Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Omicidio e adolescenza

omicidio adolescenzaLa cronaca internazionale, nazionale e locale riporta ricorrentemente degli evento sociali eclatanti che mettono al centro il comportamento violento dell'adolescente. La violenza dell'adolescente si manifesta nel ciclo della vita compresa fra la pubertà e la maturità, che è caratterizzata da una rapida trasformazione psico-fisica e dalla ricerca di un'identità stabile ed indipendente.

Il comportamento violento dell'adolescente pone degli interrogativi di tipo psicologico, sociale, etico e giuridico. In particolare l'omicidio dell'adolescente determina uno stato perturbante, disarmante  e insinua nei genitori, negli insegnanti, negli adulti  degli interrogativi riguardo a come rapportarsi. Si genera silenziosamente negli adulti una paura, un'ansia nei confronti di questo “essere” che può trasformarsi da angelo a demone per un non nulla.

Uccidere la madre e ferire a morte il padre della ragazza perché non allenta il cordone di protezione nei confronti della figlia, suscita delle domande profonde.  L'omicidio “passionale” causato dal diciottenne con il sostegno della fidanzatina evidenzia quanto sia labile la capacità di controllare, tollerare la frustrazione e quanto l'aggressività sia presente nel giovane.

Nell'adolescenza, secondo la neuropsicologia, lo sviluppo del cervello, il suo funzionamento avviene in modo asimmetrico; questa asimmetria encefalica  predispone a commettere atti violenti, di sfida e antisociali.  Negli adulti la corteccia prefrontale agisce sul controllo e sull'interpretazione delle emozioni che provengono dal sistema limbico e dell'amigdala che sono dei nuclei associati agli impulsi e all'aggressività.

Negli adolescenti la struttura frontale non è ancora sviluppata completamente ed è incapace di modulare le reazioni emotive che sono sollecitate da questi nuclei primitivi (limbico, amigdala) che sono già funzionanti. Il cervello, essendo estremamente sensibile alle influenze comportamentali, manifesta delle difficoltà nel controllare una condotta socialmente accettabile.

Evidenze empiriche fanno osservare come dall'infanzia e in particolare nell'adolescenza, i lobi frontali subiscono delle modificazioni. Ciò fornisce un contributo alla comprensione di comportamenti violenti e antisociali degli adolescenti. C'è una particolare tendenza da parte degli adolescenti a mettere in atto comportamenti impulsivi e violenti a causa  di una struttura cerebrale frontale non ancora completamente sviluppata e maturata. L'adolescente non è ancora pronto ad utilizzare con efficienza i propri skills cognitivi di pianificazione e di giudizio; sono importanti le competenze che  sviluppate e acquisite modulano le impulsività; al fattore biologico va aggiunto oltre al contesto sociale di appartenenza anche quello riguardante la storia individuale.

Tuttavia bisogna evitare l'errore logico di attribuire al cervello la sola chiave che decodifica la complessità del comportamento umano compreso quello criminale.

E' un rischio riduzionistico che va assolutamente evitato perché spiega solo in parte l'atto: non tutti commettono atti violenti o omicidari.
Bisogna tenere presente la subcultura di appartenenza, il contesto sociale, familiare, la circostanza, la tenuta psicologica dell'individuo a controllare l'insofferenza, la deprivazione, la dipendenza, la rabbia, la separazione.

E' un errore giustificatorio di tipo psicologico, sociologico e biologico estrapolare l'adolescente dal contesto sociale e giuridico. L'adolescente appartiene ad una comunità con delle regole, delle norme; è dentro questo contenitore giuridico che l'atto violento omicidario dell'adolescente va valutato.

 

La vita che scegliamo
Il disagio non è fatto per durare
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

News Letters

0
condivisioni