Pubblicità

Nevrastenia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 6634 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

nevrasteniaTermine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonnia, cefalea, riduzione dell’attività sessuale.

Freud delimitò il campo di questa sindrome, facendola rientrare nel quadro delle nevrosi attuali, separandola dalla nevrosi d’angoscia, ed individuandone la causa in un insufficiente funzionamento sessuale, che è incapace di liberare in modo adeguato la tensione libidica.

È, quindi, una condizione simile all’esaurimento nervoso, causata, per lo più, da stress fisico o psicologico, che colpisce in età adulta.

Nello specifico, i sintomi causati dalla nevrastenia sono:

  1. Cefalea gravativa, tensiva, a casco, prevalentemente nucale (“cefalea nevrastenica”);
  2. Senso di debolezza muscolare, da cui derivano la stanchezza cronica e l’evitamento di ogni tipo di sforzo;
  3. Astenopia;
  4. Cardiopalmo;
  5. Psichestesie e malesseri vaghi, con allarme e timore generico di malattie,
  6. Difficoltà di memoria, attenzione, concentrazione, ragionamento, giudizio;
  7. Ipereccitabilità;
  8. Senso di instabilità o di capogiro;
  9. Molteplici disturbi sessuali, come la diminuzione della libido, l’impotenza e la frigidità, i dolori spontanei ai genitali;
  10. Ipocondria (detta anche nevrosi viscerale)
  11. Angoscia ed ansia continue.

Una loro caratteristica costante è la sproporzione tra le sofferenze registrate e la modestia dei sintomi obiettivi.

Pubblicità

È difficile definire una causa univoca della nevrastenia, anche se, in generale, sono state ipotizzate le seguenti situazioni scatenanti:
• Lunghe condizioni debilitanti;
• Malattie infettive, in particolare sifilide, tubercolosi, malaria, ecc.;
• Intossicazioni, di solito da alcool, oppure da tabacco e sostanze stupefacenti (oppio, morfina, ecc.);
• Malattie prolungate dell'apparato digerente: gastrite cronica, ulcera gastrica, ecc.;
• Malattie ghiandolari interne, come ipertiroidismo (malattia di Graves), gravidanze ripetute e ravvicinate, allattamento prolungato, …;
• Periodi dello sviluppo particolari, ovvero menopausa, pubertà, presenilità;
• Stress fisico e/o psicologico;
• Traumi fisici, in particolare al cervello (grave contusione, ecc.)
• Traumi psicologici, che producono uno stato di tensione emotiva prolungato, un'usura eccessiva ed emozioni di depressione, stati di ansia, paura o preoccupazione, delusione grave;
• Eventi di vita stressanti (morte di una persona cara, incidente grave, improvvisa rovina finanziaria);
• Predisposizione ereditaria.

Non esiste, infine, un programma terapeutico standard. In genere, sempre tenendo in considerazione la gravità dei sintomi e la personalità del soggetto nevrastenico, si consigliano:

  1. Riposo: va inteso, più che come il dormire in senso stretto, come un’economia dello sforzo, per cui il nevrastenico deve cercare di evitare ogni tipo di attività inutile (lavori pesanti, sforzi fisici sproporzionati, viaggi e vacanze, …), che comporterebbe solo stress fisico aggiuntivo, e di compensare la stanchezza cronica con attività leggere e piacevoli (es: camminare all’aria aperta, coricarsi, senza dormire, dopo i pasti, una lettura gradevole, …).
  2. Allontanamento dal contesto familiare: qualora la famiglia del nevrastenico si riveli un contesto inappropriato per il paziente, egli può essere allontanato da quel nucleo, al fine di evitargli ricadute e malesseri continui, per esservi, poi, reintrodotto, in modo graduale, dopo un miglioramento stabile delle sue condizioni.
  3. Dieta più equilibrata e ricca di vitamine, di modo da apportare energie specifiche all’organismo.
  4. Terapia farmacologica: per lo più antidolorifici e, se necessario, Benzodiazepine.
  5. Psicoterapia: mira alla presa di coscienza, da parte del paziente, della sua condizione e dei suoi sintomi e ad analizzare i conflitti e le cause del suo malessere.
  6. Alcuni autori suggeriscono l’efficacia di altre terapie di supporto, quali, tra le più citate, l’elettroterapia, i massaggi, la climatoterapia, tecniche di rilassamento e di controllo della respirazione (ad esempio, lo yoga).

 

Bibliografia:

• Enciclopedia Treccani.
• Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
• WHO, Lessico dei termini psichiatrici e di salute mentale, Centro Scientifico Editore.

 

(A cura della dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: parole della psicologia nevrastenia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Transfert

Il transfert è uno dei concetti maggiormente dibattuti in psicologia ed indica il Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert...

Le parole della Psicologia

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di consentire questa espressione”, S....

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

Articolo 26 - il Codice Deonto…

Con il commento all'articolo 26 (utenza e conflitti personali) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

News Letters

0
condivisioni