Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

Psicosomatica, Globalizzazione, Virus

Psicosomatica Globalizzazione VirusIl virus, dal latino veleno, è un microorganismo acellulare costituto da un filamento composto da una sequenza di aminoacidi – DNA e RNA- avvolto da un rivestimento proteico. Lo possiamo immaginare come un elastico composto da due filamenti che si allungano e si muovono e quando toccano l'oggetto lo colora, lo infetta; per caso può finire nella cartella di cuoio o di stoffa e penetrare all'interno del tessuto e colorarlo: ha la capacità di trasformare l'oggetto da ospitante a ospite.  Il microorganismo sta  mettendo in crisi l'attuale sistema globalizzato con tutti i suoi paradigmi contraddittori che lo reggono: economici, sociali, militari, sanitari.

Non sono le borse finanziarie, le posizione politiche tra localisti e globalisti, tra mercato chiuso o aperto, tra accogliza o rifiuto, tra nemici paranoici o amici,  a mettere a dura prova il sistema global o glocal, è un microorganismo migrato dal pipistrello nell'organismo umano.

L'organismo umano non riconoscendolo fatica a mettere in atto delle strategie per dominarlo: per adesso può solo difendersi. Il microorganismo sta attaccando e sta espandendo il suo potere. E' un soggetto mutante che sta mutando le condizioni di vita abituali degli umani, sta dominando la scena. Il mutante sta mettendo a dura prova le conoscenze scientifiche umane parcellizzate. C'è la necessità di mettere in gioco un metodo interattivo dei singoli saperi: biologia, matematica, intelligenza artificiale e scienze umane. C'è la necessità di mettere in gioco tutte le componenti del sapere in una strategia interattiva per scoprire il punto debole dell'organismo mutante. La separazione dei saperi non è funzionale alla risoluzione del problema.

Attualmente il soggetto dominante sta mettendo nell'angolo l'umano che si sta proteggendo in territori chiusi – nuovi lazzaretti del duemila –, ma, non conoscendo che cosa pensa il microrganismo, fatica a individuare delle soluzioni.

E' fondamentale pensare come pensa il mutante per poter trovare la chiave per smontare la macchina infettante. Allo stesso modo è importante, da parte nostra, incominciare pensare a noi come persone composte di testa e corpo, di corpo e testa. L'emozioni che proviamo sono il prodotto complesso dei nostri processi emozionali mentali che incidono su il nostro corpo.  Non è solo il corpo a incidere sulla testa. Bisogna appropriarsi dell'emozionalità psichica per affrontare e aiutare il corpo.

Pubblicità

Una posizione psichica positiva di sé favorisce la produzione di endorfine, abbassa il cortisolo e tutte quelle sostanze neuropsicocrinologiche che incidono sull'abbassamento del sistema immunitario: il sistema immunitario va sollecitato attraverso dei comportamenti emozionali positivi.

E' importante prendersi cura di Sé senza scappare dall'oggetto curando il proprio corpo e la mente applicando anche delle tecniche di meditazione, di immaginazione, leggendo libri piacevoli, guardando film emozionali affermativi, fare delle camminate all'aria aperta, recuperare lo sguardo sulla natura, abbracciare le piante e per chi crede recitare il proprio mantra spirituale. Curare la propria mente è fondamentale per affrontare qualsiasi cosa.

Questo piccolo mostriciattolo, brutto e fastidioso va guardato in faccia. Ognuno con la propria immaginazione, con la propria testa deve dargli una forma, una immagine,in questo modo  l'oggetto oscuro diventa un oggetto con il quale è possibile dialogare e parlare.

Trasforma il pipistrello in un fiore, in una primula, in una cascata, in un tramonto, in una sera d'estate, in un fiocco di neve. Trasforma il male, l'oggetto oscuro che è dentro di te in un oggetto in positivo. Fa in modo che il tuo sistema psicobiologico si attivi di fronte a questa informazione  passivizzante e terrorizzante. L'informazione che ricevi traducila in forma attiva.

Sta a te, prima di tutto, mettere in atto le tue sane difese e collaborare con l'altro che è accanto a te.

 

 

 

Pubblicità

 

 

 

LA GIUSTA DISTANZA - gli Psicodrammatisti e il Cor...
La paura ai tempi del Coronavirus: come affrontarl...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola faccio f...

Fobie paranoie (1579177546962)

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo t...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55 , 20 anni Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi per il servizio che offrite. Sono una ragazza di 20 anni. Non ho un partner fisso...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

News Letters

0
condivisioni