Pubblicità

(120932)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 258 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mia 21

Salve, è da un paio di mesi che penso di rivolgermi seriamente ad uno psicologo, ma non ne ho mai avuto il coraggio perchè sarebbe come ufficializzare il problema. Mi capita di volermi ferire. In passato mi è capitato un'altra volta ma sono riuscita a fermarmi in tempi paradossalmente utili prima di combinare guai seri. Qualche mese fa, non ricordo più cosa mi ha scatenatato nuovamente questo desiderio, per un paio di mesi mi sono tagliata e fatta lividi, poi fortunatamente la voglia di ferirmi è diminuita sempre più. Il desiderio però non è totalmente scomparso. Ogni tanto, soprattutto nelle situazioni nelle quali mi sento maggiormente sotto pressione, il mio primo pensiero per risolverle è quello di tagliarmi. La sento come una valvola di sfogo. Sto resistendo, ma la tentazione rimane comunque, ed è una sensazione che molte volte mi toglie il respiro, non mi fa affrontare le situazioni come vorrei. Come posso fare per riuscire a smettere, anche solo di pensare, di farmi male?

 Cara Mia, esserti rivolta a noi è già un primo passo. Tu ti rendi bene conto che il problema esiste ed è grave. Devi assolutamente farti aiutare prima di arrivare ad un punto di non ritorno. Ci sono tanti modi per sfogare le frustrazioni e tu ne hai scelto uno davvero pericoloso. Cerca aiuto e imponi a te stessa, soprattutto quando non ne hai voglia, di aiutarti resistendo alla smania di farti male. E' l'unico modo che hai per venirne fuori. Ti auguro di trovare il coraggio di chiedere un aiuto concreto al più presto.

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 15/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

News Letters

0
condivisioni