Pubblicità

Sindrome di De Clerambault

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 15377 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Sindrome di De ClerambaultLa Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi confronti.

Nella forma più comune di questa patologia, il presunto amante è una persona famosa, o di una classe sociale superiore a quella del paziente.

Viene chiamata sindrome di de Clerambault, dallo psichiatra francese Gaëtan Gatian de Clérambault (1872–1934), che nel 1921 pubblicò un trattato sull'argomento (Les psychoses passionelles).

Nella sua forma pura, riferiscono gli esperti, la sindrome di de Clérambault non ha sicuramente una frequenza elevata. Uno dei casi storici riportati da de Clérambault è quello di una donna francese di 53 anni convinta che il re Giorgio V d'Inghilterra l'amasse: e che il sovrano comunicasse con lei attraverso spostamenti delle tende dietro le finestre di Buckingham Palace, interpretati come enigmatici messaggi d'amore.

La Sindrome di De Clerambault si sviluppa in tre fasi:

  • Fase della speranza: questa fase, di lunga durata, vede il malato sperare che l'essere amato si dichiari apertamente. Di solito, l'erotomane rimane in questa fase.
  • Fase della delusione: il malato dopo un reale riscontro negativo cade spesso in depressione, diventa aggressivo e ha tendenze suicide. Oppure rimuove gran parte dell'accaduto, se riesce a prenderne le giuste distanze.
  • Fase del rancore: l'aggressività si rivolge verso l'essere amato e può condurre all'omicidio (casi rari).

L'erotomane ha in sé un sistema di false credenze collegate a quella principale cioè è inizialmente convito che sia l'altro ad amarlo segretamente, che sia l'altro a essersi fatto avanti per primo, ma che non osi o non si possa dichiarare oppure che dissimuli il suo amore.

Per questo, cerca di entrare in contatto con l'oggetto del suo desiderio, convinto che sia quest'ultimo a volerlo. Il paziente può essere convinto che il suo presunto amante comunichi con lui con messaggi nascosti, come particolari posture del corpo oppure (nel caso si tratti di una persona famosa) attraverso indizi inviati attraverso i media. Inizierà a seguirlo e cercherà di entrare a poco a poco nella sua vita, cercando di penetrare nella sua intimità.

Pubblicità

Il paziente, inizialmente, ascolta i pareri altrui con una certa aggressività, ha un rifiuto nell'accettare la sua patologia che tuttavia è in grado di percepire e non di accettare (e successivamente di rifiutare), quando la malattia entra in uno stadio più avanzato, scatenando la collera e l'odio.

Ogni cosa sembra legata all'essere amato, anche il semplice atto di posare una cosa in un posto insolito.

La sua visione della realtà sarà deformata dalla paranoia.

Un erotomane è difficile da riconoscere, ma i tratti che li accomunano sono quelli di una persona affetta da un disturbo mentale; solitamente il soggetto è irascibile, nervoso, ha un'aria turbata e/o staccata dalla realtà, fa spesso discorsi deliranti sui suoi rapporti interpersonali, presenta scarse capacità logiche.

Le cause più frequenti della Sindrome di De Clerambault sono traumi legati a situazioni di rifiuto in cui ci si è trovati impreparati o passivi.

 

Per approfondimento

  • Amore ossessivo non corrisposto: erotomania e sindrome di De Clerambault a cura del Dott. Roberto Cavaliere
  • Erotomania. Wikipedia

 

(A cura della dottoressa Angela Chiara Leonino)  

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: sessualità Erotomania Sindrome di De Clerambault

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

News Letters

0
condivisioni