Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

La Claustrofilia sovranista

La Claustrofilia sovranistaIn ogni passaggio dell’anno c’è sempre nella fantasia individuale, collettiva il desiderio che ciò che accadrà sarà meglio di ciò che è stato. In molte regioni dell'Europa continentale a confermare questo auspicio della tradizione contadina e della società postideologica, ipertecnologica attuale permane il rito del falò.

Il rituale del fuoco della purificazione, della consacrazione coincide con le ricorrenze religiose cristiane, paleocristiane oppure celtiche. Il falò è un archetipo polisemico che richiama significanti bivalenti, contrapposti: vecchio/nuovo, bene/male, puro/impuro, costruttivo/distruttivo, la catena è lunga.

L’oggetto rituale del fuoco, permanendo come atto manifesto di questo ambiente sociale ipertecnologico, postideologico e attratto da nuovi androidi richiama l’archetipo del calore, dell’ascolto di Sé e dell’Altro.

In tutti i paesi sovranista o antisovranista il rituale della tradizione s’intreccia con consumo/tradizione, con sacro/profano che si contamina con la mostra tecnologica, robotica, telematica e del drone: è un fenomeno sociale che coinvolge, non solo le provincie, le periferie, le campagne ma anche le città metropolitane.

Se il rito della ricorrenza è secolarizzato, e non evoca significanti di appartenenza, allora si generano comportamenti socializzanti e svolge una funzione aggregativa: in questo caso lo spazio è partecipato e coinvolgente.

Se il luogo del rito assume delle connotazioni di appartenenza, riconoscimento, sacralità, allora lo spazio diventa quello dell’inclusione e dell’esclusione, generando una dialettica circolare claustrofobica e claustrofilica: inclusione/esclusione.

Pubblicità

L’individuo che condivide l’oggetto totemico mettendosi in contatto con gli altri appartenenti costruisce una struttura sociale di condivisione dell’oggetto spazio difendendolo dagli Altri.

Lo spazio è il luogo sociale, culturale, economico che deve essere salvaguardato da contaminazioni provenienti dall’esterno o dall’interno: l’amore per il proprio spazio territoriale si trasforma in un culto totemico.

In questo modo l’oggetto d’amore per Sé e per gli appartenenti è esclusivo: chi non condivide il proprio territorio è considerato altro da Sé. Per accedere nello stesso spazio totemico gli individui, che stanno fuori, oppure pur essendo dentro lo stesso spazio non si integrano, per essere parte devono introiettare l’oggetto.

L’individuo che fa parte dello spazio totemico, ma lo vive come un luogo costrittivo, pericoloso, fobico è spaventato e vive con la paura di essere scoperto, messo al bando: per reggere la situazione è costretto ad adattarsi, ma per far questo deve costruire un finto Sé.

Viceversa, il claustrofilico essendo spaventato da tutto quello che sta fuori, per proteggersi dall’insicurezza percepita, prodotta dal proprio spazio totemico, è costretto a costruire delle difese esterne di protezione.

 

 

Pubblicità

 

 

 

Valutazione dell’esperienza: la voce dei docenti
La malattia del tempo - Seneca, Bergson e storie i...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Adaptive Information Processin…

Secondo questo modello, per conferire senso agli stimoli in entrata, le nuove esperienze vengono assimilate all’interno di preesistenti network mnestici. &nb...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Dacrifilia

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere.  L'attrazione sessuale scatur...

News Letters

0
condivisioni