Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Spree Killer

Roseburg, Oregon: uccise  10 persone, ferite altre 13 all'Umpqua Community

roseburgPer il Federal Bureau of Investigation (FBI) l'assassino che uccide più persone in un'unica azione esecutiva e in un unico luogo rientra nella tipologia dell'omicidio/suicidio di massa. Lo spree killer o omicida compulsivo è colui che compie un'azione omicidaria in  uno spazio breve e nello stesso luogo. Dopo la strage solitamente lo spree killer si suicida oppure si fa uccidere non deponendo l'arma nel conflitto. L'omicida desidera essere ucciso.

Il mass killer,  che compie questa azione violenta e distruttiva per gli Altri e per Sé, resta nell'ombra fino all'ultimo momento, si mimetizza nella quotidianità, evita di esprimersi pubblicamente, mantiene un  tono basso, si comporta come un solitario, evita di farsi notare fino all'ultimo e nell'ambito familiare si colloca in una posizione marginale. E' tendenzialmente un solitario.

Per la criminologia è un “terrorista sociale” che commette un'azione rivendicativa nei confronti dell'autorità. Il “terrorista sociale” costruisce un paradigma cognitivo in cui attribuisce all'autorità la responsabilità di non essere stata in grado di soddisfare i suoi desideri e prova una intolleranza esistenziale contro ogni forma di autorità e ingiustizia sociale.

Un altro elaborato cognitivo epistemico del mass killer consiste nel deformare, distorcere, destrutturare la dimensione religiosa, etnica, politica, sociale o culturale. L'omicida costruisce un pensiero persecutorio nei confronti delle istituzioni che sono  dei contenitori composti di valori, norme e regole. Tutto questo riguarda il profilo personologico del soggetto.

L'azione omicidaria va  situata all'interno del contesto sociale, culturale, antropologico ed economico del luogo di appartenenza.
C'è un filo rosso che intreccia tutte queste manifestazioni eclatanti che coinvolgono gli spazi sociali frequentati da molte persone come le scuole, le piazze, i luoghi di ritrovo e di culto. Per l'omicida  colpire più persone corrisponde al soddisfacimento di appagare un bisogno megalomanico e  narcisistico. L'evento per essere significativo deve esaltare l'onnipotenza, per far questo necessita dell'amplificazione mediatica. E' un messaggio forte e distruttivo nei confronti del “fantasma “ dell'autorità.  

Questa azione assomiglia a qualsiasi atto terroristico di matrice politica o della criminalità organizzata. Lo scopo, l'obiettivo è  lo stesso: colpire l'autorità, il potere esistente.

Gli omicidi solitari terroristici sono il prodotto di una subcultura che coinvolge la dimensione dell'integrazione, dell'appartenenza, dell'identità.

Questa società competitiva, esclusiva, iperattiva, di self men che raggiungono risultati sociali ed economici importanti involontariamente può far emergere quel bisogno affermativo di Sé negato, attraverso comportamenti che possono sfociare in azioni  distruttive per la comunità e per Sé.

L'omicida uccidendo persone che appartengono alla propria generazione evidenzia quanto si senta arrabbiato, distaccato. L'omicida non sentendosi parte del gruppo decide di commettere un'azione   etero  e autodistruttiva. E' come se solo attraverso l'impotenza e onnipotenza della morte riuscisse a realizzare quel bisogno di essere parte.

 

Lo studente e la cipolla
Perché un blog su Psicologia e Lavoro
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Due nemici sotto lo stesso tet…

maria, 69 anni     Salve ! Sto vivendo un momento abbastanza difficile e complicato della mia vita e da sola non riesco ad uscirne, ecco perch...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

News Letters

0
condivisioni