Pubblicità

Barbiturici

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1821 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

barbituriciCon il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno in comune un’azione reversibile di depressione del SNC (Sistema Nervoso Centrale).

Essi sono GABA agonisti (interagiscono nello specifico con la sottoclasse recettoriale GABAA) ed aumentano la conduttanza agli ioni cloruro (Cl-), quindi deprimono l’attività dei neuroni catecolaminergici e serotoninergici, che dal tronco encefalico proiettano all’ippocampo, mentre, a dosi anestetiche, deprimono la liberazione ed il turnover dell’acetilcolina.

Furono sintetizzati, per la prima volta, nel 1864, da Adolf von Bayer. Da quando fu introdotto il barbital (1903), sono stati sintetizzati oltre 2500 barbiturici, che trovano impiego come sedativi, anticonvulsivi, narcotici, ma soprattutto come ipnotici. A seconda della loro efficacia, essi si dividono in barbiturici:
• Ad azione lunga (barbital, fenobarbital);
• Ad azione breve (amobarbital, ciclobarbital, pentobarbital, secobarbital);
• Ad azione brevissima (exobarbital).
Qualitativamente, comunque, i loro effetti sono molto simili.

In ogni caso, oltre agli effetti ansiolitici, anestetici ed antiepilettici, i barbiturici possono avere anche effetti indesiderati, quali:
• Vasodilatazione e perdita del calore corporeo;
• Convulsioni;
• Delirio e allucinazioni;
• Repentini sbalzi di umore;
• Depressione;
• Spossatezza.

L’uso ripetuto e protratto di queste sostanze espone, inoltre, al fenomeno della tolleranza e può comportare la dipendenza. In tali condizioni, il livello di intossicazione cronica si manifesta con:
• Tremori;
• Stati confusionali;
• Amnesie;
• Perdita di coordinazione della muscolatura volontaria (atassia);
• Deficit della capacità di concentrazione e di giudizio.

Di conseguenza, potrebbe manifestarsi anche una sindrome di astinenza, la quale inizia a manifestarsi tra le 8 e le 16 ore dall’ultima assunzione del farmaco, con:
• Stati d’ansia;
• Insonnia;
• Vertigini;
• Nausea;
• Convulsioni;
• Episodi deliranti;
• Allucinazioni angosciose, fino a delle vere e proprie alterazioni psichiche di tipo paranoico e schizofrenico.

Pubblicità

Infine, l’overdose di barbiturici è estremamente pericolosa: la depressione dei centri che regolano le funzioni cardiaca e respiratoria può tradursi in collassi e morte. In questi casi, infatti, si passa da un piacevole torpore, al sonno, al coma, all’arresto cardio-respiratorio.

Per tutti questi motivi, e poiché non esistono antagonisti recettoriali per i barbiturici, il loro uso è stato progressivamente abbandonato, sostituendolo con l’impiego delle benzodiazepine, le quali hanno effetti simili, ma minori controindicazioni.

 

 

Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
  • Wilhelm A., Eysenck H.J., Meili R., Dizionario di Psicologia, Edizioni Paoline.

 

(A cura della dottoressa Alice Fusella)  

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 9 - il Codice Deontol…

Articolo 9 Nella sua attività di ricerca lo psicologo è tenuto ad informare adeguatamente i soggetti in essa coinvolti al fine di ottenerne il previo consenso ...

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Le parole della Psicologia

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

News Letters

0
condivisioni