Pubblicità

Nevrastenia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 10091 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

nevrasteniaTermine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonnia, cefalea, riduzione dell’attività sessuale.

Freud delimitò il campo di questa sindrome, facendola rientrare nel quadro delle nevrosi attuali, separandola dalla nevrosi d’angoscia, ed individuandone la causa in un insufficiente funzionamento sessuale, che è incapace di liberare in modo adeguato la tensione libidica.

È, quindi, una condizione simile all’esaurimento nervoso, causata, per lo più, da stress fisico o psicologico, che colpisce in età adulta.

Nello specifico, i sintomi causati dalla nevrastenia sono:

  1. Cefalea gravativa, tensiva, a casco, prevalentemente nucale (“cefalea nevrastenica”);
  2. Senso di debolezza muscolare, da cui derivano la stanchezza cronica e l’evitamento di ogni tipo di sforzo;
  3. Astenopia;
  4. Cardiopalmo;
  5. Psichestesie e malesseri vaghi, con allarme e timore generico di malattie,
  6. Difficoltà di memoria, attenzione, concentrazione, ragionamento, giudizio;
  7. Ipereccitabilità;
  8. Senso di instabilità o di capogiro;
  9. Molteplici disturbi sessuali, come la diminuzione della libido, l’impotenza e la frigidità, i dolori spontanei ai genitali;
  10. Ipocondria (detta anche nevrosi viscerale)
  11. Angoscia ed ansia continue.

Una loro caratteristica costante è la sproporzione tra le sofferenze registrate e la modestia dei sintomi obiettivi.

Pubblicità

È difficile definire una causa univoca della nevrastenia, anche se, in generale, sono state ipotizzate le seguenti situazioni scatenanti:
• Lunghe condizioni debilitanti;
• Malattie infettive, in particolare sifilide, tubercolosi, malaria, ecc.;
• Intossicazioni, di solito da alcool, oppure da tabacco e sostanze stupefacenti (oppio, morfina, ecc.);
• Malattie prolungate dell'apparato digerente: gastrite cronica, ulcera gastrica, ecc.;
• Malattie ghiandolari interne, come ipertiroidismo (malattia di Graves), gravidanze ripetute e ravvicinate, allattamento prolungato, …;
• Periodi dello sviluppo particolari, ovvero menopausa, pubertà, presenilità;
• Stress fisico e/o psicologico;
• Traumi fisici, in particolare al cervello (grave contusione, ecc.)
• Traumi psicologici, che producono uno stato di tensione emotiva prolungato, un'usura eccessiva ed emozioni di depressione, stati di ansia, paura o preoccupazione, delusione grave;
• Eventi di vita stressanti (morte di una persona cara, incidente grave, improvvisa rovina finanziaria);
• Predisposizione ereditaria.

Non esiste, infine, un programma terapeutico standard. In genere, sempre tenendo in considerazione la gravità dei sintomi e la personalità del soggetto nevrastenico, si consigliano:

  1. Riposo: va inteso, più che come il dormire in senso stretto, come un’economia dello sforzo, per cui il nevrastenico deve cercare di evitare ogni tipo di attività inutile (lavori pesanti, sforzi fisici sproporzionati, viaggi e vacanze, …), che comporterebbe solo stress fisico aggiuntivo, e di compensare la stanchezza cronica con attività leggere e piacevoli (es: camminare all’aria aperta, coricarsi, senza dormire, dopo i pasti, una lettura gradevole, …).
  2. Allontanamento dal contesto familiare: qualora la famiglia del nevrastenico si riveli un contesto inappropriato per il paziente, egli può essere allontanato da quel nucleo, al fine di evitargli ricadute e malesseri continui, per esservi, poi, reintrodotto, in modo graduale, dopo un miglioramento stabile delle sue condizioni.
  3. Dieta più equilibrata e ricca di vitamine, di modo da apportare energie specifiche all’organismo.
  4. Terapia farmacologica: per lo più antidolorifici e, se necessario, Benzodiazepine.
  5. Psicoterapia: mira alla presa di coscienza, da parte del paziente, della sua condizione e dei suoi sintomi e ad analizzare i conflitti e le cause del suo malessere.
  6. Alcuni autori suggeriscono l’efficacia di altre terapie di supporto, quali, tra le più citate, l’elettroterapia, i massaggi, la climatoterapia, tecniche di rilassamento e di controllo della respirazione (ad esempio, lo yoga).

 

Bibliografia:

• Enciclopedia Treccani.
• Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
• WHO, Lessico dei termini psichiatrici e di salute mentale, Centro Scientifico Editore.

 

(A cura della dottoressa Alice Fusella)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: parole della psicologia nevrastenia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. Il paradigma (ovvero il modello di riferimento) alla...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

News Letters

0
condivisioni