Pubblicità

Affetto

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3298 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

L'affetto (dal latino "adfectus", da "adficere", cioè "ad" e "facere", che significano "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona a qualcuno o qualcosa.

 

Nell’uso comune, infatti, l'affetto riguarda anche l’inclinazione sentimentale per creature animali o vegetali e persino per particolari oggetti, soprattutto se ricollegati ad una persona cara o a dei ricordi.

affetto

In altri termini, si potrebbe definire l’affetto come uno di quegli elementi caratterizzanti il sentimento, in quanto esso permette di essere consapevoli del piacere e del dolore, che si provano in relazione all’oggetto dell’emozione. Quindi l’affetto regolerebbe non solo la semplice sensazione esperienziale, che si attiva di fronte ad uno stimolo gradevole o sgradevole, ma anche la risposta del soggetto stesso di fronte ad esso (avvicinamento/accrescimento nel primo caso, allontanamento/diminuzione nel secondo).

Alcuni dati sperimentali hanno dimostrato che particolari composti neurochimici, soprattutto le endorfine e le catecolamine cerebrali, sono responsabili dell'affetto: infatti, le stimolazioni elettriche delle vie neuronali, ricche di queste ultime sostanze, inducono gli animali a ricercare o ad evitare le stesse, mentre stimolazioni simili negli uomini provocano, rispettivamente, sentimenti di felicità e di sconforto o ansia.

Il termine nacque in psicoanalisi, per esprimere l’aspetto qualitativo della quantità di energia pulsionale, che può essere:

  • Gradevole o sgradevole;
  • Vago o specifico;
  • A scarica violenta o a tonalità diffusa.

Infatti, è opinione comune, tra questi studiosi, che l’affetto coincida con l’emozione, in quanto consiste nel risultato della scarica emotiva stessa a livello neuronale (da qui l’assunto che la causa di alcune nevrosi, quali l’isteria, vada ricondotta proprio ad un scarica insufficiente dell’affetto stesso), ma si distingua dal sentimento, in quanto esso è la risposta corporea del soggetto all’emozione stessa.

Pubblicità

Secondo Freud, in particolare, l’affetto è sempre legato ad una rappresentazione, perché entrambi i termini si riferiscono al modo con cui ogni pulsione si esprime. Jung, inoltre, definisce l’affetto come uno stato di sentimento, caratterizzato sia da un'innervazione corporea percettibile, sia da un'agitazione specifica del decorso rappresentativo. L'affetto deve essere distinto dal sentimento, sia perché è da quest’ultimo che partono le innervazioni corporee che lo determinano, sia perché l’affetto può essere una funzione di cui si dispone a propria volontà, cosa che non accade nell’altro. Altri autori (ad es. Bleuler), invece, hanno preferito usare il termine affetto come sinonimo di sentimento ed emozione, senza adoperare nessuna differenza tra questi.

 

Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Maldonato M., Dizionario delle Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
  • Wilhelm A, Eysenck H. J., Meili R., Dizionario di Psicologia, Edizioni Paoline.

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: sentimento emozione affetto le parole della psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte. Il paziente con anomia è in...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni