Pubblicità

Abuso sessuale su minore (113538)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 281 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Euge 37

Salve, sono un ragazzo di 37 anni e durante l'adolescenza sono stato molestato sessualmente da mio fratello maggiore di 2 anni. In pratica, aspettava che mi addormentassi per cercare di fare i suoi porci comodi. Non so per quanto è durato (sicuramente non era la prima volta perchè era troppo tranquillo quando l'ho beccato), so solo che una notte me ne sono accorto e dopo averlo minacciato ha smesso. Il mio più grande rammarico è stato quello di non aver reagito adeguatamente, avrei dovuto massacrarlo di botte e invece non ho fatto quasi niente, ho denunciato il fatto ai genitori (adottivi), ma alla fine ho ottenuto solo un danno ancora maggiore (la fine dell'adozione e la mia entrata in una Comunità Alloggio); anche adesso del resto, che lo vedo spesso (sia chiaro lui è cambiato adesso ed anzi, mi aiuta economicamente e sono io il "forte", diciamo così), la cosa rimane celata e nascosta. I traumi subiti sono enormi, ho avuto attacchi di panico e penso di soffrire di disturbo bipolare, la mia vita è uno sfacelo da tutti i punti di vista: amici, donne, amore, soldi, lavoro. Quello che chiedo a voi esperti è: come posso superare (nei limiti del possibile) il trauma? Calcolando che attualmente non mi posso permettere psicologi o cure costose. Inoltre, come posso scaricare la rabbia che ho dentro nei suoi confronti, cosa dovrei fare, prenderlo a sberle o peggio? Denunciarlo? Per piacere, pubblicate questa mail, penso che aiuterà molti casi simili. Grazie.

Caro Euge, è vero che molte persone possono aver passato quello che è successo anche a te, ma non tutte lo vivono come un trauma da risolvere e negli anni hanno saputo "riattribuire" l'accaduto e dargli un senso tutto suo, di modo che esso non vada ad influire sul presente. Talvolta capita che questo avviene e non se ne abbia una consapevolezza, e che il rancore sia soltanto una piccola ancora sul passato che, forse può sembrare strano, ma ha un suo senso. Se tu senti di dover affrontare questa situazione a partire dal suo esordio non ti suggerisco di farlo da solo, ma di intraprendere una terapia. Le più rapide sono quelle ad orientamento cognitivo-comportamentale, si concentrano molto sulla risoluzione dei sintomi nel presente, ma da quanto ho letto penso tu voglia proprio una terapia introspettiva. Per questo ti consiglio una Gestalt che è centrata sulle emozioni. Ora, se nelle USL trovare una psicologa congitivo-comportamentale è abbastanza arduo, per quanto riguarda i professionisti Gestalt ed anche Sistemico-Relazionali è molto più semplice, quindi puoi rivolgerti alle strutture pubbliche, che con 36 euro ti garantiscono dalle 4 alle 8 sedute. Dopo avere affrontato il ricordo e risolto le emozioni che ancora ti suscita puoi decidere con la psicologa quale sia la strada migliore da percorrere, ma dubito che prenderlo a sberle sia una soluzione, anzi. Sarebbe importante che tu ti rivolgessi ad uno specialista perchè possa lui farti un'adeguata diagnosi ed, inoltre, dubito nell'autocura se prima non si viene un minimo indirizzati da un professionista. In bocca al lupo.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

 

Pubblicato in data 06/05/08

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione
 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

News Letters

0
condivisioni