Pubblicità

Ansia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 226 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

L’ansia è una sensazione soggettiva caratterizzata da un senso spiacevole di apprensione e preoccupazione spesso accompagnata da sintomi fisici di tipo autonomico e da irrequietezza e/o tensione.

ansia

Si accompagna ad un aumento di vigilanza e da un complesso meccanismo fisiologico di allarme che prepara l'organismo alla difesa, all'azione e alla fuga.

A differenza della paura, che si presenta come segnale acuto di pericolo rispetto a un oggetto esterno all’individuo e ritenuto minaccioso, nell’ansia la minaccia è solo avvertita ma la causa rimane sconosciuta, interna, vaga e spesso si prolunga nel tempo. In particolare, l’ansia patologica non legata a nessun oggetto specifico viene definita anche ansia libera.

Sia l’ansia che la paura non sono di per se patologiche ma svolgono un ruolo adattativo per l’individuo poiché lo aiutano a prevenire o affrontare situazioni di difficoltà e a preservarsi da danni fisici o psichici preparando il corpo e la mente all’attacco o alla fuga.

Tuttavia possono diventare patologiche dal momento in cui l’intensità con cui si manifestano diventa eccessiva rispetto alle cause che le ha scatenate; a quel punto le paure paralizzano l’azione (anziché prepararvi) diventando disfunzionali, limitando la qualità della vita e le attività dell’individuo.

L’ansia patologica si distingue da quella psicologica per:

  • intensità estrema e sproporzionata rispetto alla situazione
  • motivo talora indefinibile
  • andamento cronico

L’ansia può essere libera e si esprime con sintomi emotivi e cognitivi, o somatizzata, la quale si manifesta con sintomi somatici.

I sintomi somatici più comuni sono tachicardia, palpitazioni, irrequietezza motoria, tensione muscolare, dispnea, nausea e vomito, tremori, prurito, senso di stordimento, fino alla lipotimia.

L’ansia e la paura patologiche sono alla base di uno o più disturbi: la fobia, le ossessioni, il panico.

Pubblicità

Freud indicò l’ansia come un segnale nell’inconscio della presenza di una minaccia, un “sintomo-segnale”. Questa minaccia è il risultato di un conflitto tra desideri inconsci di tipo libidico e un pericolo rappresentato dal Super-Io o dalla realtà esterna. In risposta a questo pericolo vengono attivati meccanismi di difesa per impedire che pensieri o emozioni inaccettabili emergano a livello di coscienza.

Ogni forma d’ansia è ovviamente correlata a molteplici conflitti in base alle diverse fasi dello sviluppo e della crescita.

La Teoria dell’Attaccamento di Bowlby ha sottolineato la centralità del ruolo materno. Il fallimento della relazione madre-figlio è rivissuta in quelle situazioni che simbolicamente ripropongono il trauma.

Fonagy e Target ipotizzano che una buona relazione madre-bambino favorisca lo sviluppo di una buona Funzione Riflessiva, che si costituisce attraverso un gioco di rispecchiamento, rielaborazione e restituzione di stati emotivi.

Nella genesi dell’ansia si assiste al fallimento della funzione di rispecchiamento, in cui le emozioni negative del bambino vengono restituite senza l’influenza emotiva rassicurante della madre.

Secondo gli studi delle scienze cognitive e comportamentali uno stimolo può diventare condizionato attraverso un apprendimento associativo, come riportato da Pavlov.
Secondo il modello del condizionamento si ha una sensibilizzazione all’ansia in seguito a un primo stimolo che la può aver scatenata. Successivamente anche stimoli meno intensi ma associati al primo stimolo negativo innescheranno una risposta d’ansia inappropriata.

La risposta d’ansia può manifestarsi anche in seguito a un apprendimento come, ad esempio, imitando le risposte d’ansia abnormi dei genitori.

Il contributo della teoria cognitiva consiste nel sottolineare come modelli e processualità di pensiero errate o distorte sono alla base dei comportamenti disadattivi e dei Disturbi d’Ansia; infatti il soggetto ansioso tenderebbe a sovrastimare il pericolo rappresentato da una certa situazione e sottostimare le proprie risorse per farvi fronte.

Attualmente la classificazione dei Disturbi d’Ansia riconosciuti dal DSM-V è presentata in “ordine di esordio” e comprende:

  • disturbo d’ansia da separazione
  • mutismo selettivo
  • fobia specifica
  • disturbo d’ansia sociale
  • disturbo di panico
  • agorafobia
  • disturbo d’ansia generalizzato
  • disturbo d’ansia indotto da sostanze e farmaci
  • disturbo d’ansia dovuto ad altra condizione medica
  • disturbo d’ansia con altra specificazione
  • disturbo d’ansia senza specificazione

 

Bibliografia

  • Martinotti, Di Giannantonio, Janiri, Compendio di Psicopatologia, fila37, 2015
  • Martinotti, Janiri, Caroppo, Prontuario di Psichiatria, Soc. Ed. Universo, 2008

 

(a cura di Lucia Cialone)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia disturbi d'ansia paura

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

News Letters

0
condivisioni