Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Ma LUI…DOV'E'...

testamento biologicoBiotestamento o testamento biologico? Apparentemente potrebbe sembrare un gioco psicolinguistico da proporre a degli studenti in preparazione ad un esame cognitivo o di psicolinguistica  composto da un questionario con domande multiple.

Biotestamento è un sostantivo formato da bio più testamento. Bio è il prefisso di biologia che significa che vive; testamento deriva dal prefisso testari che significa testare, dettare e il suffisso mentum segnala lo strumento, il mezzo per dare delle disposizioni.

Il significante di biotestamento pone  al centro ciò che vive, ma ogni cosa materiale, nel suo significato estensivo, vive per definizione. Infatti, tutto ciò che entra/esce dalla mente-cervello è codificato da processi biochimici, molecolari dei neuroni e diventa parola e pensiero. Se tutto ciò fosse vero, allora il prefisso bio è il sostantivo dominante, di conseguenza è secondario testare, dare istruzioni, elencare le proprie opzioni.

Se così fosse allora il bio, attraverso il processo di generalizzazione, diventa il 'soggetto agente' che cataloga quali siano le condizioni  operative.

Questo è un modo di porre la questione in chiave positivistica e prospetta delle interpretazioni giuridiche che potrebbero incidere e condizionare le scelte del soggetto.

Viceversa, con testamento biologico, si pone il sostantivo testamento come parte nominale dell'azione. Il redigere il testo o il dettare un contenuto comprende in sé un'azione cognitiva del pensiero che l'oggetto bio non possiede: le molecole sono vive, ma non è detto che abbiano una cognizione.

Spostando il prefisso e il suffisso della struttura nominale si cambia anche il significato e il significante dell'agire.

E' importante soffermarsi a riflettere anche su questi elementi linguistici per comprendere che cosa accade quando si pongono delle regole normative giuridiche che andranno ad incidere sulle scelte degli individui, delle persone.

E' scontato e ovvio che sussistono interazioni circolari tra le parti che compongono la materia, il cosmo, il corpo biologico di una persona o di un animale.

Ma la questione della norma è l'espressione di un costrutto linguistico che ‘nasconde’ sempre delle parti incluse a prima vista invisibili, tanto che la norma è spesso soggetta a possibili interpretazioni di tipo intensivo o estensivo.

In ogni dettato normativo si nasconde l'inganno interpretativo proprio perché la norma è il prodotto semantico, linguistico e lessicale di una mediazione politica.

Gli attori di questa mediazione portano e contengono in sé convinzioni, giudizi, pregiudizi, valutazioni diverse riguardante l'oggetto della norma.

Infatti, anche in questo normato, che concerne il testamento biologico o il biotestamento, c'è un conflitto culturale tra le parti politiche che stanno legiferando.

E’ possibile individuare ed elencare in modo sintetico che vi è una discussione che mette a confronto il pensiero che si rifà alla Scuola Positivistica, che pone al centro il bios, con quello che si riconosce nella Scuola Classica, che pone al centro il diritto dell'individuo e con quello della Scuola della Nuova difesa sociale e dell'identità, che pone al centro il rispetto delle differenze.

Non è forse un caso che, subito, all'articolo 1, comma 5 si faccia riferimento al vecchio e discutibile concetto previsto dal codice penale riguardante la capacità di intendere e di volere, poi si usano termini che descrivono come e cosa devono essere i trattamenti sanitari.

Si parte ancora da lì –1930, art. 85  Capacità d’intendere e di volere C.P.-.

La dimensione psicologica del soggetto è scomparsa: ... ma l'essere, il soggetto, il pensante, l'ombra...dov'è...eppure Lui è proprio lì in quel momento...Lui dov'è...mentre decide di donare l'alito di vita alla morte?

 

Pubblicità

 

 

Luci ed ombre della normativa sui B.E.S.
La delusione dopo l'arrivo
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

News Letters

0
condivisioni