Pubblicità

Barbiturici

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1726 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

barbituriciCon il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno in comune un’azione reversibile di depressione del SNC (Sistema Nervoso Centrale).

Essi sono GABA agonisti (interagiscono nello specifico con la sottoclasse recettoriale GABAA) ed aumentano la conduttanza agli ioni cloruro (Cl-), quindi deprimono l’attività dei neuroni catecolaminergici e serotoninergici, che dal tronco encefalico proiettano all’ippocampo, mentre, a dosi anestetiche, deprimono la liberazione ed il turnover dell’acetilcolina.

Furono sintetizzati, per la prima volta, nel 1864, da Adolf von Bayer. Da quando fu introdotto il barbital (1903), sono stati sintetizzati oltre 2500 barbiturici, che trovano impiego come sedativi, anticonvulsivi, narcotici, ma soprattutto come ipnotici. A seconda della loro efficacia, essi si dividono in barbiturici:
• Ad azione lunga (barbital, fenobarbital);
• Ad azione breve (amobarbital, ciclobarbital, pentobarbital, secobarbital);
• Ad azione brevissima (exobarbital).
Qualitativamente, comunque, i loro effetti sono molto simili.

In ogni caso, oltre agli effetti ansiolitici, anestetici ed antiepilettici, i barbiturici possono avere anche effetti indesiderati, quali:
• Vasodilatazione e perdita del calore corporeo;
• Convulsioni;
• Delirio e allucinazioni;
• Repentini sbalzi di umore;
• Depressione;
• Spossatezza.

L’uso ripetuto e protratto di queste sostanze espone, inoltre, al fenomeno della tolleranza e può comportare la dipendenza. In tali condizioni, il livello di intossicazione cronica si manifesta con:
• Tremori;
• Stati confusionali;
• Amnesie;
• Perdita di coordinazione della muscolatura volontaria (atassia);
• Deficit della capacità di concentrazione e di giudizio.

Di conseguenza, potrebbe manifestarsi anche una sindrome di astinenza, la quale inizia a manifestarsi tra le 8 e le 16 ore dall’ultima assunzione del farmaco, con:
• Stati d’ansia;
• Insonnia;
• Vertigini;
• Nausea;
• Convulsioni;
• Episodi deliranti;
• Allucinazioni angosciose, fino a delle vere e proprie alterazioni psichiche di tipo paranoico e schizofrenico.

Pubblicità

Infine, l’overdose di barbiturici è estremamente pericolosa: la depressione dei centri che regolano le funzioni cardiaca e respiratoria può tradursi in collassi e morte. In questi casi, infatti, si passa da un piacevole torpore, al sonno, al coma, all’arresto cardio-respiratorio.

Per tutti questi motivi, e poiché non esistono antagonisti recettoriali per i barbiturici, il loro uso è stato progressivamente abbandonato, sostituendolo con l’impiego delle benzodiazepine, le quali hanno effetti simili, ma minori controindicazioni.

 

 

Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
  • Wilhelm A., Eysenck H.J., Meili R., Dizionario di Psicologia, Edizioni Paoline.

 

(A cura della dottoressa Alice Fusella)  

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni