Pubblicità

Bad trip

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 6358 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

bad tripCon l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto.

In italiano è spesso usata l'espressione in acido.

Caratterizzato in genere dalla paura della morte o di malattie, e da altre esperienze definite anormali come ad esempio: distorsione dell’immagine corporea, sensazione di soffocamento o paralisi.

Gli effetti delle sostanze psichedeliche sono molteplici e a volte, essendo dipendenti da set e setting, imprevisti. Le reazioni di soggetti inesperti durante il trip possono essere pericolose sia per la propria incolumità sia per quella degli altri. Dopo il piacevole effetto iniziale, possono presentarsi sintomi fastidiosi e molto pericolosi, a causa della forte alterazione della coscienza. Una persona sotto gli effetti degli Allucinogeni – per esempio – potrebbe credere di poter volare e lanciarsi da un punto molto alto.
Gli effetti della sostanza o sostanze sull'individuo dipendono anche dalle condizioni fisiche e psichiche del soggetto (set), dal luogo e contesto in cui la si assume (setting), dalla quantità e qualità della stessa e dalla eventuale tolleranza del soggetto a quella data sostanza.

La reazione è estremamente spiacevole, anche se in genere di breve durata e di varia intensità. Può inoltre condurre ad incidenti o a tentativi di suicidio.

L'assunzione di Allucinogeni può provocare:

  • euforia e benessere iniziali;
  • alterazione delle percezioni e della coscienza;
  • perdita della consapevolezza e della memoria;
  • deficit della capacità di intendere e ragionare;
  • perdita del senso della realtà e depersonalizzazione;
  • paranoie e allucinazioni negative, dette "brutti viaggi";
  • paura di impazzire e attacchi d'ansia.

Accanto a questi, durante l'Intossicazione si presentano due o più dei seguenti sintomi:

  • irrequietezza;
  • tremori o sudorazione;
  • palpitazioni e/o tachicardia;
  • dilatazione delle pupille e/o disturbi della vista;
  • mancanza di coordinazione dei movimenti.

L'Abuso di allucinogeni può provocare intossicazione e causare altri disturbi: grave alterazione delle percezioni (Disturbo Percettivo Persistente con flashback), problemi di memoria, perdita della capacità di ragionare e parlare (Delirium), manie di persecuzione, allucinazioni e deliri (Disturbi Psicotici), Disturbi d'Ansia o dell'Umore (es. Depressione).

 

Per Approfondimenti:

  • wikipedia.org
  • psicocitta.it
  • Lessico dei termini psichiatrici e di salute mentale Ed. Centro scientifico


(A cura della dottoressa Alessandra Antonacci)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: Bad trip

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

News Letters

0
condivisioni