Pubblicità

Abreazione

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 4534 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

abreazioneIl termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un evento traumatico, mediante una scarica affettiva, evitando così che tale affetto divenga patogeno.

Ha una funzione catartica e permette di incanalare e portare alla coscienza desideri, pensieri ed esperienze inconsce, che erano stati rimossi in precedenza perché il loro contenuto non veniva accettato apertamente dal soggetto. In questo modo egli riesce ad accettarli e si favorisce la scomparsa dei sintomi psicopatologici che avevano accompagnato la rimozione di tali vissuti.

L’abreazione può essere:

  • Spontanea, se avviene ad un breve intervallo dall’evento, in modo da evitare che il ricordo si sovraccarichi di un affetto di tale intensità da diventare patogeno.
  • Secondaria, quando è indotta dalla cura analitica, il cui effetto catartico può essere raggiunto facendo rivivere l’affetto e abreagendolo con una scarica emotiva adatta. In questo caso, l'obiettivo terapeutico cui tende l’abreazione è la scomparsa sia dell’emozione correlata all’evento traumatico e a suo tempo repressa, sia del sintomo causato dalla rimozione. Freud afferma, infatti, che “nella parola l’uomo trova un surrogato all’azione, e con l’aiuto della parola l’affetto può essere abreagito in misura quasi uguale”.

Alcuni esempi di abreazione possono essere lo scarico del rancore, che può esprimersi tramite la vendetta, oppure sfogare una situazione negativa tramite il pianto.

Secondo gli autori, infine, in alcuni casi è difficile mettere in atto l’abreazione, soprattutto quando la persona ha subito particolari traumi psichici, come quelli in cui non si può pensare ad una reazione (perdita apparentemente insostituibile di una persona amata), oppure nei casi in cui la persona intenzionalmente non volesse far riaffiorare l’evento (meccanismo di difesa di rimozione). Questa mancanza, dunque, fa sussistere nell’inconscio quei contenuti non accettati e le emozioni ad essi correlati, il che potrebbe essere alla base dei sintomi nevrotici.

 

Bibliografia:

  • AA.VV., Salute: dizionario medico, in collaborazione con Fondazione Umberto Veronesi, RCS Quotidiani, 2005.
  • Enciclopedia Treccani, 2012.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone, 2008.

 

(Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: le parole della psicologia abreazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Quando lei maltratta lui (1574…

DELUSO 60, 59 anni     Incontrati a 46 anni io 40 lei, divorziati entrambi, io convivevo con una signora da 8 anni, lei con un figlio di 10 (unic...

Presa in giro (1574783413891)

Berna,  20 anni     Ciao, ho bisogno di aiuto e cerchero di spiegare il più brevemente possibile la mia situazione. Mi chiamo benedetta e s...

Attacchi di ansia in un minore…

Ada, 36     Buonasera.Il mio compagno è separato da circa 2 anni. ha due figlie di 7 e 5 anni. La più grande nelle ultime settimane ha avuto de...

Area Professionale

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

News Letters

0
condivisioni