Pubblicità

(120932)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 275 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mia 21

Salve, è da un paio di mesi che penso di rivolgermi seriamente ad uno psicologo, ma non ne ho mai avuto il coraggio perchè sarebbe come ufficializzare il problema. Mi capita di volermi ferire. In passato mi è capitato un'altra volta ma sono riuscita a fermarmi in tempi paradossalmente utili prima di combinare guai seri. Qualche mese fa, non ricordo più cosa mi ha scatenatato nuovamente questo desiderio, per un paio di mesi mi sono tagliata e fatta lividi, poi fortunatamente la voglia di ferirmi è diminuita sempre più. Il desiderio però non è totalmente scomparso. Ogni tanto, soprattutto nelle situazioni nelle quali mi sento maggiormente sotto pressione, il mio primo pensiero per risolverle è quello di tagliarmi. La sento come una valvola di sfogo. Sto resistendo, ma la tentazione rimane comunque, ed è una sensazione che molte volte mi toglie il respiro, non mi fa affrontare le situazioni come vorrei. Come posso fare per riuscire a smettere, anche solo di pensare, di farmi male?

 Cara Mia, esserti rivolta a noi è già un primo passo. Tu ti rendi bene conto che il problema esiste ed è grave. Devi assolutamente farti aiutare prima di arrivare ad un punto di non ritorno. Ci sono tanti modi per sfogare le frustrazioni e tu ne hai scelto uno davvero pericoloso. Cerca aiuto e imponi a te stessa, soprattutto quando non ne hai voglia, di aiutarti resistendo alla smania di farti male. E' l'unico modo che hai per venirne fuori. Ti auguro di trovare il coraggio di chiedere un aiuto concreto al più presto.

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 15/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

News Letters

0
condivisioni