Pubblicità

Autismo

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2542 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

autismoLa sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava da quelle che erano le caratteristiche comuni dei bambini affetti da ritardo mentale o da schizofrenia ma era presente un disturbo nel "contatto affettivo con la realtà", che si traduceva in condotte di evitamento, tendenza all'isolamento ed atipie comportamentali (bisogno di immutabilità).

Egli chiamò la sindrome “Autismo Infantile Precoce” poiché aveva osservato che, sin dall’inizio vi è una estrema solitudine autistica per cui il bambino trascura, ignora e vieta l’accesso a qualunque cosa provenga dall’esterno.

La diagnosi di Autismo viene attualmente formulata facendo riferimento ai criteri del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM V) e viene considerato dalla comunità scientifica internazionale un Disturbo Pervasivo dello Sviluppo, che si manifesta entro il terzo anno di età causando deficit nelle seguenti aree di :

  • Comunicazione: la mancata acquisizione delle competenze linguistiche rappresenta uno dei disturbi caratteristici e quello che maggiormente determina nei genitori la consapevolezza di uno sviluppo atipico. Con il passare degli anni, mentre alcuni bambini non riescono ad acquisire alcuna espressione verbale, altri mostrano uno sviluppo del linguaggio, che può diventare addirittura fluente.
  • Interazione sociale: nel primo anno di vita, la compromissione dell’interazione sociale è espressa dal deficit del contatto occhi-occhi. Vi sono, inoltre, delle posture corporee anomali dovute sia ad un’insofferenza per il contatto fisico e sia ad un’incapacità da parte del piccolo di adattare la sua postura a quella di  chi lo tiene in braccio Nel corso dello sviluppo, tale compromissione si arricchisce di comportamenti sempre più espliciti e caratteristici.
  • Interessi ristretti, ripetitivi e stereotipati: tutti quei movimenti, quei gesti e/o quelle azioni che per la loro frequenza e la scarsa aderenza al contesto assumono la caratteristica di comportamenti atipici e bizzarri.
    Pubblicità

Nel 75% dei casi coesiste un ritardo mentale, solitamente di entità moderata, con possibili anomalie dello sviluppo delle capacità cognitive.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Maldonato M. (2008). “Dizionario di scienze psicologiche”. Edizioni Simone;
  • Tustin F., (1997) “Autismo e psicosi infantile”.  Armando Editore

 

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: autismo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vien...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

News Letters

0
condivisioni