutela dell’identità personale. In linea con ciò, la bugia che sconfina nella diplomazia e nella dissimulazione può essere vista come l’espressione di un “sano falso sé” posto a protezione del vero sé, inteso come sfera più intima e coincidente con il nucleo autentico della personalità.   

La bugia è per definizione bivalente, è disgiuntiva e congiuntiva dipende dalla funzione che svolge e dalla finalità. La bugia non va confusa con la menzogna. La menzogna è un'altra cosa. La bugia è stata sempre sottoposta ad una questione morale pubblica o privata.

La 'bugia morale' pubblica o privata confina e si sposa con la dimensione del tradimento proprio perché è bivalente e contiene in sé il vero e il falso. Il vero e/o il falso sono funzionali allo scopo da raggiungere: c'è tradimento tra le parti se non si verifica la congiunzione.

In psicologia la bugia, quando incide in maniera abnorme è una manifestazione di sofferenza perché rivela le lacune della persona. Non è un caso che il disturbo di Dipendenza è caratterizzato da una narrazione ricorrente di bugie che sono funzionali a coprire atti e tratti psicopatologici.

 

 

Vota:
Il suono della campanella reloaded
E’ ancora il tempo delle streghe
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

signor (1507116572808)

fabio, 49       Buongiorno, a mio papà a 74 anni (ora ne ha 80) hanno riscontrato il morbo di alzheimer. ...

una vecchia storia d'amore.. (…

CRISTINA, 21       Salve, mi chimo cristina e ho 21 anni.Lo scorso marzo ho chiuso una relazione durata 1 anno e mezzo. ...

ne volevo solo parlare (150695…

Paulina, 16       Ciao, ho 16 anni e volevo parlare con qualcuno dei miei 'problemi' più che altro è un consiglio sul come comportarmi. ...

Area Professionale

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

L'abuso sessuale e la violenza…

Uno studio sull'abuso sessuale, condotto su 20 donne e realizzato dalla Dottoressa Loretta Sapora, utilizzando il Test semi-proiettivo I.Co.S. Il Confine del S...

La vita pratica dello psicolog…

In queste ultime settimane è emerso nel mondo della psicologia il problema POS (point of sale). Cioè se è obbligatorio o meno possederlo ed utilizzarlo. Abbiamo...

Le parole della Psicologia

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o nar...

Alloplastica

tendenza mentale a trasformare l'ambiente ed il prossimo. È un effetto della condotta che consiste in modificazioni esterne al soggetto, in opposizione a mod...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

News Letters