Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

La seduzione del Potere

la seduzione del potereSeduzione origina da “se ducere “ condurre fuori di se, andare oltre qualcosa che si pone fuori dal seminato, dal tracciato e portare a sé. Nel senso comune sedurre significa indurre l'Altro a lasciare le sue difese, le sue convinzioni per essere condotto verso una meta, un oggetto, un desiderio.

Il potere è un sostantivo che significa dominio: da dominĭu(m), deriv. di domĭnus ‘signore, padrone’ Il dominio ha la facoltà legittima di esercitare il pubblico potere da una persona su un’altra in virtù del ruolo, della funzione che riveste come l’autorità del padre sui figli; l’autorità del governo, dei ministri o abusare, approfittare della propria autorità.

Quando l'atto di se ducere interagisce con il potere, con il dominio si istituisce un paradigma forte che condiziona l'agire della persona all'interno del contesto famigliare, politico, religioso e relazionale.

Nell'ambito famigliare la dialettica seduzione e potere conduce a delle patologie che sfociano spesso e volentieri in conflitti tra i vari componenti da trascendere i limiti della convivenza e della convivialità. La dinamica seduzione e potere può portare a comportamenti disadattivi come violenza su minore, partner, omicidio, sfruttamento, prostituzione. La dinamica seduzione-potere è la variabile dominante dello stalking e causa una serie di aggressioni, mutilazioni, violenze all'interno della coppia.

La dinamica seduzione e potere domina non solo la sfera privata ma è presente in ambito pubblico e nelle diverse strutture istituzionali.

Un esempio eclatante attuale è quello della pedofilia in ambito educativo e religioso che è al centro della cronaca mondiale per quanto riguarda gli abusi sessuali dei prelati. E' un comportamento disadattivo patologico scaturito da una dialettica perversa e deformante di seduzione e potere. Quando queste due componenti si coniugano in un modo distorto e difettivo ciò che scaturisce è un prodotto deformate e violento dove c'è sempre un carnefice e una vittima.

La stessa cosa accade in ambito politico. Quando il potere reale, simbolico e fantasmatico è sedotto o è seducente, il politico è catturato da questa dialettica e viene manipolato dalla seduzione e dal potere tanto da perdere il contatto con la dimensione reale.

Pubblicità

Questa dialettica nella società mediatica iperinterattiva, espositiva amplifica il suo ruolo per attrarre a sé il consesso e sedurre l'Altro per consolidare il suo potere.

Non solo, succede che si appropria della dinamica seduzione-potere per dominare la scena, manipolare il consenso, deformare il percepito per imporre la sua volontà. In questo processo dominato dalla seduzione-potere il rischio reale e sostanziale è quello di uscire dai confini della legalità, norma, regola istituzionale.

La dialettica perversa della seduzione e del potere porta a sviluppare comportamenti megalomanici, narcisistici, persecutori che sconfinano, debordano. Il sedotto è a sua volta dominato dalla seduzione e è accecato dal potere tanto da non cogliere i limiti.

Il potere acceca. Creonte è accecato dal potere, non si accorge che il figlio Emone lo scongiurare di salvare Antigone sua promessa sposa; Creonte non coglie la voce implorante del figlio, non ascolta il logos; Emone si suicida per amore di Antigone e per vendetta nei confronti del padre.

Il potere non ascolta la voce dell'Altro perché è troppo sedotto dal piacere narcisistico di essere al centro della scena e di essere la sfinge dominante che con superbia e avarizia guarda dall'alto gli altri e li vede sempre piccoli come gli abitanti delle isole di Lilliput e Blefuscu di Gulliver.

 

 

Pubblicità

 

 

 

Il progetto Educreando. Azioni educative e metodol...
Riflessioni sulle modificazioni corporee estreme: ...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

UNA chiacchierata per fare chi…

Ylenia Calabrese, 25 anni Salve,Nei miei 25anni ne ho passate di ogni.. ansia, depressione, attacchi di panico , disturbi alimentari ecc. ...

Sono cuckold [16058017191]

anto, 32 anni Salve, mi chiamo Antonio ho 32 anni e sono sposato da 4; io e mia moglie già da quando eravamo fidanzati praticavamo spiagge nudiste, dal pr...

Non riesco mai a partire [1605…

roberto, 61 anni Un sogno ricorrente. Lo visualizzo almeno una volta al mese da ormai cinque o sei anni. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

News Letters

0
condivisioni