Pubblicità

Trinatopia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1099 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

In oculistica, è una rara forma di cecità per il blu e il violetto.

trinatopiaE' uno dei quattro tipi di daltonismo più diffusi:

  • Acromatopsia: deficit di visione di tutti e tre i colori primari: rosso, verde e blu. I soggetti, in pratica, vedono in bianco e nero;
  • Protanopia: insensibilità al rosso. I soggetti non riconoscono il rosso o, nei casi meno gravi, hanno una ridotta percezione;
  • Deuteranopia: ridotta percezione del verde ed è la più diffusa (4/5% delle persone). I soggetti non vedono il verde;
  • Tritanopia: cecità del colore blu e violetto.

visione tritanopiaI colori che tutti noi vediamo vividi e vivaci sono il frutto di cellule specializzate dell'occhio, dette coni, che si differenziano in base alla sensibilità alla luce rossa, verde e blu. La trinatopia si associa a un difetto o alla disfunzione del fotorecettore dei coni sensibili al blu, così subentra l'incapacità di distinguere il blu dal verde e si vede tutto più sulle tonalità del rosso.

Il daltonismo colpisce gli uomini, è molto raro che colpisca le donne, poichè è un difetto genetico legato al cromosoma X. Il deficit visivo cromatico viene trasmesso da un gene che si trova sul cromosoma X, se questo è difettoso, nel maschio (cromosomi X e Y), il disturbo comparirà. Nella femmina (con due cromosomi X) se il primo dovesse essere difettoso, il secondo sopperirebbe al difetto, per questo motivo le donne daltoniche sono un caso molto raro, in quanto entrambi i cromosomi X dovrebbero essere difettosi.

Grazie al simulatore Coblis (Color BLIndness Simulator), che rende possibile vedere come un daltonico, si riesce a mostrare, a chi non ha deficit di vista cromatici, come è avere un handicap di visione dei colori.

"La tritanopia colpisce 1/13.000-1/15.000 neonati e viene trasmessa come carattere autosomico dominante e si associa a un difetto o alla disfunzione del fotorecettore dei coni sensibile al blu", si legge sul sito Orpha, "La malattia è dovuta alle mutazioni nel gene che codifica per il pigmento della visione sensibile al blu. La visione del rosso e del verde è normale"

 

Pubblicità

Diagnosi

Come per tutte le forme di daltonismo, la persona affetta da tritanopia non sa di esserne affetto, perchè il mondo appare così come lo vedono fin dalla nascita. Di solito la scoperta avviene a scuola, in tenera età, grazie alle maestre che si accorgono del problema magari tramite qualche compito che prevede l'uso di colori.
Tuttavia hanno meno difficoltà nell'esecuzione delle attività quotidiane rispetto a quelli con decromatizzazione rosso-verde


Cura

Non si guarisce dalla tritanopia, tuttavia esistono delle lenti per daltonici dotate di filtri speciali che vanno a compensare il deficit per aiutare ad avere una percezione il più possibile simile a quella delle persone non daltoniche. Si possono quindi agevolare i contrasti con degli artifici, ma non esistono al momento terapie.

 

Per appofondimenti

  • color-blindness.com
  • orpha.net
  • wikipedia.org

 

(A cura del Dottor Andrea di Maio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: dizionario di psicologia le parole della psicologia Trinatopia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte. Il paziente con anomia è in...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Come offrire aiuto ad una amic…

Soffice, 42 anni     Buongiorno, ho un’amica che soffre di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, da 20 anni. Abbiamo entra...

Superare un lutto [16164405522…

Caregiver, 50 anni       Buonasera Dottori, Ho quasi cinquant'anni, non ho figli e non sono mai stata sposata. Ho passato gli ultimi ven...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

News Letters

0
condivisioni