Pubblicità

1600 - Adolescenza (6657)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 225 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Claudia (30.3.2000)

Gentile dottore che legge questa email, mi chiamo Claudia e sono un giovane laureanda in psicologia. Non scrivo per i miei problemi personali, ma per una consulenza che mi è stata chiesta, sulla quale però mi sento un po' insicura.
La figlia di mia cugina ha dei preoblemi e lei ha chiesto aiuto a me.
Io l'ho ovviamente rimandata alla psicologa del consultorio, persona molto in gamba, ma vorrei riuscire a consigliarle qualcosa di più specifico.
La ragazzina ha 14 anni, una brava bambina, ubbidiente, brava a scuola, impegnata in parrocchia, ecc... ecc...
Da un po' di tempo ogni tanto ha uno sguardo stralunato e assume un'altra personalità ( così dice sua madre): dice che odia i genitori, che li vuole uccidere, che vorrebbe bestemmiare. Non vi espongo il mio parere e le mie preoccupazioni e non- preoccupazioni, vorrei sentire il vostro e vorrei sapere a chi è meglio rivolgersi.
Vi informo che il mio orientamente NON è cognitivo-comportamentista e che non sono un'amante dei tests e questionari.
Vi ringrazio in anticipo per i consigli e vi chiedo di rispondere al più presto nonostante la mole di lettere che ricevete, vista la giovane età della ragazzina.
Saluti.
Claudia

Cara Claudia intanto a 14 anni non si è più <<bambini>> e nemmeno <<ragazzini>>, ma ragazzi a tutti gli effetti. Forse questa ragazza di cui ci parli non ha più tanta voglia di fare la <<brava bambina>> che si comporta bene a scuola e va all'oratorio: forse non è un caso il fatto che dica di voler bestemmiare!! Forse ha voglia di sapere chi è, di trovare la sua strada nel mondo e nella vita, forse si sente tanto compressa. Forse ciò che fa ora non le piace per nulla: qualcuno le ha mai chiesto cosa c'è che le interessa, cosa vorrebbe poter fare?
Probabilmente il consiglio di rivolgersi ad uno psicologo è il migliore che le potessi dare: sempre che ci sia una motivazione alla base e che non venga vissuto come un'ulteriore imposizione.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

News Letters

0
condivisioni