Pubblicità

Sindrome di De Clerambault

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 6747 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Sindrome di De ClerambaultLa Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi confronti.

Nella forma più comune di questa patologia, il presunto amante è una persona famosa, o di una classe sociale superiore a quella del paziente.

Viene chiamata sindrome di de Clerambault, dallo psichiatra francese Gaëtan Gatian de Clérambault (1872–1934), che nel 1921 pubblicò un trattato sull'argomento (Les psychoses passionelles).

Nella sua forma pura, riferiscono gli esperti, la sindrome di de Clérambault non ha sicuramente una frequenza elevata. Uno dei casi storici riportati da de Clérambault è quello di una donna francese di 53 anni convinta che il re Giorgio V d'Inghilterra l'amasse: e che il sovrano comunicasse con lei attraverso spostamenti delle tende dietro le finestre di Buckingham Palace, interpretati come enigmatici messaggi d'amore.

La Sindrome di De Clerambault si sviluppa in tre fasi:

  • Fase della speranza: questa fase, di lunga durata, vede il malato sperare che l'essere amato si dichiari apertamente. Di solito, l'erotomane rimane in questa fase.
  • Fase della delusione: il malato dopo un reale riscontro negativo cade spesso in depressione, diventa aggressivo e ha tendenze suicide. Oppure rimuove gran parte dell'accaduto, se riesce a prenderne le giuste distanze.
  • Fase del rancore: l'aggressività si rivolge verso l'essere amato e può condurre all'omicidio (casi rari).

L'erotomane ha in sé un sistema di false credenze collegate a quella principale cioè è inizialmente convito che sia l'altro ad amarlo segretamente, che sia l'altro a essersi fatto avanti per primo, ma che non osi o non si possa dichiarare oppure che dissimuli il suo amore.

Per questo, cerca di entrare in contatto con l'oggetto del suo desiderio, convinto che sia quest'ultimo a volerlo. Il paziente può essere convinto che il suo presunto amante comunichi con lui con messaggi nascosti, come particolari posture del corpo oppure (nel caso si tratti di una persona famosa) attraverso indizi inviati attraverso i media. Inizierà a seguirlo e cercherà di entrare a poco a poco nella sua vita, cercando di penetrare nella sua intimità.

Pubblicità

Il paziente, inizialmente, ascolta i pareri altrui con una certa aggressività, ha un rifiuto nell'accettare la sua patologia che tuttavia è in grado di percepire e non di accettare (e successivamente di rifiutare), quando la malattia entra in uno stadio più avanzato, scatenando la collera e l'odio.

Ogni cosa sembra legata all'essere amato, anche il semplice atto di posare una cosa in un posto insolito.

La sua visione della realtà sarà deformata dalla paranoia.

Un erotomane è difficile da riconoscere, ma i tratti che li accomunano sono quelli di una persona affetta da un disturbo mentale; solitamente il soggetto è irascibile, nervoso, ha un'aria turbata e/o staccata dalla realtà, fa spesso discorsi deliranti sui suoi rapporti interpersonali, presenta scarse capacità logiche.

Le cause più frequenti della Sindrome di De Clerambault sono traumi legati a situazioni di rifiuto in cui ci si è trovati impreparati o passivi.

 

Per approfondimento

  • Amore ossessivo non corrisposto: erotomania e sindrome di De Clerambault a cura del Dott. Roberto Cavaliere
  • Erotomania. Wikipedia

 

(A cura della dottoressa Angela Chiara Leonino)  

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: sessualità Erotomania Sindrome di De Clerambault

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Mi piace una ragazza brutta [1…

Daniel, 36 anni Vengo subito al punto: in poche parole mi piace tantissimo una ragazza piuttosto brutta di aspetto. Io stesso ne vedo i molti difetti, ad e...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Affetto

L'affetto (dal latino "adfectus", da "adficere", cioè "ad" e "facere", che significano "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega u...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

News Letters

0
condivisioni