Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Totem, Orda, Calcio

orda totem calcioL'orda, sotto un cielo plumbeo di stelle, si è radunata in una grande e moderna arena capace di accogliere moltitudini di genti  provenienti da ogni angolo del continente per accedere nello spazio sacro e celebrare il rito del sacrificio.

Al  centro dell'arena però non c'è il magnifico toro bianco incarnato da Zeus che  sedusse e fecondò, dopo essersi  trasformato in aquila, la bella Europa, figlia di Agenore, re di Tiro.
No, al centro dell'arena c'è una sfera, una palla simbolo di perfezione.

La sfera è  il Totem capace di attrarre attorno a sé una folla indistinta senza appartenenza sociale, classe, religione, lingua, razza, sesso, età.

Il Totem contiene in sé il tutto e cancella le differenze, le disuguaglianze, le lingue, è ambivalente include ed esclude, unisce, contrappone amici, avversari. Il Totem per essere totemico deve essere posseduto, introiettato, conquistato, per questo è indispensabile un sacrificio tra parti, una sfida tra amici/nemici, una lotta che stabilisca una identità vincente.

Tutto questo però è possibile solo con la celebrazione di un gioco sacrificale. Le parti si devono scontrare e sconfiggere sullo spazio sacro del verde prato sintetico incalpestato. Nell'arena si consuma lo scontro, si eliminano avversari. Solo una squadra acclamerà  i nuovi eroi, i nuovi Titani.

Il rito sacrale è ammirato da masse di persone, da telecamere, da schermi disseminati in ogni angolo di città piccola o grande del continente. Tutti devono partecipare, consumare, mangiare, divorare con gli occhi, con le mani lo scontro con lo sfidante.

Il Totem per essere portato in trionfo va conquistato. E, per sentire la voce dell'onnipotenza infrangersi sull'orda e scrivere il proprio nome sopra lo sguardo impotente dei perdenti, dei dominati, va glorificato e adorato.

Per alcuni è un'opportunità per dimostrare e poter esternare la rabbia sociale diffusa presente nel continente. E' l'occasione per proiettare in qualsiasi luogo, spazio urbano e sociale la tensione individuale, politica, sociale repressa.

La sfera totemica raffigurata dal volto di Giano rivela il passato, il futuro e la soglia di chi deve star dentro e fuori: è l'ambiguità testamentaria delle masse che si percepiscono altro dal potere attuale.

Per quelle masse è un'occasione ghiotta e paradossalmente includente per farsi sentire, vedere sulla scena ipermediatica e globalizzante: si connettono tifosi con hooligans, teppisti con estremisti, gruppi paramilitari con marginali. Mettendosi insieme sfidano fuori e dentro  lo stadio l'odio che l'altro faccia di Giano riverbera nei loro confronti.

La scena mediatica, mischiando le molteplici immagini costruisce una narrazione di uno scontro tra  una molteplicità di parti che si scompongono e si ricompongono in funzione di essere dentro o fuori l'arena sacrificale.

Questa dinamica è più simbolica all'interno dello stadio e diventa più realistica quando si manifesta all'esterno. Tra interno ed esterno si sviluppa una scissione, uno scarto.
All'esterno il volto di Giano è identificato con con il corpo del poliziotto armato e rappresenta il potere politico e sociale.
All'interno dello stadio l'altra parte del volto di Giano rappresenta la sublimazione e il desiderio  di una identità premiante, vittoriosa ed eroica.

 

Non è solo un gioco: i “segni” del bullismo negli ...
Trappole mentali, come uscirne
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il termine ...

News Letters

0
condivisioni