Pubblicità

1602 - Consulto (6978)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 245 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Antonio M., 41 anni (31.3.2000)

Buonasera, mi chiamo Antonino M., esercito la professione di avvocato in Rxxxxxxxxxx, ho 41 anni, sono separato da 7, ho un figlio di 14 anni.
Appunto per avere qualche delucidazioni su mio figlio che Vi scrivo.
Gianpaolo, questo il nome di mio figlio, in questo periodo attraversa un periodo particolare.Gianpaolo aveva, sino a circa un anno e mezzo fa, con me uno splendido rapporto. Da quando sono andato a vivere con la mia nuova compagna è scoppiato l'inferno e, quasi sempre, mi rifiuta. Eppure prima della mia convivenza stava benissimo sia con me che con la mia compagna.I rapporti si sono lentamente deteriorati, non in modo irreversibile, perchè, comuque, ci vediamo, e io lo chiamo anche dieci volte al giorno. Un'altro grave problema è la scuola: non sta frequentando da circa un mese la scuola, perchè dice che non sopporta l'orario ( 8,00- 17,300) e mi rimprovera di avere sceleeto una scuola sbagliata. Lo prego di andare a scuola per non perdere l'anno, ma non ci riesco, quasi che compisse un gesto autolesionistico. Eppure l'acconto in tutti i modi ( moto,telefonini e quant'altro). Con la mamma non ho purtroppo un buon rapporto, ci sono pure delle cause in corso, ma quando è disperata mi chiama per interveenire. Ma il mio intervento non sortisce mai alcun effetto su Gianpoalo, il quale non fa che bistrattarmi e trattarmi male anche davanti ai suoi compagni.Io capisco che ha qualche disagio, ma non riesco a capire come mi devo comportare se come padre, o amico-complice, non so come prenderlo: se con le buone o con le cattive maniere. Oggi pomeriggio gli ho detto che volevo uscire con lui, ma mi ha chiuso il telefono in faccia. Che devo fare?Gianpaolo si addormenta a tarda notte, fuma, aveva cominciato a frequentare cattive compagnie, ma siamo risuciti a farlo rientrare nei ranghi in poco tempo. Gianpaolo ha una grande sensibilità, ma non capisco certi suoi comportamenti violenti nei confronti miei e di sua madre. E' sempre nervoso, ha qualche tic, non vuole andare da nessun medico. Mi date qualche indicazione?
Grazie, aspetto risposta.

Gentile Sig. Antonio crediamo che Gianpaolo stia soffrendo e stia cercando di attirare la vostra attenzione e le vostre cure con questo atteggiamento di pesante rifiuto verso tutto e tutti. Forse il fatto che suo padre si sia costituito una nuova famiglia (la Sua compagna si è, di fatto, trasformata in una nuova moglie) lo fa sentire in pericolo, abbandonato, preoccupato. Forse ha bisogno di comprensione e di affetto più che di regali e comunque è meglio trovarsi davanti un padre che non un genitore che vuol fare l'amico! Quelli se li sceglierà lui, ma di una figura paterna, rassicurante e comprensiva, forte e decisa non può farne a meno. Gli si possono anche porre dei divieti (a scuola si va!), senza per questo pensare di fargli del male. Talvolta le regole diventano rassicuranti: significano che c'è qualcuno e qualcosa che ci danno dei limiti, che ci contengono...
Se la situazione diventasse ingestibile e vi accorgete che il dialogo è diventa molto difficile potreste proporgli di incontrarsi con uno psicologo che lo aiuterebbe ad affrontare le paure più profonde che forse lo stanno tormentando in questo periodo di crisi.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

News Letters

0
condivisioni