Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Psicologia della banalità

psicologia della banalitaLa banalità è una qualità che raffigura uno stato psicologico individuale e sociale di come sono percepiti e vissuti gli affetti, le interazioni sociali, le conoscenze, la politica.

L'aggettivo banale è un francesismo che deriva da banal «appartenente al signore» che è «comune a tutto il villaggio»; in epoca moderna è diventato «bando»: privo di eccezionalità, di scarso rilievo, insignificante.

L'essere banale è una condizione individuale e sociale che non si contrappone a essere importante, rivelante, affermante, big. Essere banale significa essere un individuo che si accontenta, che è soddisfatto, che è felice di appartenere a una condizione del senso comune e s’identifica con il «sano intelletto» e con il «buon senso» che è dotato d’immediata certezza.

L’etimologia dell’espressione rievoca la locuzione greca «sensazione comune», con cui Aristotele designa - nel De sensu e nel De anima - l’atto percettivo che fonde in unità i dati dei vari organi di senso, riferendoli all’unico oggetto da cui sono determinati: la «sensazione comune» accompagna ogni esperienza sensibile e ne rappresenta l’autoconsapevolezza. Cicerone se ne serve per designare l’insieme delle nozioni e delle credenze su cui esiste un implicito accordo da parte di tutti gli uomini: «communis consensus».

Il sentire comune è ciò su cui si fonda la psicologia della banalità e ne giustifica la veridicità dell'essere: la persona sente le cose che favorisce l'appartenenza e l'identità. E' il diffondersi dello stesso sentire che convince l'individuo a sentirsi parte di una medesima sensazione; sentire è un atto primordiale che non sempre si coniuga con il cogitare: è la vecchia diatriba cartesiana della modernità in interazione o parallela alla postmodernità.

Il banale è un processo psicologico che si estende orizzontalmente tra le varie stratificazioni sociali e intergenerazionali generando una doxa comune.

L'individuo banale è colui che condivide la semplificazione delle cose, fa propri i pregiudizi o semplici e ricorrenti giudizi; fa del sillogismo il suo modo di pensare: Giovanni è un immigrato, tutti gli immigrati rubano, quindi Giovanni ruba.

Pubblicità

La tipologia del pensiero banale è caratterizzata da un pensiero semplice, concreto, deduttivo, razionalistico, associativo, assimilativo e da un processo lineare breve: il pensiero banale si contrappone al pensiero della molteplicità, della probabilità, dell'inferenza.

Allo stesso modo, il mondo degli affetti e delle emozioni si articola con on o off – disgiunzione -: o sì o no; o mi ami o mi odi; o sei amico o sei nemico; o sei vicino o sei lontano; o sei bianco o sei altro.

Il quotidiano banale è caratterizzato da opinioni che condividono lo stesso sentire, lo stesso linguaggio, gli stessi modi di porsi in modo che siano il più simile, il più comprensibile, il più condivisibile nell'abbigliamento, negli stessi slogan.

La banalità quotidiana è caratterizzata dalla negazione della complessità. C'è nella banalità quotidiana un meccanismo di rimozione della diversità, della differenza, della pluralità. La banalità quotidiana necessita di rassicurazione, accudimento; è alla ricerca di un codice materno che controlli il male che è, non dentro di Sé ma, fuori di Sé.

La banalità quotidiana è l'utero rassicurante anestetizzato, la banalità è una risposta reattiva alla complessità dell'essere che è percepita come un mostro deformante che trasforma il rassicurante e tranquillo banale quotidiano.

Nell'ipermodernità liquida, frammentata, fluida, sovranista e globalizzata il “senso comune” si è trasformato in un “sentire banale”. Il potere banale è un potere che si presenta con il volto dell'apertura all'inclusione degli assomiglianti e riduce il tutto all'appartenenza del Totem.

Chi è fuori dal regno e dallo spazio onnipotente del Totem – chiesa, esercito, famiglia, patria, confine, partito, movimento, gruppo – appartiene a un altro mondo e quindi è, per definizione, pericoloso: chi dissente dal Totem è considerato un traditore e va isolato.

 

 

Pubblicità

 

 

Mai più invisibili: premesse teoriche del modello ...
Innamorati con la demenza
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

UNA chiacchierata per fare chi…

Ylenia Calabrese, 25 anni Salve,Nei miei 25anni ne ho passate di ogni.. ansia, depressione, attacchi di panico , disturbi alimentari ecc. ...

Sono cuckold [16058017191]

anto, 32 anni Salve, mi chiamo Antonio ho 32 anni e sono sposato da 4; io e mia moglie già da quando eravamo fidanzati praticavamo spiagge nudiste, dal pr...

Non riesco mai a partire [1605…

roberto, 61 anni Un sogno ricorrente. Lo visualizzo almeno una volta al mese da ormai cinque o sei anni. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

News Letters

0
condivisioni