Pubblicità

Autismo

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1823 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

autismoLa sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava da quelle che erano le caratteristiche comuni dei bambini affetti da ritardo mentale o da schizofrenia ma era presente un disturbo nel "contatto affettivo con la realtà", che si traduceva in condotte di evitamento, tendenza all'isolamento ed atipie comportamentali (bisogno di immutabilità).

Egli chiamò la sindrome “Autismo Infantile Precoce” poiché aveva osservato che, sin dall’inizio vi è una estrema solitudine autistica per cui il bambino trascura, ignora e vieta l’accesso a qualunque cosa provenga dall’esterno.

La diagnosi di Autismo viene attualmente formulata facendo riferimento ai criteri del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM V) e viene considerato dalla comunità scientifica internazionale un Disturbo Pervasivo dello Sviluppo, che si manifesta entro il terzo anno di età causando deficit nelle seguenti aree di :

  • Comunicazione: la mancata acquisizione delle competenze linguistiche rappresenta uno dei disturbi caratteristici e quello che maggiormente determina nei genitori la consapevolezza di uno sviluppo atipico. Con il passare degli anni, mentre alcuni bambini non riescono ad acquisire alcuna espressione verbale, altri mostrano uno sviluppo del linguaggio, che può diventare addirittura fluente.
  • Interazione sociale: nel primo anno di vita, la compromissione dell’interazione sociale è espressa dal deficit del contatto occhi-occhi. Vi sono, inoltre, delle posture corporee anomali dovute sia ad un’insofferenza per il contatto fisico e sia ad un’incapacità da parte del piccolo di adattare la sua postura a quella di  chi lo tiene in braccio Nel corso dello sviluppo, tale compromissione si arricchisce di comportamenti sempre più espliciti e caratteristici.
  • Interessi ristretti, ripetitivi e stereotipati: tutti quei movimenti, quei gesti e/o quelle azioni che per la loro frequenza e la scarsa aderenza al contesto assumono la caratteristica di comportamenti atipici e bizzarri.
    Pubblicità

Nel 75% dei casi coesiste un ritardo mentale, solitamente di entità moderata, con possibili anomalie dello sviluppo delle capacità cognitive.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Maldonato M. (2008). “Dizionario di scienze psicologiche”. Edizioni Simone;
  • Tustin F., (1997) “Autismo e psicosi infantile”.  Armando Editore

 

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: autismo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Nausea

E' una sensazione di malessere e fastidio allo stomaco che può precedere il vomito.  Di solito la nausea si presenta nel momento in cui mangiamo qualcos...

News Letters

0
condivisioni