Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

La Claustrofilia sovranista

La Claustrofilia sovranistaIn ogni passaggio dell’anno c’è sempre nella fantasia individuale, collettiva il desiderio che ciò che accadrà sarà meglio di ciò che è stato. In molte regioni dell'Europa continentale a confermare questo auspicio della tradizione contadina e della società postideologica, ipertecnologica attuale permane il rito del falò.

Il rituale del fuoco della purificazione, della consacrazione coincide con le ricorrenze religiose cristiane, paleocristiane oppure celtiche. Il falò è un archetipo polisemico che richiama significanti bivalenti, contrapposti: vecchio/nuovo, bene/male, puro/impuro, costruttivo/distruttivo, la catena è lunga.

L’oggetto rituale del fuoco, permanendo come atto manifesto di questo ambiente sociale ipertecnologico, postideologico e attratto da nuovi androidi richiama l’archetipo del calore, dell’ascolto di Sé e dell’Altro.

In tutti i paesi sovranista o antisovranista il rituale della tradizione s’intreccia con consumo/tradizione, con sacro/profano che si contamina con la mostra tecnologica, robotica, telematica e del drone: è un fenomeno sociale che coinvolge, non solo le provincie, le periferie, le campagne ma anche le città metropolitane.

Se il rito della ricorrenza è secolarizzato, e non evoca significanti di appartenenza, allora si generano comportamenti socializzanti e svolge una funzione aggregativa: in questo caso lo spazio è partecipato e coinvolgente.

Se il luogo del rito assume delle connotazioni di appartenenza, riconoscimento, sacralità, allora lo spazio diventa quello dell’inclusione e dell’esclusione, generando una dialettica circolare claustrofobica e claustrofilica: inclusione/esclusione.

Pubblicità

L’individuo che condivide l’oggetto totemico mettendosi in contatto con gli altri appartenenti costruisce una struttura sociale di condivisione dell’oggetto spazio difendendolo dagli Altri.

Lo spazio è il luogo sociale, culturale, economico che deve essere salvaguardato da contaminazioni provenienti dall’esterno o dall’interno: l’amore per il proprio spazio territoriale si trasforma in un culto totemico.

In questo modo l’oggetto d’amore per Sé e per gli appartenenti è esclusivo: chi non condivide il proprio territorio è considerato altro da Sé. Per accedere nello stesso spazio totemico gli individui, che stanno fuori, oppure pur essendo dentro lo stesso spazio non si integrano, per essere parte devono introiettare l’oggetto.

L’individuo che fa parte dello spazio totemico, ma lo vive come un luogo costrittivo, pericoloso, fobico è spaventato e vive con la paura di essere scoperto, messo al bando: per reggere la situazione è costretto ad adattarsi, ma per far questo deve costruire un finto Sé.

Viceversa, il claustrofilico essendo spaventato da tutto quello che sta fuori, per proteggersi dall’insicurezza percepita, prodotta dal proprio spazio totemico, è costretto a costruire delle difese esterne di protezione.

 

 

Pubblicità

 

 

 

Valutazione dell’esperienza: la voce dei docenti
La malattia del tempo - Seneca, Bergson e storie i...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

News Letters

0
condivisioni